Il confessionale

Scritto da , il 2016-10-11, genere tradimenti

La vita di provincia si sa, può risultare noiosa. Soprattutto se si hanno diciotto anni e si è molto curiosi. Mi ero appena diplomato, e a settembre sarei andato finalmente a studiare all'Università, a Bologna. Sarei andato ad abitare da solo, avrei avuto la possibilità di uscire quando e con chi volevo. Conoscere il mondo, e soprattutto un sacco di belle fighe fresche. Non vedevo l'ora.
C'era nel frattempo da passare un'estate, l'ultima, nel mio paese, con la mia famiglia.
Intendiamoci, non mi trovavo male tra le mura domestiche. Mio padre era un rappresentante, una brava persona, gran lavoratore con l'hobby dell'aereomodellismo. Una roba un po' da sfigati, in effetti. Mia madre Manuela aveva smesso di lavorare anni fa, dopo l'arrivo del terzo figlio, mio fratello Riccardo di sette anni. C'era poi mia sorella Claudia, quindicenne, alle prese con il liceo e tutti i casini vari.
La mia passione era la tecnologia, e il mio sogno quello di fare l'investigatore. Mi intrigava il segreto, la ricerca delle prove, e le innovazioni informatiche recenti aprivano un mondo incredibile. Certo, c'era anche del morboso spionaggio. In ogni caso la mia laurea in giurisprudenza, quella che avrei preso, mi avrebbe ulteriormente aiutato.
Mancavano due mesi, e la mia vita sarebbe cambiata. Non sapevo che sarebbe cambiata proprio in quei pochi giorni successivi.
La tipa che mi scopavo del paese era andata in viaggio premio per la maturità. Ero solo, giusto un paio di amici, ma non dei miei preferiti. Mi spaccavo di seghe guardando porno, andavo in giro in motorino. Mi annoiavo insomma.
Nella noia volli azzardare un esperimento. Da tempo infatti mi dilettavo a installare microcamere o microfoni nei luoghi più disparati, come negli uffici scolastici, qualche bagno femminile, alcuni spogliatoi. Devo dire che il mo hard disk conteneva diverso materiale interessante, che custodivo gelosamente.
Volli provare il colpo da novanta, e l'idea mi venne ascoltando una trasmissione televisiva in cui un prete sosteneva che i segreti del confessionale sono inviolabili. Ecco, io di cose ne avevo sentite, nelle mie registrazioni abusive. Però tutto sommato erano cose che mi aspettavo. Certo, ascoltare le mie compagne parlare di maschi inizialmente mi aveva scioccato. Erano peggio di me e dei miei amici! Ma mi ci ero abituato. Scopare piaceva anche a loro, e non se lo nascondevano.
Avevo beccato una tresca tra due professori, ma dopo qualche mese era venuta fuori pubblicamente. Avevo ascoltato il preside scoreggiare e parlare al telefono con sua madre, piangendo. Insomma niente sconvolgimenti.
Nei confessionali, pensavo, invece la gente riversava ciò che altrove non si sognava di dire. Ne ero convinto.
Non fu difficile installare un microfono all'interno del confessionale della chiesa del paese. C'erano diversi pertugi, e certo quello spazio non eccelleva per la pulizia. Lo misi fingendo di andarmi a confessare. Dissi al parroco, don Alberto, appena arrivato in quella diocesi, di dovermi confessare. E mentre lui mi assolveva dai miei sciocchi peccati (gli dissi che mi facevo le seghe) sistemai il microfono. Volli iniziare così, se la cosa si sarebbe fatta interessante avrei pensato a sistemare anche una microcamera.
Una volta a casa verificai la connessione tra il microfono e il mio terminale. Funzionava. Dovevo solo aspettare di capire la qualità del suono.
Dopo mezz'ora sentii dei rumori, e la voce di don Alberto che invitava un fedele a entrare.
Si sentiva tutto perfettamente, e riconobbi subito anche la voce del “cliente”, era il farmacista della piazza.
