Clarissa

Scritto da , il 2016-03-05, genere prime esperienze

                                CLARISSA


Io, Andrea come tutte le mattine misi su Il caffè, ormai erano anni che mi svegliavo per primo e preparavo il caffè , la colazione per tutta la famiglia,portavo il caffè a Eva che era ancora a letto e ,come sempre rimanevo in religioso silenzio ad ammirare quel meraviglioso culo esposto ,bello , tondo ,sodo, che non avevo mai profanato degnamente, lo accarezzo dolcemente poi do un delicatissimo bacio sulle labbra a  Eva che è  ancora nella braccia di Morfeo...lascio il caffè sul comodino e mi dirigo verso la terrazza della cucina a fumare la prima sigaretta del mattino .

All' alba  c"è qualcosa di magico nell 'l'aria ,il silenzio,la città che si sveglia lentamente e il mondo inzia  a prender forma.

Mi sedetti comodamente sul divano di vimini ,presi  il mio smartphone e entrai  sul mio fb fake, rimasi di sasso vedendo l immagine di una bellissima donna in lingerie,non era stato colpito dal corpo ,bensì da quella espressione di ingenuità che traspariva dagli occhi di quella donna , continuai  il mio  giro nei gruppi sex per le ultime novità,finii’ la sigaretta chiusi lo smartphone e  diedi inizio ad un altro giorno .

Quella mattina al lavoro non riuscivo a stare tranquillo ,a concentrarmi ,l' immagine di quella donna ricorreva nella  mia mente continuamente,e non riuscivo a capire il perché!! di donne ne ho  viste tante ,e non solo in foto ,mi ritrovai  a riflettere che quella foto non rendeva giustizia ,la bellezza di quella creatura andava ben oltre una foto in lingerie .

Fu così che a fine giornata feci un commento alla foto ,alla bellezza naturale della signora , e suggerii" al fotografo  di evidenziare maggiormente l 'espressione della signora .

Appena vidi il  mio commento apparire sotto la foto ,fui contattato da un utente .

Albert :

Cosa voleva ?accettai la richiesta di amicizia  e poco dopo giunse un messaggio :

saresti in grado di fare foto migliori ?

 Ed io che ho l’ hobby della fotografia da sempre risposi : 

credo proprio. Di si !!

 Fu così che Albert mi disse che quella  meravigliosa creatura era sua moglie !!

Mi complimentai con lui ,e nel ringraziarmi mi invio’ un altra immagine della moglie ,non mi sbagliavo era un gran bella donna,deturpata dal fotografo!! 

Dissi ad Albert che sbagliava a fare le foto e gli diedi dei suggerimenti qualche dritta per scattare foto migliori,e lui di getto mi disse :

 Siamo vicini le faresti tu un po' di foto a mia moglie ???

Rimasi impietriito !! 

Certo che mi sarebbe piaciuto ,ma quale donna avrebbe avuto il coraggio di farsi un book fotografico sexy con un estraneo ?

 Comunicai ad Albert il mio pensiero,il quale mi disse:

 Ascolta Andrea io ho una fantasia da realizzare assieme a mia moglie ,vorremmo fare sesso a tre con un altro uomo ,per cui io stasera  ne parlero" con Clarissa e ti farò sapere....

Risposi ad Albert che attendevo una sua risposta l' indomani e ci salutammo.

Il pensiero mi riporto" al nome Clarissa un nome aristocratico, di un animo nobile ,rispecchiava ciò che vedevo in quella donna,classe e emozioni  della trasgressione stampate sul volto,ma al contempo pensai che avrei dovuto resistere a non scoparla ,perché la mia fantasia erà un 'altra !!

 Mi sarebbe piaciuto che Clarissa scopasse mia moglie non me!  

Ormai erano anni che cercavo una donna capace di coinvolgerla,  ma senza alcun risultato.

Il giorno successivo ricevetti il messaggio di Albert,il quale mi informava che alle 18.00 mi attendeva in un bar del centro per parlarmi di persona.

Fu così che ci conoscemmo di persona ,

Albert si dimostrò un uomo serio e con un gran entusiasmo ,mi disse che la sera precedente aveva fatto vedere delle mie foto a Clarissa,la quale  lê apprezzo molto , ed Albert le disse che volevo farle delle foto, Clarissa  rispose poi vedremo...

