Vicina di casa

Scritto da , il 2010-11-14, genere etero

Ormai mia moglie e` tornata dal suo ex e una o due volte al mese mi telefona per dirmi che tutto va bene e s`informa della mia salute. Non sono piu` arrabbiato con lei e le voglio ancora bene basta che mi stia lontana. Le sono grata per tutte le emozioni che mi ha fatto provare e per il piacere che per cinque anni ha riempito la mia vita e mi ha svuotato le palle. Detto tra noi di lei non sento la mancanza. Anche se so benissimo che una troia come lei non la incontrero` piu` ma, forse per l`eta`, credo che non ne abbia bisogno. Mi sono portato in casa un paio di ragazzi che riempiono con gioia le mie notti oltre a riempire la mia bocca vorace. Un regalo che senza volerlo mi ha fatto mia moglie sono le sue amiche e conoscenze che continuano a frequentare la mia casa colla scusa di chiedermi notizie di lei. Tra queste ce n`e` una che mi e` particolarmente simpatica sebbene sia molto avanti cogli anni. Si chiama Elena ed ha settantadue anni, capito bene, settantadue anni. Un giorno e` stata morsa da un cane essendo lei entrata in una proprieta` privata non badando al cane di guardia. Quando mi ha mostrata la coscia fasciata sopra al ginocchio mi sono eccitato nel vedere il merletto delle mutandine bianche coi peli che tracimavano. Io alla vista dei peli impazzisco e da allora ho incominciato a vedere Elena con altri occhi. La poverina e` vedova da ben ventitre anni e sulla astinenza l`abbiamo presa in giro sia io che mia moglie e lei ridendo ha confessato che ormai il buco si e` richiuso. Le capita spesso di passare davanti casa mia ed appena le galline fanno le uova me le vende. L`altro giorno stavo proprio pensando a lei quando la vedo comparire da lontano ed aspetto che si avvicini per invitarla a bere un caffe`. Elena e` magra, piccolina minuta senza seno e senza culo ma ha i baffi. Sul labbro superiore fanno bella mostra dei baffi neri e lunghi che mi fanno immaginare chissa` quale foresta di pelo inguinale. Ah, dimenticavo, ha la bocca di un neonato prima che gli spuntino i dentini da latte. Elena mi fa cenno da lontano di aprire il cancello ed infatti porta una busta con dentro una decina di uova fresche. Elena e` mamma di tre uomini che hanno fatto dei lavori nel mio giardino e coi quali ho istaurato un rapporto confidenziale al punto che uno di essi, Nicola il piu` giovane ed anche il piu` bello, durante l`estate e` rimasto spesso a chiacchierare in veranda con mia moglie mentre io, stanco, andavo a letto colla speranza di vederli entrare abbracciati e fare all`amore. Invece Nicola e`timido ed e` stato sempre corretto, almeno a quanto mi ha detto mia moglie. Per questo anche con Elena si e` istaurato un rapporto amichevole per cui quando la invito per bere un caffe` accetta ed entra in casa. Mi chiede di mia moglie ed io le dico che ci siamo separati ma lei non mi crede per cui le mostro la patta gonfia perche` ne sento la mancanza. Lei osserva senza emozione la mia erezione e mi dice che in paese ci sono parecchie donne pronte a prendere il posto vacante. Aspetto che beva il caffe` quindi le passo dietro ed infilando le mani nella scollatura le confesso che la donna che vorrei somiglia a lei. Scoppia in una risata e mi chiede cosa sto cercando ed infatti non stringo altro che pelle moscia con due bottoncini appena accennati e duri, che presumo siano i capezzoli. Continua a ridere divertita e lascia che li scopra, infatti la pelle raggrinzita somiglia ad un pallone bucato. E` floscia e` flaccida ma io sono eccitato lo stesso. Le mostro il cazzo che spinge nelle mutande e lei ride ancora di piu`. Le chiedo di dirmi in confidenza se una donna della sua eta` abbia ancora pulsioni sessuali e la poverina mi confessa che neanche si ricorda piu` di avere una vagina. Le dico che conosco donne ben piu` avanti cogli anni che fanno sesso a tutto spiano e candidamente mi dice che le considera delle povere mentecatte. Si e` alzata per andare via quando la stringo tra le braccia e faccio per baciarla in bocca. I seni sono ancora esposti e quando spinge indietro la testa per evitare il contatto delle labbra gliene prendo uno e lo succhio. Lei ride colla testa indietro e mi lascia fare. Le stritolo l`altro capezzolo tra le dita e spingo contro il bacino la mia erezione. Non si allontana, allora deduco che in fondo, come tutte le donne, e` curiosa e le piace essere desiderata. - Ti voglio leccare tutta, voglio leccarti la fregna....Scoppia in una sonora risata e colle lacrime agli occhi mi dice che prima devo tirar via le ragnatele. Le prendo la testa e le stampo un bacio sulle labbra e premo al punto che e` costretta ad aprirle e finalmente incontro la