Io e la mamma incesto infinito 12 - Ho messo incinta la mamma e la Giovanna

Scritto da , il 2016-10-12, genere incesti

Come concordato approfittammo di ogni occasione per accoppiarci, io e la mamma, io e la Giovanna, punto fermo sborrare nella figa, volevano ad ogni costo che io le rendessi pregne.
Intanto si avvicinava il Natale e, anche in questo frangente ebbi modo di farcire con la mia sborra la figa della mamma.
La vigilia di Natale ero in camera mia ad oziare, quando sentii mio padre parlare con la mamma:
"Allora stasera a cena avremo i tuoi genitori, così passeremo una bella serata"
"Si come tutti gli anni, solo vorrei che tu non andassi al bar, perchè torneresti ubriaco, come sempre, perchè non porti i ragazzi a fare un giro per il paese, così si svagano un po, e poi sono sicura che sarebbero felici di stare con il loro papà"
"Va bene amore, quest'anno faccio il bravo, prendo Marco e Rachela e andiamo a passeggio, Angelo no, lui si annoierebbe e poi, magari a qualche puttanella con la quale preferisce stare, se è come il padre vorrà intingere il biscotto in qualche fighetta"
"Non essere volgare Angelo è un bravo ragazzo, può anche essere che abbia, come dici tu, qualche fighetta, o magari figona, nella quale intingere il suo biscotto, avrà anche il diritto di farlo ormai è un uomo"
"Certo certo, no ti arrabbiare, te lo lascio stare il tuo cocchino, ciao amore ci vediamo più tardi"
"Vai fuori dai piedi debbo stendere la sfoglia per il cenone, tornate più tardi possibile, cosi sto tranquilla e stasera ci saranno tante cose buone in tavola"
Così il papà chiamò i miei fratelli e uscirono, io attesi qualche minuto e scesi in cucina.
"Ciao mamma; Sei indaffarata?"
"Con le mani si Angelo, ma tu non vuoi le mie mani; Vero furbacchione?"
"Veramente no mamma, le tue mani non mi servono"
"E cosa ti serve?"
"Quello che hai sotto la gonna"
"Accomodati e tutto a tua disposizione, serviti pure, oltre tutto è la posizione che preferisci, vuoi starmi sempre dietro"
"E' per rispetto mamma, prima le donne"
"Si raccontala giusta e, che cosi, me lo infili tutto, fino alle palle, maialino depravato"
"Vero troione mio, mi piace fotterti alla pecorina, anche cosi è uguale; Posso mammina?"
"Certo Angelo mio, fottimi pure, fottimi tutta, fottimi fin quando vuoi, ma vienimi in figa"
"Ecco mamma adesso te lo metto, tu continua a far la sfoglia, stendila bene, ma sei una troia, anche oggi non porti le mutande"
"Certo amore, perchè metterle, se sono d'impiccio"
"Brava così sei più eccitante, adesso ti scopo e ti farcisco la figa, ecco prendilo"
"Cavolo, spingi piano, così mi rompi e, non riesco a stendere la sfoglia, per poco non mi cadeva il mattarello"
"No mamma non farlo cadere, al massimo lo mettiamo in un astuccio"
"Porco schifoso; Stai mica pensando di mettermelo in figa?"
"Perchè no, c'è entrata la zucchina, ci entrerebbe anche il mattarello"
"No Angelo, adesso no, un'altra volta magari e, comunque fin quando non mi metti incinta dovrai mettermi sempre e solo il tuo cazzone"
"D'accordo mamma, ma avanzi un mattarello in figa"
"Cristo come sei maiale, non resisto sto venendo, vieni anche tu, riempimi la figa con la tua sborra"
"Ecco mamma, ci sono, ti sborro nella figa"
"Grazie Angelo, adesso passerò una dolce vigilia"
"Anch'io amore mio"
Così dopo aver scopato la mamma feci un bagno e mi preparai ad uscire, in attesa del cenone, uscito in strada, non avendo una meta precisa dove andare, mi soffermai davanti casa, alzando gli occhi vidi alla finestra, di casa sua, la Giovanna, la quale mi fece cenno di raggiungerla, andai verso la sua porta che lei apri facendomi accomodare.
"Ciao Angelo; Dove stai andando?"
"Da nessuna parte in particolare"
"Vuoi il caffè?"
"Volentieri; Tuo marito dov'è?"
