Erotici Racconti

Notte

Scritto da , il 2016-11-27, genere etero

Se c’è una cosa che odio è il silenzio.

Non fraintendetemi, la quiete piace a tutti. La pace, la libertà di fare ciò che si vuole, come e quando si vuole. Il mio sole sono io.
Ma nella mia nuova casa di silenzio ce n’è anche troppo. Soprattutto di sera, di notte. Non ci sono rumori. Non c’è mia madre che guarda la televisione a letto, in vestaglia, finalmente rilassata e con gli occhiali, quegli occhiali che guai a metterli in pubblico! Sembra una mamma come tutte le altre, senza le perle, con i capelli sciolti. Non c’è mio padre che lavora al pc nel piccolo studio. E’ ancora vestito, ha solo tolto la giacca e allentato la cravatta. Sta troppo vicino allo schermo, lo guarda corrucciato, gli si formano quelle buffe rughe sopra il naso, tra gli occhi. Non c’è mia sorella che guarda l’ennesima serie tv al pc, sdraiata sul letto a mangiare schifezze. Beata lei, che mangia e non ingrassa.

Sono quei suoni, quei rumori, quel calore che a volte mi manca. La mia casa, il mio porto sicuro nella tempesta. Milano, la sua vita frenetica, l’indipendenza, le serate alla moda, il lavoro così stimolante sotterrano la mancanza, ma non del tutto.

Non mi piace dormire sola. Mi rigiro spazientita nel letto e mi scopro. Ho freddo? Mi ricopro. Ho caldo? Sto impazzendo!
Cammino verso il frigorifero, lo apro incerta. Ho fame? Non è fame. E’ inquietudine.
Vado in bagno, mi sciacquo il viso e mi guardo riflessa nello specchio. L’acqua fresca non mi aiuta a pensare lucidamente, le gambe mi riportano in camera. Agisco in automatico, guidata dall’impulso.

Prendo il telefono, è quasi l’una. Ma non mi importa. Compongo il suo numero e avvio la chiamata. Uno, due, tre, quattro squilli. Finalmente risponde, è sveglio per fortuna.

- Puoi venire qui? Adesso?

Non gli do neanche il tempo di dire pronto.

- Ehi Bene, ciao anche a te. Che hai piccola? Mi stavo mettendo a letto.

Stavolta non glielo domando.

- Vieni da me.

Attacco. Aspetto. So che verrà.

Passeggio nervosa su e giù nel corridoio del mio piccolo appartamento. Mi mordo le unghie, un terribile vizio che ogni tanto ritorna. Mi sento le mani formicolare, mi massaggio il viso, il collo. Aspetto impaziente. Mi accovaccio e prendo la testa tra le mani.

Dove diavolo sei? Perché ci vuole così tanto?

Il campanello mi desta dai miei pensieri, mi alzo di scatto e mi precipito ad aprire.

Non lo lascio nemmeno entrare. Gli corro incontro e mi butto addosso a lui. Lo bacio affannata, cercando di trovare l’ossigeno nella sua bocca. Glielo rubo, ingorda, gli porto via l’aria per poter respirare di nuovo. Sono scalza e in punta di piedi, aggrappata al suo collo, gli passo le mani tra i capelli, spettinandolo. Odio tutto quel gel, preferisco la chioma ribelle. Non chiudo gli occhi mentre lo bacio, sono fissi nei suoi. La mia scintilla, il mio fuoco si specchia nel suo. I miei occhi verdi, torbidi, scuri, si sciolgono nel caldo rassicurante dei suoi così caldi, marroni, intensi, quasi dorati.

Con le mani mi stringe la vita, mi attira a sé con la stessa disperazione con cui lo sto baciando... e la mia leggera sottoveste è a terra in un attimo.

Non mi stacco da lui.

Camminiamo goffamente verso la mia camera mentre sento le sue mani forti frugarmi dappertutto. Il mio corpo nudo e bollente struscia contro i suoi vestiti freddi e umidi, ho la pelle d’oca. Sentire il seno contro la sua giacca di pelle nera mi fa rabbrividire, ho i capezzoli turgidi e lui non esita a pizzicarli forte tra le dita.

Le mie mani corrono alla sua cintura, a tentoni la slacciano. Combatto con i duri bottoni dei jeans, finchè non apro anche quelli. Mi stacco a fatica da lui, cadendo rovinosamente in ginocchio a terra. Siamo immersi in una quasi completa oscurità, incapaci di raggiungere il mio letto. Porto entrambe le mani ai suoi slip gonfi, toccando e stringendo forte la sua erezione. Lo libero anche dell’ultimo strato di stoffa che mi separa dal suo cazzo. La prima cosa che mi colpisce è il suo odore magnifico. E’ autentico, sa di pulito, di uomo. Non di profumazioni artificiali. E mi piace.

