Erotici Racconti

Strano rapporto in famiglia (completo)

Scritto da , il 2017-01-08, genere incesti

Ciao a tutti, il mio nome è Mara, sono una giovane donna di 25 anni, capelli scuri, occhi scuri, minuta e piccola ma con due tette e un

culetto da favola (a quanto dicono)e oggi vi voglio raccontare cosa mi è capitato alcuni mesi fa.

Premetto, discendo da una famiglia normale anche se molto libertina e non mi reputo certo una "donna di facili costumi" anche se dopo

l'accaduto (che non ha lasciato stranamente alcun strascico) forse non ne sono più tanto convinta... Evidentemente non avevo fatto i conti

con il detto "la carne è debole"..

Comunque,qualche tempo fa appunto a Roberto, il mio ragazzo, non "tirava" più come una volta, per capirci la nostra intesa sessuale stava

soffrendo di un periodo di stanca da parte sua; non mi aveva mai esposto un eventuale problema di questo genere e parlandone dopo qualche

"rapporto" non riuscito proprio bene si era appellato alla solita stanchezza, stress e problemi vari che attenagliano un pò tutti noi ai

giorni nostri. (Forse ragionando da maschio era stanco della "solita minestra" aggiungo io, anche se tra noi non ci sono mai stati freni

inibitori ed io non ho mai posto limiti di coppia quando si è in due a volerlo)

Così dopo averne parlato per scherzo diverse volte e aver giocato entrambi con la fantasia decidemmo di ravvivare il rapporto coinvolgendo

una terza persona reale nel nostro menage.

Colsi il coraggio a due mani e non volendo entrambi ricorrere ad estranei o conoscenti e amici (la gente mormora...) ne parlai con mia madre

che come ho già detto è di larghe vedute e nonostante il suo stupore non ebbe nulla da obbiettare al momento e decidemmo così di esporre

insieme la cosa al suo compagno Davide (il mio patrigno praticamente) che sapevo con certezza sbavava per me (confessioni in famiglia) e

probabilmente proprio perchè vedeva in me il frutto proibito dell'incesto (anche se in realtà non lo era).

Fu così che terminai la proposta chiedendogli se gli avesse fatto piacere accettare una parte del mio corpo (il culetto) a solo scopo

terapeutico con mamma e Roberto presenti ovviamente.

Mi rispose che non vedeva l'ora:
-finalmente!!! Sono anni che ho voglia di sbatterti per bene in tutti i buchi-
-Calma- ribadii io -dovrai accontentarti del mio culetto ed è sicuramente un bell'accontentarsi, lo facciamo solo per eccitare Roberto e già

così ognuno avrà il suo piacere-

Decidemmo di organizzare la cosa per la sera seguente e come stabilito ci ritrovammo dopo cena tutti e quattro in salotto, un pò nervosi ed

eccitati per la verità.

Ero infoiata all'idea della monta per bisogna ma anche un pò timorosa perchè Davide ha(a detta di mamma) un cazzo notevole soprattutto in

circonferenza.

Dopo qualche scambio di battute ci accomodammo tutti sul grande divano, mamma da un lato ed io in mezzo ai due maschietti; quel gran cornuto

del mio ragazzo era tutto ingrifato e collaborava palpeggiando una mia coscia mentre stavo tra le braccia di Davide che baciandomi

dappertutto mi stava spogliando con grande solerzia; sentivo mani e bocche ovunque che mi frugavano e cercavano i miei pertugi, la pressione

stava velocemente salendo, mi ritrovai in un vortice di eccitazione generale senza controllo.

Di lì a poco eravamo tutti nudi (tranne mamma che sembrava sconvolta e preoccupata ma secondo me anche lei eccitata, probabilmente si

sentiva pure lei cornuta e mazziata) e notai con piacere che la cura stava facendo effetto: a Roberto era diventato duro come il marmo.

Dopo qualche leccata propiziatoria al buchetto posteriore, senza ulteriori indugi Davide mi prese di peso e mi infilò sul suo bastone gonfio

e umido in un sol colpo...

Tirai un urlo soffocato e lo supplicai di fare piano, cazzo come bruciava il suo pistone mentre risaliva il mio orifizio intestinale mentre

Roberto ribadiva quanto fosse cornuto e quanto fosse indurito il suo di cazzo a quella vista.

-Si...si... continua così! Che troia che sei! E che cornuto che sono, cornuto e felice amore mio, non vedo l'ora di riempirti io per bene la

fica poi-

Mamma intanto dava del gran porco a Davide: -Ti piace sbattere mia figlia? Incestuoso maiale! Cornuta e consenziente... perchè avrò

accettato? Solo per la loro felicità ovviamente ma mi sto pentendo-

Intanto io rincaravo la dose al mio ragazzo: -Porco depravato e cornuto! Ti eccita vedere quanto è troia la tua piccola Mara?-

Poi rivolta a Davide che abbrancato alle mie tette stantuffava con affondi massacranti da sotto il mio povero buchetto straziato:
-Maledizione Davide! Piano!!! Mi togli il fiato.. Cazzo è troppo grosso... Ahhh fai piano accidenti... Mi brucia!!!-

Quando il suo uccello mi arrivò in cima all'intestino strabuzzai gli occhi, bruciava da matti e mi riempiva completamente; quel gran porco

mi martellava di colpi ed ogni affondo mi toglieva il fiato.

Ormai avevo perso ogni freno inibitore, dolore misto a piacere e tanta foia; mi sentivo ed ero una gran troia.
Se da un lato volevo che finisse e mi riempisse il culetto di sperma caldo e denso che avrebbe magari, mitigato un pò il bruciore,

dall'altro speravo che continuasse all'infinito, ormai ero la sua puttanella.

Poi avrei dovuto accontentare anche quel gran cornuto di Roberto che tutto ingrifato mi incitava con frasi sconce e attendeva impaziente il

suo turno...

Fosse stato per me li avrei presi a quel punto contemporaneamente: uno nel culetto martoriato e ormai spanato e l'altro nella fica fradicia

dei miei umori..

Davanti solo quello del mio ragazzo però: la fica è solo sua, ci mancherebbe... troia sì... ma fedele.

(continua)

Questo racconto di è stato letto 1 4 7 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.