Erotici Racconti

Angela mi da tutto ma non la figa

Scritto da , il 2014-11-17, genere prime esperienze

Mi chiamo Carlo e vi racconto una storia vera accaduta in una città del Nordest parecchi anni or sono.
Avevo quasi 18 anni, frequentavo con profitto (non l’avrei mai pensato….) la seconda liceo e soprattutto giocavo a calcio, dicevano bene e mi piaceva fin da piccolo, da mediano nelle giovanili del club cittadino.
Abitavo da un paio di anni con il fratello di 16 anni e con i genitori in uno spazioso appartamento che mi permetteva di arrivare a piedi sia allo stadio sia a scuola. Ci vuole anche fortuna…..
Chi mi legge si può chiedere dove vado a parare. Pazienza. Bisogna offrire gli elementi essenziali del contesto.
In quegli anni, specialmente in provincia, non era certo arrivata la rivoluzione sessuale e gli ormoni giovanili, che avanzavo (eccome!) dal calcio, li impiegavo non con le compagne di scuola, cui pure ero simpatico, ma che non credo dessero la fica tanto facilmente, non con donne di strada cui non pensavo per nulla, ma con il sistema più praticato per economia e necessità nella storia dell’umanità….
Comunque non avevo la fissa di avere una donna, frequentavo, partite permettendo, festini morigerati, ballavo, stringevo, uscivo talvolta in compagnia per un cinema, i miei amici di scuola al massimo arrivavano al bacio e al petting, io neppure a quelli. Forse ero anche imbranato..
Diversa la situazione nella squadra che era forte e con cui raggiungemmo un paio di volte le finali regionali. L’estrazione sociale era ben diversa da quella di un liceo: eravamo due studenti su una ventina di ragazzi e nei settori più giovani era ancora maggiore la sproporzione. Dico questo perché figli di bottegai, contadini, artigiani, qualche operaio avevano molta più pratica con il sesso e per un po’ fui preso in giro come il figlio di papa o il recchione. Mi salvarono due cose, 1^ avevo un fiato bestiale e in campo correvo come un pazzo senza stancarmi, recuperavo palloni e rilanciavo le azioni. 2^ negli spogliatoi giovanili capita di tutto, anche di spogliarsi e di guardare i cazzi degli altri. Beh il mio era, forse di poco, ma a occhio il più lungo….. Il leader della squadra, uno stopper lento ma possente come un armadio, dopo qualche mese di campionato mi disse in stretto veneto: “Sarai un figlio di papà (in realtà la traduzione non è letterale…), ma hai il cazzo grande come il mio e non stai mai fermo, quando prenderai una donna la farai impazzire”.
A parte la stima che mi diede di fronte a tutti, mi cominciò a frullare nel fondo del cervello l’idea che forse potevo correre anche dietro a qualche donna…..non solo agli avversari.
Una bella, bellissima, indimenticabile mattina di primavera, dopo l’allenamento arrivai a casa per le ore di studio e mia madre mi disse che era arrivata la nuova donna di servizio.
Di queste cose non mi interessavo, sapevo che si era licenziata la seconda o terza in due anni, ma il perché boh….Va bene, entro in cucina e c’è una ragazza mora, scura di carnagione, riccia, un po’robusta che saluto frettolosamente. Si chiama Angela, ha un paio di mesi più di me, viene in corriera da un paesino sui colli il lunedì mattina e riparte il sabato pomeriggio. Ciao, le stringo la mano e vado a studiare. Normale….per il vecchio Carlo.
Mi metto a studiare. Ho almeno tre ore sino alle 20 quando è programmata da sempre la cena. Poi, caso mai, vado avanti dopocena, la mattina invece mi piace dormire…..
Alle 20, arrivato puntuale mio padre, ci si siede a tavola. Angela serve la minestra con un l’usuale grembiule a pallini rosa che le lascia scoperti i polpacci e il ginocchio. Ho compagne di scuola con i polpacci ignobilmente magri, questa ragazza invece ha signori muscoli che ti fai solo camminando o pedalando. La guardo facilmente perché deve entrare dalla cucina proprio davanti al mio posto, non è grassa è proprio robusta, non è bassa direi verso 170, mi viene in mente una riccia con i capelli corti che ho visto su una foto porno. Angela ha viso e pelle più scuri, ma il taglio dei capelli appena sotto le orecchie è simile a quelle foto che avevo utilizzato da poco a scopo terapeutico…….Gli occhi sono nerissimi e non mi avvedo, da pollo, che si accorge che la sto studiando. Incrociando gli sguardi mi rendo conto che è il suo è magnetico, direi che non sarà una bellezza, ma me la definisco sexy.
Certo mi sento un po’ colpito e passando in salotto alla tv nel dopocena con tutta la famiglia, ed anche Angela, più la guardo e più mi sento attratto. Che fare?
