Con mia sorella, come l’inferno in paradiso (parte 1)

Scritto da , il 2015-08-12, genere incesti

Sono passati diversi anni ormai da quella estate del 1984 e solo il tempo mi ha permesso di superare ogni forma di inibizione e di complesso rispetto a quanto accaduto.

Dopo mesi di litigi e reciproche minacce di morte, i miei genitori si erano finalmente separati.
Ricordo ancora quel pomeriggio quando mio padre, al culmine dell’ennesima discussione, fermò d’improvviso la macchina e trovò il coraggio di confessare a mia madre la sua passione per la nuova fidanzata di ben 16 anni più giovane. Se ne andò via di casa quella sera stessa, mentre Lei, ci mise mesi per riprendersi dallo shock.
Dopo infiniti pomeriggi passati a piangere chiusa nel bagno, mia madre cominciò lentamente a riprendersi la sua vita. In fin dei conti, a 42 anni, era ancora una “ragazza” e come suggeritole dalla sua migliore amica cominciò lentamente a vivere una vita degna di questo nome. Si iscrisse nella palestra sotto casa e ad un circolo di balli latino americano concedendosi, addirittura, uscite in discoteca con le amiche come a 20 anni. A volte mi capitava sentirla rientrare davvero tardi ma la sua ritrovata allegria anestetizzava di fatto ogni mia preoccupazione.
In breve, come ovvio, cominciarono a frequentare la nostra casa i nuovi “amici” di mamma che cercavano di fare i simpatici con ogni mezzo prima di sparire regolarmente dopo qualche mese.

Ricordo di aver vissuto quel periodo con relativa serenità. Avevo solo 13 anni ma non nutrivo nessun complesso verso la situazione che si era creata. Di quello che facevano i miei mi interessava sempre meno e le vere distrazioni venivano più che altro dallo sport e dalle serata passate assieme agli amici.
Lo stesso non si poteva dire di mia sorella.
Monica aveva appena 3 anni più di me e da sempre era stata la prediletta di papà, quella con maggior feeling e compatibilità caratteriale. Sin dal primo giorno, non perse occasione per rovesciare ogni responsabilità di quella situazione su nostra mamma. Non sopportava nulla di quello che diceva e in breve tempo assunse un atteggiamento sempre più arrogante e strafottente anche con me.
Ogni volta che capitava di cenare tutti assieme, si divertiva a mettere in imbarazzo il nuovo ospite di mia madre pungendolo con qualche battuta velenosa che creava immediatamente il gelo tra tutti noi.

Per questo motivo, quando nostra madre ci comunicò che sarebbe partita in vacanza col nuovo compagno e che ci avrebbe “parcheggiato” al paese dei nonni. Monica, dopo averle urlato dietro ogni tipo di insulto, capitolò e decise di interrompere ufficialmente ogni comunicazione col mondo esterno.
Ricordo perfettamente quell’infinito viaggio in Bus diretti verso il paesello dei miei nonni in provincia di Caserta. Nelle 4 ore di viaggio, mia sorella ebbe la capacità di: a. non dire una parola; b. non togliersi neppure per un attimo il grande paio di occhiali da sole che le coprivano quasi tutta la faccia; c. ascoltare ininterrottamente una cassetta dei “Duran Duran” mandata in loop con il walkman.
Gli unici segnali di vita che provenivano da quel corpo seduto accanto al mio erano i colpi di singhiozzo che puntualmente preannunciavano un lungo pianto silenzioso che Monica cercava di gestire con la manica della maglietta.

Arrivati a destinazione poco cambiò. Dopo aver salutato i nonni con un rapido gesto della mano e senza dire null’altro, mia sorella si chiuse nella stanza che con tanto amore quei due poveri vecchi ci avevano preparato. Era la stanza dove di solito d’estate dormivano i nostri genitori quando andavamo a trovare tutti assieme i nonni in agosto. Nulla era cambiato ad eccezione del letto matrimoniale che si era trasformato in due letti singoli.