Raccontò al prete che aveva rubato dei soldi ai suoi soci. Il prete gli disse che era peccato, e di restituirli. Ma quello gli disse che li aveva spesi nelle macchinette del poker, e così il prete gli disse di non farlo più, di pentirsi, e di pregare.
Come primo caso non era risultato molto interessante.
Certo don Alberto si annoiava parecchio. Aveva circa quarant'anni, si diceva provenisse dalla Liguria. Il suo passato non era molto chiaro, pare un po' burrascoso in anni giovanili.
In quel paesino di stimoli per commettere peccato, però, non ne avrebbe certo avuti.
Mi sbagliavo.
Dopo pranzo mentre ero sul divano mia madre mi salutò, dicendo che andava a trovare sua sorella.
Io rimasi a guardare la tv poi andai in camera mia a cazzeggiare. IL microfono del confessionale era sempre aperto, ma rimaneva silenzioso.
Dopo un'oretta lo sentii rumoreggiare, così spensi la playstation e mi misi ad ascoltare. Era una vecchia del paese, che raccontava di come spesso sognava di ammazzare suo marito. Don Alberto, pazientemente, le disse di pregare e pentirsi.
Che palle!
Ripresi a giocare alla playstation, quando sentii ancora dei rumori. Restai ad ascoltare svogliatamente, continuando a giocare. Quell'esperimento non mi stava soddisfacendo del tutto.
Don Alberto fece accomodare il fedele, e gli chiese come mai si voleva confessare.
Quando il fedele rispose mi si gelò il sangue. Era mia madre.
-Padre, mi merito tutto il peggio possibile.
-Cosa è successo cara Manuela, dimmi tutto.
I due parevano avere confidenza. A dire il vero non pensavo nemmeno mia madre fosse una così fervida credente. Non sapevo nemmeno frequentasse la chiesa, a parte durante le feste comandate.
-Ho bisogno di sfogarmi, non so con chi parlare.
-Sono qui per questo.
-Lei mi ispira fiducia. Don Salvatore non avrebbe potuto capire. Era troppo anziano.
-Noi pastori di anime non abbiamo età, solo esperienza. Ma dimmi pure, apriti.
-Da circa un anno ho scoperto di essere impura, di essere una traditrice.
Non potevo credere a ciò che ascoltavo. Mia madre? Una traditrice?
-Cosa hai fatto Manuela?
-Tutto è iniziato con un cugino di mio marito, Michele.
Zio Michele?! Ma che cazzo!
-Era venuto da noi per qualche giorno, con la moglie e la figlia. Avevo sempre notato i suoi sguardi sul mio corpo, ma ci sono abituata, anche per strada gli uomini non nascondono le loro pulsioni, anche se sono uomini sposati.
-La carne è debole, Manuela. Ma continua, cosa è successo con questo tuo parente?
-Un giorno eravamo in cucina io e lui, mentre il resto della famiglia sedeva in soggiorno. Stavo sciacquando un bicchiere quando lui mi si era posto alle spalle, facendomi sentire la sua presenza. Aveva la bocca a pochi centimetri dal mio orecchio, e mi bisbigliava cose oscene, mentre con una mano si era messo a toccarmi il sedere.
-E cosa ti diceva, Manuela?
-Che ero una porca, che avevo un corpo da impazzire. Mi scusi padre, forse la sto turbando.
-No Manuela, io posso ascoltare tutto. Sei tu che devi trovare le parole giuste. Continua.
-Io dopo qualche secondo mi ero girata, adirata. Ma non volevo fare una scenata, così mi sono limitata a guardarlo in cagnesco, sperando di dissuaderlo. Lui invece mi aveva sorriso, sornione. E si era lentamente allontanato.
-Manuela, non mi sembra un grande peccato. Spesso gli uomini sbagliano, ma tu sei stata gentile ma decisa nel fargli capire il tuo diniego.
