Maledetta (benedetta) operazione

Scritto da , il 2017-04-01, genere incesti


Premessa :
Comincio questo racconto chiarendo subito alcune cose, n°1 non sono uno scrittore ne tanto meno ho aspirazione a diventarlo, sono un uomo normalissimo che ha scelto di raccontare una parte della sua vita utilizzando un foglio bianco in quanto molto ma molto difficile almeno per me riuscire a raccontarlo di persona, n°2 tutto quello che scriverò, racconterò, non è frutto di pura fantasia ma è una storia che sto realmente vivendo da circa un anno a questa parte, non pretendo che chi legge mi creda, ognuno può tranquillamente farsi le proprie considerazioni e trarne le dovute conclusioni, n° 3 nel corso del racconto o dei racconti le uniche cose non corrispondenti al vero saranno solo i nomi delle persone coinvolte, è quasi impossibile esser riconosciuti ma la prudenza non è mai troppa anche e sopratutto per il tipo di storia che sto/stiamo vivendo e le persone interessate.

Tutto è cominciato all'incirca un anno fa, io sono Massimo ragazzo o uomo come si preferisca di ventisette anni,persona normalissima come tante persone al mondo,fisico normale curato ma non da bodybuilder,con i miei pregi e i miei difetti, con la mia vita fatta di un buon posto di lavoro in una società, un buon giro di amicizie,single per scelta in quanto a ventisette anni la voglia di impegnarsi in storie durature beh onestamente non faceva per me, preferivo avere rapporti con predilezione per donne più grandi di me, meglio ancora se sposate, e non perché come è uso dire la donna sposata crea meno problemi, non per me, essendo single non avrebbero potuto crearmi alcun tipo di problema, ma preferivo le donne sposate semplicemente perché trovavo terribilmente eccitante portarmi a letto insospettabili mogli e madri di famiglia in apparenza tutte dedite al marito e al focolare domestico, bravissime e fingere la parte di mogli devote, mentre in realtà godevano da matti a cornificare gli ignari consorti, e credetemi di queste donne ce ne sono a bizzeffe, come ad esempio Silvana,la mia prima amante sposata,conosciuta per caso in un negozio, lei splendida quarantatreenne sposata con un Cornutissimo Maresciallo dei Carabinieri,io all'epoca appena ventiduenne, con la quale, per quasi due anni,ci si vedeva una volta a settimana in una camera di motel di un paese distante dal nostro ove ci scatenavamo in ore di passione alla faccia di suo marito,come Assunta quarantenne moglie di un operaio, abitante nel mio stesso condominio,nota per l'incredibile abilità nel piazzare corna in serie sullo spazioso capoccione di quel fesso inconsapevole di suo marito,quante volte ho atteso affacciato al balcone che lui uscisse per andare a lavoro per fiondarmi immediatamente a casa sua tra le braccia della sua infedelissima mogliettina,oppure come Carmela cinquantenne moglie del titolare della scuola guida dove avevo preso la patente,rincontrata dopo anni, e con la quale mi son tolto,con la sua più incredibile collaborazione,parecchi sfizi, non ultimo quella di scoparmela a casa sua nel suo letto matrimoniale unitamente ad un mio caro amico coetaneo,facendole telefonare al cornutone nel mentre io le tenevo il cazzo ben piantato in fessa mentre il mio caro amico gli sedeva a cavalcioni sul petto e teneva il suo di cazzo tra le sue magnifiche tette! questo per dire che di donne brave a fingere ce ne son tante e ce ne sarebbero altre ancora,ma già mi son divulgato troppo, veniamo ora ai fatti che danno titolo al racconto.
Come dicevo tutto e successo all'incirca un anno fa, erano i primi di Febbraio,e per problemi di natura ortopedica, mi son dovuto recare presso uno specialista, che fatti i dovuti controlli,individuata la patologia e stilata la diagnosi, mi suggeri' di procedere ad un intervento chirurgico di poco conto, che avrebbe avuto il potere di risolvere il mio problema e che come controindicazione avrebbe solo avuto un periodo di degenza di un paio di mesi con riposo assoluto e fisioterapia,notizia quella dell'intervento che mi procurò un po di tensione per due motivi,il 1° perché ,anche se ero autosufficiente,mi consigliava espressamente di restare a casa e di uscire solo ed esclusivamente per le sessioni di fisioterapia, ed il 2° ancora più angosciante per me, in quanto in ditta vi era in preventivo un taglio del personale e pertanto il dover assentarmi per un periodo lungo incuteva in me il timore di un licenziamento,fortunatamente tale timore svani' quando mi recai a parlare col capo del personale, nonché cliente della sartoria di proprietà di mio padre, il quale mi tranquillizzo sul possibile licenziamento e sensibilissimo mi disse di stare tranquillo, di risolvere al meglio il mio problema e di non preoccuparmi perché trascorso il periodo di degenza il mio posto di lavoro sarebbe stato li ad attendermi.