I primi giorni furono effettivamente pesanti anche per me.
Mia sorella non mi rivolgeva la parola e trascorreva il suo tempo chiusa in camera a piangere. Mia nonna si era convinta fosse malata e veniva soltanto in parte rassicurata dalle parole di mia madre che, dall’altro capo del telefono, sentivo urlare: “Lasciala stare tanto poi le passa!”.
Per il resto, la notizia della separazione dei miei, mi aveva trasformato agli occhi delle amiche di mia nonna in una specie di povero e sfortunato orfanello. Avevo quasi il disgusto quando ormai tutte mi salutavano con aria di compassione passandomi la mano rugosa sotto il mento e, prima di scoccare un sonoro bacio alle nocche, mi dicevano “poverino” con uno sguardo misto di compassione e pietà.

Per fortuna, però, le mie giornate erano scandite da una partita di calcetto in piazza e una a “Donkey Kong” nell’unico bar fornito di videogiochi. A 13 anni, in effetti, non era stato poi così difficile riallacciare i rapporti con gli altri ragazzini che solitamente vedevo pochi giorni l’anno ma che, senza farsi domande, in quella lunga estate mi offrivano la loro amicizia incondizionata.

Monica emerse dal suo stato comatoso soltanto dopo alcuni interminabili giorni di silenzio. Anche per Lei in fin dei conti non fu difficile stringere nuove “alleanze” con la “fauna locale” come lei stessa molte volte chiariva con il dovuto distacco.
Un pomeriggio la convinsi ad accompagnarmi al bar a prendere un coca. In quell’occasione la convinsi a concedermi “solo una” partita a Donkey.
Mentre impazzivo come mio solito al video, nel frattempo, con la coda dell’occhio vidi Monica allontanarsi verso un gruppetto di ragazzi che stazionava a poca distanza dal bar. Appena finito, la cercai con lo sguardo e la scoprii a fumare una sigaretta assieme a loro. Aveva preso a fumare da poco ma si dava un tono così da adulta che pareva lo facesse da sempre. Rideva e si dava arie come non la vedevo da mesi e per un attimo, mi pareva fosse una cosa positiva. Fino a quando misi bene a fuoco i suoi nuovi compagni.
Era il gruppo dei fratelli Venerato (cognome che devo cambiare per evidenti motivi), figli di un imbianchino noto per la sua attività di “riscossione crediti” in tutto il circondario.
I fratelli erano quanto di peggio potesse capitare in quella zona.
Il più grande, Mimmo detto “o’ malacarne”, aveva 24 anni, quasi un centinaio di chili mal distribuiti su scarsi 180 cm, una moglie che amava picchiare con regolarità svizzera, una denuncia per possesso e spaccio di sostanze stupefacenti e un precedente giudiziario per rissa. Il fratello minore, Felice detto “o’ sicc”, fisicamente opposto al fratello, alto ma di una magrezza “malata”, aveva appena 3 denti in bocca e una vistosa cicatrice sul braccio sinistro si dice per un “incidente domestico” avuto con il padre.

In passato i fratelli Venerato erano stati l’unica raccomandazione che i nostri genitori si premuravano di farci prima di lasciarci giocare con gli amici in piazzetta. “Dovete stare lontani da quelli!” – erano le parole di mio padre ogni volta che li avvistava.

Al contrario, in breve, Monica ne divenne assidua frequentatrice.
“ ’A Romanaaaaaa” le urlava “o’ sicc”, con un pessimo accento simil-romanesco, ogni volta che la vedeva passare prima di sbracciandosi con ampi gesti invitandola ad unirsi a loro.
La prima volta fui davvero sorpreso nel notare con quanta naturalezza Monica rispose a quel segnale animalesco. Con un largo sorriso si diresse come una “gattina” richiamata dal padrone verso quella banda di disperati e si piazzò in mezzo a loro lasciandosi omaggiare di ogni tipo di battuta oltre che di baci e carezze. In particolare, Mimmo pareva particolarmente caloroso nel salutare mia sorella, verso la quale aveva evidentemente una predilezione.
Nei giorni seguenti vidi Monica sempre più di rado.
Passava interi pomeriggi a fumare erba assieme ai Venerato e la sera rientrava in stanza sempre più tardi, barcollante e completamente “strafatta” di “fumo” e birra. Di giorno i grandi occhiali scuri le servivano per nascondere gli occhi gonfi e rossi che mio nonno si diceva convinto essere dovuti ai “pollini” che infestavano la valle (poveraccio).

