Erotici Racconti

Good morning mister brown

Scritto da , il 2015-05-25, genere pissing

Stamattina sono a casa da sola, quindi mi sono alzata con comodo, ho fatto colazione e mi sono ritirata nel pensatoio. Mentre sono seduta sul water, comincio a toccarmi soprattutto mentre faccio pipì. Non la faccio tutta subito. Mi bagno completamente la mano e con quella mi accarezzo le tette, la bagno ancora e mi cospargo il pancino di urina... poi faccio la coppetta con le dita, la riempio e me la porto alle labbra per berla. E' poca, solo un sorso e poi mi asciugo la mano sul viso. L'odore forte mi eccita e mi spinge ad andare oltre. Metto ancora la mano tra le gambe ma non mi fermo alle grandi labbra. Vado oltre e infilo un ditino nel culetto. Lo estraggo con l'unghia ricoperta di un bel colore marrone scuro. La annuso e perdo la testa. Infilo il dito in bocca e lo ciuccio per bene. Mi metto più comoda. Metto la mano a coppa sotto il culetto e spingo. Sento la mia cacca posarsi sulla mano e ne percepisco il calore. Intanto, la pipì finisce di uscire, colpisce il mio polso e si va a raccogliere insieme al resto. Una volta finito, ho in mano un discreto stronzotto bagnato di pipì. Sono indecisa. Lo spalmo lì dov'è e mi dipingo le gambe di marrone o ci gioco in altro modo? Mi sento artistica... porto la mano all'altezza del viso e mi gusto la vista di quel serpente di "cioccolato". Ne prendo un pezzetto con l'altra mano e ci gioco, come se fosse pongo. Poi come fosse un pastello a cera, lo uso per disegnarmi un enorme cazzo sulla pancia, che punta proprio verso la mia figa. Faccio cerchi concentrici di merda attorno ai capezzoli, poi mi segno le guance e la fronte, come in uno sciamanico rituale indiano. Nell'altra mano ho sempre il grosso del mio bottino. Stringo le dita e guardo affascinata la cacca che forma dei vermicelli tra le dita. Il rumore è adorabilmente disgustoso. Allungo la mano libera e prendo il dildo che avevo preparato lì vicino. Lo infilo nella figa senza tante cerimonie. Tanto, sono così bagnata che ci entrerebbe anche un piede del 35. Lo so perchè l'ho fatto. Ma questa è un'altra storia. Mentre mi scopo con quel cazzo di silicone, con l'altra mano mi spargo pipì e merda sulle tette, sulla pancia e sulle cosce. Rallento col dildo e mi infilo la mano glassata di merda in bocca. Come previsto, mi viene un fortissimo conato e vomito. Mi vomito sui seni, girando la faccia da una parte e dall'altra in modo di coprire più superficie possibile. Mentre guardo i rivoletti di vomito scendere fino in mezzo alle mie gambe comincio a fottermi selvaggiamente, fino a godere tra spasmi di dolore. Squirto fin sul muro di fronte al water e rimanco parecchi minuti in preda ad un forte tremore.
Poi mi alzo e guardo sconsolata il disastro che ho attorno: chiazze di vomito, pezzetti di merda e pozze di pipì tutt'attorno. Non vedo l'ora che torni il mio schiavo, così potrò far pulire a lui.

Questo racconto di è stato letto 9 2 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.