Tutta la notte, fino alle luci dell'alba

Scritto da , il 2016-02-02, genere tradimenti

Era da qualche mese che io e la mia migliore amica condividevamo l'appartamento. Dopo i primi due anni di università non ce la facevamo proprio più a fare le pendolari. La casa era piccina, un bilocale, quindi dovevamo anche condividere la stanza da letto.. però era accogliente e graziosa. Lei aveva il ragazzo da un anno, e infatti da prima che iniziassimo a convivere già sapevo che alla fine saremmo stati quasi sempre in tre in quella casa. Il che non mi infastidiva molto, anche perchè io e David eravamo amici già da un po', c'era una certa confidenza tra tutti e tre. Spesso quando lui si fermava a dormire da noi li sentivo scopare nel letto di Miriam, ma la cosa non mi ha mai dato troppo fastidio, mi giravo dall'altro lato e via. Un giorno stavo sola in casa e considerando la rarità della cosa decisi di approfittarne e farmi un bel bagno rilassante. Dopo una ventina di minuti sentii dei rumori in casa, e iniziai ad andare nel panico dato che Miriam non doveva tornare prima di un'ora.. così mi alzai di scatto per coprirmi e andare a vedere. Appena mi alzai dalla vasca però si aprì la porta del bagno: era David. Inizialmente mi sentii rassicurata: non era un estraneo, non erano ladri nè qualcun altro. Qualche secondo dopo però realizzai che ero completamente nuda e bagnata, ancora piena di schiuma. Mi sentivo il cuore scoppiare dal petto per l'imbarazzo, testimoniato anche dal mio viso arrossito. Inoltre lui, che si era bloccato un passo dopo la porta del bagno, continuava a fissare il mio corpo con la faccia stupita, aveva le labbra socchiuse, per secondi che mi parvero interminabili. Intanto io cercavo di coprirmi con le mani, ma non era facile col seno grande che mi ritrovavo, quindi alla fine optai per l'abbassarmi e rimettermi in acqua. Man mano che il mio imbarazzo svaniva notai la sua evidente erezione nei pantaloni, e mi feci subito di nuovo rossa in viso. Dopo quello che doveva essere stato un minuto gli chiesi se poteva uscire dal bagno, in modo abbastanza scherzoso per non appesantire ancora di più la tensione che si era creata. Richiuse subito la porta, e da dietro quest'ultima disse "Scusami Sere, siamo tornati prima dalla spesa, Miriam sta parcheggiando l'auto.. non sapevo fossi in casa, scusa ancora.", gli risposi "okay" e finì lì. A cena l'atmosfera tornò di nuovo rilassata, e passammo una piacevole serata tra vino e un po' d'erba. Miriam andò a dormire prima di noi, e dato che aveva "le sue cose" David avrebbe comunque dormito sul divano. Tra una chiacchiera e l'altra iniziammo a mettere la cucina a posto. I bicchieri andavano in un ripiano abbastanza alto, troppo per me, ma non volevo arrendermi e nel vano tentativo di arrivare a quello scaffale David da dietro mi aiutò, arrivandoci senza problemi. In questo modo però spinse il suo membro sul mio fondoschiena, e sentii quanto era duro. Capii la sua eccitazione, che per qualche strana ragione era anche la mia. Dopo aver messo il bicchiere a posto David era rimasto alle mie spalle, immobile, come se stesse aspettando qualcosa. Sapevo che così mi sarei sicuramente messa nei casini, e che era rischioso.. ma volevo quel membro che premeva contro il mio corpo e pulsava dal desiderio di possedermi: mi voltai, guardandolo negli occhi, molto intensamente. Sapevo che non sarebbe bastato come cenno, quindi per non essere in nessun modo equivocata, sempre mentre lo guardavo, con una mano mi slacciai un bottone della camicetta che avevo. Mi andava già un po' piccola a causa del mio seno prosperoso, quindi tolto un bottone si tolse automaticamente anche quello dopo, lasciando in bella vista quasi tutto il mio seno, e facendo capire le mie intenzioni a David. Non aspettò neanche un secondo di più, spense la luce e mi fece mettere sul divano. Per non far rumore mi finì di spogliare molto lentamente, ma la paura di essere scoperti non faceva altro che aumentare l'eccitazione. Senza dirci nulla, senza neanche fare preliminari, senza attendere un secondo di più iniziò a scoparmi. Il suo grande cazzo dentro me mi mandava in estasi, era rude, forte, ma non mi faceva per nulla male.. facevo fatica a trattenermi dall'urlare, ero eccitatissima, i miei umori mi colavano giù verso il culo e avevano completamente ricoperto il suo cazzo. Il suo viso era a pochi millimetri dal mio, i nostri respiri si fondevano, i nostri occhi erano incatenati gli uni agli altri, non riuscivamo a non guardarci, e le nostre lingue senza neanche accorgercene avevano iniziato ad intrecciarsi diventando una cosa sola. I nostri corpi ardevano, erano bollenti: le mie mani cercavano il suo corpo e viceversa. Dalla voglia di urlare, per trattenermi, gli graffiai lievemente la schiena con le mie unghie, e penso il gesto lo fece eccitare parecchio, perchè inizio ad affondare dentro di me ancora più velocemente e con maggior potenza. Continuammo per un bel po', non ci bastava mai, volevamo continuare ancora, all'infinito. Sentii che stavo per venire, glielo dissi a bassa voce, e lui disse che c'era quasi anche lui. Venni, e poco dopo anche lui. Un attimo prima gli chiesi di non venire dentro, giusto in tempo: uscì e riversò il suo liquido caldo sul mio corpo. Non riuscivo ancora a connettere però, l'orgasmo mi aveva scosso, ero tutta scombussolata, ma sentivo di volerne ancora e ancora. Guardando le mie tette ricoperte di sborra il suo cazzo, che non si era mai abbassato del tutto, tornò su, di nuovo duro come una roccia, pronto ad entrare in ogni parte di me, e ad accontentare il mio desiderio di averne ancora. Continuammo tutta la notte, fino alle prime luci dell'alba. A quel punto, distrutta e nel silenzio più assoluto mi misi a letto, e dopo un attimo già dormivo profondamente.

Questo racconto di è stato letto 7 7 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.