Cetty, vera troia di Trinacria

Scritto da , il 2010-08-16, genere tradimenti

Poco tempo fa, rispondendo a un annuncio che mi aveva particolarmente colpito per le forme giunoniche della donna che si esibiva (ho sempre adorato la CARNE, le tette e i fianchi XXL, il culo che non finisce mai, la figa aperta, spalancata sul mondo esterno!), ho conosciuto Cetty, una splendida troia siciliana che senza imbarazzo alcuno e già dalle prime mail ha cominciato a subissarmi di foto del suo splendido corpo senza chiedere foto mie in cambio, come di norma avviene: lei godeva nell’esibirsi di fronte a me che apprezzavo infinitamente il suo splendido corpo, io godevo nell’ammirarla, da inguaribile voyeur quale sono, segandomi sulle foto che maggiormente eccitavano la mia fantasia e sborrando addosso alla Cetty di carta che meticolosamente stampavo ogni volta che lei voleva arricchire la mia collezione fotografica.



A furia di scriverci ogni giorno, subentrò tra noi una certa complicità che andava al di là del mero rapporto esibizionista/voyeur: dopo la cinquantesima sega che le avevo dedicato in meno di un mese, mi sembrava di conoscere la Cetty quasi meglio della mia compagna e anche lei mi diceva di provare le stesse sensazioni, pur conoscendomi soltanto attraverso le mie descrizioni scritte (mai una volta le avevo inviato foto del mio corpo!).

Insomma, eravamo diventati quel che si suol dire “culo e uccello”, sembravamo virtualmente fatti uno per l’altra: lei era la vera troia dei miei sogni, ingorda, mai sazia, instancabile e “cavalla da monta”, io il suo uomo-tipo, col cazzo sempre in tiro e pronto a spruzzarle addosso il mio piacere.

Avevamo tante cose in comune, io e lei….la fede politica, quella calcistica, la voglia di scopare senza sosta e ovunque!

Fisicamente, Cetty era una vera e propria bomba da letto: alta poco meno di 1.65, mora come il sud che si portava dentro, tette enormi (una sesta?), fianchi larghi e pronti ad accogliere tutti gli uccelli della Sicilia e forse dell?italia intera, ma soprattutto un’espressione da troia sempre stampata in viso che faceva venire una voglia matta di scoparsela a tutti gli uomini che la incrociavano per strada.

Quando camminava per strada infatti in pochi non si voltavano ad ammirarle il culo (solo ciechi e ricchioni, credo!), che faceva ondeggiare con consumata perizia da vecchia troia, pur avendo poco più di 20 anni!

Indossava spesso stivali con un tacco abbastanza alto e biancheria intima da sborrarsi addosso non appena la metteva in mostra; era un’insaziabile ninfomane patita di cazzo!

Dopo circa un mese di quotidiane masturbazioni dedicate a lei, alla mia ossessione personale, decisi che era ora di andare a scoparla sul serio, per verificare dal vivo se tutte le sue promesse di infiniti piaceri della carne erano vere o solo parole al vento; a posteriori, posso dire che mai scelta fu più felice: mi liberai dal lavoro per un intero weekend, inventai la solita balla per la mia donna relativa a una rimpatriata tra amici da fare a Roma dopo 20 anni e partii con tre intere scatole di “Settebello” (la preparazione ideale per tutte le partite di ‘scopa’ che avremmo fatto!) e tanta sborra nei coglioni , con una voglia matta di fottere quelle montagne di carne che aveva al posto delle tette o di lappare quel buco del culo tondo e succulento per ore intere, prima di profanarlo col mio cazzo sempre affamato!

Sul traghetto per Messina, l’idea ossessiva che di lì a poco avrei finalmente scopato con Cetty mi costrinse a segarmi con voluttà nel bagnetto (un cesso nel vero e proprio senso della parola, tanto puzzava di piscio e di merda! ma la mia foia mi aveva turato il naso e il cervello e comandava la mia mano destra, che si muoveva rapida scivolando sul cazzo gocciolante desiderio), ma anziché sprecare tutto quel nettare (oltre 10 schizzi abbondanti di sborra densa e bianca!), ebbi la felice idea di raccogliere la sborra in un bicchiere di plastica e di conservarlo come dono per Cetty!



Intorno a mezzanotte io e il mio uccello avevamo finalmente raggiunto Siracusa, la splendida città dell’orecchio di Dioniso e del culo di Cetty!