"Al solito posto, al bar"
"Allora sei sola, vuol dire che ti facciamo compagnia noi"
Così portai la mano sulla patta e sporsi l'inguine per fargli notare il bozzo.
"Si che bello, così non mi annoio"
"Tranquilla con me e lui non ti annoi di sicuro"
Le misi le mani sul culo e la strinsi a me baciandola.
"Che belle chiappe sode che hai, davvero un bel culo, mi sa che prima o poi dovrò farci una visitina"
"Sei matto con quel cazzone che ti ritrovi me lo romperesti, magari finirei all'ospedale per farmi ricucire, sai che dolore, e poi adesso lo voglio in figa, devi ingravidarmi, per il culo vedremo in futuro, ma non ci sperare troppo"
"Tranquilla, tranquilla adesso ti faccio figliare, poi più in la ti romperò il culo"
"Adesso basta parlare, scopami, non resisto più"
La misi china sul tavolo e, la scopai sborrandogli in figa, dopo rientrai in casa, usufruendo del PASSO DEL CAZZO, mia madre quando mi vide rientrare dalla porta finestra mi guardo e, con un sorriso disse:
"Maiale sei andato a fottere la Giovanna"
"Si mamma, cosi stasera anche lei sarà felice"
Il cenone si svolse con allegra e gioia, sopratutto per i miei fratelli che aspettavano l'arrivo di babbo natale, durante la cena sentii più volte un piede che mi strusciava sulle gambe, avendo difronte la mamma e la nonna, non riuscii a capire chi fosse a farmi piedino, ogni volta che le guardavo ambedue mi sorridevano ammiccando, dopo cena guardammo la televisione aspettando la nascita del bambinello, dopo tutti a letto, quella sera mio padre, non avendo bevuto troppo, esercitò il suo diritto di marito scopando la mamma, io ascoltai le loro evoluzioni e, pensai:"Poverino se lo merita, almeno sarà cornuto e contento", poi Morfeo mi accolse tra le sue braccia.
Il periodo tra Natale e capodanno trascorse nella normalità, io scopavo le mie donne quando c'era l'occasione.
Per il cenone dell'ultimo dell'anno si organizzò una tavolata con i nonni e i vicini, Mario e Giovanna.
Parte della cena la preparò la mamma parte la Giovanna, dovendo la Giovanna trasportare pentole, tegami e vassoi da casa sua alla nostra, colsi la palla al balzo e tagliai parte della recinzione del giardino, in modo che il PASSO DEL CAZZO fosse sempre percorribile, della cosa informai mio padre e Mario, ai quali dissi, visto che avevano deciso di unire i giardini io avevo iniziato tagliando una parte della rete, per dare alla Giovanna il modo di portare la roba in casa nostra, senza uscire per strada e, in più, vi era un passaggio più corto e, più discreto, da dove, finita la serata, sarebbe potuto rientrare Mario sicuramente ubriaco, senza dare a vedere agli estranei il suo barcollare, la cosa fu accolta con una risata da entrambi, i quali si congratularono con me per l'iniziativa, pesai:"uno a zero palla al centro".
Finito il cenone si passò la serata con i giochi tradizionali, fino allo scoccare della mezzanotte, ci furono gli scambi degli auguri e baci, la mamma e la Giovanna riuscirono a farmi sentire la loro lingua sulle labbra, segno della loro eccitazione, mentre la nonna si limito a sfiorare le mie labbra con le sue, anche lei, ebbi l'impressione, puntava a qualcosa che io avevo.
Una volta che i nonni ci lasciarono, io li accompagnai alla porta, dove con la scusa di un bacio la nonna paleso il suo desiderio del mio cazzo, mentre mi baciava la guancia col dorso della mano mi sfiorò la patta dei pantaloni sorridendomi.
"Buona notte Angelo, comincia bene il nuovo anno"
"Grazie nonna, una buona notte anche a te"
Qui gatta ci cova, pensai, la nonna vuole il cazzo, presto lo avrà.
Via i nonni restammo noi e i vicini, dopo un po i miei fratelli ormai stanchi andarono a dormire, mio padre e Mario bevevano, noi si sparecchiava.