-No, padre, non è andata così. Da quel momento le sue parole, e il suo tocco, mi sono rimasti nella testa. Non potevo fare a meno di pensarci. E così ogni volta che incrociavo il suo sguardo abbassavo il mio, e sentivo un fremito nel corpo. La sera, ci trovammo in cantina per prendere del vino. Sono sicura lui fece in modo di trovarsi solo con me. E lì mi mise ancora le mani addosso, e io questa volta non riuscii a reagire. Me le metteva dovunque, mi alzava il vestito, e ben presto mi aveva raggiunto nelle parti più intime. Non riuscivo a reagire. Mi fece sua, contro uno scaffale, prendendomi con vigore e passione, come mio marito da tempo non faceva.
-Ehm, Manuela, questo succedeva un anno fa? E hai deciso solo adesso di confessarti?
-Padre, da quel giorno la mia vita è cambiata. Mio cugino Michele ogni volta che può viene a trovarci, con qualsiasi scusa. E ogni volta trova il modo di appartarsi con me, e farmi qualcosa. Quando abbiamo poco tempo mi costringe a mettermi in ginocchio, e succhiargli il pene. Dice che deve svuotarsi nella mia bocca, che sono la sua puttana. Oh, mi scusi padre, mi sto lasciando andare. Ma non so con chi parlarne.
-Non preoccuparti Manuela, continua.
Ero allibito. Ecco perché quello stronzo di mio zio Michele era sempre a casa nostra ultimamente. Che figlio di puttana! E mia madre, che puttana! Ero incazzato, ma anche eccitato da quelle rivelazioni. Ma non era finita lì.
-Ma non solo Michele ha capito la mia vera natura. Lui deve aver stappato qualcosa. Da allora mi sento guardata da ogni uomo, e mi sembra che tutti riescano a capire la mia vera natura.
-E quale è questa tua vera natura?
-Sono una puttana, padre. Mi faccio fare da chiunque. In quest'anno mi sono fatta scopare da almeno dieci uomini del paese. E non solo.
-Chi sono costoro? Chi attenta alla tua virtù?
-Sono dei bastardi, sembrano leggermi nel pensiero. Mi ha scopata il giornalaio Enzo, che ogni tanto vuole che gli vada a succhiare il cazzo dentro l'edicola, sotto il bancone, mentre lui continua a vendere i giornali. E mi ha scopata il libraio, Marcello, da cui vado a farmi consigliare le letture. Ogni volta mi porta nel retro, per cercare insieme qualche libro che non trova in vetrina.
Mi ha scopato l'insegnante di mia figlia, e poi un suo collega. E infine mi hanno voluto scopare in due, i porci, perché i maschi sono dei porci, si alleano, e quei due sono dei veri assatanati, mi hanno fatto di tutto, nella palestra della scuola, con la scusa di un colloquio.
Ma vede padre, il problema è che non riesco più a fermarmi, e pare che altri uomini se ne accorgano, anche all'interno della famiglia.
-Chi, Manuela?
Anche io ero in ascolto febbrile. Non bastava il cugino di mio padre, evidentemente.
-Un fine settimana siamo andati a trovare il fratello di mio marito, che vive a Milano. Costui è uno scapolo impenitente, un donnaiolo, dissoluto. Vive da solo, esce la sera, fa la bella vita. Non mi è mai stato molto simpatico. Mio marito di giorno doveva andare in giro per lavoro, così mi ha lasciato nelle mani del fratello, letteralmente. Quella bestia non ha aspettato che pochi minuti per assalirmi. Non appena mio marito se ne era andato, aveva iniziato a girarmi intorno, con la scusa di un massaggio, poi della doccia. Mi ha chiesto di portargli un asciugamano, e quando sono entrata nel bagno lui si è mostrato nudo, senza pudore. Aveva il cazzo lungo, padre, con una vena grossa in bella mostra. Gli pendeva tra le gambe, e non potevo non guardarglielo. Aveva anche due palle gonfie, grosse, sembravano due albicocche. Senza troppi giri di parole mi aveva detto di lavargli il cazzo. Io mi sono rifiutata, ma lui mi ha detto di non fare storie, di inginocchiarmi e lavargli il cazzo con il bagnoschiuma. E così avevo fatto. Mentre lo lavavo quel pezzo di carne si era ingrossato sempre di più, finendo quasi per sbattermi sul viso. Lui rimaneva fermo, in piedi, gustandosi la scena. Lo risciacquai, ormai era durissimo, ogni tanto mi rimbalzava sul mento, o sulla guancia. Avevo voglia di prenderlo in bocca, e lui se ne dovette accorgere, perché impercettibilmente si avvicinava sempre di più. Non ci dicevamo più niente, fino a che il cazzo mi entrò lentamente tra le labbra. Me lo infilò inizialmente piano, fino al fondo. Raggiunsi con il naso il suo pube, mi strozzavo. Feci avanti e indietro due o tre volte, per scaldarlo. Poi presi a leccargli le palle, non vedevo l'ora. E poi finimmo a scopare come animali, sul suo letto. Mi dava della cagna, diceva che lo avevo sempre arrapato. Che mio marito, suo fratello, era un coglione, un cornuto.
