Erotici Racconti

Benedetta - La stagista odia il capo

Scritto da , il 2016-11-05, genere etero

Benedetta lavora come stagista per Alberto da poco. Lui, brillante avvocato sulla cinquantina, egocentrico e maschilista. Lei, neolaureata in giurisprudenza avvenente e sagace. I loro scontri sono iniziati sin dal primo giorno di Benedetta. Alberto le riserva mansioni da segreteria, trattandola con sufficienza.

“Una come te dovrebbe fare la modella o la velina, non l’avvocato”. Questa è una delle tante battute sprezzanti che Alberto le aveva rivolto. Nonostante Benedetta vestisse sempre in maniera professionale, sempre con il tailleur gonna o pantalone, le sue curve vertiginose non potevano essere nascoste facilmente.

Durante le riunioni la faceva puntualmente alzare per andare a prendere il caffè a tutti. Benedetta aveva incassato, lavorando il doppio degli altri per cercare di farsi notare. Sopportava tutto, dai risolini degli altri stagisti, tutti uomini, sia sbrigare i compiti da assistente che non le competevano. Ma essere sottovalutata le pesa moltissimo, la umilia, la fa sentire screditata e sottovalutata. Le fa rabbia, una rabbia che non riesce a contenere e che le fa salire le lacrime agli occhi. Ha il terrore di piangere in ufficio, davanti a tutti. Fare la figura della donnetta la spaventa a morte, perciò corre in bagno, cercando di riprendersi silenziosamente. Avrebbe potuto iniziare a lavorare da subito nello studio di suo padre, ma aveva scelto la strada più difficile, buttandosi nella fossa dei leoni. “Figlia di papà” era uno dei tanti commenti rivolti al suo indirizzo. Questo suscitava l’ilarità generale degli altri stagisti. Facevano di tutto per non farla sentire al loro pari, chiamandola amore o zucchero, qualcuno le rifilava anche degli schiaffetti sul sedere. Ma Benedetta non si scoraggiava neanche di fronte a questo, lavorando il doppio di loro, era la prima ad arrivare e l’ultima ad andarsene, fiduciosa che i suoi sforzi un giorno sarebbero stati ripagati. Era da tempo abituata alle battutine impertinenti, già dai tempi della scuola. E poi lei voleva il rispetto del suo capo, non di quegli idioti. Ha provato diverse strategie, prima assecondandolo poi affrontandolo. Non ha mai piegato la testa davanti ad Alberto, arrivando a rispondergli e ad accendere interminabili discussioni, dove lui torreggiava dietro la sua scrivania e lei cercava di restare seduta, torturandosi le mani.

Ma quella sera Benedetta non è riuscita a rimanere seduta. Si è alzata e ha urlato, forte. Lo chiama stronzo, pezzo di merda, con i capelli sconvolti e le guance rosse. Lui la guarda con aria di sfida, fumando la solita sigaretta. Le si avvicina minaccioso, la afferra per i capelli, tirandole la testa all’indietro scoprendole il collo. Le è addosso in un attimo. Finalmente Alberto ha quello che voleva. Ha Benedetta. E' lì, tra le sue braccia. La tocca incredulo, eccitato, bramoso. La sua stagista così impertinente, saccente, tremendamente provocante. Con la lingua calda e ruvida le percorre il collo, il mento, dietro le orecchie. Inspira profondamente il profumo di Benedetta, le mani le palpano audaci i seni. Lei si divincola, inizialmente turbata. Sente l’alito di fumo che tanto odia. Cerca di respingerlo ma le mani di lui le stringono i polsi esili, impedendole di allontanarlo. Riesce a sputargli, colpendolo in pieno viso. Per un attimo Alberto si ferma, infuriato. La guarda, i suoi penetranti occhi scuri squarciano i limpidi occhi verdi di Benedetta. Li inceneriscono. Si guardano per una manciata di interminabili secondi.