"Queste sono della Giovanna, meglio se le riporta a casa, Angelo aiutala"
Cosi io e la Giovanna, col PASSO DEL CAZZO ormai transitabile liberamente raggiungemmo casa sua, appena dentro gli misi le mani tra le cosce, lei si piegò, era fradicia di umori, dopo qualche secondo si tirò su e disse:
"Sono eccitatissima, ma prima devi darlo a tua madre"
"ma di la ci sono papà e Mario"
"Aspetta te la mando qui"
La mamma arrivò subito, entrata in cucina, senza perdere tempo, tiro su la gomma e si piegò sul tavolo.
"Amore quello che si fa il primo dell'anno lo si fa tutto l'anno, scopami presto"
Senza esitare tirai fuori il cazzo e glielo misi in figa, cominciando a fotterla.
"Dai amore scopami, ma non venire, la sborra devi darla alla Giovanna"
Continuai a scoparla per circa dieci minuti, poi lei si tirò su facendomi uscire dalla sua figa.
"Adesso ti mando la Giovanna, scopala e sborragli in figa, non faremmo in tempo a che tu ne faccia due, allora la tua sborra la lascio a lei"
Usci dalla porta finestra e, subito dopo, comparve la Giovanna, come prima la mamma anche lei si chinò sul tavolo e, tiro sula gonna, sorpresa, non aveva le mutande.
"Clara mi ha detto che lei non le mette, allora neanch'io"
"Brava, troia l'una troia l'altra, adesso ti sfondo e ti riempio la figa di sborra"
"Si Angelo, dammela tutta"
Farcita la figa della Giovanna rientrammo in casa, come al solito un caffè e, quindi tutti a letto.
Il sei gennaio, epifania, mia madre mi viene vicino e mi dice:
"Sai Angelo sono in ritardo"
Io non capii cosa volesse dirmi, anche perchè io ero più ferrato nello scopare che non nelle cose da donne.
"Per cosa, dove devi andare?"
"Non capisci Angelo le mie cose sono in ritardo"
La guardai stupito e lei allora aggiunse.
"Sei proprio ignorante, una testa di cazzo, e che cazzo, capace d'ingravidare la mamma"
"Voi dire che"
"Si molto probabilmente ci sei riuscito, mi farai fare un figlio, mi hai ingravidato"
"Davvero mamma?"
"Domani vado dalla dottoressa per la visita, poi ti dirò con certezza"
"Cazzo mamma, sarò padre di mio fratello"
"O sorella, ancora non si sa, l'importante è che figlierò per te, amore mio"
Cosi il giorno dopo, oltretutto giorno del mio 17° compleanno, la mamma adnò a farsi visitare, al rientro era raggiante, mi venne incontro e mi abbracciò, dicendo:
"Auguri papà"
"Grazie mamma, è il più bel regalo di compleanno che tu potessi farmi"
"No amore il regalo di compleanno te lo darò appena tuo padre ripartirà"
La sera a cena la mamma diede la notizia alla famiglia, che fu accolta da tutti con entusiasmo, mio padre addirittura gongolava, ma questo non gli evitò un rimbrotto da parte della mamma, per la sua disattenzione.
Il mattino dopo quando in cascina, io e la mamma, ci facemmo una scopata celebrativa dell'evento.
"Dai Angelo, fotti la mamma di tutto figlio, dammelo tutto voglio impazzire, da oggi dovrai darmene il doppio di cazzo, adesso siamo in due a mangiare, scopami amore scopami, voglio tutto il tuo cazzo"
"Si mammina, prendilo tutto, non preoccuparti da oggi sarò molto premuroso, farò in modo che questa gravidanza abbia un decorso di assoluto piacere e rilassatezza, col mio cazzo ti massaggerò la figa tutti i giorni e, se possibile, anche di notte"
"Grazie amore mio quanto sei premuroso"
"Ecco amore mio, la crema per la tua figa è pronta"
"Aspetta dammela in bocca, è tanto che non gusto il suo sapore e non ne ingoio"
"Tieni troiona bevi il tuo succo preferito, succhia bene, tirami fuori fino all'ultima goccia"
"Buonissima amore, mi mancava un bell'ingoio"
Una volta a casa volle andare a dare la lieta novella alla Giovanna, la quale fu felicissima, per la gravidanza della mamma, alla quale disse:
"Speriamo che Angelo abbia fatto un buon lavoro anche con me, fra un paio di giorni dovrei avere il ciclo, speriamo bene"
"Ma si cara vedrai che anche tu sei incinta, in ogni caso pomeriggio sarà meglio che Angelo venga a farti una bella trasfusione, appena i nostri marito andranno al bar lui verrà da te"
"Lo aspetterò a cosce e figa aperte"
Così nel pomeriggio andai dalla Giovanna, che si complimento per il buon lavoro svolto con la Clara e, mi si concesse ancor più focosamente, io la scopai e le riempii ancora una volta la figa di sborra.