Rinfrancato dalle parole del mio capo, feci ritorno a casa verso ora di cena, parcheggiai la mia moto in garage, e fatte le due rampe di scale entrai nella casa dove ancora tuttora vivo con i miei,andai in camera mia, mi diedi una sistemata e mi recai in cucina, li trovai ad aspettarmi seduti a tavola i miei genitori, a capo tavola,lui mio padre Antonio sessantacinquenne,di professione titolare di negozio di sartoria maschile,uomo pacato,un po musone,molto attaccato alla famiglia,devo ammettere che nel limite del possibile non ci ha fatto mai mancare nulla,si è sempre sacrificato lavorando come un matto e questo ha portato ripercussioni sul suo fisico in quanto dimostra tutta la sua età se non di più,che mi accoglie col solito benvenuto "Ben arrivato principino ora si può cenare" frase detta con amore ovviamente,alla sua sinistra siede invece mia madre Anna, cinquantatreenne, casalinga a tempo pieno,lei a dispetto di mio padre sempre solare e con grossa dote di simpatia,un fisico normale tenuto tonico grazie alla corsa quotidiana che si concede nel parco antistante casa nostra e che le permette di sembrar decisamente più giovane rispetto alla reale età,moglie devotissima e madre esemplare, mai pensato a lei come ad una delle zoccolissime femmine sposate da me chiavate,comunque ritornando a noi, mi siedo a tavola e comunico dell'intervento i miei mettendoli anche al corrente del colloquio avuto col mio capo,reazione diversa dei due alle mie parole, mio padre la butta sul ridere rinfacciandomi che per due mesi dovrò essere servito e riverito,mia madre Anna invece si rattrista subito dicendosi molto preoccupata per l'intervento, sia io che mio padre la tranquillizziamo nel nostro piccolo e io la butto sul ridere dicendole " Ti starò tra i piedi per due mesi" a cui lei risponde finalmente sorridendo "Beh allora avrò il mio principino tutto per me finalmente".
Terminata la cena,mia madre resta in cucina per rassettare mentre io e mio padre ci recammo in salone per vedere TV dove poco dopo ci raggiunse mia madre, devo premettere che non ho mai guardato mia madre sotto il punto di vista di una Femmina, ne tanto meno ho mai avuto pensieri sessuali su di lei, fatta eccezione del periodo dei miei dodici tredici anni,come la maggior parte dei figli maschi penso, i primi pensieri sessuali li avevo rivolti a mia madre,come pure le mie prime masturbazioni fatte in bagno utilizzando il suo intimo usato,specialmente collant velati (di cui sono tuttora un accanito estimatore, mi fanno impazzire le calze) da me prelevato dalla cesta dei panni sporchi, ma quella sera non so il perché gli occhi mi caddero su di lei, che si sedette sul divano accanto al marito mentre io stavo seduto di lato su di una poltrona.
Cosi' dal mio posto mentre loro guardavano la TV io guardavo mia madre, eccola li' una bella donna,solare,simpatica,che dimostra molto meno della sua età, un bel corpo,tenuto bene,alta 1,70 circa,una taglia 46, un seno tonico che dalle mie esperienze avute identifico in una buona terza, i capelli castani mossi fino alle spalle,vestita con camicetta bianca,gonna nero che si fermava a circa quattro dita sopra le ginocchia,e sotto la gonna noto un bel paio di calze color carne che data la mia passione per il nylon ritengo essere al massimo di quindici denari non potendo però riconoscere se erano collant o autoreggenti, ai piedi un paio di anonime ciabatte da casa.
