Erotici Racconti

Voglia di darsi

Scritto da , il 2016-06-04, genere bisex

Erano circa le due, di notte, me ne stavo tornando a casa dopo aver scopato in macchina con la mia amichetta arpista che alla fine me l'aveva data. Ero allegro e completamente soddisfatto, andavo piano per il vialone deserto, quando da dietro un albero, mi parve, avanzò un uomo facendomi segni frenetici di fermarmi già da una certa distanza, rallento, naturalmente e ancora sovrappensiero, accosto abbassando il vetro lato passeggero per sentire cosa volesse.
E' un tipo buffo, sui sessanta a occhio e croce, con una coroncina di capelli tinti, pancetta, piccolo di statura e un bel viso, se fosse stato una donna, ma strano per un uomo, mi fissa con uno sguardo intenso, magnetico.
Voglio farti una sega, una bellissima sega
Lo guardo allibito ma sblocco lo sportello e lo faccio salire, quello sguardo mi ha fatto arrapare, non so perchè, ma ho voglia di farmi toccare da lui, di aprirgli la patta e farmi fare dalle sue mani, grassocce ma affusolate, in qualche modo affascinanti anche quelle. Sento una voglia prepotente di lasciar andare ogni preconcetto e abbandonaumi nelle mani di quell'uomo.
Dove? - Gli chiedo solamente.
Più avanti c'è un viottolo tranquillo.
Mi mette subito la mano sulla patta e tira giù la lampo dei pantaloni infilando una mano delicata che impugna subito il mio pene. Ho una erezione immediata che lo soddisfa e lo mette a suo agio.
Volta qui!- Non dice altro ed io eseguo.
A una curva la città scompare e siamo in una radura avvolta da alberi e siepi.
Tira giù il sedile e dammiti tutto!
Sono affascinato e succube, mi sdraio completamente e mi consegno alla sua mano che mi abbassa ancora i calzoni e da inizio a una carezza che va dal ventre ai tersticoli e...si spinge anche sotto, toccandomi l'ano, ma torna subito al pene e lo scappuccia completamente.
Poi si ferma, tira fuori una bustina argentata da cui estrae un salviettino umido con cui si strofina le mani e me lo passa su tutto il pube e nuovamente sotto. Ho il pene che torreggia intanto, scappucciato e in piena erezione, ora le sue dita si concentrano sul mio prepuzio e mi strappano un lamento di piacere: è un piacere quasi doloroso, terribile, intorno all'uretra che mi fa impazzire.
Si...si,,,fammi sborrare!
Si, dai, fallo schizzare, sbrodati come una checca, troia e bocchinara, vuoi farti fare anche il culo...dillo...dillo!
Sono come impazzito e sto sborrando. Un dito sul foro uretrale mi fa ricadere tutto lo sperma sul ventre e le sue dita, intrise del mio sperma me lo spargono dai capezzoli al culo.
Fammi anche il culo...fammi tutto!
Non ho mai goduto tanto, lui spreme le ultime gocce di latte dal mio pene e si lecca le dita. Poi sale con la faccia all'altezza del mio viso infilandomi la lingua in bocca, apro la bocca e lascio che il bacio diventi un'altra scopata. Non so più quello che sto facendo, ma la libidine più sfrenata mi ha invaso, ho voglia di venire ancora. Il tipo mi sfila completamente i pantaloni e mi suggerisce di aprire le gambe, poi tira fuori il cazzo e si denuda anche lui dalla vita in giù. Guardo estasiato il suo cazzo e il suo ventre peloso, gli prendo l'uccello con una mano e lo tiro verso di me sollevando le gambe e appoggiando i piedi al finestrino e mi lascio penetrare. Ha un cazzo bellissimo che mi entra piano e spingo anche io per dargli il culo e sentirlo tutto dentro. Non è un cazzo enorme, ma è perfetto per il mio culo vergine e la mia lussuria scatenata. Mi faccio sbattere lì, in macchina, come una troia e lo invoco:
Sborrami tutto...sborrami tutto dentro!
Si, si...sta tranquillo, ma ci metterò un po'!
Si...sbattimi, fammi venire, fammi puttana...ohh...aahh... il mio orso peloso che mi vuole puttana...ero gia venuto con una mia amica, ma avevo ancora voglia e mi capita un cazzo che mi vuole fare frocio. Ma è proprio quello che ci voleva, voglio godere e godere...dai...dai...ficcalo più dentro...più dentro----
Non so quali altre scemenze mi uscissero di bocca, ma stavo venendo, irrefrenabilmente e mentre continuava a pomparmelo dentro con una mano mi raccoglieva lo sperma e me lo spalmava in faccia e in bocca.
Poi, mentre continuava a scoparmi tornò a baciarmi e leccarmi come un gelato.

Questo racconto di è stato letto 5 8 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.