Qualche giorno dopo la Giovanna comunico alla mamma il ritardo del ciclo, e già eccitata disse:
"Domani vado dalla dottoressa e, spero mi confermi che sono incinta, non sto nella pelle, faremo una festa, fammi gli auguri"
"Giovanna sono sicura che lo sei, lo sento, metterai al mondo il fratello di mio figlio, vai tranquilla"
Il giorno dopo la Giovanna, dopo essere andata dalla ginecologa, ritornò dalla sua amica Clara raggiante.
"Clara, Clara sono incinta"
"Che bello Giovanna, sono felice per te"
La Giovanna scoppio a piangere, mia madre le andò accanto e abbracciandola cominciò a coccolarla.
"Non piangere Giovanna, non essere triste"
"Ma io piango di gioia, finalmente diventerò mamma; Dov'è Angelo? Debbo ringraziarlo, è merito suo se avrò un figlio, se aspettavo mio marito morivo senza aver mai figliato, adesso gliene scodello 3 o 4, brutto impotente arrogante, lui pensa di essere un toro, invece è un coglione cornuto"
"Angelo non c'è, lo ringrazierai dopo, magari con un be pompino, vieni facciamo fare conoscenza ai fratelli"
Cosi la mamma porto Giovanna in sala e, sollevatosi la maglia mise a nudo la pancia, la Giovanna segui il suo esempio e fece altrettanto, poi si avvicinarono e congiungerono le loro pance, quindi si abbracciarono baciandosi con un lungo lingua in bocca.
"Clara dobbiamo fare una festa"
"Ci sto Giovanna, organizziamo una cena, cosi invito i miei genitori, e daremo l'annuncio"
Qualche sera dopo, la cena si svolsi, al momento del caffè la mamma si alzò e richiamando l'attenzione di tutti disse:
"Ho due notizie da comunicarvi, una per i miei genitori, visto che gli altri sono al corrente, la seconda per tutti, solo io e la Giovanna la conosciamo; Allora siete pronti? SIAMO INCINTA"
Tutti alzammo la testa stupiti, avrei potuto fare l'attore, Mario per poco non si strozzava, stava mandando giù l'ennesimo bicchiere di vino, quindi gongolando disse:
"Sarò padre, grande, anzi saremo padri Alfredo, siamo 2 tori"
"Vero Mario, abbiamo fatto centro"
Tutti cominciammo a ridere e scherzare complimentandoci con le future mamme, solo la nonna assunse un'aria seria e pensierosa, passato qualche minuto si alzò dal tavolo per andare in bagno, mentre si dirigeva verso la porta fece cenno alla mamma di seguirla.
"Senti un po Clara; Chi è il padre del figlio che aspetti?"
"Mamma se me lo chiedi vuol dire che l'immagini, il padre di questo bambino è Angelo"
"Madonna Clara, che vergogna"
"Perchè vergogna mamma, è figlio dell'amore, mio e di Angelo, il padre ufficiale comunque sarà mio marito"
"E dimmi un po, non è che questo amore sia anche il padre del figlio della Giovanna?"
"Si mamma, anche di quello il padre è Angelo"
"Cazzo siete due vacche depravate"
"E' vero mamma siamo due vacche e, tuo nipote è il toro da riproduzione che ci monta e ci ha ingravidato; Non sei contenta diventi di nuovo nonna e, anche bisnonna?"
"Contenta un cazzo, domani debbo parlare con Angelo, pomeriggio mandalo da me"
"Va bene mamma te lo mando, ma dimmi vuoi parlare con Angelo o col suo cazzo, attenta, quello ti sfonda"
"Non sono affari tuoi, e poi non ti preoccupare per me ho abbastanza esperienza"
"D'accordo mamma, però ti avviso, verrà un pochino scarico, stasera io e Giovanna lo prosciugheremo, dobbiamo festeggiare"
"Stronza, comunque mandalo lo stesso"
Quella sera, anzi quella notte fu, visto che mio padre e Mario furono svegliati all'alba, dedicata a scopate bocchini e leccate di figa, andai a dormire veramente stanco.




continua.....





Questo racconto di è stato letto 1 0 8 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.