Sono i sensi a condurmi mentre inizio a leccare la sua possente erezione, senza l’ausilio delle mani. Quelle sono a stringere le sue natiche dure. Mi piace palparle, mi piace sentirle contrarsi ad ogni vibrazione causata dalla mia lingua sul suo sesso. Faccio scorrere la sua lunghezza tra le mie labbra umide, è così teso, impaziente come me. Lo accolgo il più possibile nella mia bocca umida, sento le sue gambe scosse da piccoli tremiti.

Per lunghissimi istanti il silenzio è rotto solo dai suoi pesanti sospiri e dal suono delle mie labbra e della mia lingua che non gli danno tregua. Continuo a dedicarmi al suo cazzo in tensione, ricoprendolo di saliva e succhiandolo forte. Intensamente. Gli accarezzo i glutei e le gambe muscolose, le mie dita scorrono tra i buffi riccioli di pelo nero.

Si ritrae bruscamente da me solo per inginocchiarsi a sua volta. Riesco a vedere solo la sagoma del suo volto gentile, è così vicino a me, al mio viso. I nostri nasi sembrano sempre sul punto di toccarsi, sento il suo respiro affannato contro di me. La sua mano si insinua tra le mie cosce nude, mi accarezza la fica, premendo il palmo della mano su di essa. Ad ogni suo tocco il mio corpo sussulta, bramoso ed esasperato. La sua mano è lì, instancabile ed inesorabile. Inizia a penetrarmi con forza, portandomi l’altra mano al collo. Mi immobilizza così, facendomi godere a un centimetro dal suo viso.

Forzo la sua stretta gettandomi contro di lui, arrivo al suo viso con i denti, mordendogli le labbra, il mento ispido di barba. I miei gemiti sono urla strozzate, la sua mano non smette di scoparmi. E’ passione, rabbia. E’ un contatto disperato, forte, prepotente. La sua mano al collo mi stringe e mi fa male ma non importa, non posso resistere un minuto di più. Gli faccio capire le mie intenzioni impugnando di nuovo il suo cazzo, stringendolo. Mi sposta senza smettere di masturbarmi, anzi, i suoi affondi si fanno via via più brutali mentre mi fa mettere a quattro zampe.

Le sue dita vengono immediatamente sostituite dal suo cazzo, che finalmente posso sentire dentro di me, avvolto dalla mia fica eccitata e tremendamente umida. Ancorandosi al mio bacino mi sbatte a sé con violenza disumana. Sento la vista annebbiata e un forte ronzio nelle orecchie, le cosce sono scosse da tremiti violenti, tutto il mio corpo è in tumulto. Cerca di contenere quell’intruso così invadente, così eccitante, così infiammato. Tento di reggermi alla piccola libreria vicino a me, facendo cadere alcuni libri e il cordless.

Mi prende, afferrandomi i seni, stringendomi, mi fa sedere sopra di lui, la mia schiena è contro il suo viso. Lo sento leccarmi la schiena, mordermi tra le scapole, lo sento inspirare il mio odore. Godo di tutta la lunghezza del suo cazzo, non mi lascia scampo e continua a farsi strada dentro di me. Mi tortura ulteriormente insinuandomi una mano tra le cosce, sollecitandomi il clitoride sensibile ed eccitato.

Il mio orgasmo esplode forte e incontrollato, liberatorio, viscerale. Non finisce mai. Mi fa chiudere gli occhi e gridare forte il nome del mio amante, più e più volte, finchè la mia voce non si riduce ad un sussurro languido, quasi impercettibile. Crollo a pancia in giù, sdraiandomi sul freddo pavimento.

Lui si adagia sopra di me, sento il suo peso premere contro il mio corpo ancora scosso dall’orgasmo. Lo sento penetrarmi ancora, farsi di nuovo strada dentro di me, allargandomi le gambe e reggendosi alle mie spalle. La sua furia cieca si scatena di nuovo, riprende a scoparmi con ancora più impeto e decisione, ora accarezzandomi la schiena, ora palpandomi forte il sedere.

Un ultimo affondo, secco e potente, e anche lui si lascia andare ad un orgasmo altrettanto sfibrante ed intenso. Gode rumorosamente, accasciandosi su di me, gemendo con il viso immerso nei miei capelli.
Dopo un tempo infinito in cui siamo rimasti così, senza muoverci, con lui ancora dentro di me, finalmente i nostri respiri si calmano, smettiamo di sudare e ansimare. Sento un pace indescrivibile pervadermi, un senso di quiete, calore, sicurezza. Non posso permettere che questa sensazione cessi da un momento all'altro, non lo sopporterei.

Riesco a dire finalmente qualcosa. Mi trema la voce.

- Non te ne andare...

Questo racconto di è stato letto 3 4 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.