E io godevo, padre, godevo come una vacca, come una puttana. Più lui mi umiliava, più godevo. Padre, mi sente?
-Si, ci sono Manuela, è molto grave ciò che mi dici.
Sentivo padre Alberto avere la voce un po' roca. Io avevo la testa che mi bruciava, ma anche il cazzo durissimo, che presi a smanettarmi con furore, ascoltando la voce di mia madre raccontare quello scempio.
-E non è tutto padre. Quello che sto per raccontargli ora è il motivo per cui sono venuta. Credo di avere superato il limite.
-Cosa hai fatto ancora Manuela? Fino a dove sei arrivata con la tua...indole...con la tua brama di lussuria.
-La chiami pure troiaggine, padre.
-Come preferisci. Continua, Manuela. Continua.
-Deve sapere che mio suocero si è rotto una gamba, andando a sciare. E per qualche settimana sono andata a dargli una mano a casa, visto che è vedovo.
-Lo so, conosco bene Vittorio. Una persona per bene.
-Ne sono sicura, padre, e l'ho sempre pensato anche io. Ma anche lui...
-No!
Anche io urlai, in camera mia. Non ci potevo credere. Mio nonno!
-Lei lo sa, mio suocero è ancora un uomo in forma, forte, vigoroso, sportivo. Da quando è in pensione non ha mai smesso di tenersi allenato. E forse da quando mia suocera è morta è persino ringiovanito. Esce spesso, credo abbia anche qualche tresca in paese con qualche donna sposata. Ma evidentemente non gli basta. Ero a casa sua, faceva molto caldo, io gli stavo passando l'aspirapolvere. Spesso mi dovevo piegare,mentre lui si godeva la scena dal divano, mentre leggeva. Ma un paio di volte lo scorsi a sbirciare, e i nostri sguardi si erano incrociati.
Per il caldo sudavo molto, così a un certo punto mi fermai in mezzo alla stanza, a rifiatare. Lui mi raggiunse, con un bicchiere di limonata fresca. Lo ringraziai. Lui mi disse che dovevo fermarmi, che ero tutta sudata. Anzi, di togliermi quei vestiti sudati e bagnati. Non attese la mia risposta, iniziò a levarmi la canottiera, senza chiedermelo. Ero in imbarazzo, sotto avevo un reggiseno nero, che conteneva a stento le mie tette. Lui con la canottiera prese ad asciugarmi il sudore prima sulla schiena, poi sulle spalle, mi alzava le braccia e asciugava le ascelle, poi passò davanti, sul petto. Poi mi disse che anche il reggiseno era marcio, e me lo tolse anche questa volta senza chiedere. Io rimanevo impietrita, ma lo lasciavo fare. Lui mi aveva sempre messo suggestione. Mi ritrovai con le tette al vento, misi le mani a coppa, tentando di coprirmi, ma lui me le rimise sui fianchi, e con la canottiera prese a passarmi sulle tette, soffermandosi attorno ai capezzoli, che nel frattempo mi si erano induriti. Poi mi tolse i leggins, lasciandomi in mutande, e infine tolse anche quelle. Mi fece mettere sul tavolo, diceva che così mi avrebbe asciugata meglio. Ormai era palese che non c'era più niente da asciugare, anzi, tra le gambe cominciavo a colare. Lui si mise attorno al tavolo e percorreva tutto il mio corpo. Poi, ad un tratto, posò la canottiera e mi leccò la figa. Era bravo, esperto, venni quasi subito. Poi sempre tenendomi sdraiata mi infilò il cazzo in bocca, era un bel cazzo, largo, vigoroso. Mi dava degli schiaffi sul viso, mentre succhiavo, mi diceva che suo figlio aveva sposato una vacca, che aveva una nuora schifosa, che mi doveva dare una lezione. E così fece, per tutto il pomeriggio e per i pomeriggi seguenti. E tuttora mi scopa quando vuole, con ogni scusa mi fa andare a casa sua. L'altro giorno mi ha scopata a casa nostra, sul letto matrimoniale. Mi ha inculata e preso a cinghiate. E io ho goduto. Quando è andato via mi ha promesso di portarmi in una cascina, che mi avrebbe fatto una sorpresa. E io non vedo l'ora, padre. Mi capisce, padre?
