Erotici Racconti

Mia figlia -3- Finalmente sola con papà

Scritto da , il 2017-08-12, genere incesti

Anche quella notte i suoi genitori avevano fatto l'amore,ma lei,forse perché turbata dagli ultimi eventi o forse perché delusa dal fatto che per tutto il giorno non era riuscita ad appartarsi col padre,si era chiusa nella sua camera e,vinta dalla stanchezza,si era addormentata.

Il lunedì successivo era una giornata molto impegnativa per tutta la famiglia.

Il papà come sempre,doveva andare presto in ufficio,il fratello a scuola e la madre doveva assentarsi per sbrigare delle faccende di famiglia.

Anche per Marina si prospettava una giornata impegnativa all'università in quanto,dopo una attesa piuttosto lunga,era riuscita a farsi dare un appuntamento dal suo docente di filosofia.

Al suo risveglio in casa erano già tutti in piedi ed il padre prima di uscire,era passato da lei per salutarla col consueto bacio sulla bocca.

-Papà......-

Aveva cercato di fermarlo Marina mentre lui era già sull'uscio in evidente ritardo.

-Papà......-

Aveva ripetuto tra se e se la ragazza intimamente delusa dal fatto di non averlo potuto salutare come avrebbe voluto.

Forse avrebbe voluto parlargli.....desiderava le sue carezze......avrebbe voluto stringerlo sotto le coltri contro il suo corpo nudo.

Forse avrebbe voluto fare l'amore....con lui!

Si!

Avrebbe voluto fare l'amore e l'umido calore che sentiva dentro il suo sesso ne era la sicura prova.

Prima di scendere dal letto,Marina si era masturbata ma lo aveva fatto in modo svogliato e meccanico senza riuscire neanche a darsi piacere.

Entrando in cucina poco dopo,la tavola con la colazione era apparecchiata solo per lei,la macchinetta del caffé era già pronta sul fornello spento.

Anche suo fratello era già uscito e la madre già vestita e truccata aveva atteso che lei si svegliasse per salutarla prima di uscire.

-Ngiorno mamma.....come sei elegante e come sei bella.-

-Buongiorno tesoro!-

Marina le si era avvicinata e avvolgendole la vita con le braccia l'aveva stretta a se ed aveva cercato le sue labbra che a differenza dell'ultima volta si sono dischiuse permettendo alle loro lingue di cercarsi ed aggrovigliarsi in un bacio sensuale che nulla più avevano di materno.

-Amore mio....amore di mamma....tesoro.....tu non sai che regalo mi hai fatto l'altra sera.

Io non so se sia giusto ciò che abbiamo fatto e che stiamo facendo in questo momento.

Non so se sia giusto ma so che è bellissimo.

E chissà,forse anche tuo padre deve aver percepito qualcosa giacché da quella sera il suo atteggiamento nei miei confronti è completamente cambiato-

Marina la stringeva a se e sentiva il calore del suo corpo,percepiva i battiti del suo cuore mentre il caldo alito del suo corto respiro le scaldava il viso.

-Mamma.....-

Era riuscita a bisbigliare senza trovare il coraggio di parlarle.

Avrebbe voluto manifestarle liberamente la sua gioia per la ritrovata intesa sessuale col marito e avrebbe voluto dirle di lei e suo padre.

Aveva taciuto col cuore che le batteva in gola.

-Mamma.....è tardi per te...vai...buona giornata....a stasera...-

Mentre la porta di casa si chiudeva,Marina le aveva gridato,forse in un ultimo inconscio messaggio liberatorio:

-Mamma ti voglio bene!-

-Anch'io bambina mia ti voglio bene!-

Era stata la risposta prima che la porta si chiudesse delicatamente.

Come sempre faceva quando rimaneva sola in casa,era andata nella zona lavanderia e dalla cesta dei panni da lavare,aveva preso una camicia di suo padre e l'aveva indossata.

Quella sua abitudine aveva un non so ché di feticista e Marina ne era perfettamente cosciente e non di meno,tutte le volte che se ne presentava l'occasione lo faceva.

Nuda,con solo l'indumento del padre addosso,si sentiva come se lui fosse li ad abbracciarla.

L'insieme degli odori formato dall'olezzo di maschio della sua pelle,dal sudore ed all'inconfondibile afrore del suo deodorante,la faceva sentire davvero lui come fosse presente.

Talvolta Marina si adagiava sul divano o sul suo letto e con gli occhi chiusi si masturbava per offrirgli lo spettacolo del suo godimento solitario che tanto piaceva e faceva eccitare suo padre.

In quei momenti suo padre era li con lei.

Lei ne percepiva la presenza,ne sentiva gli ansimi ed al culmine del piacere le sue narici venivano colpite dal forte e acre olezzo che proveniva dai suoi fiotti di sperma che schizzavano insieme agli umori che sgorgavano dalla sua giovane fica.

Quel mattino però,Marina sapeva che nulla sarebbe accaduto.

Era agitata,la mente confusa tra mille pensieri che si rincorrevano in modo opaco e disordinato.

Il caos riempiva il vuoto di quei momenti.

Il senso di ansia ed il tremore del suo corpo che non l'aveva abbandonata un istante da quando di era levata dal letto,le mettevano addosso un'incontrollabile inquietudine.

In quel mattino così turbolento,solo l'abbraccio ed i baci della mamma le avevano concesso qualche momento di quiete.

All'università l'aspettavano ed i minuti scorrevano senza che lei si decidesse a prepararsi.

Infine,un bagliore aveva squarciato la sua mente e senza ulteriori indugi aveva deciso;

Niente università per quel giorno,al diavolo il docente di filosofia!

