Passione lungo la scogliera

Scritto da , il 2016-07-12, genere esibizionismo

Era estate, andai in una discoteca a pochi km dalla mia città frequentata da molti ragazzi e ragazze. Vedendo ballare mi accorsi subito di una ragazza mora occhi verdi ben curata con dei pantaloni a vita bassa bianchi e una camicetta un po sbottonata che faceva intravedere il suo reggiseno. Lei stava ballando con le amiche. Io mi avvicinai a loro e iniziai a ballare partii con il mio solito "sei carina" e mi presentai e lei disse piacere Laura, ma lo disse con un accento francese, quindi le dissi sei in vacanza lei mi disse sono a fare un corso di italiano sono Belga. Le sue amiche tutte straniere erano tutte avvicinate come api al miele, ma io mi ero preso la più carina. Dopo qualche passo di ballo la invitai a bere qualcosa al bar e facemmo conoscenza ci raccontammo un po di noi. Ma il passo successivo per me non arrivava, quando la serata volgeva al termine in discoteca lei mi disse ci dobbiamo salutare e mi diede un bacetto io le dissi almeno due e lei mi disse allora facciamo tre come in Belgio e io le dissi allora ti do il quarto e le misi la lingua in bocca. Fu un bacio molto appassionato lungo caldo. Poi la disco stava chiudendo e noi ci dirigemmo alla scogliera poco distante li fu passione pure un bacio lunghissimo avvinghiati lei mi tolse la camicia, nelle mie mutande il mio membro stava esplodendo, le tolse i jeans era gia bagnata mentre la baciavo le misi un dito nella fica umida poi le tolsi la camicia e le baciai i suoi seni non grandi ma belli, sembravamo soli, era le 5 di mattina ma eravamo in piena passeggiata in un paese di vacanza. Ci spogliammo rimanendo in mutande e perizoma e continuavamo a baciarci non curanti di qualche passante e toccarci senza freni inebitori. Poi ci abbandonammo ad un 69 con io che le baciavo e leccavo la fica e lei che mi stuzzicava con lingua e baci il mio pene, la situazione e l'eccitazione fu massima sopratutto quando vedemmo le sue amiche che erano venute a vedere dove fosse andata Laura che doveva tornare a casa con loro in autobus notturno visto che non abitavano li, al vedere le ragazze che ci guardavano mi eccitai ancora di più e fu una delle poche volte che arrivai con solo un bel pompino e anche lei grazie alla mia lingua si bagnò tutta, le sue amiche la portarono via ridendo, a distanza di anni è una notte da ricordare, una notte di esibizionismo e passione con una bella ragazza straniera.

Questo racconto di è stato letto 3 5 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.