Giulia, la prima fidanzatina

Scritto da , il 2017-05-16, genere prime esperienze

Premessa:

E' la prima volta che scrivo un racconto erotico quindi vorrei sapere gentilmente la vostra opinione su ciò che leggerete. Avevo in mente di scrivere una serie di esperienze sessuali che mi sono accadute durante la vita in ordine cronologico. Se riceverò abbastanza consensi non mi limiterò a scrivere solo questo di racconto.

Mancava circa un mese alla fine del secondo anno di scuola media, all'epoca avevo circa undici o dodici anni. Gli unici pensieri, come nella mente di qualsiasi giovane di quell'età, erano lo sport, le partitelle con gli amici, la playstation e quant'altro. E' anche l'età delle prime seghe e dei i primi interessi verso il sesso femminile, il mio in particolare era rivolto verso Giulia, una ragazza sull'1.75, bei capelli ricci, tette praticamente inesistenti (anch'ella della mia stessa età) ma un culo e degli occhi azzurri spettacolari. Iniziammo a messaggiare frequentemente tramite il mio vecchio LG Tribe visto che ancora essendo molto piccolo non avevo idea di cosa volesse dire chiedere un appuntamento ad una ragazza. La sorpresa più grande fu che Giulia si rivelò ancora più maiala e "volgare" di un ragazzino in preda agli ormoni pre adolescenziali; ricordo benissimo che disse di volermi saltare addosso per baciarmi ovunque e che a Erice (il viaggio d'istruzione in Sicilia che era alle porte) si sarebbe voluta chiudere in camera con me e starci tutta la notte. Io, per quanto eccitato, non potevo mai immaginnarmi cosa sarebbe realmente successo; il mio migliore amico dell'epoca, Luigi, che è due anni più grande di me, mi diede qualche consiglio per baciare meglio (cosa che non avevo mai fatto) e effettivamente il mio primo bacio era ciò che mi immaginavo sarebbe successo al viaggio d'istruzione.

Qualche giorno dopo finalmente arrivammo a Erice, era il secondo giorno di pernottamento nell'hotel ed io più altri due miei amici decidemmo di aspettare la mezzanotte per poi andare nella camera di Giulia e delle sue amiche.
Senza fare il minimo rumore ci recammo al punto prestabilito e bussammo silenziosamente per non svegliare i prof, le ragazze ci aprirono e noi entrammo velocemente. Giulia era super eccitante, aveva un vestitino lungo che le arrivava fino alle cosce che fungeva da pigiama e risaltava il suo bel culo sodo.

Passammo alcune ora a cazzeggiare come fanno tutti i ragazzini, fino a quando decisi di smuovere le acque e con una mossa fulminea presi il reggiseno di Giulia dalla valigia aperta e corsi in camera mia, lei mi inseguì e senza fare troppo rumore bussò alla porta chiedendomi di aprire, la aprii lentamente e lei entrò di colpo.

"Ridammi il reggiseno, non è divertente" - disse sgarbatamente.
"Su tieni, non ti sarai mica offesa" - le porsi il reggiseno pensando di aver mandato a puttane tutto.

Tra me e me pensai: "adesso è finita, ho rovinato tutto". Ma neanche il tempo di finire la frase nella mia testa che mi spinse sul letto e si mise a calvalcioni sopra di me. Non disse nulla, mi guardò negli occhi e iniziammo un lungo e appassionato bacio. Le nostre lingue si intrecciarono come le fronde degli alberi, Giulia nel mentre faceva su e giù con il culo posto sopra proprio il mio pacco pronto ad esplodere. Avevo voglia di uscirlo e liberarlo dalla morsa dei jeans ma non volevo fare movimenti sbagliati rischiando di rovinare tutto, era pur sempre la mia prima esperienza con una ragazza.

Per mia fortuna fu lei a prendere l'iniziativa, dopo circa dieci minuti di baci appassionati mi tolse la maglietta e iniziò a baciarmi tutto il corpo fino ad arrivare appena poco sopra la cintura, lì si fermò, slacciò la cintura e mi tolse i jeans in circa quindici secondi e subito dopo mi ritrovai solamente in mutande davanti a lei. Mi abbassò delicatamente le mutande fino a scorgere il mio cazzo rovente già abbastanza duro, non so se per lei fosse la prima volta ma per come si muoveva sicuramente aveva già fatto molta pratica, al contrario mio che queste cose le avevo "vissute" solamente attraverso i video porno. Finalmente accadde, Giulia prese in mano il mio cazzo e iniziò una lenta sega, quasi una tortura per me, scopriva la cappella per poi tornare su e ricoprirla con la pelle attorno; ma l'apice arrivò quando io, disteso e con gli occhi chiusi, sentii qualcosa di umido lungo la mia asta, aprii gli occhi e proprio come avevo immaginato si impegnò nel leccare il mio membro proprio come se fosse un ghiacciolo fino a quando non decise di ingoiare per intero il mio cazzo, che non era di dimensioni fuori dal normale ma comunque impegnativo e lei riuscì a infilarlo tutto dentro la sua dolce bocca.

Iniziò un pompino incredibile, faceva su e giù con la bocca e con la mano massaggiava le palle, stavo vivendo in prima persona le cose per cui passavo interi pomeriggi in bagno sopra il cesso. Giulia si divertiva a passare la sua lingua umida intorno alla mia cappella per poi passare qualche volta e pulire tutta l'asta per intero, passammò così non più di un quarto d'ora fino a quando arrivò il momento di venire. Sinceramente in quel momento non sapevo proprio che fare, se avvertirla o meno, se prendere un fazzoletto o che so io, ma nel mentre che pensavo sentivo la sborra salire, ormai ero arrivato al limite così non dissi nulla e decisi di venirle in bocca. La sborra uscì a fiotti che finirono prontamente dentro la sua bocca, Giulia di certo non se l'aspettava ma cercò comunque di non fare uscire niente, fallì miseramente, infatti lo sperma uscì e le calò lungo le labbra, così corse in bagno per sputare tutto sul lavandino. Io restai immobile ancora ansimante sul letto, incredulo di ciò che era appena successo.

"La prossima volta potresti pure avvertirmi eh?" - disse con un tono polemico.
"Perdonami è stato tutto così veloce che neanche me ne sono reso conto" - risposi prontamente.

Mi guardò con un sorriso beffardo e uscì dalla camera per tornare nella sua. Io decisi di rimanere ancora per un po' lì disteso, volevo realizzare che quella sera oltre al primo bacio mi venne fatto pure il primo pompino.


Questo racconto di è stato letto 1 0 7 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.