Erotici Racconti

A casa mia con mia sorella

Scritto da , il 2017-10-07, genere incesti

Molti uomini pensano che avere delle mogli super impegnate nel loro lavoro sia un handicap, la mia è sempre buttata a capofitto sulla sua professione, l’insegnamento, i corsi di aggiornamento, lezioni di recupero, incarichi esterni con l’amministrazione scolastica stessa, insomma per la vita di coppia rimane pochissimo tempo, e a me va benissimo, mi ritengo una persona molto fortunata, al punto che:
Mia moglie usa la mia @mail per le comunicazioni importanti con enti ed istituzioni, la sua classica gmail è sempre intasata di messaggi dei social, quindi impossibile controllarle tutte.
Mi giunge una notifica sul telefonino “hai ricevuto una nuova mail nella casella di posta elettronica”, la visualizzo, “Gentilissima prof.ssa ……….. le comunichiamo che la S.V.I. è risultata in posizione n. 25 nella graduatoria della domanda di partecipazione alla selezione per n. 60 esperti bandita etc. etc.”, immediatamente telefono a mia moglie:
Io: è appena arrivata una mail dell’Istituto ………….
Lei: spero buone notizie.
Io: penso ottime, sei in graduatoria utile.
Lei: che bello, ti devo lasciare, ne riparliamo quando torno, bacioni.
Preparo qualcosa da mangiare, mentre il cibo cuoce mi frulla in testa di chiamare mia sorella Ornella, al solo pensare di sentirla e soltanto sfiorandomi mi eccito.
Compongo il numero ma, non ottengo risposta, rimango un po’ preoccupato, non vorrei che richiama quando sono con mia moglie, non si tollerano a vicenda e mi scoppia qualche casino in casa.
Fortunatamente dopo 5 minuti squilla il telefonino: Orny:
Io: sorellina, nemmeno mi rispondi più, va bene che un po’ mi sono perso, ma sai che sono pieno di impegni.
Ornella: tranquillo fratellone, avevo solo il telefono distante e le mani sporche perché sto impastando una pizza, dimmi, è successo qualcosa?
Io: niente di preoccupante, volevo solo dirti che a breve avrò qualche giorno di libertà, se ti andava di organizzare qualcosina.
Orny: per me va benissimo, avvisami in tempo per potermi organizzare.
Io: sarà pensiero mio, ti voglio bene.
Orny: il tuo bene è ricambiato, un bacione.
Rientra mia moglie tutta trafelata:
lei: hai letto la mail? Cosa dice?
Io: calmati amore mio, non l’ho letta, adesso apriti il Pc e vedi di cosa si tratta.
Si sposta nello studio, apre il Pc e per la casa rimbomba un urlo “Evvaiiiiiiii, stavolta è fattaaaa, sono stata selezionata”, corre da me e mi abbraccia:
Lei: hai visto tesoro mio, l’esperienza premia, con i titoli che ho acquisito nel passato stavolta ne ho superato parecchi di concorrenti, e devo dire che il merito è anche tuo che non mi dici mai di no, qualsiasi iniziativa io intraprenda.
Io: ti conosco bene, non è facile fermarti, e sono contento quando ti vedo così radiosa.
Lei: però tieniti forte, la notizia che sto per darti non so se ti piacerà.
Io: e cosa sarà mai un funerale? Ne abbiamo superate tante, supereremo anche questa.
Lei: vedi non so come dirtelo, stavolta sarà un corso molto impegnativo, si terrà a Roma, e durerà otto giorni, tutto spesato naturalmente.
Io: coooosa? Otto giorni?, le altre volte massimo tre giorni, hanno voluto esagerare? Stavolta non dico niente, regolati tu, fai come meglio credi.
Lei: dai non dire così, altrimenti ci rinuncio.
E si lascia andare in una serie di sproloqui sull’importanza del corso, sulle ricadute economiche che avrà, sulle possibilità che avrà in futuro per la sua carriera, insomma lei a questo corso non ci rinuncia a costo di litigare con me, io che la conosco bene faccio un po’ il distaccato, voglio che il mio consenso a partire gli pesi:
io: ok, non mettiamo il carro davanti ai buoi, aspetta prima notizie certe, poi si vedrà.
Le notizie certe che aspettava arrivano dopo 3 giorni, partenza dopo circa una settimana di venerdì, rientro la domenica successiva sul tardi o lunedì in giornata.
Al mio rientro dal lavoro la trovo dolce e suadente, sembra una gatta in calore, si struscia, ha preparato il piatto a me più gradito, spaghetti al nero di seppia, una bottiglia di vino bianco, poi cala il carico da 11 comunicandomi il programma e chiedendo la mia accondiscendenza, io seppur fingendomi seccato gli do l’ok, lei è un tripudio di felicità, io anche senza dimostrarlo son più felice di lei: otto giorni senza scassamento di palle con lei intorno, il massimo della libertà per organizzarmi di tutto di più.
