Erotici Racconti

In fila per un culo

Scritto da , il 2016-07-10, genere orge

Andavo speso nel solito supermarket , e sinceramente non mi attentavo ad andare al banco
del pesce in quanto per sentito dire la qualità era scarsa ed il costo invece non era irrilevante .
Mi chiedevo comunque come mai c'era una notevole fila .
Un giorno mi avvicino al banco , guardo il vetro dove si intravedono cozze , naselli , branzini ed altro e vedo una sagoma di donna ,alzarsi per poi abbassarsi di nuovo , capelli raccolti in un cappello e soprattutto il suo culo nei leggins , tutto un programma .Ecco perchè dissi , e poi tutti uomini in fila . Un culo da favola , e quella volta un filo nel mezzo , fissato tra i glutei sodi . Che porca dissi.
Poi mi allontano , vedo un ragazzo giovane metter su la frutta , e chiedo : sarà per Lei che in tanti vanno al banco del pesce ? Mi risponde: hai visto che devi prendere il numero ? sai che vanno in fila per il suo culo , ma per sfondarlo ? come ? rispondo .
Devi sapere , replica il giovane , che lei scrive dietro il tuo numero , luogo ed ora dove ti vuol incontrare, sceglie Lei ,chi si chi no , se ti rende il numero quando ti consegna il pesce è fatta. Ama le orge Anali , una volta è capitato anche a me , se non ti ha mai visto , sei avantaggiato ,cerca sempre cazzi nuovi .
Benissimo , parto , mi metto in fila , tocca a me , ho il 71 , ordino cozze della sardegna , mi accoglie con un sorriso , ma altri due se ne vanno contenti , ecco dico , due sono stati reclutati , speriamo nel due senza tre . Mi pesa le cozze, mi chiede se pulirle o meno , poi incarta ,allunga la mano e niente . Peccato dico , me ne sto andando , si abbassa e mi dice , scusami , tieni ,non ti descrivo il movimento in avanti del suo culo , te lo lascio immaginare.
Vado via con il carrello , agitato , ed un cazzo ritto che mai . Trovo scritto :

Sul fiume , lato pineta , minimo sarete in 3 . tra due ore . Tempo di arrivare a casa , scaricare tutto , e andare nel luogo indicato .
Sara è là , appoggiata su un tronco gigante di legno , si sta infilando le dita nella fica , e gode , sento già dalla macchina i guaiti di questa troia . Scendono in due da altre due macchine . Lei con il dito ci fa cenno di arrivare mentre prende un dildo e se lo ficca in fica . Una fica rasata , professionista è dir poco .
Sulla mia sinistra un uomo sulla cinquantina ed un altro sui 40 , io il più giovane .
Forza dice Lei al più anziano , inizia con l'olio , lui lo passa sul suo corpo e poi nell'ano , inizia a succhiare il cazzo dell'altro , con una maestria incredibile , credevo di venire . Io fermo , ma solo per poco . Lascia largo al giovane , esclama Sara con la bocca grondante di sborra . Si mette le mani sul culo , allarga il buco , ed io entro , un su e giù che mi riempie d'adrenalina pazzesca , e quasi lo spacco , Lei non si limita , il godimento di Sarà è pazzesco ,gli altri due invidiosi mi guardano arrabbiati , non è però ancora il loro turno , io inizio ad offenderla, zoccola , tegame, pescivendola dei miei coglioni e sembra gradire . Gli altri con occhi sbarrati si stanno arrendendo , ho una durata incredibile , ad un certo punto Sarà mi dice io e te dobbiamo vederci di nuovo , ma la voce va a sbalzi , perchè l'impeto con cui sfondo il suo culo non si placa , nel turbinio eccitato Lei dico si , ma ora fatti venire addosso , così lascio spazio ai due ansimanti ... Lei si , sfondami ancora e poi la imbratto di bianco ...Goduria pazzesca .Viva le pescivendole...
Tocca al più anziano , ed ancora un concerto di goduria , poi all'altro che aveva avuto l'optional del pompino , mentre vado alla macchina di Sara . Stavolta scrivo io sul bigliettino , metto il cellulare e poi " se ci dobbiamo vedere come hai detto prima , ti offro cena , tu il tuo culo ed un bel pompino " , non vorrei andare dal direttore sostenendo di non essere stato trattato come gli altri , lo sai Sarà " il cliente ha sempre ragione " .

Giorni dopo squilla il telefono , accetta , Le dico che cenare ci permette di conoscere meglio le ns perversioni , non certo perchè mi sono innamorato . Appena arrivò un pompino
e le sue labbra schiumanti .... è bastato un KG di cozze per trovare il paradiso .

Questo racconto di è stato letto 8 5 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.