I segreti di Silvia

Scritto da , il 2016-10-18, genere voyeur

Vidi per la prima volta Silvia ad un matrimonio. Era settembre inoltrato, aveva appena smesso di piovere e l'aria pungeva. La cerimonia era stata pesante e spocchiosa, con tutti quei fiori e la boriosa omelia.
La intravidi all aperitivo, con un abito a tubino nero, capelli sciolti neri, labbra avvolte in un rossetto rosso rubino e sandali con tacco. Non rideva molto, ma era molto attenta alle conversazioni. Tra le risate fatue delle sue amiche, Silvia si girò e incrociò il mio sguardo: subito il suo magnetismo mi catturò, incominciai a fluttuare nel vortice della sua presenza, subito fui ostaggio dei suoi occhi scuri e profondi come un mare accarezzato dai venti. Iniziò la cena. Destino volle fosse seduta ad un tavolo di fronte al mio. Non riuscivo a staccarmi da lei. Fissavo i suoi capelli dondolare sulle spalle, con gli occhi seguivo la forchetta che si poggiava su quelle labbra carnose; guardavo la sua eleganza, le sue gambe affusolate che si accavallavano: morivo dalla voglia di sfiorarle. Il mio desiderio cresceva: avevo fame di lei, della sua carne. Di fianco a me alice continuava a parlarmi del suo gatto e intanto mi sfiorava con il piede: erano anni che ci provava con me, dopo una mezza scopata da ubriachi. Desideravo Silvia, bramavo e la voglia di lei offuscò ogni mio pensiero: la fissavo e la sentivo vibrare dentro di me, nel mio petto, nella mi pancia. Mi feci sotto con la sedia, le gambe di Alice mi sfioravano, io le afferrai la mano e la misi tra le mie gambe: lei stupita iniziò ad accarezzarmi sotto la tovaglia, io bevevo e fissavo Silvia. Alice sentiva il mio piacere tra le dita, ma io sognavo Silvia, sognavo le sue mani, le sue cosce. Alice sentiva il mio sesso sempre più duro ed iniziò a toccarlo più forte mentre nel frattempo parlava con la madre della sposa; con le due dita abbassò la zip ed infilò la mano: iniziò a premere con il palmo sulla punta, sopra gli slip. Silvia si girò verso di me e vide subito la mia espressione: si accorse subito del piacere sul mio volto. Inclinò la sedia e si mise a guardarmi con un mezzo sorriso enigmatico. Silvia si accorse di tutto e rimase lì a guardarmi mentre Alice mi toccava.Silvia di scatto si alzò e si diresse all interno. Subito tolsi la mano di Alice dai miei pantaloni e mi precipitai dentro. Era un casale molto antico e tra il via e vai dei camerieri mi inoltrai in queste stanze piene di arazzi e oggetti antichi. Cercavo Silvia disperatamente in ogni luogo: i miei occhi erano disperati e la mia fronte madida. Andai verso il vigneto, con il cuore che mi scoppiava. Tra gli alberi intravidi un casolare e corsi verso di esso. Il casolare era fatiscente e ricoperto di foglie rampicanti, provai a tirare la porta ma era sbarrata. Feci il giro sul retro, tra le foglie rossastre trovai una finestra con un vetro rotto, spostai le foglie e vidi. Vidi Silvia su una vecchia sedia a dondolo, con la gonna alzata, inginocchiata di fronte a lei vi era Cristina, la sorella e testimone della sposa. Cristina era sulle ginocchia con il capo chino tra le gambe di Silvia che con il piede destro puntava il tacco del suo sandalo nella schiena di Cristina. Cristina era aggrappata alle cosce di Silvia, le sue dita vi affondavano dentro e la sua testa si dimenava alla mercé di Silvia, che la teneva per i lunghi capelli castani e le spingeva il viso verso il suo sesso. I gemiti di Silvia si disperdevano tra quelle vecchie mura, mentre inarcava il bacino verso la bocca di Cristina che la stava assaporando con avidità con il viso spinto dalle frementi mani di Silvia. Le cosce di Silvia sormontavano le esili spalle di Cristina e stringevano la testa di lei in spasmi di piacere. Io ero pietrificato e al tempo stesso proiettato una galassia, le gambe iniziarono a tremarmi e sudori