Quando il programma è bello e definito chiamo mia sorella:
io: dolcezza, il prossimo venerdì pomeriggio la scassacazzi parte, sta via per tutta la settimana successiva, tu riesci ad organizzarti?
Orny: non te lo do per certo ma al 90 per cento è un si, sera di giovedì spero di scendere da mamma, ci aggiorniamo.
La settimana inizia con frenesia, organizzare le valigie, shopping (serve sempre qualche vestito nuovo quando si parte con colleghi e colleghe), cerco di dimostrare che in fondo è giusto che lei faccia ciò che le piace, se parte tranquilla telefona pure di meno.
Al giovedì sera mia sorella mi invia un whatsapp: sono da mamma. Perfetto, adesso isognaa solo aspettare meno di una giornata, il venerdì mia moglie molto premurosa mi prepara qualcosa da mangiare per qualche giorno, mette pure qualcosa nel congelatore, il pomeriggio alle 17 ha il volo per Roma, alle 16 siamo già in aeroporto, check in bagagli, controlli e check in passeggeri, sparisce nel gate dell’aeroporto, attendo l’imbarco, lei prima di spegnere il telefono a bordo mi fa l’ultima chiamata:
Lei: sei un angelo, grazie, se non ci fossi tu a motivarmi la mia vita sarebbe vuota, mi mancherai”
Io: tranquilla, sei per me motivo di orgoglio, mi mancherai anche tu, ma vedrai che otto giorni volano, un bacio.
L’aereo rulla sulla pista, partita. Evvaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, finalmente libero, non c’e tempo da perdere, velocemente la prima telefonata ad Ornella:
Io: libero, che facciamo stasera?
Orny: ho già inventato una scusa che stasera devo andare ad una rimpatriata con compagne di scuola dell’infanzia.
Io: ok, passo per salutare mamma, e faccio finta di essere sorpreso della tua presenza.
Venti minuti e sono davanti al portone di mamma, mi apre ed entro per salutarla, dopo un po’ sbuca Ornella dal bagno, fingo meraviglia, la abbraccio e la saluto, il suo marmocchio mi viene tra le gambe e lo prendo in braccio, mi svincolo un attimo e porto Ornella in un’altra stanza, velocemente ci organizziamo, faremo una cenetta intima a casa mia, faremo molto tardi, quindi deve provvedere lei a trovare una scusa per il rientro, appuntamento alle nove a casa mia.
Mi metto ai fornelli, il menù dovrebbe essere di suo gradimento, insalata di mare, linguine allo scoglio, frittura mista di calamari e gamberi, insalata verde, e semifreddo che ho comprato in gelateria, il tutto accompagnato con una bottiglia di bianco fresco del Salento che mi hanno regalato.
Dieci minuti alle nove e la cena è pronta, nel frattempo ho fatto pure una doccia tiepida, sto appoggiato alla finestra per vedere quando Ornella arriva, ha solo 5 minuti di ritardo, mi scorge che sono alla finestra, mi lampeggia con l’auto, gli apro il cancello e parcheggia la macchina dentro.
Il portone di casa è aperto, lei entra, io l’aspetto al primo piano, arriva sul pianerottolo, è stupenda, indossa una gonna appena sotto il ginocchio, una camicia bianca e un leggero giacchino portato su una spalla, mi raggiunge, gli prendo il giacchino, lo poggio su un mobiletto e l’abbraccio, la stringo forte, poi ci lasciamo andare in un bacio appassionato, cerca di palpeggiarla, ci riesco a metà, lei mi allontana:
Orny: datti una calmata, abbiamo abbastanza tempo, adesso ho fame e dal profumo penso che avrai preparato una cena ottima.
La porto in cucina, solleva i coperchi delle pentole, come immaginavo il menù è di suo gradimento, ha l’acquolina in bocca, prendo due bicchieri e verso un po’ di vino fresco, brindiamo, mi aiuta a portare le vivande in tavola, ci sediamo, iniziamo l’antipasto, inizio ad imboccarla, lei mi morde un dito, ci coccoliamo, le chiedo di togliere la camicia, voglio cenare con lei in reggiseno, mi accontenta, è trasparente, attraverso il tessuto si vedono le aureole dei capezzoli, mi invita a fare altrettanto, tolgo la maglietta che indosso, resto in bermuda, non ho messo intimo, la cosa mi attizza, verso del vino, beviamo, poi mi alzo e mi avvicino a lei, la bacio, voglio accarezzarla e prendere un assaggio, mi trattiene:
Orny: ti ripeto di calmarti, abbiamo molto tempo per dare sfogo alle nostre fantasie.
Io: ma sono già le dieci passate, tra un po’ devi rientrare.
Orny: ti do una bella notizia, ho detto a casa che andavo con gli amici in un agriturismo, e lo abbiamo trovato con delle stanze libere per la notte per l’evenienza che si potesse fare tardi e qualcuno voleva pernottare, io sono una di quelle che vuole pernottare, ma qui da te.