Anche i miei amici cominciarono a notare quell’”intrusa” in giro per il paese in breve seguirono “battutine” e “insinuazioni” di ogni natura.
In parte, quella confidenza conquistata da mia sorella con Mimmo mi fece addirittura sentire protetto. Una volta, in uno slancio di confidenza, “o’ malacarne” entrò al bar e mi mise una mano sulla spalla davanti a mia sorella per dirmi: “Giagliò qualsiasi problema dimmi a mè!”. Per i miei amici quelle parole corrispondevano ad una sorta di divina benedizione che mi avrebbe garantito l’intoccabilità.
Monica, come invece prevedibile, continuò a comportarsi senza fare per nulla caso alle voci e ai pettegolezzi paesani che si cominciavano a creare sul suo conto. Al contrario, cominciava a uscire in paese ostentando con sempre maggiore orgoglio il suo corpo sottile, quasi a voler stuzzicare i commenti volgari degli uomini che si facevano sempre più puntuali.

Monica era minuta e sottile, non certo il tipo di ragazza che toglie il fiato quando la si vede passare. Tuttavia, il suo metro e sessantadue era slanciato dal corpo ben fatto e da cosce magre e definite. Aveva una cura maniacale per i capelli, che all’epoca portava scuri con rigorosa ampia frangetta stretta in una lunga coda di cavallo dietro la nuca, e per gli smalti che passava e ripassava su mani e piedi anche interi pomeriggi. Il poco seno, una seconda scarsa, era ripagato da fianchi stretti e un culetto praticamente perfetto che, slanciato dalle zeppe rigorosamente “incollate” ai piedi e stretto in short stile “Daisy” di Bo&Luke, suscitava commenti e battute anche ai vecchi del paese. Infine, aveva un visetto da stronza esaltato da occhi verdi e labbra sottili a chiudere a stento denti bianchi perfetti.

