Non prenderò mai più la metro

Scritto da , il 2016-02-03, genere orge

Dovevo andare da una mia amica dall'altro lato della città, ma essendo estate faceva troppo caldo per farsela a piedi, e avevo l'auto dal meccanico. Così fui costretta a prendere la metro. La odiavo, così affollata e fastidiosa, a qualsiasi ora del giorno, inoltre dovevo scendere anche all'ultima fermata! Il tragitto intero durava poco meno di mezz'ora, e al solo pensiero mi innervosivo. Da qualche mese non ero più costretta a prendere i mezzi pubblici dato che avevo la casa vicino l'università, e quindi non ero più abituata ad usarli. Armata di santa pazienza salii. Avevo dimenticato le varie accortezze che di solito prendevo, a cominciare dall'abbigliamento, infatti di solito persino in estate non avrei mai messo maglie scollate o gonne in metro, cosa che però feci e di cui mi pentii subito. La metro era affollatissima come sempre, ed eravamo schiacciati come sardine. Mi trovavo circondata da uomini, tutti sui 40/50 anni più o meno, in giacca e cravatta nonostante il caldo e con la valigetta in mano. Pensai che forse appartenevano alla stessa azienda. Appena la metro partì venni sballottata addosso ad uno dei cinque uomini che si trovavano intorno a me, che mi strinsero ancora di più all'interno del loro cerchio. I movimenti che potevo fare erano sempre più limitati, infatti non riuscivo neanche a staccarmi quel poco per far allontanare il mio seno dalla schiena dell'uomo che si trovava davanti a me. Era completamente schiacciato su di lui, e a causa della grandezza e ai continui movimenti della metro si continuava a muovere e a spostare dalla sua posizione nel reggiseno, e a causa della maglia scollata si stavano iniziando ad intravedere i capezzoli. L'uomo davanti non poteva farci caso, ma sapevo che gli altri intorno avevano una bella visuale, e sentivo i loro sguardi intensi osservare il mio corpo. Ero imbarazzatissima e non sapevo che fare. Alla prima fermata gli uomini iniziarono ad indietreggiare sul fondo della metro per far scendere e salire le altre persone, in questo modo però mi schiacciarono ancora di più e ormai il mio seno era uscito quasi del tutto da fuori la canotta. Inoltre sentii sfregare sulle mie natiche un tessuto che non era quello della mia gonna, e capii subito che mi si era alzata dietro, ma non potevo fare nulla per sistemarmi, ero bloccata. Iniziai a sentire le mani di uno (o anche di più) dei signori alle mie spalle sfiorare il mio culo sodo, per poi iniziarlo a palpare per bene, con sempre maggiore forza. Non sapevo che fare e come tirarmi fuori da quella situazione, mi faceva schifo tutto ciò ma ero troppo imbarazzata per dire o fare qualcosa. Il mio unico pensiero positivo era che nessuno mi avrebbe visto essere toccata in quel modo, a causa della tanta folla nessuno faceva attenzione a me. Gli uomini continuarono a palparmi, anche da sotto gli slip, e iniziarono a sfiorarmi persino l'ano.. sentivo le loro dita inumidite dalla loro saliva che a turno lo stuzzicavano e provavano ad entrare un po'. Mi scappò qualche gemito di dolore, non volevo essere violata fino a quel punto, ma la mia ragione mi impose di stare zitta per non attirare l'attenzione. Uno degli uomini mi tirò la canotta verso il basso, liberando completamente il mio seno. Mi spinsero verso l'angolo e si misero in modo da coprire l'intera scena, cambiando posto a turno. Ognuno di loro infatti, a turno, si metteva rivolto verso di me e mi sfiorava o toccava per poco tempo, per poi farsi sostituire da quello dopo. I primi due si avventarono subito sui miei capezzoli, che iniziarono a leccare, mentre con le mani stringevano il mio grande seno. Avevo sempre più paura, tanto che non li guardavo neanche in viso e non avevo la minima forza di ribellarmi. Il terzo si abbassò, mettendo la testa sotto la mia gonna, sussurrai "no..no..questo è trop.." ma un altro uomo mi mise una mano sulla bocca, mentre con l'altra giocava col mio seno sputandoci sopra e spargendo la sua saliva ovunque con la sua mano, dopodiché iniziò a penetrarmi l'ano con le sue dita. Avevo le lacrime agli occhi, non riuscivo più ad accettare quella situazione.. L'altro uomo intanto aveva iniziato a toccarmi la figa con le dita da sopra gli slip, e una volta avermeli fatti bagnare sussurrò "vedi che ti piace, puttana?", dopodiché li spostò e iniziò a leccarmela, affondando la sua lingua dentro me.. controvoglia ammetto che mi fece godere, infatti quando si fermò rimasi anche lievemente delusa, ma fu subito sostituito dall'ultimo dei cinque uomini, che cacciò subito il suo grande cazzo dai pantaloni e senza darmi il tempo di dire nulla mi penetrò. Un attimo dopo avevo anche la sua lingua in bocca, probabilmente lo fece per non farmi urlare, mentre con le mani toccava il mio seno con mano più sapiente degli altri. Anche i suoi movimenti di bacino erano da esperto, ero completamente bagnata, e volevo ancora del suo cazzo, era fantastico. Mentre l'uomo mi scopava sentii gli altri che mi strapparono le mutande e iniziarono a toccare ogni parte del mio corpo: mi toccavano il culo, l'ano, la schiena, il seno, i capelli, le gambe.. Ormai mancava solo l'ultima fermata ed eravamo soli nel vagone, quindi non si preoccupavano più di essere visti. Li vidi tutti con i loro cazzi in mano, mentre quell'uomo mi scopava sempre più selvaggiamente e sempre più forte. Mi mise a novanta, prendendomi per i fianchi e sbattendomi violentemente sul suo cazzo. Intanto uno degli altri signori mi aveva messo il suo cazzo in faccia, e tirandomi per i capelli me lo mise in bocca e mi diede il ritmo muovendomi la testa. Mi sentivo umiliata. Gli altri uomini continuavano a chiamarmi puttana, troia, zoccola, e continuavano a toccarmi ogni parte del mio corpo. Uno non voleva lasciarmi il culo, continuava imperterrito con le sue dita sempre più forte e più veloce, mi faceva malissimo. Intanto gli altri si stavano segando sbattendo le loro cappelle sulle mie tette. Improvvisamente il cazzo che avevo in bocca venne, e l'uomo mi tenne chiusa la bocca per farmi ingoiare.. lo feci con tutto lo schifo del mondo. Anche l'uomo che si stava segando sul mio culo lo lasciò per ficcarmi il suo cazzo in bocca e venire lì, obbligandomi di nuovo ad ingoiare. Così fece anche un altro. L'uomo che mi stava scopando si sedette su uno dei sedili e iniziò a farmi saltare sul suo cazzo, mentre l'altro uomo ne approfittò per mettersi davanti a me e farsi fare una spagnola, commentando che sarebbe stato uno spreco non sfruttare la mercanzia. Pochi secondi prima dell'ultima fermata l'uomo davanti a me prese la mia testa e l'abbassò sul suo cazzo, venendomi anche lui in bocca. Contemporaneamente l'altro inondò la mia figa, mi spostò, si ricompose e al suono acustico dell'apertura delle porte scesero senza neanche degnarmi di uno sguardo.

Questo racconto di è stato letto 1 4 8 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.