Erotici Racconti

Solo

Scritto da , il 2016-07-01, genere pulp

Le nuvole cupe della sera stavano inoltrandosi sopra di me mentre camminavo lungo la periferia della città. Non avevo mai capito perché bisognasse trovare un nome per ogni cosa, guardavo con fare riprovevole le bariste che avevano finito il loro turno di lavoro, con la loro divisa con il nome del locale, chissà se provavano anche solo un minimo di vergogna. Gente marchiata, ormai carne da macello, né più e né meno, oh no, io non sarei stato come loro. Semmai sarei stato quello che marchiava la gente. Il volto afflitto di un barbone mi guardava all'angolo della strada, scansai lo sguardo, avevo già fin troppo rammarico e rabbia nelle vene per notarne anche fuori da me. La verità è che li odiavo tutti. I padri di famiglia attaccati al cellulare, le madri sempre tra i coglioni con i passeggini, i bambini urlanti, le ragazzine delle scuole che sembravano uscite da una casa di prostituzione, gli anziani in slow-motion, le saputelle con gli occhiali che ti squadravano come un alieno, oh sì, perché non esplodevano tutti? Mi avrebbero solo fatto un piacere, e non solo a me. Se era vero che nessuno riusciva a vivere da solo, allora io ero sicuro che non volevo vivere con quella gente. Perché alla fine ognuno nasce solo e muore anche da solo, questa sembrava essere una di quelle cose che la maggior parte delle persone tendevano ad ignorare. Arrancai verso la parte più sudicia della periferia, la notte stava avanzando, potevo vederlo dai voli disarmonici dei pipistrelli sopra la mia testa. Delle gambe nude spuntavano da una minigonna nera un po' sgualcita, una canottiera bianca con le tette in vista dava alla visione i connotati di un'illusione. Ma invece era tutto reale. Mi guardò, la guardai. Credeva di sapere cosa volevo, ma di certo non sapeva dove volevo spingermi. Andai verso di lei, tirai fuori un gruzzolo di banconote dalla giacca e gliele ficcai dentro la scollatura del reggiseno. Mi osservò senza dire nulla e mi baciò. Già, apprezzavo sicuramente di più le persone che stavano zitte. Infilai la mia lingua nella sua bocca, poi scivolai lungo la scollatura e le toccai le tette, il suo profumo mi inebriava, i suoi capelli biondi mi circondavano portandomi all'estasi ma mancava ancora qualcosa. Volevo tutto di lei, per sempre. I suoi capelli biondi, i suoi occhi azzurri, il suo seno, il suo profumo, la sua vita... allargai le mani e le portai contro il suo collo, la sollevai da terra, cercò di divincolarsi ma era troppo tardi, in un soffio la sua anima spirò e cadde senza peso lungo le mie braccia. Era strano ma finalmente almeno lei non era morta da sola, come le altre persone. Ora finalmente avevo qualcosa da amare.

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.