Un po’ alla volta, come al solito, uno alla volta abbandoniamo la Tv per la propria camera e io verifico facilmente, visto che bagno e 4 stanze sono in zona notte, che tutti siano in stanza e poi, quatto quatto, vado verso la zona giorno con l’alibi pronto che sto andando a bere in cucina.
A fianco della cucina, e prima della verandina che porta in giardino, all’estremità dell’appartamento, c’è la microscopica stanza di Angela: ci sta un armadio a sinistra e un letto a destra, poi una porta ripiegabile dà su un bagno di neppure 4 mq con lavello davanti e water a destra.
Ovviamente io sono lì per guardare per il classico buco della serratura.
La luce è accesa e vedo bene, disto nemmeno tre metri, Angela che è in sottoveste bianca e sta armeggiando sul lavandino. Poi va a destra e vedo solo le ginocchia e metà cosce: è seduta sul water. Si alza e vedo ancora meno, ma adesso fa un passo avanti e si leva sottoveste, reggiseno e mutandine, comincia a lavarsi alla meno peggio aiutandosi con un catino. Poi si gira per prendere un asciugamano con cui comincia ad asciugarsi. Ha delle tette accettabili, non tanto quanto quelle delle foto della pornostar, ma non inferiori alle compagne con cui faccio educazione fisica o vado al mare. Vedo con stupore e piacere la fica: è più folta dei peli che ho io attorno al cazzo, è una foresta ed è riccia riccia scura nera. Il cazzo mi diventa duro e mi fa male. Non riesco a trattenermi, con la mano lo prendo e guardandola nuda attraverso la serratura sborro nel mio pigiama sperando di non lasciare tracce nel buio. Lei si infila una veste da notte, uno slip e si avvicina alla porta, mi viene un attacco di panico, ma chiude la luce e dal rumore si capisce che si avvicina e poi entra nel suo letto.
L’indomani non ho allenamento e tocca a me portare il caffè alle 15 precise svegliando mio padre che torna puntuale al lavoro. Il caffè è di competenza della donna di servizio. Vado in cucina, Angela è seduta al tavolo di lavoro e sfoglia un giornale illustrato. Con la scusa di guardare cortesemente una foto le accarezzo un braccio e, girando la pagina per vedere se le foto interessanti continuano, le tocco il seno, sodo e invitante, mi scuso, mi guarda con i suoi occhi penetranti non protesta e si mette a preparare il caffè.
La sera, come la precedente, mi avvicino alla sua porta, ma, cazzo, la chiave !!!! Ieri la chiave permetteva di guardare e avevo avuto fortuna, oggi o è un caso oppure ho fatto rumore e Angela l’ha girata. Vado incazzato a studiare. Ora che c’è lei in casa non mi passa per la testa di ricorrere alle foto.
Dopo aver pensato il da farsi, un paio di giorni dopo, alle 14, vado in sala da pranzo, dove sta sparecchiando, la saluto, la guardo, mi fissa ferma e io…la afferro, le palpo il seno, le metto la sua mano sul mio cazzo che sta sfondando i pantaloni leggeri. Angela non protesta, anzi mi afferra il cazzo e me lo stringe, ma rimane ferma con le mani. Questo mi eccita al massimo, sento la sborrata imminente e mi allontano. Che figura!
E’ il suo pomeriggio libero ed è uscita. Io penso a che fare per vederla in stanza e mi viene in mente di praticare un buco sulla porta. Da vero genio uso uno spiedo da forno infuocato che buca facilmente in un paio di posti la porta di legno leggero….certo i buchi si vedono……
La sera mi avvicino al solito, la serratura è libera, e la uso assieme agli ottimi buchi, luce accesa, è sul letto nuda con la sottoveste alzata e si sta toccando la fica con una mano. Avevo visto qualche foto ma nulla sapevo della masturbazione femminile. Si infila una, due dita dentro, si tocca su e giù, poi comincia ad accarezzarsi con un movimento circolare tra il pelo foltissimo, ho il cazzo che sta per esplodere, mi pizzico, mi pianto le unghie, voglio resistere, adesso ha in mano una…carota e se infila mentre comincia ad alzare le ginocchia e ad alzare il bacino ritmicamente. Mi fa impazzire, non resisto più, lo sperma irrompe sulla pancia e sul pigiama e deve avere sentito qualcosa perché guarda palesemente verso la porta con il suo sguardo fisso.
Il giorno dopo sono al campo, poi ho un casino di esercizi di matematica che mi sembra l’osso più duro, Angela entra in camera mia per sistemare vestiti invernali nella parte superiore dell’armadio a muro, dice solo “posso?”, prende una scaletta e si arrampica, mi offro di aiutarla e non rifiuta. Vedo le sue gambe muscolose e le cosce e le mutandine bianche con i peli ricci che escono, le abbraccio le cosce sulla scala e cerco di carezzarle la figa, mi respinge con un leggero spintone, continuo a passarle vestiti e quando scende le afferro le tette e la bacio sulle labbra, non si stacca subito, ma mi dice “sta fermo c’è tua madre in casa”.