Fui entusiasta ,ma per onestà e chiarezza dissi ad Albert che la sua fantasia di scoparla assieme,  non era nei miei desideri,non per Clarissa ma per rispetto verso mia moglie .

Albert si rabbuio",ma di getto mi disse che , Clarissa in  un momento di intimità gli disse che aveva una certa curiosità non definita verso una donna loro conoscente,per cui la possibilità di un coinvolgimento della mia donna in futuro non sarebbe poi stata un utopia.

Mentre cercavamo una soluzione per creare l’ incontro con Clarissa ci  rendemmo conto  che non avevamo tempo libero coincidente,io ero disponibile il sabato ,e lui solo la domenica ,che per me era impossibile.

Albert di fronte al mio diniego esordì con un lanconico va bene ,ci salutammo e rimanemmo che ci saremmo sentiti al telefono a inizio settimana.

Trascorsi un sereno wek end con mia moglie ,crogiolati al sole,refrigerati dal mare , dalla sempre mia ammirazione per la splendida donna che dedicava la sua vita  da trent'anni  a me è ai figli, che nel suo succinto  bikini e le tette al sole, ancor belle attirava sguardi  compiaciuti di maschi e femmine .

Il lunedì sera ricevetti la telefonata di Albert ,il quale mi informava con un entusiasmo coinvolgente ,che nel wek end lui è Clarissa avevano parlato delle foto e Clarissa dopo essersi presa un giorno di riflessione ,gli aveva comunicato che per lei andava bene ,a condizione che ,quest 'uomo doveva esserle simpatico, affabile, che la mettesse a proprio agio e che Albert doveva presenziare ,altrimenti non se faceva nulla, la sua assenza le avrebbe procurato maggior disagio,risposi ad Albert va bene ma sempre di sabato replicai!!

 Albert con voce sorniona mi disse : ho chiesto un giorno di permesso !!

Sabato prossimo!! sembrava un bambino che aveva conquistato un premio al luna park tanto era l entusiasmo nella sua voce. Ci salutammo cordialmente.

La settimana trascorse serena ,a mia moglie dissi che il sabato successivo avevo un corso è che ci saremmo visti la sera .

Il venerdì sera preparai  il borsone con tutta l attrezzatura  necessaria e anche della lingerie di mia moglie,  nel mentre  mi cadde  l occhio sul boccettino di  gel  stimolante e, instintivamente lo misi nel borsone.

Sabato Mattina come consutudine  preparai il caffè colazione per tutti,e uscii, Impostai il navigatore  e vía !

giunsi a destinazione con anticipo e ,mi fermai in un bar per un caffe  quando mi squillo' il teléfono ,era Albert che con voce cupa mi diceva che purtroppo doveva correre  in azienda per un grosso guaio,dissi ad Albert che mi dispiaceva molto ,ma che mi aveva incasinato la giornata,parche'ero gia'a cento metri da casa sua e non sapevo che faré tutti il giorno ! 

Albert esclamo'   ah !!

 In quel momento  sentii distintamente una voce femminile che diceva :

cosa succede  Albert ?

 Albert informó Clarissa che ero sotto casa , vi fu un momento  di silenzio ,poi risentii la voce di Clarissa che diceva ,bhe' visto che é gia" qui almeno presentiamoci , e di getto disse ad Albert :

di ad Andrea di salire che preparo  un caffe'.

Uscii dal bar senza aver preso il caffe ,presi il borsone e mi avviai verso il portone del palazzo.

Ebbi una certa emozione davanti alla  porta ,bussai e venne ad aprirmi Albert ,che con una faccia nera e un finto sorriso mi  accolse in casa, entrando in un  ampio soggiorno e in  quel momento usci'  dalla cucina e  mi venne incontro Clarissa, ci presentammo e nello stringere la sua mano notai um leggero tremore,lê feci um ampio sorriso e le dissi di quanto fosse piu Bella che dalle foto.,mi sorrise  e le sue guancia divennero  rosse.

Clarissa indossava un leggero pantalone  ed una magliettina corta,mi sembrava un pigiiama má nonostante la mise ,la sua grazia e il suo muoversi  felino lê davano classe e sensualità,mentre ebbi questo pensiero , Albert prendendomi sottobraccio ,mi giudò  in cucina ,ebbi modo di notare  lê forme di Clarissa mentre armeggiava con il caffe e quando venne verso di me  porgendomi ll piattino com la tazzina , abbassandosi un pó intravidi il suo bel seno, eravamo intenti a prendere il caffe  e squillo' il telefono  di Albert che con fare arrabbiato esclamo "!:

Sono Nel traffico Sto arrivando!! 

