I Funghi

Scritto da , il 2016-12-03, genere orge

Luca quella mattina si svegliò molto presto. L’autunno era oramai arrivato, Il pomeriggio del giorno prima aveva piovuto molto e i funghi aspettavano solo di essere colti.
Si lavò la faccia, fece colazione ed uscì.
Decise di andare in un posto nuovo. Aveva sentito dire che la montagna sopra casa sua, se visitata a fondo, poteva riservare molte sorprese inaspettate.
Non era mai andato troppo in alto in quel luogo, si era fermato a metà strada quasi sempre, ma quel giorno era diverso.
Il suo fidato amico Boris, uno spinone di nove anni, lo seguiva fedele.
Arrivato al solito punto, in mezzo alla vegetazione, a metà strada lungo il sentiero verso l’altura, non aveva trovato ancora nulla di decente, solo poca inutile roba.
Andando avanti per un centinaio di metri decise di svoltare a destra allontanandosi dal sentiero e avventurandosi nella fitta vegetazione.
Sentiva il rumore dell’acqua; un fiumiciattolo scorreva non poco lontano da lui e decise di proseguire in quella direzione.
Arrivato ad uno spiazzo vicino al fiume, dopo aver spostato con le mani rami e felci che gli sbarravano la strada, vide qualcosa che non capita molto spesso di poter osserarvare nei boschi.
Una ragazza, in ginocchio nuda sopra un lenzuolo blu, stava succhiando avidamente il cazzo di un ragazzo appoggiato al tronco di un albero mentre, poco più a sinistra della coppia, un giovane scopava avidamente una fanciulla inginocchiata a terra.
Luca rimase immobile. Automaticamente la sua mano andò in direzione del suo membro che oramai era diventato duro. Iniziò a toccarselo da sopra i pantaloni ma il cane, notando le persone poco distanti, iniziò ad abbaiare e ad avvicinarsi a loro.
I quattro si voltarono verso Luca contemporaneamente. La ragazza bionda, quella in ginocchio davanti al ragazzo appoggiato all’albero, si alzò di scatto e osservando Luca disse: “E tu chi sei?”. Luca non sapendo cosa dire si girò e si allontanò di scatto ma la ragazza, rincorrendolo, lo afferò per un braccio: “Senti..noi qui ci stiamo solo divertendo...” e iniziando ad accarezzare il fianco del giovane disse “non vuoi partecipare anche tu?”. La ragazza si avvicinò a Luca e lo baciò improvvisamente; Gli prese la mano e lo trascinò verso lo spiazzo dove la ragazza mora lo salutò con un cenno del capo mentre ansimava ricevendo il cazzo dell’altro giovane da dietro. Il ragazzo moro apoggiato all’albero, che nel frattempo si menava il membro durissimo, salutò Luca con foga dicendo: “Hai visto quanta meraviglia, qui nel bosco?”. La ragazza bionda inizio a slacciare i pantaloni a Luca mentre lui si appoggiva all’albero. La giovane iniziò a menare i cazzi dei due giovani mentre, in ginocchio davanti a loro, li guardava sorridendo. Iniziò a prenderne uno, poi l’altro. Li leccava per bene dalle palle in su, passando la lingua lungo tutta l’erezione e ansimando di piacere e voglia. Il ragazzo di fianco a Luca le andò dietro e la prese avidamente. La ragazza iniziò a godere mentre non mollava il membro eretto e gonfio di Luca dalla sua bocca. La coppia alla loro sinistra si avvicinò. Il secondo ragazzo sollevò la giovane bionda e si posizionò sotto di lei, penetrandola. Il giovane moro la prese da dietro e la inculò immediatamente. La giovane bionda emise un urlo di piacere e baciò la ragazza mora in ginocchio davanti a Luca. Lui avvicinò il suo cazzo ai visi delle due e mentre la ragazza mora iniziò a succhiarlo avidamente quella bionda iniziò a leccargli le palle ansimando.
Luca era invaso dal godimento quando la ragazza mora, togliendo il cazzo dalla sua bocca disse: “Ti piace porco?”; Luca riuscì solamente a fare si con il capo e la fanciulla mora si piegò di fronte a lui e prendendo i suo cazzo con una mano se lo infilò nella figa bagnata e pelosa.
La ragazza bionda gemeva dal piacere, mugolova di lussuria mentre riceveva in contemporanea i due cazzi dei compari di Luca. La ragazza mora iniziò a baciarla con foga mentre il giovane la scopava con forza da dietro.
Le ragazze a questo punto si misero in ginocchio di fronte all’albero. Iniziarono ad accarezzarsi i seni mentre i tre giovani le guardavano estasiati. “Uno per uno” disse la ragazza mora sorridendo “ma lui ultimo” sentenzio la bionda indicando Luca. Il primo ad avvicinarsi fu il ragazzo moro che gettò il suo seme in viso alle giovani inginocchiate. Il secondo sborrò anch’egli sul visi delle giovani già colmi di sperma e giunto il momento di Luca le ragazze si avvicinarono a lui, si misero in ginocchio e presero il suo membro in bocca, una da un lato e una dall’altro, mentre in contemporanea accarezzavano le palle del giovane. Luca le inondò e le giovani non mollarono la presa con la bocca, ingoiando completamente il suo seme. A questo punto le due fanciulle si rizzarono in piedi ed iniziarono a toccarsi e a leccarsi il viso reciprocamente, godendo di piacere al gusto di così tanta sborra. Si baciarono con foga ad occhi chiusi facendo circolare le loro lingue all’esterno delle bocche, in modo tale da far vedere ai giovani quanto fossero porche e avide di cazzi. In quel momento Luca potè notare, dietro di loro, il cane Boris guardarlo fisso, coda scodinzolante con in bocca un fungo enorme.

Questo racconto di è stato letto 3 9 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.