Telefonata di routine a casa, “amore sono arrivato in hotel, vado a nanna ché sono stanchissimo, ti richiamo domani, mi manchi un sacco, bacio!” e subito dopo telefonata a Cetty con la seconda scheda (quella che uso per le scopate ‘segrete’): “Sono a Siracusa, non vedo l’ora di scoparti, troia; fai presto o mi sborro nei boxer prima del tuo arrivo!”.



All’appuntamento in albergo la troia arrivò puntualissima e in tiro come una vamp: solo a vederla ancheggiare sinuosa verso di me, a momenti non godevo per il piacere!

“Ma ciao, tesorooooooooo! Allora ti sei deciso, eh?”, mi disse saltandomi al collo per salutarmi e strizzandomi furtivamente le palle, come saluto di benvenuto; le sfuggì un mugolio nel constatare che avevo già una sbarra di ferro tra le gambe e la vidi socchiudere quelle labbra da avida succhiacazzi e passarsi la lingua da sinistra a destra….era troppo:”Andiamo, sventola, mi stai facendo impazzire!”, le dissi deciso, portandola verso la camera 69 che sarebbe stata testimone di quella due giorni di amplessi non-stop.

I miei spermatozoi già in fibrillazione furono gelati dal portiere dell’hotel che, convinto che mi stessi portando in camera una troia d’alto bordo (beh, a parziale giustificazione del portiere, devo ribadire che Cetty aveva un viso ancora più da troia che nelle foto che mi aveva inviato a decine fino al giorno prima!), pretese i documenti di Cetty con un tono poco garbato che non mi piacque affatto e che dovetti subito smorzare a mia volta precisando che MIA MOGLIE non gradiva un trattamento simile.

Alle scuse del portiere, che vidi sinceramente mortificato, mi precipitai in camera con la mia troia che se la ridacchiava come una matta e, dopo aver chiuso la porta della stanza, tirai subito fuori dalla giacca il bicchiere che conteneva la mia sborra di qualche ora prima e glielo porsi come aperitivo, contemporaneamente tirando fuori dalla patta il cazzo e pretendendo una pompa di benvenuto dalla troia.

Vidi il suo viso illuminarsi: bevve avidamente quei 5 o 6 cc. Di sborra e….finalmente aveva l’agognato giocattolino davanti alle labbra, davanti agli occhi!

Mi piantò all’improvviso le unghie nel cazzo turgido e mi fece urlare dal dolore!

Quando cominciò a gocciolare un po’ di sangue, lo lappò avidamente, mugolando e masturbandosi furiosamente con una mano, prima di far sparire la cappella in gola e pompare su e giù come una dannata!

Per la prima volta in vita mia sborrai in meno di un minuto!

Volle ingoiare i primi due schizzi e farsi riempire il viso di crema dagli altri, per farmi assistere a come il mio sperma le gocciolava giù dagli occhi, dal naso, dalle labbra, fissandomi in viso con quell’espressione da troia in calore perenne che mi faceva impazzire!

Per stuzzicarmi, finse di riprendermi:”Ma come, non dirmi che sei un ‘coniglietto’, eh?! io voglio la mia parte e se non mi fai godere come piace a me, ti prometto che non ci sarà una seconda volta!!”; mi ripresi a fatica da quell’orgasmo intensissimo e le assicurai che ci saremmo rivisti una seconda, un terza e una quarta volta: la stanchezza del viaggio, la voglia matta di fotterla che avevo da un mese a questa parte e quella inaspettata aggressione sanguinolenta al mio cazzo mi avevano rapidamente portato all’estasi orgasmica, ma non c’era di che preoccuparsi: eravamo appena all’inizio di una maratona di 48 ore!!