Una sera ero impegnato in un’epica partita a “Donkey”.
Ci avevo passato le ore e già speso l’equivalente di duemila lire in gettoni quando all’improvviso sentii tirarmi con forza per un braccio.
Era il mio amico Stefano che entrato di corsa nel bar tutto trafelato mi ordinava di seguirlo senza darmi molte altre spiegazioni. Le mie iniziali resistenze furono vinte dalla sua voce quasi implorante nonché dalla curiosità verso quell’atteggiamento così tanto allarmato.
“Evvien’ che cazz’ ... Taggia fa vrè na’ cosa! (E vieni che miseria.. devo mostrarti una cosa!)” – mi continuava a ripetere.
Era l’imbrunire. Il sole si era già nascosto dietro il pizzo della montagna e Stefano mi guidava attraverso i vicoli di pietra del paese correndo come un ossesso. Attraversammo lo stazionamento dei Bus e la villa abbandonata prima di sbucare nello spiazzo della vecchia stazione. Stefano mi fece segno di seguirlo verso il ponte della statale da dove si accedeva ad una specie di slargo che delimitava l’inizio della campagna.
Non lo dimenticherò mai.
Si accucciò dietro una ringhiera di legno alla quale erano legati alcuni cartelli che indicavano l’inizio di un cantiere con tanto di divieto di accesso “ai non addetti ai lavori” e mi fece segno di guardare verso il bosco, in basso.
In un angolo “morto” tra lo spiazzo e il muro della statale riuscivo a riconoscere i due fratelli Venerato in piedi e di spalle.
All’inizio pensai stesserò facendo pipì. Tirai un’occhiataccia al mio amico facendo segno che non capivo cosa dovessi guardare. Lui si portò la mano alla bocca e mi fece cenno di tacere.
Continuai a guardare con attenzione. Nel silenzio della campagna si udivano chiaramente i due ansimare e, dai movimenti delle loro spalle, intuii dopo un po’ che tra loro due, lì davanti in basso, ci doveva essere qualcuno.
“Maròòòòòò e cumm è bbona! (Mamma mia come è bella!)” – disse all’improvviso “o’ sicc” cercando la complicità del fratello mentre con una mano continuava a tenersi la maglietta tirata sopra la pancia e agitava quell’altra all’altezza del pacco.
“E’ bbona e le piace pur o’ pesc’! (è bella e le piace anche il cazzo!)” – rispose Mimmo poggiando una mano sulla spalla del fratello e continuando a fissare in basso davanti a lui.
Quella situazione mi fece quasi scoppiare in una risata fragorosa che trattenni a stento piazzandomi una mano davanti alla bocca.
Stefano mi guardò con aria di complicità quando continuando a guardare quella scena … mi si gelò d’un tratto il sangue nelle vene.
I due si erano leggermente scostati l’uno dall’altro e, nello spazio che si era creato, mi parve di riconoscere Monica.
Ebbi un attimo di esitazione. Mi si bloccò il respiro per un’infinità di secondi quando nel giro di un attimo ebbi la certezza che quella era effettivamente lei.
Con uno scatto improvviso mia sorella tirò uno schiaffo sul braccio di Felice che evidentemente cercava di stringerle il seno.
“T’ho detto che devi aspettare!” – scandì Monica con tono incazzato.
Mimmo rincuorò la dose contro il fratello allontanandolo con una forte manata sulla spalla: “Felì nun e’ romper’ o’ cazz .. e’ spittà! (Felice non devi rompere le scatole ma devi aspettare!)”.
Così facendo si spostò ancora un po’ offrendomi una visuale questa volta quasi perfetta.
Monica era accovacciata davanti a Mimmo che con la patta aperta le spingeva con forza il cazzo nella bocca tenendole la testa con le mani. Aveva una stecca davvero notevole e nonostante il fisico di mia sorella fosse così esile riusciva a succhiare il cazzo di quel panzone infilandoselo tutto fino alla gola, trattenerlo lì per qualche secondo e poi sfilarlo lentamente fino a tirare fuori dalla bocca la grossa cappella.
Mimmo continuava a sbatterle la mazza più in fondo possibile, assecondando ogni affondo con il movimento delle mani che spingevano con forza la testa di Monica. Lei impassibile si lasciava scopare la bocca e la gola mentre senza degnarlo di uno sguardo continuava con la mano a segare il fratello minore che lì di fianco si godeva la scena aspettando il proprio turno.
Rimasi inebetito a guardarli.
“Accussì Brava…accussì... cumm’ t’ piac’ o’ cazz’ nennè! (Brava così…così…come ti piace il cazzo piccola!)” – ripeteva Mimmo mentre le continuava a scopare la bocca.
Mi voltai quasi incredulo verso Stefano che con un sorriso beffardo chiuse il pugno portandoselo alla bocca ad imitare un pompino.
Nel frattempo “o’ sicc” aveva trovato il modo giusto per partecipare a quello spettacolo. Con la mano libera aveva alzato il toppino bianco di mia sorella e cominciato a solleticarle un capezzolo mentre lei imperterrita non si fermava per un solo istante e continuava a succhiare il cazzo al fratello maggiore.
Senza volerlo ebbi un’improvvisa erezione che a stento riuscivo a contenere dentro ai pantaloncini corti di cotone.
Monica accovacciata in mezzo a quei due tamarri era semplicemente bellissima. La piega delle cosce pareva esaltarne i muscoli e la naturalezza con la quale gestiva quegli assalti animaleschi dei due le donava un’aria divina. Succhiava e segava quegli arnesi con maestria ed era evidente che non fosse la prima volta.
“Ahhhhh..Ahhhhh…Ahhhhhh” – ad un tratto Mimmo cominciò a gemere. In breve i colpi nella bocca di mia sorella rallentarono d’intensità. Monica si tirò fuori il cazzo dalla bocca e notai distintamente un filo di sborra colarle dal mento.
Continuava a segarlo e a baciargli la cappella.
“Ti è piaciuto?” – domandò Monica sorridendo compiaciuta mentre quel cazzo perdeva lentamente vigore tra le sue mani. Mimmo la fissava sorridendo in silenzio.
“Sì brava nennè…mò però fancell’ pur a chist’ cà s’è ‘nnamurat e’ te! (Sei brava piccolina…ora però faglielo anche a questo che si è innamorato di te!)” – Mimmo si scostò tirandosi su la zip dei pantaloni e lasciando che Felice prendesse meglio posizione. Questo le si piazzò dritto davanti ma prima di cominciare pretese che lei si sfilasse il toppino in modo da consentirgli di toccarla per bene. Monica si alzò per un attimo in piedi e obbedendo si sfilò il pezzo di sopra.
“Però sbrigati!” – fu il suo unico desiderio prima di riaccovacciarsi davanti a Felice che con il corpo finì per coprirmi l’intera visuale.
A quel punto mi alzai di scatto e senza dire una parola cominciai a correre verso casa.
[…continua]

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.