Il cambiamento

Scritto da , il 2016-06-14, genere etero

Un racconto vero.
Avete presente la ragazza della porta accanto? Ecco sono io. 19 anni. Tranquilla. Tanto studio, a volte in giro con gli amici e fidanzato stabile. Questa é la storia del mio cambiamento in troia amante del sesso. Ma soprattutto del mio primo tradimento.
Non ricordo come sia successo ma ho iniziato a chattare con un cinquantenne brizzolato di una città vicina. Si chiama Mario.
Che palle, un altro morto di figa.

Volevo divertirmi un po'. É divertente vedere come gli uomini si vantino delle loro fantomatiche misure e capacità e a cosa siano disposti a dire e fare anche solo per la figa. Di solito però sono giovani. Chissà come sarà.
Senza prenderlo sul serio inizio a stuzzicarlo un po'. Rispondendo a tono alle sue battute spinte. Pian piano ci siamo conosciuti un po' di più. E ho iniziato a lasciarmi andare e godere di quello che immaginava. A volte mi masturbavo immaginando le sue dita su di me. Altre volte pensavo a lui e alla sua personalità forte e sicura quando ero con Luca, un ragazzo timidino e riservato. Perso di me.
Mario sapeva, e sa tutt'ora, come far eccitare una donna. Mi faceva sentire tale. Una donna desiderata. Ogni volta che mi scriveva mi bagnavo come una vacca. Ogni giorno che passava mi faceva diventare sempre più maliziosa e troia, come mi definiva lui.
Anche il mio fidanzato aveva notato il cambiamento ma dava la colpa all' inizio dell'università in un altra città.
Dopo mesi di chat molto spinte e scambio di foto ancora più porno sono curiosa di conoscerlo. Per vedere se é tutto vero. Mi ha stregato con le sue parole. O meglio ha stregato la mia figa, la mia voglia di godere.
Decidiamo un posto neutrale a metà strada, in pausa pranzo, inizialmente solo a bere qualcosa, per il resto si vedrà.
In treno mi dico che è una cazzata. Ha l' età di mio padre. Non so neanche se é sposato. So a malapena che lavoro faccia. In questo momento non mi importa. Il suo atteggiamento un po'protettivo mi rassicura.
Sono bagnata pensando a tutto quello che ha immaginato. Chissà se sa leccare così come si vanta.. Ma soprattutto se così fosse io sarò alla sua altezza? L., il mio moroso non si è mai lamentato, ma lui è così romantico.
È un lungo viaggio. Difficile. Ho paura. Non di lui, di Mario, ma di me. Credevo di non riuscire a fare una cosa così. Sto veramente per tradire Luca? Mi sento una merda. Il mio istinto sta vincendo la ragione. Non ho scuse é premeditato.
Finalmente sono arrivata.
Lo aspetto nel posto deciso. Sarà il posto giusto?
Forse ho esagerato nel vestirmi. Minigonna,autoreggenti, tacchi e un maglioncino. Forse un po' troppo.
Spero arrivi presto.
Se mi lascia qui con i miei pensieri ancora un minuto potrei andarmene via.
Eccolo.
Finalmente.
Più o meno come me lo immaginavo. Elegante, carismatico e brizzolato. Potrebbe essere veramente mio padre.
Mi chiede cosa voglio fare.non so.
Capisce i miei timori e mi propone di andare in un bar vicino alla stazione, così se voglio andarmene posso farlo quando voglio. Mi tranquillizza. Sottolinea che non cu devono essere sentimenti. Solo desiderio. Così come avevamo detto in chat. Mi lusinga con complimenti. Sa come farmi sciogliere.
La sua voce bassa e profonda tocca le corde giuste. Mi sto bagnando. Mi attrae ma la mia ragione mi blocca.
Cerca parcheggio vicino al bar. Mi mette la mano sulla coscia. Mi accarezza dolcemente: "E quindi cosa vuoi fare? Sei decisa o ti riporto alla stazione? Tranquilla che puoi andatene quando vuoi. Devi fare solo quello che ti senti."
Lo voglio. Voglio la sua mano sicura su di me.
