Erotici Racconti

Un conto in sospeso

Scritto da , il 2017-01-10, genere tradimenti

In vita mia avevo visto Renato solo due volte: al mio matrimonio, nel mio bel paese balneare in Sicilia e al suo matrimonio in Lombardia, a Bergamo, dove la sua famiglia di era trasferita, lui ancora ragazzino, per motivi di lavoro. E' cugino di mio marito, figli di fratelli. E' un uomo attraente di 39 anni con un buon lavoro ed economicamente sta bene. L'estate scorsa, al contrario degli anni passati, ha voluto trascorrere un mese intero di mare al nostro paese invece della solita settimana in Adriatico. Fra l'altro aveva reso abitabile la vecchia casa di famiglia proprio a due passi dalla casa dei miei suoceri. Spesso ci trovavamo al mare insieme. Noi, come nostra abitudine, anzi, spesso io da sola con i miei figli in quanto mio marito talvolta lavorava ed io, essendo maestra di asilo nido, ero libera, tutta la mattinata fino alle 13,00- 13,30-- Loro addirittura tutto il giorno e per questo motivo avevano affittato una cabina. Fin dai primi giorni ho creduto di essergli attraente. Io sono Benedetta, una bella donna di 36 anni: bruna, ben fatta con tette sode, un bel fondo schiena e un bel paio di gambe. In bikini sto molto bene, sicuramente meglio di Lisa, la moglie di Renato, 34enne, che indossava il bikini nonostante avesse un po' di pancetta e un fondo schiena decisamente pronunciato in evidente contrasto con le gambe alquanto esili. Di Renato mi incuriosiva una cosa: il costume a slip che portava, al contrario di mio marito e della maggior parte degli uomini che frequentavano la spiaggia che portavano il costume a pantaloncino. Il suo slip metteva in risalto un pacco notevole. Spesso lo notavo, a volte involontariamente, senza volerlo. Me ne vergognavo per paura che se ne potesse accorgere. Infatti mi sa che se ne era accorto. Eravamo alla fine delle loro vacanze, gli ultimi 3 giorni. Lui era sdraiato sul materassino, io in piedi cercavo di individuare, tra centinaia di bagnanti, i miei figli che facevano il bagno con sua figlia e Lisa. "Devi andare?" chiese, "Si. E' già tardi" "Così? Non mi vuoi fare un bocchino?". Rimasi scioccata. Dal suo tono non capii se parlava seriamente e nel caso non avrebbe mai dovuto permettersi, o scherzava e non era questo il modo di scherzare con me. In ogni caso avrei dovuto mandarlo a quel paese. Mi sentivo squadrata e ammirata; andai giù con lo sguardo, ci fissammo per qualche secondo, mi rigirai a fissare il mare e stupidamente dissi: " E dove qua?". Forse nemmeno lui si aspettava una risposta del genere e si sentì impreparato. Si riprese; si alzò al mio fianco e disse che mi aspettava in cabina tanto quelli ancora non si vedevano. si avviò ed io mi sentii ancora più stupida. Ancora più stupida quando presi la direzione della cabina. La porta era socchiusa, entrai, la richiuse e restammo al semibuio. Mi prese per i fianchi, mi tirò a se e ci scambiammo un lungo bacio mentre mi accarezzava i fianchi e il culo. Eravamo in costume, seminudi e il contatto delle nostre carni ci fece gemere di piacere ad entrambi. Quindi mise con le mani sulle mie spalle per farmi capire di andare giù; disse di sbrigarci. Mi abbassai e mi ritrovai col suo pacco davanti alla faccia. Anche nel semibuio il suo pacco era notevole e quando fece scendere giù il costume il suo cazzo, completamente rasato e senza un pelo, me lo ritrovai già a portata di bocca. Insomma, tutta quella situazione non mi era indifferente e mi sentii sporcacciona. Lo presi con ambedue le mani, due colpetti, una leccatina alle palle e poi lo ficcai in bocca. Durò tutto pochi minuti, con me