Mi è venuto un colpo al cuore, una cosa magnifica, tutta la notte insieme, come due amanti o meglio come marito e moglie, allora la voglio alla mia mercè, inizio a diventare più abbondante con il vino, la voglio allegra, Ornella non è un tipo che dice no, acconsente e beve di gusto, finiamo il resto della cena e svuotiamo la bottiglia, è servita non ad ubriacarci, ma, a dare il giusto brio alla serata.
La serata è fresca, il tempo è incerto, nel pomeriggio c’è stato un acquazzone, poi è rasserenato, adesso dense nubi offuscano il cielo, e la luna ogni tanto fa capolino, ci mettiamo sul terrazzo su un divanetto e fumiamo una sigaretta, io sono seduto normalmente, Ornella si appoggia con la schiena sulla seduta e con le gambe sul poggiolo, si sdraia e la sua testa è sulle mie gambe, la accarezzo, una mano scivola sotto il collo, le sollevo la testa e la bacio, un bacio carico di passione, le lingue che mulinano una contro l’altra, poi Ornella si gira, mi abbassa il bermuda, si ritrova di fronte il pezzo di carne, lo prende delicatamente in bocca e comincia a ingoiarlo, i brividi percorrono entrambi, fa i movimenti con lentezza e naturalezza, mi sorride, sbottono il suo reggiseno, si stende un po’ ed è su di me, gli accarezzo le aureole e comincio a succhiarle, non resistiamo, vuole che la stimoli un po’, giusto il tempo di venire a contatto con le sue grandi labbra e la lubrificazione è già al massimo, mi cavalca, qualche colpo di assaggio, lei si gode il primo orgasmo, io non voglio spomparmi subito, ci alziamo e andiamo in bagno, dove continuiamo ad accarezzarci e a coccolarci.
La nottata si preannuncia lunga, ci mettiamo a letto, una leggera copertina mantiene una temperatura ideale, ci lasciamo andare in un lungo abbraccio, ci fissiamo negli occhi, non pronunciamo parola, ma i nostri sguardi trasmettono uno all’altro il bene che ci vogliamo, ci ricopriamo di coccole come due sposini e ci godiamo un rapporto normale, senza sussulti, fatto più di tenerezza che altro, lei gradisce che le sborro in bocca, e come non accontentarla, riverso tutto in gola e poi in bagno a ripulirci.
Ornella è gasata, si sente la padrona di casa, ce ne andiamo nudi in cucina, un altro pezzetto di semifreddo, prendo una bottiglia di spumante dal frigo, ne verso due bicchieri, Ornella lo manda giù in un solo colpo, ne chiede ancora, per me è una manna, ne bevo uno soltanto, lei esagera tre bicchieri uno dopo l’altro, la blocco:
Io: ora basta, ti voglio allegra, non sbronza, voglio che hai ricordi di quello che facciamo.
Orny: hai ragione, cosa hai in mente?
Io: vieni in camera e ci inventeremo qualcosa di piccante.
In camera da letto organizzo il cinema, collego il videobox su un canale XXX e scorro la lista dei film hard che trasmettono, ne clicco uno a caso, subito scena del classico scopamento, chiedo ad Ornella se gli piace, risponde di no, domando allora cosa gli piacerebbe vedere, lei preferisce qualcosa con qualche uomo di colore, dopo vari tentativi appare la pellicola con l’uomo di colore, la faccio partire, sono in una stanza un negro e una giovane donna bianca, dopo un po’ la scena diventa affollata, compaiono altri due neri con delle verghe spropositate, Ornella sebbene un po’ appannata dall’alcool strabuzza gli occhi, e in un attimo mi ricorda che anche noi abbiamo vissuto tempo prima una scena del genere con il mio amico Andrej e suo nipote.
Sempre con il viso rivolto alla televisione comincio a sollecitarla, con le dita mi intrufolo in ogni suo pertugio, lei ansima, mi metto sotto di lei la lecco tutta, sento colare quel liquido mieloso, mi inebrio, con due dita la penetro e con la lingua gli tartasso il clitoride, la metto a pecorina e inizio a scoparla in vagina, lei asseconda il mio ritmo, è un lago, non riesco a percepire lo sfregamento del mio membro in vagina, così faccio cambio di posizione, la sposto sul bordo letto e io da posizione eretta la penetro nel di dietro, lei sente un po’ di dolore iniziale, poi si lascia andare e mi incita a dargliene sempre di più, viviamo un rapporto interminabile, al limite dello sfiancamento per entrambi al culmine del quale svuoto tutto il liquido caldo nel profondo delle sue viscere.
Ornella è lieta come una Pasqua, non immaginava di poter raggiungere uno scopo così proibito, scopare nel letto di sua cognata con l’amato fratello, ci stendiamo sotto la copertina e cadiamo in un sonno profondo.

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.