Mi manca il fiato. La mia attenzione é sulla sua mano appoggiata alla mia gamba. Non so cosa fare.
Decide lui. La sua mano si alza sempre più. Io la seguo nel suo percorso. Mi alza il mento e mi bacia a stampo mentre mi guarda negli occhi.
Mi lascio andare. Ci baciamo appassionatamente. Mi piace il suo sapore. Ha appena fumato.
" Entriamo?" Mi dice
Certo.
Ho bisogno di un alcolico qualsiasi mer schiarirmi la mente. Anzi per spegnerla.
Ci sediamo e ordiniamo. La cameriera ci squadra. Forse ha capito. Sembro una Escort. Mi accarezza le gambe sotto il tavolino per non dare nell'occhio. Parliamo un po'. Prima solo per conoscerci un po'. Mario si fa pochi problemi. Racconta ad alta voce i suoi desideri. Vuole portarmi a letto, in motel. Dice nei particolari cosa vorrebbe fare una volta lì.
Divento rossa.
La sua mano si fa sempre più audace. Mi sfiora gli slip. Sono bagnati.
Se possibile divento ancora più rossa.
Paga. Usciamo.
Arrivati alla macchina mi preme contro la portiera. Viso contro viso. Sento il suo fiato caldo.
E la sua erezione che spinge contro il mio ventre.
Ci baciamo.
Ho voglia di lui. Come con nessuno fino ad ora. Mi stacco da lui. Mi guarda perplesso:" Vuoi andartene?" "No" rispondo. Mi manca il fiato dalla gola. "Ho voglia di te" sussurro.
Mi spinge in macchina e parte verso il motel.
A ogni semaforo cerca la mia figa e inizia a cullarla con le sue dita.
Continua a chiedermi se mi va bene o se voglio tornare indietro. Non ragiono più. La mia figa prevale sul mio cervello.
I dieci minuti più lunghi della mia vita.
Finalmente in motel. Prende una camera e parcheggia.
Finalmente. La mia figa non ne può più.
Entriamo. Di nuovo ci perdiamo l' uno nella bocca dell'altro.
Mi solleva e mi butta nel letto. " ora ti convinco a restare, come saprai so essere molto bravo con la lingua, ora te lo dimostro."
Che sbruffone. Mi viene da ridere. Mi zittisce con una mano. Con l'altra abbassa lo slip e mi penetra con due dita. Sobbalzo. Inizio ad ansimare.
Si abbassa tra le mie gambe. Sfila del tutto gli slip e il maglioncino. Mi guarda voglioso e piano si avvicina. Bacia piano il clitoride e poi scende lungo tutta la fessura. Dice che sono buona. Si rituffa su di me. Non riesco a razionalizzare quello che sta facendo. Muove sicuro la sua lingua. Sento solo un gran godimento, così forte che é quasi alla soglia del dolore. Sto per venire. Per fortuna siamo qui e posso gridare. Non ho mai avuto un orgasmo così. Ci ha messo pochissimo. Aveva ragione. Ci sa fare.
L' ho inondato di umori. Anche la camicia.
Divento rossa in viso. Mi scuso. Questa volta é lui a ridere. Dice che non devo scusarmi. E mi bacia. Sento il mio sapore sulle sue labbra. Continua a farmi godere con le dita.
Voglio ricambiare. Voglio farlo godere come lui ha fatto con me.
Mi sollevo. Lui è sopra di me. Inizio a levargli la camicia. É zuppa dei miei umori. La stendo su una sedia, spero si asciughi. Ridiamo al pensiero che torni in ufficio con il mio profumo addosso.
Mi piace questa brezza leggera che si respira, leggermente appesantita dall'eccitazione.
É lì. Mezzo nudo sul letto che mi osserva con i suoi occhi desiderosi mentre mi spoglio del tutto. Ormai fatto trenta facciamo trentuno.
Mi siedo davanti a lui. Lo bacio mentre gli slaccio i pantaloni. Sento il suo cazzo fremere da sotto la stoffa.
Mi abbasso e bacio piano la cappella. Ha un buon sapore anche lui.
Lo faccio avvicinare al bordo del letto per stare più comoda. Abbiamo immaginato spesso questo momenti nella chat. So cosa gli piace. Passo lentamente la lingua su tutta la lunghezza dell'asta, scendendo fino alle palle, per poi risalire e prenderlo tutto in bocca.