Cominciammo allora con più calma a organizzarci e, per pareggiare il numero di orgasmi (ma anche per la curiosità che ho da sempre di sentire come ogni donna gode, se in silenzio o strillando o gemendo o piangendo- sì, ne ho incontrata perfino una che piangeva mentre veniva!, non ho mai capito se di gratitudine o di gioia o per cos’altro); la feci spogliare completamente, per ammirare finalmente dal vivo quel corpo voluttuoso per natura e la feci sedere sulla mie gambe; cominciammo a leccarci dappertutto, mentre con una mano mi insinuavo nelle pieghe della sua caldissima figa e con l’altra le strapazzavo un’enorme tettona; volli stringere con forza un capezzolo, ma notai con sorpresa che la troia, anziché lamentarsi, sembrava gradire quella pratica; cominciai allora a ruotare il capezzolo in senso orario, mentre l’altra mia mano le scavava la figa fino al polso e solo nel momento del massimo dolore (che per lei era piacere) la sentii latrare per il godimento e scaricarmi in mano i suoi umori di figa; avvicinai svelto la mano alla bocca e cominciai a leccare, porgendola di tanto in tanto anche a lei mentre avevo ancora quel capezzolo duro come il marmo tra pollice e indice della mano sinistra.

“Fottimi come una cagna, prestooooo!” mi urlò, non sazia di quel primo orgasmo e piazzandosi a pecora sul lettone e spalancandosi le chiappe con entrambe le mani; che spettacolo, quello splendido culone aperto e voglioso del mio uccello! Non mi feci pregare oltre, tanto più che il mio bastone aveva ricominciato a pulsare e a vivere di vita propria: mi precipitai su quel tondissimo buco del culo, gli infersi una decina di colpi di lingua per inumidirlo ben bene e senza altri tentennamenti le sparai il cazzo nel retto e cominciai a muovermi furiosamente dentro e fuori, a esplorare tutte le anse di quel buco del culo, ad accarezzarle ragadi ed emorroidi a…a…aaaaaaahhhhhhhh!!!!!

Il succo bianco mi abbandonò per la seconda volta, proiettandosi sulle pareti interne della parte terminale del suo intestino mentre le urlavo: “Sei una lurida cagna, una troia mai piena! Brutta troia, dovevamo venire almeno in dieci per saziarti! Sborro, sborrooooooooooooo!!!” prima di accasciarmi al suo fianco.

La troia, visto che mi ero messo in ‘stand-by’, tirò fuori un dildo più grosso del mio uccello e continuò a masturbarsi il culo guardandomi sorridente e aspettando che mi riprendessi.

Aspettai solo pochi minuti, dopo di che, vedendo questa baccante invasata che continuava a mugolare e a venire senza il mio intervento, prima di sentirmi completamente inutile le strappai di mano il dildo e continuai io stesso a fotterle il culo.

Intanto Cetty mi lappava di nuovo l’uccello che in poche battute mi tornò miracolosamente su, eretto e maestoso e pronto a un altro giro sulle montagne russe del corpo siculo di Cetty!

Decise di prenderlo “a cuore”, stavolta, nel senso che se lo piazzò stretto tra le tettone e cominciò a eseguire la più bella spagnola che mai donna mi avesse fatto prima; pretesi un paio delle sue dita affusolate e dalle unghie curate e a punta quadrata nel buco del culo; lei mi apostrofò con un :”Lurido porco!!”, ma sorridendo mi ficcò tre dita nel culo e cominciò a rovistare con furia, come se stesse cercando qualcosa che aveva perso.

Dalle dita, passò presto a sodomizzarmi col suo giocattolone di prima, sempre mentre io le sfregavo il cazzo sul davanti fino quasi a venire.

Le volli sborrare sui piedi- lo sapeva, la troia, che erano un mio debole!

Leccai il mio stesso sperma con cura e poi mi avvicinai alle sue labbra da troia, per scambiarlo con la sua saliva.



Più scopavamo, più ci fottevamo a vicenda e più il nostro desiderio cresceva!

Era incredibile, non avevo mai provato nulla di simile prima di allora!!!

Continuammo a scopare fino all’alba, poi ci concedemmo alcune ore di pausa e ricominciammo come ricci dalle 9 del mattino alle 18, dimenticando di mangiare e di cagare (di pisciare no: ci svuotavamo ognuno nella bocca dell’altro, ingoiando avidamente il saporito e dissetante contenuto delle rispettive vesciche!); stesso copione il giorno successivo…sembravamo due furie, due galeotti appena usciti di prigione che non scopavano da almeno due anni.

Mai sazi, mai stanchi, mai a dire “Basta!!”

La partita di scopa terminò….boh, forse 21-18 per me…o forse vinse lei, chi se lo ricorda….poco importa: il risultato fu che per una settimana non volli scopare mia moglie, al ritorno, tanto da farla insospettire e ingelosire come mai prima d’allora!

Questo racconto di è stato letto 7 7 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.