freddi scorrevano lungo la mia schiena. Noi riuscivo a staccare gli occhi da quella scena pregna di passione. Tenevo gli occhi spalancati ma ad un tratto sentii un fruscio tra i cespugli: Alice mi aveva seguito. Ignara di quel che stava accadendo mi abbracciò da dietro, ma subito anche il suo sguardo cadde sul contorcersi di quei corpi. Anche lei si bloccò e rimase immobile, non disse una parola, poi allungò la testa verso il pertugio per vedere meglio: la curiosità prese il sopravvento. Alice fu ammaliata dai forti gemiti delle due ragazze e sentii il suo respiro farsi affannoso: le sue mani mi scesero sul petto e poi velocemente scivolarono verso i pantaloni. Alice incomincio a toccarmi sopra i pantaloni in maniera quasi compulsiva: l'eccitazione che crebbe in noi zitti tutto il resto. Alice stringeva forte il mio sesso che era già duro come roccia, poi con arroganza abbassò la cerniera ed entro con la mano: in un istantaneo gesto me lo tirò fuori ed incominciò a segarlo. Vedere Cristina che mangiava il sesso di Silvia mentre alice mi masturbava fu come condurmi al nirvana: iniziai a provare un intenso piacere, anche io iniziai ad ansimare e attirai l'attenzione di Silvia, che mi vide dal pertugio. I nostri sguardi si incrociarono e la sua espressione di piacere per un attimo muto in un subdolo sorriso quasi di sfida: quando Silvia mi vide inarcò ancor di più il bacino, spinse la testa di Cristina tenendola per i capelli e i gemiti si trasformarono in urla. Mentre Cristina continuava a leccarla, Silvia volse il viso verso di noi e iniziò a fissarci mentre godeva: la nostra presenza le dava più piacere ed era ben consapevole che l'eccitazione aveva rapito anche me ed Alice. Quelle forti emozioni accesero in me un istinto primitivo, animalesco: presi Alice e la spostai davanti a me, le alzai il vestito, con le dita spostai gli slip e spinsi il mio pene dentro di lei. Il pene era durissimo e lei fradicia quindi entrai senza alcuna difficoltà. Incominciai a spingere come un tono di violenza stringendole i fianchi: iniziai a scopare Alice da dietro come se volessi romperla, mentre i nostri sguardi erano fissi sul gioco delle ragazze. Cristina staccò la faccia dal sesso di Silvia e prese fiato, Silvia perpetrava il suo piacere toccandosi con le dita. Cristina si alzò, divaricò le gambe e andò verso il viso di Silvia che rimase seduta. Cristina offri così il suo sesso a Silvia, che la afferrò per le cosce e la portò verso di se, alzo leggermente lo sguardo ed infilò la sua lingua dentro Cristina, che da subito si mise ad implorare dio. Silvia si ancorò alle muscolose cosce di Cristina ed incominciò a farla godere, ma dopo alcuni istanti i gemiti di Cristina rievocarono la vorace voglia di piacere di Silvia, che mentre muoveva la sua lingua dentro Cristina, fece scivolare una mano verso la sua fica ed iniziò a massaggiarsi il clitoride. Cristina ansimava quasi disperatamente, mentre i gemiti di Silvia erano soffocati dalla carne calda di Cristina. Io inizia a spingere più velocemente ed anche Alice incomincio a far sentire il suo piacere così con la mano le presi la faccia ed inizia a stringerle la mandibola che teneva spalancata, poi le infilai due dita in bocca che lei in preda all estasi iniziò a succhiare. In quello spazio nascosto dimenticato da dio nacque così un torbido gioco perverso che tutti e quattro conducevamo con sincronia. Il piacere si fece unico ed intenso, quando fu spezzato da una voce che richiamava tutti gli invitati per il taglio della torta. Io ero in dirittura di arrivo, diedi gli ultimi colpi e poi venni copiosamente tra le gambe di Alice. Silvia e Cristina si ricomposero, io mi allaccia i pantaloni e tutti e quattro senza dirci una parola tornammo ai tavoli.

Questo racconto di è stato letto 8 7 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.