Sono li' per la prima volta dai tempi dei miei tredici anni,a guardare mia madre come donna e non come madre, continuo a fissarla mentre loro non fanno caso a me, la guardo intenta a toccarsi i capelli,la osservo quando noncurante accavalla le cosce e fa cadere una ciabatta lasciando il piede scoperto, tra me e me non posso far a meno di pensare "Dio che spettacolo di cosce" e dopo pochi secondi " Impazzirei pur di aver tra le mani quel piede velato adesso, lo leccherei e snifferei con vera passione" questi pensieri mi avevano portato ad un arrapamento assurdo, il mio cazzo sembrava voler sfondare i jeans e non mi avevano fatto rendere conto che il film era finito.
I miei si alzarono dal divano,mio padre mi diede la buonanotte e andò verso la camera da letto, mia madre si avvicinò a me, mi diede un bacio sulla fronte augurandomi la buona notte e pure lei si incamminò verso la camera da letto fermandosi però prima in bagno dove si chiuse dentro e dove io sapevo che per abitudine si spogliava prima di andare a dormire, io restai in salone, seduto su quella poltrona col cazzo duro nei jeans, a chiedermi cosa cavolo mi stava passando per la testa anche se dentro di me già sapevo che quella sera l'unica cosa che desideravo era il tornar in dietro ai mie tredici anni.
Restai li' in soggiorno,seduto su quella poltrona,accarezzandomi il pacco da sopra i jeans,ripensando allo scoscio di mia madre e al suo piede velato,restai li' in silenzio non so se per cinque dieci o quindici minuti, fino a quando non la sentii uscire dal bagno,si incamminò nuovamente verso la camera da letto, mi alzai dalla poltrona e la vidi con una camicia da notte nero, segnale che mi confermò il suo essersi spogliata in bagno,la osservai arrivare alla camera da letto, si voltò,mi vide e mi augurò nuovamente la buona notte che ricambiai,aspettai altri cinque minuti in soggiorno poi col cuore che mi batteva a mille mi recai in bagno,chiusi la porta alle mie spalle e come quando ero ragazzino con gli occhi cercai la cesta dei panni sporchi.
La intravidi,una cesta qualsiasi di vimini con coperchio, accanto poggiati su uno sgabello vi erano la gonna e la camicetta ma non erano loro quello che cercavo, mi avvicinai alla cesta e con la gola secca alzai il coperchio,in alto vi erano un reggiseno nero con le coppe merlettate,un paio di mutandine dello stesso colore con la parte anteriore merlettata e leggermente velata che presi delicatamente e poggiai su di un altro sgabello posto accanto alla tazza del bagno, poi ributtai gli occhi nella cesta e col cuore impazzito finalmente li vidi,erano li adagiati, erano collant non erano autoreggenti,li presi,erano caldi,trattenevano il calore del suo corpo ,li osservai, intrecciati nella parte alta fino al tassello centrale,il mio feticismo mi confermo' che erano al massimo di quindici denari,velatura di calza per me quasi perfetta,li poggiai accanto alle mutandine,mi sbottonai e calai contemporaneamente jeans e boxer facendo svettare fuori la mia mazza durissima, non sono un superdotato,ma ho i miei buoni diciotto centimetri abbastanza spessi che non mi ha mai fatto sfigurare.
Mi misi seduto sul water col cuore che mi batteva a mille, presi per prima cosa i miei agognati collant, li accarezzai, li rividi indossati da lei, sentivo il suo calore, portai al naso la parte dei piedi,bellissimo sentii un odore stupendo,non puzza ma odore arrapante,leccai la punta immaginando di stare a leccare le sue dita velate,immaginavo di farlo lentamente fissandola negli occhi,guardandola mordersi le labbra,mi immaginai intento a soffermarmi con la lingua sotto le dita per poi prenderle tutte e cinque in bocca succhiandole,passare a leccare la pianta dei piedi,leccandola lentamente guardandola rabbrividire,lasciai la punta dei piedi e cominciai a leccare e sniffare tutta la lunghezza della coscia della calza,continuando sempre ad immaginarmi di stare a leccare si' quella calza, ma non vuota,bensi'contenete la sua coscia,coscia affusolata e stupenda, e risalii fino ad arrivare alla mia meta,a quello che desideravo da ragazzino e che desideravo adesso:il tassello centrale!!!