E cosi di scatto  si alzo"e disse:

 devo scappare diede un  bacio veloce sulla guancia di Clarissa e scappo via...

Per stemperare súbito quello Che poteva divenire imbarazzo dissi a Clarissa , ho notato che avete tutte lê imposte oscurate c'e' um motivo particolare? Mentre  sorseggiava  il caffe’ Clarissa guardandomi negli  occhi mi disse: 

I nostri  dirimpettai sono degli impiccioni !! ed io di rimando  lê dissi sicuramente hanno un bel guardare, e lei accennò ad un sorriso,chiesi a Clarissa se potevo fumare una sigaretta di tabacco thailandese e con un sorriso che nascondeva timidezza ,mi disse :

 Certamente si alzo 'mi porto' un posacenere ,chiuse la porta ed apri lê ante del balcone,,eravamo sempre non visibili ma inizio" ad entrare un pó ' di aria fresca mattutina che inturgidi ' I capezzoli di Clarissa, ormai visibili anche con la maglietta e,Clarissa divenne di nuovo rossa.

Approfittai  di quel momento  e porsi la sigaretta a Clarissa ,la quale  sorridendo  mi disse :

Io non ho Mai fumato in quarantatre anni !!

Ed io, ecco oggi farai una cosa nuova!! Vedrai che ti calmerai ,sai ho sentito il tuo tremore  quando  mi hai dato la mano prima…e cosi dicendo le porgo la sigaretta,Clarissa  la prese con fare  impacciato  la porto' alle  labbra,fece un tiro e immediatamente toss'i , quasi le uscirono gli occhi dalle orbite,mi alzai  le andai  dietro  presi la sigaretta dalla sua mano ,la poggiai sulle  sue  morbide labbra e in un orecchio le dissi dolcemente aspira piano ,deglutisci conta fino a Quattro e butta fuori il fumo,e mi avviai nel soggiorno  e presi la mia Nikon,intanto sentii Clarissa dire ,stavolta non ho tossito!

 Brava le dissi e con la coda dell occhio vidi che fece un secondo tiro chiedendomi come si chiamasse questo tabacco,,non risposi e mettendomi di fronte  a lei  ,le feci una foto ritratto.

Clarisa mi restitui" la sigaretta ed io la poggiai nel posacenere,guardandola negli occhi, capii che la cannabis stava  facendo il suo effetto,la vidi sorridere senza più sentirsi intimidita , ed esclamo"Andrea mi sento ovattata, e mi viene  da ridere ,Anche  io le sorrisi guardandola negli occhi mi avvicinai le dissi:

Ti senti pronta ora per le foto ?

 Clarissa rise come non mai,si sentiva ancora a disagio mi avvicinai a lei e prendenole le mani la feci alzare all ' impiedi,e le dissi.:

 Basta disagio sei una donna bellissima,poi  ho gia' visto tue foto nuda,e cosi dicendo le prendo il bordo della maglietta  ed inizio a tirarla su.

La sentivo tremare...il suo seno usci prorompente,una bella terza con capezzolo all’ insu", Clarissa ormai rossa  come un peperone,le presi le mani e le portai sulla sua testa e nel riscendere sfiorai leggermente un capezzolo e sentii nettamente un brivido di Clarissa .

Presi il bordo del pantalone e lo abbassai giu",  mi apparve una  fica pelosa  e poco curata, e dissi.

  Clarissa ora   faccio due foto cosi all’ impiedi ok?

 Lei annui' ed io la spostai verso la parete  bianca  ,le feci una  foto di fronte  ed una  di spalle.

Ok andiamo al pc per vederle grandi,Clarissa raccolse da terra I suoi indumenti e stava per indossarli di  nuovo,la guardai e le dissi.

 No !rimani nuda cosi ! Ti passa il disagio e lei ok ,ci Provo !

