Erotici Racconti

Il paese dei balordi 2

Scritto da , il 2017-10-11, genere orge

E poi arrivò Andrea( nome ambiguo,adattabile sia a lui che a lei)! Un ragazzetto di gran
bell'aspetto,alto,moro con occhi blu che andò dritto dalla direttrice del "locale" e le chiese
espressamente di voler entrare a far parte dell'AREM ( perché aveva una gran voglia di
cazzi) e chiedendo esclusivamente per lui una fascia con su scritto: "Miss cu...nicolo stretto"!
Perché spiegò che quello era il suo vanto! La direttrice allora prese il megafono e chiese
l'attenzione di tutti i presenti chiedendo se il "diverso" sarebbe stato un diversivo ben accetto
da tutti! A furor di popolo fu subito integrato ed invitato a mettersi in fila con le altre! Canottiera
nera attillata che mostrava bene gli addominali,e perizoma arrapante( aveva due chiappe da
sballo)! Il suo primo cliente purtroppo fu un'odissea per entrambi! Lui a "pecorina" in attesa
di essere analmente sverginato,ma il suo primo cliente aveva un cazzo superiore ai 25 cm.
di lunghezza e senza lubrificarlo si addentrò in quel cu..nicolo strettissimo in maniera
decisamente dolorosa,ed al momento di ri-estrarlo non ci fu verso! Dovettero ricorrere a
gettargli un secchio di acqua bollente (come si usa per i cani focosi) mentre la direttrice
teneva le chiappe del cliente,cercando di tirarlo per fare tornare fuori quell'incredibile manganello! Ottennero il risultato sperato,ma una volta fuori,dopo essersi massaggiato
le chiappe ed oliato con le sua dita il canale anale,Andrea ebbe difficoltà a trovare un
nuovo cliente! Miss cu..nicolo stretto aveva mantenuto fede alla scritta sulla fascia!
Tengo a precisare che questa storia mi fu riferita da quel mio amico che era socio
del locale,perché io non tornai più nel paese dei balo...rdi!



Questo racconto di è stato letto 1 6 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.