Non sa nemmeno lei come, ma ora è Benedetta a baciare lui, con ancora più foga. Lo bacia disperatamente, sentendo le mani muoversi da sole, si ritrova ad artigliargli i capelli folti e grigiastri. Le mani di Alberto continuano ad affondare avide nel suo corpo, violando la sua intimità. Le percorrono la schiena e le palpano con forza il sedere. Sente il suo respiro affannato in bocca, l’odore del fumo che odia con tutta se stessa. La barba ispida le pizzica le guance delicate, arrossandole. Il rossetto oramai è ovunque, tranne che sulle labbra di Benedetta. Si abbandona tra le sue braccia forti, avvinghiandolo con una gamba. Alberto le strappa la camicetta, facendo saltare tutti i bottoni, le afferra i grandi seni facendoli uscire fuori dal reggiseno di pizzo nero. Li colpisce, schiaffeggiandoli e arrossandoli, li strattona con forza. Le torce i capezzoli in maniera crudele facendola gemere di dolore, mentre lei con la manina afferra la sua imponente erezione, che preme fremente contro i pantaloni.

Tra loro non esiste affetto, non esistono carezze, coccole. Non esiste amore. Non c’è riguardo, non c’è rispetto né per se stessi né per l’altro. C’è solo fame, rabbia, odio, disperazione. I baci non sono baci, sono morsi voraci. Le carezze non sono carezze, sono unghie nella carne. I loro sospiri non sono dolci, sognanti. Sono grugniti, gemiti, di dolore mischiato a perversione. L’amore non è amore. E’ odio.

Alberto la afferra di peso e la adagia sul divanetto dello studio. Le prende i bordi della gonna, sfilandogliela. Si eccita ancora di più alla visione delle autoreggenti e del tanga di Benedetta. La fa inginocchiare, ammirando le sue chiappette nude. Benedetta lo sente aprire la zip dei pantaloni e abbassarli. Dalle mutande di Alberto spunta un cazzo molto grande, arrossato e fremente. Sente l’eccitazione pervaderla, sente il bisogno che quel cazzo la violi completamente. Si ritrova a volerlo. E’ alla pecorina sul divano del suo capo, con le tette di fuori, i vestiti a brandelli e la fica colante, in attesa del cazzo della persona che lei odia con tutta se stessa. Ma non le importa, vuole solo sentirlo. Alberto si lecca una mano e gliela passa tra le cosce, il solo contatto con l’intimità di Benedetta lo manda fuori di testa. Si concede un secondo per osservarle la figa aperta. Non resiste ad inginocchiarsi davanti ad essa e a succhiarne le labbra succose. Ne raccoglie gli abbondanti umori con le mani per passarli lungo il suo cazzo duro, lubrificandolo. Ancorandosi al bacino di Benedetta le affonda dentro in un solo movimento, rapido, secco, esigente. Inizia a colpirla forte, intensamente, a fondo. Il suo bacino sbatte violentemente contro il sederino morbido di Benedetta che geme, godendo. Si scopano a vicenda, come due animali in calore, grugniscono entrambi, andandosi incontro con i movimenti del corpo. Alberto la schiaccia con tutto il suo peso sul divano fottendola come un indemoniato, mentre con le mani cerca di contenere i grossi seni penzolanti di Benedetta. Lei geme senza ritegno, il dolore e il piacere le annebbiano la vista. L’amplesso è breve, ma talmente carnale da far raggiungere uno sconvolgente orgasmo ad entrambi. Alberto riversa tutto il suo piacere nella fica di Benedetta, sconquassata da quel cazzo così grande. E’ aperta e lucida, riempita dai suoi umori e da quelli di Alberto. Lui torna a toccarle la fica, inzuppandoci anche le dita. Le porta alla bocca di Benedetta, facendole leccare i loro piaceri mischiati prima dalle sue dita, poi dal suo cazzo ancora duro. Lei lo lecca vogliosa e sensuale, giocando con la lingua. Se lo porta in bocca e lo succhia, mentre muove la lingua frenetica lungo tutta l’asta. Una volta finito Alberto si rialza i pantaloni, si sistema la giacca ed esce dall’ufficio senza neanche guardarla, senza una parola, un cenno. Nulla.

Benedetta si rialza a fatica, con le gambe tremanti. Si sente sudata e sporca dei loro fluidi. Cerca di ricomporsi, raccogliendo quel che rimane dei suoi vestiti da terra.

Questo racconto di è stato letto 7 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.