Lo portai delicatamente al naso e feci una profonda sniffata,dio che sensazione magnifica,i collant ancora caldissimi e mi permisero di sniffare un incredibile odore di fessa,della fessa più peccaminosa da desiderare,l'odore della fessa di mia madre,odore magnifico,delicato,femminile,che mi fece venir il pesce ancora più duro se possibile,mi immaginai li con lei a cosce larghe e io col capo tra le sue cosce, lei che mi accarezzava i capelli e io che le dicevo "Che profumo stupendo che hai tra le cosce Anna" si ho detto Anna e non mamma perché adesso la immaginavo non più come mia madre ma come la mia amante.
L'odore della sua fessa mi riempiva le narici,mi faceva impazzire,e fu cosi' che continuando a sniffare tirai fuori la lingua e leccai con passione il tassello centrale,ora sentivo l'odore e il sapore di quella fessa proibita,stavo impazzendo,pensai pure a mio padre ma con disprezzo mi ritrovai a sussurrare "Alla faccia tua che pensi di esser l'unico a conoscere sapore e odore della fessa di tua moglie",continuai mi a leccare, sniffare, e a pensare "Anna ma come fai a stargli accanto?una femmina come te e un peccato che stia accanto ad uno come quello"
Non ce la facevo più presi i collant e li misi a mo di preservativo sul cazzo, il contatto calza cazzo mi mandava in visibilio,presi le mutandine e le poggiai sul naso continuando a sniffare e leccare la parte centrale,e comincia a segarmi,immaginavo di chiavarmela,di fottermela,li a cosce larghe sul letto del marito,immaginavo di prenderla in varie posizioni,di abbassarmi su di lei nel mentre la chiavavo per perderci in un infuocata limonata,dove le lingue si intrecciavano e si succhiavano,sussurravo "Anna tuo marito non è degno di godere della tue carni"la immaginavo mordersi le labbra,contorcersi,ansimare,mugolare,e fissandomi negli occhi sussurrarmi un semplice ma arrapantissimo "Mio Marito è Un Gran Cornuto".
Immaginavo tutto questo mentre mi segavo incredibilmente con i suo collant sul cazzo e le sue mutandine emananti il profumo della sua fessa sul mio naso, quando sentii le palle tremare, mi alzai di botto, tolsi i collant dal pesce e date altre tre scapocchiate comincia a spermare,sparai cinque o sei spruzzi abbondanti di sperma bollente nel water immaginando però di star li a spermare dentro di lei,nel suo corpo,nella sua tana,con lei che continuava solo a gridare "Mio Marito è Un Gran Cornuto".
Distrutto e sudato tolsi le mutandine dal naso non prima di aver dato ultima sniffata e leccata,le rimisi nella cesta assieme ai collant rimettendoli nell'esatta posizione i cui li avevo trovati,mi spogliai e mi buttai sotto la doccia,feci una doccia bollente,e mi ritrovai a pensare tra me e me "da oggi nulla sarà più normale,da oggi vedrò tutto diversamente,vedrò lei non più come mia madre,ma come Anna una moglie da dover chiavare,una moglie da far diventare la mia amante fissa,e vedrò lui non più come mio padre,ma solo come il marito cornuto della mia amante"poi con disprezzo nei suoi confronti,coperto dal’ acqua della doccia,sussurrai convinto "non preoccuparti,stanne certo,io quando mi metto in testa un obiettivo riguardante una femmina non mi arrendo fino a quando non la porto a compimento, ti chiaverò talmente tanto Anna che ti faremo vincere il premio cornuto del secolo,puoi starne certo".

Continua

Ps:chiedo scusa per la lunghezza del racconto, ma spero di esser compreso,ho voluto trasportare su foglio tutte le sensazioni provate.

Questo racconto di è stato letto 1 3 6 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.