Erotici Racconti

La giusta punizione per una puttanella vogliosa

Scritto da , il 2016-12-09, genere dominazione

Sento il metallo freddo contro i polsi stretti da una corda. La bocca è umida. Un brivido mi percorre la schiena: sono nuda. Muovo le cosce nel tentativo di darmi un po' di sollievo dall'eccitazione estenuante. La mia figa è tutta bagnata, quasi insopportabilmente. Vorrei poter avere le mani libere per toccarmi: mettere le mie dita sul clitoride e poi dentro...questo pensiero mi fa eccitare ancora di più e mi sfugge un gemito di piacere "Ti prego..." cerco di implorarlo sperando che acconsenta alla mia richiesta, ma lui niente resta immobile a fissarmi da un angolo della stanza. Un altro brivido. I miei capezzoli sono durissimi sia per l'eccitazione che per il freddo, i miei seni sono così caldi che mi sembra che stiano per scoppiare. Non ne posso più "Ti prego ...scopami" "Sei troppo vogliosa- dice lui-questa è la tua punizione" "Fammelo almeno succhiare... mettimelo in fondo alla gola...ho bisogno di cazzo", cerca di fare il duro e non mi risponde. Devo cambiare tattica se voglio essere scopata. Comincio a muovermi sensualmente: sfrego le cosce, muovo il collo emetto gemiti di piacere...so che non può resistermi. Infatti si sfiora il cazzo sopra i pantaloni e mi si avvicina. Mi accarezza il culo, poi la schiena e infine le tette "Povera puttanella hai il culetto tutto freddo e le tette così calde" dice strizzandomi con forza una tetta."Riscaldami il culo" dico, mi gira di modo che la corda che ho intorno ai polsi si attorciglia e mi fa male. Non mi importa del dolore so solo che la mia figa vuole essere scopata "scopami tutta" imploro invano "No,non ti scoperò" risponde lui unendo al declino dell'invito ad entrare dentro di me una forte sculacciata. Mi ficca due dita in bocca e me le preme in gola. Facendo ciò si avvicina al mio corpo e sento il suo cazzo duro che si rivela da sotto i jeans premermi sul culo nudo. Passa le dita bagnate di saliva sul bordo esterno della figa per poi rimettermele in bocca facendomele succhiare. Le succhio avidamente vorrei solo succhiare allo stesso modo il suo cazzo. Spero che almeno con quelle dita bagnate voglia penetrarmi la figa, invece me le ficca violentemente nel culo. Provo un misto di lieve dolore (per l'ano bello stretto) e piacere. Poi mi da un'altra sculacciata e mi slega i polsi. Mi mette per terra a pecora. Si slaccia la cintura. "Finalmente verrò scopata" penso bagnandomi ancora di più all'idea. Mi mette una mano sul culo. Chiudo gli occhi e aspetto che quel cazzo duro mi penetri mente mi prendo una bella dose di sculacciate...dopo qualche minuto le sculacciate si fermano e sento dello sperma caldo bagnarmi il culo. "Ma come?!" dico vogliosa, la mia figa che si contrae e rilassa per la voglia di cazzo, " Ti avevo detto che non ti avrei scopata" dice andandosene e lasciandomi per terra bagnata di sperma, ancora eccitata e vogliosa, giusta punizione per una puttanella vogliosa.

Questo racconto di è stato letto 5 8 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.