Dopo cena i genitori sono da amici e mio fratello è in gita scolastica. Sono solo alla televisione a guardare una partita mentre lei sparecchia, poi viene alla tv senza parlare. Io mi alzo le prendo le mani, è perplessa, la faccio sedere sopra di me. Ho il cazzo duro e penso che così lo sente. La bacio. Mi dice solo” cosa fai? Vieni in camera mia? Ti sento fuori dalla porta….la notte…”. Chiudo la Tv e vado a mettermi il pigiama.
Trovo la porta socchiusa, Angela sdraiata sul letto in sottoveste al ginocchio, si vedono mutandine bianche e reggiseno. Mi dice subito “chiudi la porta e fai piano”. Io sono intimidito; neanche l’esordio nella squadra in cui milito mi aveva bloccato così le gambe. La abbraccio, la bacio sulle labbra, faccio uscire una mammella e la succhio, poi l’altra la accarezzo e noto una aureola grande attorno al capezzolo duro. Le palpo i fianchi, le bacio la gola poi accarezzo le cosce e con le dita cerco di entrare sotto le mutandine nella figa. Si irrigidisce e mi dice “tutto, ma questa no, solo dopo sposata qualcuno la toccherà”. Mi blocco mentre Lei mi prende il cazzo che mi fa male e che al tocco esplode come una mina tra le sue due mani inondando di sperma il mio pigiama e la sua sottoveste. Dice solo” che schifo” e io me ne vado nel mio bagno incazzato.
Sono incazzato con me stesso e non mi faccio vedere per qualche giorno ai soliti appuntamenti. Qualche pomeriggio dopo entra mentre studio sculettando nella mia camera per riporre lo stirato, mi guarda zitta con i suoi occhi neri da strega, io non resisto e allungo le mani sotto il camice e sotto le mutandine, Lei si ritrae con forza dicendo “perché devo avere un moroso che non fa nulla e un altro che mette le mani dappertutto” e se ne va.
Lo strano è che, pur con queste distrazioni, la scuola si sta avviando alla fine con ulteriori miglioramenti nel mio rendimento e pure il campionato dove dicono che sto rendendo al massimo….. Ne approfitto per chiedere qualche consiglio sessuale al capitano che è notevolmente sorpreso, incuriosito e contento della faccenda…..
Altri giorni senza incontri e Angela entra nella mia stanza a dirmi (mai fatto prima questo annuncio…) che la cena è pronta. Mi prende una mano, sto per mandarla a quel paese, ma se la porta alla fica e mi dice senti qua cosa c’è e cosa ho, e mi mostra il mio dito insanguinato. Vado a cena.
Dopo cena, ascolto il mio capitano, e mi sparo una sborrata gigante pensando a una chiavata con Angela. Mi ha garantito che così la seconda tarderà a uscire…..Quando la casa è silenziosa, mi muovo, la porta è chiusa, è scuro, busso piano e entro, accendendo la luce.
“cosa vuoi?”,
“lo sai, non ti tocco li”
Le tolgo la sottoveste, e le mutandine, non ha reggiseno, mi tolgo la maglietta e i calzoncini del pigiama, poi le metto il cazzo vicino alla bocca e pare spaventata, lo scappello e dico che si possono fare tante cose e che le mani non le uso sulla sua fica. Mi giro e comincio a leccargliela: è una boscaglia di peli lunghi arricciati come i suoi capelli. Lei mi chiede solo cosa sto facendo. Io come risposta cerco intanto di strofinare il cazzo sul suo viso.
“cosa fai ho le mestruazioni”
“ beh non sei velenosa e non uso le mani e il mio cazzo tu potresti baciarmelo un po’”
E’ titubante, ma sento che la sua fica si emoziona mentre la bacio e mentre lei bacia lui. Io le suggerisco di succhiarlo come un ghiacciolo e di provare quello che le piace fare.
Sento che sto per venire, mi pizzico, mi fermo bruscamente e mi giro, mi guarda stupita e poi ridacchia:
“sei sporco di sangue aspetta”
“no, adesso finisci se no sto male” e cerco di infilarle il cazzo in bocca diritto. Lei invece lo afferra e io sto fermo per vedere che cosa fa: lo tasta, schiaccia a due mani sovrapposte, poi lo tira ahi, allora le mostro cosa mi piace e lo fa talmente bene che esplodo e la prendo in viso sul petto e sul cuscino “che schifo…….” dice. Ma questa volta la accarezzo sdraiandomi accanto e le tolgo lo sperma dal viso con la lingua. La giro, le prendo le tette ognuna entro una mano, e le faccio sentire sul culo il mio cazzo che sta già crescendo.. Intanto le bacio il collo e la schiena, le titillo i capezzoli e almeno una mezzora passa così tra carezze sue che insistono sul mio pene e sul mio viso e le mie che vanno dappertutto fuorché in zona vietata. Buona notte, a domani.
Continua

Questo racconto di è stato letto 5 3 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.