che mi davo da fare e lui che mu diceva che se lo immaginava che dovevo essere una grande bocchinara. Mi venne in bocca trattenendosi dal manifestare il godimento sonoramente. Naturalmente inghiottii tutto o quasi. Mi ripulii le labbra con il prendisole di Lisa. Si sistemò, aprì la porta. si accertò che non ci fosse nessuno e mi fece uscire. Feci due passi e mi richiamò. "Ricordati che abbiamo un conto in sospeso" disse sorridendo. Finita l'estate, con mio marito si sentivano spesso. Una sera squillò il cellulare di mio marito ed, essendo lui occupato, risposi io. Prima che glielo passassi mi ricordò del conto in sospeso gli risposi: "Si, vabbè. La prossima estate. Forse.". Verso la fine di novembre ci invitò a trascorrere il natale e il primo dell'anno da loro. Avevano una casetta in montagna, in un paesino vicino Sondrio. Io francamente ero contraria perché il freddo, la neve e la montagna non mi attiravano affatto. Mio marito invece era favorevole dicendo che sarebbe stato bello trascorrere le feste natalizie in modo completamente diverso da come eravamo abituati. Quelli che fecero spostare l'ago della bilancia furono i nostri figli i quali, parlando con la cuginetta, rimasero entusiasti delle eventuali escursioni in montagna, delle piste da sci e, sebbene avessero visto solo in televisione sport invernali, si misero in testa che volevano imparare a sciare. Prima di partire perdiamo una giornata intera per comprare il vestiario occorrente: piumini, salopette, dopo sci, berretti di lana, guantoni e quanto altro. Arriviamo giorno 23 dicembre pomeriggio e Renato viene a prenderci all'aeroporto di Bergamo. Quando arriviamo a destinazione è già buio e Lisa è intenda a preparare la cena. Tanta festa; il tempo di organizzarci come sistemarci in quanto, sebbene molo caratteristica, rustica con tanto legno, cucina e ampio soggiorno con un grande camino e tutti gli ambienti ben riscaldati, la villetta consta di due sole camere. Pertanto i ragazzi, felici di stare assieme, si sistemano nella cantinetta con letti di fortuna. Non mi sento a mio agio fin da quando Renato ci viene a prendere all'aeroporto. Questo mio disagio non passa nemmeno col passare dei giorni. Si, è vero, trascorriamo un bel natale; qualche bella passeggiata, un paesino grazioso e accogliente, stupendi paesaggi innevati e, soprattutto, i ragazzi felici. Noto che Renato fa di tutto perché rimanessi sola con lui. Intanto vi dico che per ben tre volte mi ricorda del conto in sospeso mettendomi in agitazione. Giorno 28 si organizzano per trascorrere tutto il giorno seguente fuori sui campi da sci. Sono tutti contenti. Io no; infatti dico che resto dentro al calduccio e farò trovare una bella cena. Renato è pensieroso. Nel tardo pomeriggio squilla il suo cellulare. Si allontana. Non si capisce che dice e con chi parla. Poi capirò che quella telefonata è stata la sua liberazione. Si riavvicina e seccato dice che l'indomani sarebbe dovuto rientrare in azienda per qualche problemino. Delusione generale ma si decide di andare lo stesso. E' lui stesso a dire che non era giusto che per causa sua i ragazzi restassero a casa. La mattina quando mi alzo Renato è già andato via da un bel po'. Mio marito, Lisa e i ragazzi si preparano e vanno via anche loro: i mezzi navetta hanno orari ben precisi. Sono da sola e voglio trascorrere una giornata tranquilla e serena. Per pranzo, trovandomi da sola, mi sarei arrangiata in un modo o nell'altro. Metto in ordine la nostra camera e la cantinetta dove dormono i ragazzi. Sono quasi le 10,00 e decido di fare la doccia. Quando esco dal grande box doccia, è così grande che sembra