Padre...
-Manuela...
La voce di don Alberto era affannata, si era infervorato. Io avevo sborrato già una volta, e ancora il cazzo era duro e ancora stavo per sborrare.
Don Alberto sentivo che si muoveva, poi prese a parlare.
-Manuela, tu non ti meriti il perdono di Dio. Sei una peccatrice. Dovrai guadagnarti il perdono del signore con fatica, con impegno. Devi dimostrare di essere pentita, di volere guarire.
-Come, padre?
-Prostrandoti, con umiltà, al tuo sacerdote.
Sentii dei rumori, la finestrella del confessionale che si apriva.
-Ma, padre.
Don Alberto aveva infilato il cazzo attraverso lo spioncino, e ora faceva capolino nel lato dove era seduta mia madre.
-Manuela, aiutami a perdonarti. Fai ciò che devi.
-Padre, io, non so...se è questo ciò che devo...se è questo che vuole...
-Avanti, Manuela.
-Si, padre...
E prese a succhiare il cazzo del parroco. Cosa che ultimamente faceva spesso, con chiunque.
Sentivo i rumori della bocca di mia madre, e i sospiri del prete.
-Don Alberto, anche lei ha un bel cazzo. È grosso, è gonfio. Deve svuotarsi, vero? Lo faccia, don Alberto, berrò io la sua sborra. Me lo merito.
-Zitta, peccatrice. Per te ho in serbo un trattamento speciale. Adesso fammi venire, poi continueremo.
Sentii i gemiti del prete, che sborrava in gola a mia madre. Poi il fiato di mia madre riprendersi, e poi don Alberto far scattare una serratura.
-Vieni, Manuela, hai bisogno di essere curata. Appoggiati su questa panca, così, piegati.
Don Alberto aveva alzato il vestito di mia madre, ora a pecora, e si gustava il suo bel culo. Poi gli abbassò le mutande. Lo spettacolo era completo, la figa e il culo di mia madre erano esposti, aperti.
-Hai bisogno di questo, vero Manuela?
-SI padre, ho bisogno.
-Non riesci a farne a meno.
-No padre, e vuoi uomini lo capite. Ne approfittate.
-Zitta, bagascia.
Sentii i due ansimare. Don Alberto la stava penetrando. Io sborrai subito, appena sentita mia madre ringraziare il prete.
-Così padre, così, tutto dentro, grazie!
I due continuarono per venti minuti, il prete sborrò ancora, questa volta dentro mia madre. Si promisero di continuare la cura, così la chiamava il prete.
Io mi preparai a guardare mia madre negli occhi. E il mio cazzo al solo pensarci si induriva. Avrei dovuto mettere anche una microcamera, per gustarmi il corpo di mia madre al meglio. Anzi, il corpo di mia madre era a mia disposizione, qui in casa...
L'estate sarebbe stata interessante.

viktorburchia@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 5 9 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.