Erotici Racconti

Una mano nella figa e una nel culo

Scritto da , il 2015-04-29, genere sadomaso

Avevo ottenuto ciò che volevo, lui era tornato da me, quella troietta non lo soddisfaceva come faccio io. Entrammo nel suo appartamento e lui cambió subito espressione, il mio Padrone era tornato.
Andai in bagno, mi lavai, mi spogliai e mi fermai a guardarmi allo specchio. Sono una bella ragazza, alta, formosa, una 5 di seno abbondante, capelli rossi, occhi scuri, e quel trucco mi rendeva particolarmente sexy. La porta si aprì di scatto, mi prese per un braccio e mi trascinó in camera. Il letto era rifatto, nel comodino c'erano i nostri giochi, le candele illuminavano la stanza. Con uno schiaffo mi fece cadere nel letto, mi aprì con forza le gambe e mi leccó la figa. Con le mani mi stringeva i capezzoli, ansimando e mettendoci sempre più foga. Scese sul mio buchino, lubrificandolo bene, poi prese il divaricatore anale e iniziò ad allargarmi il culo. Mi mise a 90, si tolse i pantaloni e inizió a scoparmi la bocca, spingendomi sempre più in profondità e tappandomi il naso. Mi veniva da vomitare, non riuscivo a prendere fiato ma mi sentivo sempre più bagnata. Uscì di scatto e mi sputó sulla faccia, dicendomi che ero la sua puttana. Infilò 2 dita della figa e me le mise in bocca. "Lo senti?! Lo senti quanto sei troia?! Sei fradicia e abbiamo appena cominciato!". Cercai di replicare, ma mi zittì con un sonoro schiaffo. "Devi stare zitta".
Ammetto che solo a pensarci mi bagno anche adesso. Mi ordinó di sdraiarmi, leccó ancora un po' la mia figa, poi prese la pompetta ed inizió a gonfiarmi le labbra e il clitoride. Una volta tolta le dimensioni erano raddoppiate come pure la mia sensibilità. Mordendomi i capezzoli inizió a fistarmi la figa. Una mano entró facilmente, dato che è una cosa che faccio ormai da un anno, ma la sfida era arrivare a mettermene una anche nel culo, cosa mai fatta fino ad ora. Ero spaventata, ma il calzino che mi aveva ficcato in bocca mi seccava la gola e mi impediva di parlare. Inizió con un dito, poi due, poi tre ... Arrivammo fino a tutte e 5 e sapevo che di lì a poco avrei patito un dolore atroce. Mise altro lubrificante e mi disse che avrebbe fatto veloce, senza pietà. In un lampo mi sentii riempita, completamente, ma il dolore era insopportabile, lo scalciai via e rotolai giù dal letto. Mi sentivo uscire qualcosa, non volevo guardare, allungai una mano ... Stavo squirtando sul tappeto, avevo bagnato dappertutto. Avevo goduto come mai prima d'ora e quasi non me n'ero accorta. Mi tirai su. Lui era adirato perché mi ero spostata, sapevo che mi avrebbe punita.
Inizió a frustarmi con il frustino da cavallo, avevo il culo in fiamme, la schiena piena di segni, ero arrabbiata, sopraffatta, quasi piangevo. Sapevo che avrebbe continuato ancora per molto ma io volevo solo il mio orgasmo, volevo solo godere, urlare, sfogarmi, così lo supplicai. "La prego Padrone, mi faccia godere, ho fatto ciò che voleva, la prego". Non osai guardarlo in faccia, mi prese per i capelli, li tiró indietro e inizió a scoparmi, dalla figa sentivo uscire insieme al suo cazzo i miei umori, che raccoglievo con la mano e assaporavo mentre venivo urlando. Stava per sborrare, lo sentivo, si tolse e mi venne davanti, riscoprendomi la faccia di sperma. Ripulii il suo cazzo, poi leccai anche lo squirt che era nel pavimento, andai a lavarmi, mi rivestii e tornai a casa.
Dopo quel giorno continuammo a divertirci, ma questa è un'altra storia e ve la racconteró più avanti.

Questo racconto di è stato letto 2 3 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.