fatto apposta per fare la doccia tutta la famiglia insieme, indosso l'accappatoio, esco dal bagno ed entro in camera. Mi sento chiamare. E' Renato. Ma che fa in casa? La porta della camera, credendo di essere da sola, è aperta e me lo vedo spuntare. Avevo slacciato l'accappatoio e me lo tengo chiuso con le braccia. Sono molto sorpresa, gli chiedo come mai fosse qua e di uscire perché dovevo vestirmi. Mi guarda voglioso e mi dice che non era vero niente che sarebbe dovuto andare in azienda e che si era inventato tutto per stare con me e saldare il conto. Gli dico che non è giusto e di dimenticare quello che era successo quel giorno al mare. Ma quando mi prende il viso tra le mani, nel tentativo di allontanarlo mi si apre l'accappatoio e intrufola le mani accarezzandomi la schiena. Insomma! Già che è stata intrigante tutta la faccenda a cominciare da quel giorno al mare, se aggiungiamo pure che in tutto questo tempo avevo anche fantasticato e se infine che da quando siamo in montagna, cioè 6 giorni, per ovvi motivi, non ho assaggiato il cazzo di mio marito, le sue mani sulla mia pelle nuda non mi sono indifferenti, anzi mi fanno avvampare e quando cerca la mia bocca gliela faccio trovare pronta ad accogliere la sua lingua. Mi sfila l'accappatoio, mi palpa tutta allargandomi le natiche, ci slinguiamo bramosi e poi, spingendomi con delicatezza, mi fa sedere e distendere sul letto con le gambe che mi penzolano giù. Si mette in ginocchio e prende a leccarmi la fica. E' come se non aspettassi altro: apro le cosce e sento la sua lingua che mi esplora in ogni angolo. Impazzisco per il piacere e per il fatto che non è la lingua di mio marito. Me la ficca pure dentro e poi si sofferma sul clitoride succhiandolo e mordendolo con le labbra. Più mi dimeno e più lo succhia. Sente i miei gemiti e più si sente autorizzato a leccare la fica della moglie di suo cugino. Godo come un'ossessa e il primo orgasmo è solo l'inizio di una giornata tutta dedicata al sesso come mai mi era successo prima, come mai avrei potuto immaginare e che sicuramente avrei potuto dimenticare. Questa volta il suo pube è ricoperto da una folta peluria nera e il suo cazzo, che avevo già maneggiato nel semibuio della cabina, ora lo posso ammirare in piena luca. E' grosso, lungo e leggermente incurvato. Lo manipolo libidinosamente con ambedue le mani e poi, mentre me lo strofina sulle tette stuzzicandomi i capezzoli, palpo le sue palle piene di sperma. Nella mia mente penso che sia stata geniale l'idea di fare finta di andare al lavoro. Me lo ficca in bocca dicendomi che quel mio bocchino non l'aveva dimenticato. Quando glielo lecco tutto e lo rificco in bocca mi grida: bocchinara. Non mi offendo e anzi cerco di essere brava. Senza sfilarmelo dalla bocca si sistema nella posizione del 69 e la sua lingua mi porta nuovamente all'orgasmo. Poi di fianco, la mia coscia destra sotto di lui, quella sinistra sopra e lui fra le mie cosce. Me lo ,mette dentro, la mia vagina si spalanca non so quanto, mi sento spaccare ma è semplicemente fantastico. Si muove dentro di me mentre le nostre lingue si cercano in continuazione intrecciandosi freneticamente. Ansimiamo e gemiamo ognuno nella bocca dell'altra. Mi chiava per un bel po' e sento tutto il suo cazzo, fino alle palle, dentro di me. Anche per lui la situazione è tanto intrigante: lo sento ansimare di più, affannosamente e, ad un tratto, mi sento invadere dal suo sperma bollente che mi procura l'ennesimo orgasmo. Mentre godo penso che fortunatamente, ne sono sicura, non sono nei miei giorni fertili. Velocemente si svincola dalle mie cosce e ritorna nella posizione del 