Per fortuna non è grande come si vantava. Dai suoi racconti doveva essere una biscia. Ne ho visti di meglio.
Accompagno il pompino anche con la mano. Sempre più decisa. Ci mette poco a venirmi in bocca. Che soddisfazione. Sono stata brava. Sorrido soddisfatta dal lavoro. Lo guardo negli occhi, ingoio e mi lecco le labbra. Per assaporare il più possibile il suo sapore.
Buona, come tutta la sborra, anche se si sente che é un fumatore. Peccato. Sarebbe stata deliziosa.
Mi solleva tenendomi una mano sotto il viso. Occhi negli occhi. Ad esprimere la nostra voglia di godere. Ci baciamo. Sulla sua lingua sento ancora il mio sapore. Ansima ancora un po'. Dice che sono stata brava e che mentre aspetta che il suo amichetto torni in vita per scoparmi mi farà godere di nuovo. Scherza sul fatto che sia lui che il suo cazzo non sono più dei giovincelli. In cambio le sue dita e la sua lingua non si stancano così facilmente.
Per fortuna.
Mi stendo sul letto e lui va a prendere qualcosa dalla tasca della giacca. Si volta. É un foulard. Mi benda.
Come nelle fantasie che ci scrivevamo.
Torna a farmi godere questa volta penetrandomi con foga prima con due e poi con tre dita.
Inizio a muovere il bacino. Mi fa impazzire. Voglio il suo cazzo dentro me. Intanto mi lecca delicato il clitoride. Ecco il secondo orgasmo che arriva. Ancora più devastante. Il mio corpo freme. Come degli spasmi. Mi toglie la benda e sorride soddisfatto e un po' beffardo: "Avevo detto che leccavo bene"
L' unica risposta che sono in grado di dargli ora è un gemito e chiudere gli occhi. Sono in pace. Penso solo al piacere appena provato.
Sono ancora sdraiata, mi solleva le gambe , indossa in condom, e inizia a penetrarmi. Sono così bagnata dai due orgasmi che scivola senza fatica.
É sopra do me. Mi bacia, con le mani mi tiene le braccia sollevate sopra la mia testa, e pompa con sempre più foga. I miei gemiti si perdono nella sua bocca.
Driin
Driin
Driin
MALEDETTO TELEFONO. Il suo.
Al lavoro é successo un problema. Deve correre li.
Giusto il tempo per una doccia veloce e via. Continua a scusarsi.
Ho messo il broncio. So benissimo che non è colpa sua. Succede. Ma ho un orgasmo in sospeso. Mi mancava poco. Anche lui è deluso.
Torniamo in macchina. É scocciato ma continua a chiedermi scusa.
Lo ringrazio per quello che mi ha fatto godere.
La razionalità torna a fare capolino nella mia mente. Mi vergogno di quello che ho appena fatto. Gli dico che non so se ci vedremo ancora. Voglio troppo bene a Luca anche se con un mare di dubbi.
In stazione ci diamo un bacio di addio lungo e triste.
Si scusa ancora e riparte a fuoco.
Cerco una panchina e mi siedo. Inizio a piangere. Cosa ho appena fatto?
Cinque minuti dopo mi arriva un suo messaggio in cui mi chiede se va tutto bene. Spera di non avermi incasinato. Gli rispondo solo che vedremo e lo ringrazio ancora.
Prendo il primo treno che passa e torno a casa.
Luca é alla stazione che mi aspetta.
Che merda che sono. Una vocina nella mia mente mi ricorda quanto sono stata bene con Mario e il piacere che mi ha fatto provare.
Scendo dal treno e lo saluto freddamente. Dico che mi sono ammalata e non voglio contagiarlo.
Povero stupido ed ignaro Luca. Forse é meglio troncare prima che ti faccia soffrire troppo.
Prevedo che questa sarà una lunga notte insonne.

Vincerà il desiderio di sesso o l' affetto verso Luca?

Continua
Scusate se sono stata lunga. Spero non noiosa. Giuro che é tutto vero, cambiando solo alcuni dettagli per celare le nostre identità. Spero vi sia piaciuto

Questo racconto di è stato letto 6 8 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.