-Pronto...sono la mamma di Marina +++++++ che stamattina aveva un appuntamento col professor +++++++ purtroppo stanotte non è stata bene e dovrà spostare l'appuntamento .......va bene grazie!-

Aveva telefonato,camuffando la voce,alla segreteria dell'università ed aveva deciso che anziché dal professore,sarebbe andata a trovare suo padre in ufficio.

Subito dopo aver fatto la doccia,uno shampoo che le permetteva un'acconciatura "scarmigliata" come piaceva a lui,un trucco leggero ed un filo di lucidalabbra rosa,era corsa verso il suo guardaroba.

Abitualmente lei preferiva non portare intimo e ad esclusione del perizoma che era obbligata a mettere quando indossava la minigonna,preferiva essere completamente nuda sotto i vestiti.

Suo padre però la preferiva con intimo sexi che le regalava ad ogni occasione costringendola ad inventare ogni volta qualche storia per la madre che ne spiegasse la provenienza oltre gli acquisti che lei stessa poteva fare.

Fortunatamente lei aveva molte amiche ed amici e dunque la cosa le risultava alquanto facile da giustificare.

Il rosso era il colore che suo padre prediligeva vederle addosso e dunque,reggiseno in voile di seta con inserti di pizzo valenciennes talmente leggeri da apparire come decori e pennellate pastello dipinti direttamente sui suoi sodi e bianchi seni.

La visione in trasparenza delle areole rosate e dei piccoli capezzoli bruni completava quella sensuale composizione pittorica .

Il minuscolo perizoma,perfettamente coordinato col reggiseno,era formato da un sottile filo che si perdeva a scomparsa tra le gonfie natiche per agganciarsi poi al triangolino davanti che,senza rinforzo lasciava intravvedere il curato ciuffo di peli neri e lo spacco tra le grandi labbra ed era ricamato con piccole iniziali del suo nome che,casualmente,erano identici a quelli di suo padre che si chiamava Massimo.

Quel particolare la rendeva molto felice pensando a quanti credevano che fosse il suo nome mentre lei sapeva che era quello di suo padre.

Rideva a quel pensiero.

Rideva e si eccitava.

Avrebbe voluto indossare dei jeans aderenti come una seconda pelle ma,per quello che aveva in mente di fare,aveva optato per una gonna rossa a pieghe sottili.

Una camicetta in seta leggera a fiori molto colorati,ne mimetizzava in parte la trasparenza.

Rimirandosi più volte allo specchio,era fiera del suo aspetto che avrebbe sicuramente fatto colpo sulla preda predestinata.

Sapeva che suo padre era sempre l'ultimo a lasciare l'ufficio per andare a mangiare e dunque,dopo aver visto che anche la segretaria era uscita,ha preso fiato e facendosi aprire dal custode,si era presentata davanti alla porta dell'ufficio del padre nel momento stesso in cui stava per uscire.

La sua apparizione aveva scatenato un vero uragano in quell'ambiente sino a pochi istanti prima avvolto da una silenziosa quiete.

Entrambi sapevano il motivo della presenza di Marina in quel momento ed entrambi sapevano che da li ad un'ora e mezza gli impiegati sarebbero tornati.

Con un guizzo atletico la ragazza era volata verso il padre che l'aspettava a braccia aperte.

Avvinghiata a lui come l'edera alla sua pianta,aveva cominciato a tempestarlo di baci sul viso,sui capelli e sul collo mentre lui la stringeva forte facendole già percepire la sua virile approvazione per quella inaspettata apparizione.

Poi aggiustando la postura con le braccia intorno al collo e le gambe dietro la schiena come quando facevano l'amore stando in piedi,si sono uniti in un bacio liquido,profondo ed interminabile.

Quando finalmente si sono staccati,a fatica sono riusciti ad evitare che il loro respiro affannoso risuonasse nella stanza.

Senza indugi,la ragazza si era inginocchiata e con le dita tremanti aveva cominciato ad armeggiare con i bottoni della patta dei pantaloni mentre il padre l'aiutava sciogliendo la cintura.

Quando finalmente i pantaloni sono scesi sotto le ginocchia,agli occhi della ragazza si era presentato l'anelato gonfiore della verga che spingeva sotto mutande troppo strette.

Un colpo secco e via!

Anche l'ultima barriera era stata eliminata.

Con le mani a coppa sotto i testicoli come a voler esibire a se stessa un importante trofeo,Marina aveva esitato qualche istante prima di iniziare a leccare il suo gelato preferito.

Aveva iniziato sfiorando con la lingua le sue dita prima di percepire con la punta il ruvido contatto coi suoi peli.

Guidata dal gonfio condotto uretrale aveva cominciato a risalire rilasciando una scia di saliva su quella verga dura,bruna e pulsante eretta in tutta la sua carnosa virilità.

La stretta delle dita sull'asta le permetteva di apprezzarne il turgore mentre sotto la lingua scorrevano le gonfie vene che lo solcavano e che percepiva,deliziosamente morbide.

Il prepuzio completamente scappellato le aveva permesso un immediato contatto con il frenulo sottile e teso come la corda di un violino.

E proprio come uno strumento musicale toccato nella corda giusta, il cazzo aveva reagito con una repentina contrazione al primo contatto con la lingua.

Tenendo la verga ben saldamente stretta tra le dita di una mano,la ragazza si era dedicata con passione a leccare quel punto così sensibile mentre con l'altra mano,massaggiava i testicoli.

Il padre apprezzava molto il trattamento di lingua della figlia e per dargliene prova,le accarezzava i capelli ed ansimando le mormorava:

-Siiii....siiiii....così....che bello....come sei brava Marina....-


segue






Questo racconto di è stato letto 6 1 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.