Erotici Racconti

Facci vedere chi sei (racconto di fantasia)

Scritto da , il 2016-06-29, genere pulp

lucia da tempo frequentava quel locale tanto discusso.
ci andava con due sue amiche.
le piaceva perchè le dava il senso di ....misterioso.
frequentato da uomini grandi...molto più grandi di lei e del suo fidanzato, luca.
lei cominciava a stancarsi di lui, delle sue gelosie e dei suoi atteggiamenti da stronzetto.
le sue amiche avevano paura. si sentivano voci di serate particolari, violente.
una sera le dissero che non ci sarebbero più andate.
lei allora ci andò da sola.
minigonna, calze autoreggenti, maglioncino scollato e tacchi altissimi.
entrò e subito si rese conto che la guardavano. la cosa le mise paura e la eccitò allo stesso tempo.
prese da bere e si mise a sedere su un divanetto.
un uomo dal bancone la guardava.
un uomo grande!
lei fece finta di nulla. accavallò le gambe mostrando le cosce.
il cuore le batteva a mille all'ora.
l'uomo si avvicinò e si mise a sedere vicino a lei. in mano un drink.
vedo che sei venuta sola.... cerchi guai?
o cerchi qualcosa di forte?
lei non rispose e continuò a guardare dritto davanti a lei.
allora ragazzina, rispondi?
lei lo guardò e si accorse dei suoi occhi...sembravano quelli di un falco pronto a catturare la sua preda per divorarsela.
sono qui perchè mi va- disse Lucia.
l'uomo la osservò a lungo in silenzio. poi si alzò e se ne andò
il cuore di lei batteva impazzito. adesso aveva paura. decise che avrebbe finito il suo drink e se ne sarebbe andata.
dopo qualche minuto l'uomo tornò con altri due uomini
le si piantarono davanti, in piedi.
questo non è posto per te bambina, vattene.
alrimenti? rispose lei.
l'uomo si chinò verso di lei e le infilò una mano tra le cosce .
stringeva forte la sua figa fino a farle male.
altrimenti ti facciamo male. rispose l'uomo senza mollare la presa.
lei lo guardò negli occhi.
e se fossi qui per questo? si stupi lei stessa delle parole che aveva pronunciato.
se sei qui per questo seguici nel bagno degli uomini..altrimenti vattene ora!
i tre se ne andarono
li vide entrare nel bagno degli uomini.
lei svuotò d'un fiato il bicchiere e si alzò
le tremavano le gambe dalla paura ma quella mano decisa tra le sue cosce le aveva fatto prendere la sua decisione. si diresse verso il bagno dei masci
entrò
i tre erano davanti a lei
o sei stupida o una troietta in calore. adesso che sei qui facci vedere chi e cosa sei.
i tre tolsero i cazzi dai pantaloni
erano belli! lei pensò questo.
si inginocchiò e cominciò a succhiarli.
succhiava con passione ma si sentì presa per i capelli. sei una stupida troietta
uno di loro le strappo di dosso il maglioncino e con un coltello lo fece a pezzi.
uscirai di qui nuda !
lei fece per girarsi verso la porta ma venne afferrata e le arrivò uno schiaffo sul volto
lasciatemi andare o mi metto a gridare.
ti avevamo avvertita. grida pure!
lei cominciò a gridare. la lasciarono fare poi un altro schiaffo
la afferrarono e le strapparono la gonna tagliandola pio con il coltell
lei era in reggiseno e mutandine
entrò un uomo.
lei cercò di coprirsi. vattene! urlò uno dei tre
l'uomo uscì
le strapparono tutto e tutto fece la fine del maglioncino e della gonna
mutandine e reggiseno
le lasciarono scarpe e calze
adesso ti diamo ciò che cercavo troia. la buttarono a terra. cìera odore di pisco.
due la tennero ferma e il terzo le sputò sulla figa.
adesso collabora e fatti scopare!
l'uomo appoggiò il cazzo e con un colpo secco la penetrò.
lei urlò ma l'uomo cominciò a scoparla
aveva un cazzo durissimo
non ci volle molto perchè lei cominciasse a godere
trattenne l'orgasmo ma poi esplose
le piace! la situazine divenne violenta
a turno la scopavano e la colpivano con schiaffi sul volto
lei adesso si muoveva come se avesse sempre fatto la puttana di mestiere.
poi la girarono
adesso ti apriamo il culo!
un uomo le mise una mano su bocca e naso
non repirava
sentì il primo cazzo aprire il suo culo
soffocava e piangeva dal doloro
il cazzo la stava rompendo
lei si agitava
ogni tanto l'uomo che le teneva tappati bocca e naso le permetteva di respirare
aveva paura
sentiva il cazzo nel suo culo, ogni millimetro
poi lo sentì venirle nel culo. era la prima volta e sentirsi riempire di sborra la fece godere
godere senza poer repirare la fece quasi svenire.
la incularono a turno
lei ebbe un altro orgasmo
poi finito le pisciarono addosso.
la fecero alzare. la presero a schiaffi in ogi parte del corpo. poi la presero per i capelli e la costrinsero a uscire. nuda, sporca, con lo sperma che le colava sulle gambe attraversò il locale
tutti la guardavano
ridevano
i tre la portarono all'uscita posteriore e la buttarono fuori
era nuda. le buttarono la borsetta. vattene e non tornare più!
lei si alzo, era dolorante camminava a fatica. il culo aperto le provocava un dolore immenso
corse senza guardarsi intorno all'auto
poi accese e attraversò la città per arrivare a casa. nuda.arrivata a casa corse in bagno
si tocco il culo e vide del sangue...lo avevano rotto
si fece una doccia.
poi andò a dormire
si svegliò la mattina seguente eccitata. aveva segni su tutto il corpo.
stasera vi faccio vedere io se prendo paura. pensò. decise sarebbe tornata.

Questo racconto di è stato letto 3 3 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.