69. Sono supina, lui sopra di me. Mentre lecca i miei umori e la sua sborra che uscendo scivola lungo le cosce e l'ano, mi ficco il suo cazzo in bocca, assaporo il suo sperma e mantengo il suo cazzo ancora duro. Si rigira sempre sopra di me, mi dice di scambiarci i nostri gusti e ci slinguiamo vergognosamente. Si, proprio così: sto facendo cose che con mio marito non avevo mai fatte. Prenderlo nel culo non era una novità e quando mi penetra, facendomi mettere alla pecorina, è stupendo. E' molto eccitante quando mi dice che, a quanto pare, suo cugino, mio marito, il culo me lo tiene ben allenato. Gli dico di si, che si vede che sono di famiglia e sento le sue palle sbattermi sulla fica. E poi, spudoratamente, non riconoscendomi più, mi lascio andare dicendogli che il suo cazzo grosso e curvo mi fa godere di più. Viene di nuovo e il mio intestino va a fuoco. Sporchi e nudi, anche questo è molto eccitante, prepariamo qualcosa e pranziamo. Faccio i piatti, riordino la cucina mentre lui segue il tg. Il tutto mentre parliamo di quello che stiamo combinando. Dico che ho bisogno di nuovo di fare la doccia e lui dice che non è ora. Infatti prende del miele e me ne mette un po' sui capezzoli. Chiedo del perché di queste stranezze e risponde che sono io ad ispirargliele. Me li lecca. E' bello e sono sopraffatta ancora da una strana voglia. Spalma del miele nella fica, impasticciandomi i peli e fra le chiappe fin dentro l'ano. Prende a leccarmi pure lì ed ho ancora due orgasmi. Si spalma il miele sul cazzo e me lo fa leccare. Stupendo! Che sensazione! Siamo ancora in cucina mi fa sdraiare sul tavolo e mi penetra, stando in piedi, ora nella fica ora nel culo, finché mi fa scendere, mi fa sedere, me lo ficca in bocca e viene ancora copiosamente. Glielo pulisco con la lingua e me lo metto fra le tette. Giochiamo per po' fino a quando, guardando l'orologio a parete, non decidiamo di fare la doccia. Pretende, con mio grande piacere, di farla insieme. Insieme a mio marito non l'avevo mai fatta. Ma quante ne sa? Si spruzza il getto caldo sul cazzo e sulle palle mentre me lo fa segare. Non appena ritorna duro mi fa chinare e me lo schiaffa nel culo. Contemporaneamente dirige lo spruzzo di acqua calda sulla mia fica. Grido di piacere; non posso trattenermi: in vita mia un simile piacere non l'avevo mai provato. Cerco le sue palle, le trovo e glieli strizzo. Forse gli faccio pure male, ma il suo sperma, ancora nel culo e lo spruzzo di acqua calda sulla fica, mi proccurano un orgasmo da provare e riprovare ogni giorno per tutta la vita. Dopo di che si riveste per andare via. Prima di uscire, proprio davanti alla porta, lo chiamo e gli dico: "Ricordati che è tutto saldato non abbiamo più conti in sospeso". Ritorna indietro sorridendo, ci scambiamo ancora un lungo bacio e poi, mentre si dirige ancora verso la porta, ridendo dice: "Non si sa mai. Tu tieniti sempre a disposizione". Preparo un bel minestrone, bistecche e insalata. Quando rientrano tutti gli altri la casa è già in buon ordine, avendo fatto più volte il giro della mia camera, della cucina e del bagno per eliminare eventuali tracce di tutte quelle porcherie che avevamo fatto. Mi raccontano di quanto si sono divertiti e che era stato un peccato non andare con loro. Secondo loro a casa mi ero annoiata. Più tardi rientra Renato, seccato, facendo finta di tornare da Bergamo. Chiede loro cosa hanno fatto e si sono divertiti. Poi si rivolge a me: "E tu Benedetta? Sola tutto il giorno. Ti sei annoiata?" "No, per niente. Mi sono rilassata"--

Questo racconto di è stato letto 6 5 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.