Cunnilingus

Scritto da , il 2015-07-05, genere masturbazione

Amo farmela leccare. La volta più bella? In spiaggia, in riva al mare. L'idea di essere scoperti da un momento all'altro rendeva tutto più eccitante.
Lui mi scostò gli slip, ed inizió baciandomi sull'inguine, fra le cosce e poi sulle grandi labbra. Soffiava e sentivo il suo respiro caldo sul mio clitoride. Poi sentii la sua lingua cominciare a masturbarmi. Mi leccava il clitoride massaggiandolo e sgrillettandomelo in senso orario, poi antiorario. Aumentava il ritmo e diminuiva quando si accorgeva che stavo per venire. Poi mi caccio detto prima un dito, poi due, poi tre. Ero tutta bagnata, e la sua lingua continuava a scorrere sul mio clitoride ormai turgido e pieno di umori e saliva. Poi un brivido lungo la schiena, l'organo più forte del mondo. Sentii ke contrazioni della mia figa ma lui non mi diede tregua ed andò avanti con il suo lavoro di lingua. Mi fece provare un secondo orgasmo, se stavolta massaggiandomi il clitoride e pizzicandolo con le dita mentre infilava la lingua nel buco.

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.