 Andammo al pc e lei si sedette al mio fianco,si visualizzarono le foto e dissi a Clarissa ,dobbiamo fare alcune cose prima di fare le foto,lei mi seguiva ,per prima cosa a devi depilarti la fica ,ma non tutta,e le feci vedere come tagliando dalla foto una parte dei peli,poi le chiesi se aveva del fondo tinta o fard dello stesso  colore  della sua pelle,Clarissa mi disse di si ,ok allora mentre  ti depili,io inizio a creare il set fotografico nel disimpegno ok ? Ok rispose Clarissa  ormai aveva perso il disagio e si muoveva liberamente nuda davanti a me.

Le dissi attravesrso la porta del bagno di prendere anche un rossetto opaco del colore delle sue labbra,e di mettere la sua lingerie  sul letto ed anche le  scarpe con tacco alto.

Il disimpegno della casa era ampio e sulla parete in fondo vi era un grande specchio a quadroni fume'. Presi una poltrona  e uno sgabello e li posizionai di lato allo specchoo a circa due metri,tirai  fuori dal borsone un grande telo viola e ricoprii la poltrona e lo sgabello ed il pavimento davanti per circa due  metri,poi presi un  faretto  e lo puntai allo specchio,inclinandolo a 45 grandi,cosi avevo una luce  diffusa sulla poltrona,feci due scatti di prova per calibrare l’ esposizione 

Poco dopo  apparve Clarissa,con in mano un beauty e la sua bella fica depilata, che evidenziava le sue belle turgide grandi labbra,si accorse che la gurdavo e ridivenne  rossa in viso,le tolsi il beauty dalla mani lo poggiai per terra e la esaminai bene,le dissi dobbiamo scurire alcune zone del corpo per creare  contrasto ,posso farlo io? o lo  fai  tu da sola ?

 La guardo negli occhi ,e annuendo disse:

Fallo tu ormai....

Presi del correttore leggermente piu scuro della sua pelle e iniziai ,prima intorno alle natiche, sotto I seni, nei fianchi,sulle zone zigomatiche e nel mentre le spiegavo il perche’,ad ogni mio tocco sentivo il corpo di Clarissa vibrare ,mordendosi il labbro  inferiore

Poi presi il rossetto ,e dissi a Clarissa:

 diamo un tono di colore ai capezzoli e cosi dicendo prendo un seno e con il rossetto le scurisco il capezzolo,il quale  divenne mostruosamente duro,un chiodo di un centimetro,poi passai all’ altro,ora stenditi e prendendole le labbra della fica iniziai a far lo stesso lavoro dei seni, ed era gia’ tutta umida.....

La feci rialzare e le dissi:

 Vai a indossare la lngerie che piu ti piace e,metti il rossetto alle labbra 

Trascorrono due minuti e davanti a me apparve una donna meravigliosa ,sexy da impazzire ,le presi la mano e la feci sedere sulla poltrona,presi dal borsone una mascherina e la posizionai sul volto,le dissi si deve vedere l’ espressione degli occhi ma non devi esser riconoscibile....Clarissa ormai era in preda dei sensi ad ogni mio tocco sobbalzava e I capezzoli sbucavano dal reggiseno nero trasparente.

Prima iniziare  le porsi  la sigaretta e Clarissa ne aspiro" due boccate , la posizionai sulla poltrona per  i primi scatti,Clarissa in lingerie era bellissima ,il suo seno sodo turgido che svettava  da sotto ill reggiseno,il  monte di venere gonfio le davano una visione  divina....e il mio cazzo divenne di ferro.

Dissi a Clarissa:

chiudi gli occhi e pensa che Albert ti stià sfiorando,e muoviti lentamente....la vidi sorridere e lentamente inizio' a stringersi il seno,a sfiorarsi il corpo con le dita aperte ,con gli occhi  chiusi e i suoi sospiri iniziarono ad essere,rtimati stava perdendo  I freni inibitori e la libido prendeva il sopravvento....non ebbi la necessita" di darle istruzioni si muoveva bene da sola.....

Gli  scatti si susseguivano veloci....ad un certo punto Clarissa si gira,  mettendendosi a pecorina sulla poltrona e inizia ad abbassarsi il perizoma......

Continuo a scattare.....poi la fermo e le dico :

 Ok Clarissa, cambiamo lingerie,lei esterefatta eccitata come non mai  mi guarda con occhi languidi e mi dice va bene ..e si avvia verso la stanza da letto.