sua lingua che mi aspetta vogliosa. Il bacio e` passionale e quando sento la sua bocca arida perche` le ho succhiato tutta la saliva le lecco i baffi sul labbro superiore mentre gemo e sbuffo. Appena allontana la testa mi fissa negli occhi e con un mezzo sorriso mi chiede cosa voglia da lei. Slaccio la cintura e scalcio lontano pantaloni e mutande e col cazzo ritto le confesso che io non chiedo nulla ma e` lui che ha bisogno di una donna sensuale come lei. Che abbia detto una stronzata l`ho capito da come si e` piegata per le risate. Ne ho approfittato per farle poggiare il busto sul tavolo della cucina le sono passato dietro e mentre si scompiscia dalle risate le sollevo la gonna e cavo le mutande. Lei stringe le cosce e tra gli scrosci di risa cerca di dirmi di lasciarla in pace perche` di sesso non ne ha bisogno oltre a non ricordare neanche come si fa. Tremante per le risa ha aperto le gambe e quando ho forzata la vagina in effetti stretta e sono riuscito a penetrarla si e` calmata di botto e mi ha chiesto se sono matto. Ormai sono dentro e lei non parla piu`. Anzi, non fiata nemmeno tutta attenta a godere dell`attrezzo che le ravana le viscere. Mi trattengo dal godere perche` voglio gioire a lungo questo momento. Elena e` puntellata sul tavolo e quando esco dal suo corpo e mi inginocchio tra le gambe e sente il viso forzare per entrare tra le gambe le allarga ed abbassa il bacino perche` colla lingua le entri piu` in fondo possibile. Ha una fica calda con uno strano odore di stantio, come di un locale senza finestre. Come avevo immaginato i lunghi peli, quasi tutti grigi, scendono come il pizzetto di una capra e le fanno corona al buco del culo. Li succhio e le titillo il forellino mentre si scioglie e mi confessa che le piace e che mai nessuno le ha leccata le pieghe intime come faccio io. La prendo per mano e la trascino in camera. Ho cura di chiudere le persiane perche` immagino che vederla nuda non e` uno spettacolo eccitante e con un filo di luce la spoglio. Si lascia fare ed una volta nuda la stendo sul letto e le salgo sopra. Ansima geme sbuffa e sento arrivare il suo orgasmo. Orgasmo che non sentiva da quasi un quarto di secolo. Quando faccio per uscire mi trattiene ma appena le dico che voglio leccarla ancora mi lascia andare, le piace, la troia. D`altronde son convinto che la donna e` donna anche avanti cogli anni. Il problema e`trovare l`uomo che abbia il coraggio di godere di un corpo flaccido cadente spelacchiato. Nel buio sento il suo profumo la sua eccitazione e per un tempo interminabile lecco i buchi e lei gode come mai in vita sua. Sento le rughe sulla pelle dei glutei succhio le borse vuote dei seni mastico i capezzoli stranamente duri benche` minuti e quando la bacio in bocca mi succhia la lingua con avidita`. Mi metto supino e la trascino su di me e la poverina mi cavalca gridando il piacere che mai si sarebbe sognata di provare ancora. Le strappo i peli arruffati della fica e appena le infilo un dito nel culo sborro e trovo il piacere a mia volta. Le piace sentire il cazzo ritto scivolarle dentro. Mi sembra di aver compiuto un`opera buona, ho dato un momento di felicita` ad una povera donna e l`ho fatta sentire ancora femmina. L`attiro fino a che mi mette la fica sulla faccia e succhio il mio seme che trattengo in bocca. Ha un gusto strano misto al suo umore. La spingo sul cuscino le monto sopra e le svuoto in bocca la sborra che riempie la mia. Quando si accorge di cosa sto facendo cerca di allontanarsi ma me lo aspettavo per cui le trattengo con forza la testa e la costringo a permettere il travaso. Tengo la bocca incollata alla sua fino ache mi accorgo che ha ingoiato tutto, ed appena mi allontano sputa schifata mentre inveisce. Ma ormai una parte e` nello stomaco. Mi ingiuria e cerca di evitare il cazzo che le sto spingendo in bocca per pulirlo. Proprio non vuole. Pero` quando le lecco ancora la fica mi accetta ed apre le gambe ma io pianto li` e le ricordo che per avere piacere bisogna anche darne. Mi confessa, come gia` sapevo che mai nessun uomo le ha mai leccate le pieghe intime e che mai si sarebbe aspettata di godere ancora. Le prometto di invitarla ancora in casa anche perche` vorrei penetrarla nell`altro canale. Candidamente mi confessa che era la strada preferita da suo marito. E io che mi aspettavo di trovarla vergine da quella parte. Finalmente si riveste e mi lascia con un sorriso che mostra in pieno le gengive rosse e sulla porta mi lancia un bacio promettendo che presto verra` a trovarmi. Non c`e` nulla da fare, una volta trovato l`osso nessuna cagna lo molla piu`.

Questo racconto di è stato letto 9 3 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.