La raggiuno  e le porto il reggiseno di mia moglie ,uno di quelli aperti,lei mi sorride e lo indossa ,poi le passo il  perizoma anch’ esso aperto davanti....le prendo la mano e la porto sul set ,stavolta la faccio accomadare sullo sgabello,prendo un  po’ del gel che avevo portato con me ,e lo cospargo sulle grandi labbra,poi sui  capezzoli....sia I capezzoli che la fica avevano ora un colore lucido  ....le dico continua a  toccarti  , Clarissa mi dice:

 Cosa  mi hai messo? sento un calore…. e cosi dicendo inizia a toccarsi.....io scatto continuamente ,si iniziava contorcere lentamente ,dolcemente  e guardandomi negli occhi, aspettando  un  mio tocco per  godere.....nel mentre mi arriva un ‘sms di Albert ,che non leggo.......continuo a scattare.....

Clarissa si alza dandomi la schiena si volta,mi guarda, poggia le ginocchia sulla poltrona e chinandosi in avanti con il busto porge alla mia vista il suo  maestoso culo, ora potevo scorgere distintamente  la fica  aprirsi tutta ad ogni suo gemito provocato  dallo strizzarsi dei  capezzoli . .dalla sua fica colavano  goccie  di  uomori  con cadenza ritmica ormai Clarissa si masturbava furiosamente dandomi sensazioni straordinarie a cui resistere era un martirio per me è , per lei,si volta e con quei suoi occhi puntati nei miei mi dice : Andreaaaa Andreaaa scopami !!! Non resisto piu'!!!

 Le vado vicino   prendo un foulard che era sulla cappelliera e le lego i polsi ,poi  lego il foulard al bordo  superiore della cappelliera ,ora  in piedi con le mani legate…. l'eccitazione era inarrestabile e la fantasia realizzabile ,le tolgo la mascherina ,la piego in due e la rimetto cosi non poteva vedere,mi allontano  po’ torno alla macchina cambio scheda e leggo l’ sms di Albert :

 Andrea sei ancora a Casa mia con Clarissa ?

 Rispondo ad Albert si stiamo facendo foto,se fossi qui ti faresti una scopata unica !! come mai fatta con Clarissa

 Mi risponde tra dieci  minuti saro’ a Casa! 

Ok bene Albert.....ma non fare alcun rumore  entra in sordina.

Misi la macchina sullo stativo ,mentre Clarissa mi chiedeva cosa stai facendo!!??  non risposi il silenzio la faceva  sussultare ad ogni mio movimento, come se attendesse il momento di sentirmi su di lei, , tutta l aria della stanza  permeava  di  odore di sesso,preso dall’ eccitazione  programnai la macchina a scattare  in automatico ogni  venti secondi.....

Le andai vicino....le sfioravo il seno facendo dei movimenti circolari,lenti ..prima su un seno ,poi sull’ altro,Clarissa gemeva in  preda  a leggeri spasmi,si passava la lingua sulle labbra,feci scorrere le dita su un un fianco per poi risalire verso la nuca,non resistetti e le diedi un leggero  bacio sul collo,notai come tutti I peli del braccio e la peluria del collo  di Clarissa si rizzarono....,scesi lentamente verso il suo magnifico culo , e passai l ‘indice tra le  natiche,Clarissa strinse le gambe in preda ormai all’ estasi,voleva  godere..stava per godere !!

Risalii  lentamente e portai la mia mano sul suo ventre, con una lentezza esasperante scesi verso la sua maestosa fica che pulsava e colava. ,sfiorai le grandi labbra dal basso verso l’ alto e,il mio dito si intrufolo" tra le piccole labbra risalendo arrivai alla clitoride che eretta come un piccolo cazzo gonfio, a cui  dedicai piccoli colpetti di giri concentrici , Clarissa si contorceva ,legata e bendata inizio a dimenarsi e quasi gridando diceva :Andrea scopami non resisto piu voglio il cazzo !!

 In quel momento vidi Albert con le spalle alla porta che si godeva lo spettacolo con il cazzo in mano,e la macchina continuava a scattare…..

Feci cenno ad Albert di avvicinarsi e seguendo la mia mimica iniziò a passare dal basso verso l’ alto la capella tra la fica di Clarissa,che emise un grugnito di piacere, Albert era indiavolato e con vigore penetrò Clarissa che istantaneamente  ebbe un orgasmo devastante che le fece cedere le gioncchia,,,,,

Albert si abbasso quel tanto da prenderla sotto le natiche e continuava a scoparla, Clarissa che voltandosi senza poter vedere avvertiva la mia presenza, mi spogliai avevo trecento gradi e un cazzo che ormai dovevo liberare, e stando dietro a Clarissa decisi ti toglierle la mascherina,e fu inevitabile il contatto della mia cappella sulle sue natiche.

Clarissa  apri gli occhi e vide Albert che la scopava ormai furiosamente e gli stampò un bacio divorando la sua lingua,poi si voltò di scatto con occhi furiosi ,di fuoco e , in tono perenteorio mi urlò scopami il culo!!

In quel frangente mi vennero in mente tutte le volte che l’ ho chiesto a mia moglie,o tutte le volte che ci abbiamo provato,,,,,non potevo resistere e poi,,,,la promessa di Albert...presi della cera di cupra dal suo beauty e  cosparsi l ‘ano di Clariissa che al contatto già spingeva dietro anche per i colpi di Albert.

Entrai lentamente dentro di lei,facendo cenno ad Albert di fermarsi ,e con dolcezza entrai fino in fondo in quello stretto orfizio ,che lentamente si dilatava ,sensazioni sconvolgenti...  volgeva la testa all’ indietro e con gli occhi persi cercava la mia bocca …..mentre io mi dedicavo al suo collo , nel frangente sentimmo Albert  che con voce roca ,vengooooo e contemporaneamente dava gli ultimi vigorosi colpi venendo copiosamente.

Uscii dal  magnifico culo di Clarissa che ormai esausta si lascio scivolare dolcemente a terra accanto ad Abert,li guardai con compiacimento sorridendo a loro,fu in quell momento che vidi Clarissa inginocchiarsi dinnanzi a me e con occhi languidi fece sparire il mio cazzo nella sua bocca calda ,accogliente,e una famelica femmina che succhiava a più non posso guardandomi negli occhi , iniziai a godere della sua maestria,e poco dopo venni furiosamente Clarissa ingoiava.. ma ne colava una parte dalla bocca, quando scorsi Albert leccare cio che colava sul mento di Clarissa e subito dopo prendendola per la mandibola si unirono in un lungo bacio ed esausti scivolarono abbracciati a terra.

Trascorse un momento di tempo indefinito ,poi con calma andai a fumare una sigaretta in cucina ,

decisi di fare una doccia e andar via,loro ancora li per terra sembravano dormire,spensi il faretto ripiegai lo stativo e misi tutto nel borsone e mi avviai in bagno.

Mentre stavo facendo la doccia si aprirono le porte e Clarissa entrò prepotentemente mettendomi con le spalle al muro ,chiuse l’ acqua e guardandomi negli occhi mi disse:

Ti giuro su mio figlio che mi scoperò tua moglie!!

Ma ora voglio far l’ amore con te,la mia fica ti reclama e cosi dicendo mi divora il labbro e mi intrufola prepotentemente la lingua in bocca,mi ha catturato,,,,le prendo i fianchi e la giro metto lei spalle al muro e inizio a leccargli i capezzolii,succhiandoli e mordendoli li tiro a me,lei spinge il suo bacino ,il mio cazzo ha ripreso vigore,le prendo le mani e le metto sulla parte superiore del box doccia,l’ afferro sotto le cosce la sollevo e la lascio scendere sul mio cazzo,inizia una danza pefetta sentivo lei che stringeva ed io che roteavo in un saliscendo in crescendo..fin quando, staccandomi da lei le incrocio le gambe  e le porto ai lati del mio collo ed inizio a penetrarla dall’ basso in alto spingendo nella parte anteriore  sentendo distintamente la zona ruvida del punto g , poco dopo Clarissa in preda ad un rantolo e sentento il mio seme schizzare nel suo ventre inizia a godere e venire squirtando e afflosciandosi nella doccia.

Rimngo estasiato e poco dopo ripendendomi apro il rubinetto della doccia,Clarissa si alza e facciamo la doccia assieme,poi le esce indossa l’ accappatoio e va via,mi asciugo torno in soggiorno per rivestirmi e vedo Albert che prepara un altro caffè,lo raggiungo e nel mentre entra Clarissa con i mano una sheda sd da 24 gica e sorridendomi mi dice:

Questa la rempiamo assieme a eva!!

Questo racconto di è stato letto 4 2 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.