Erotici Racconti

Angela mi da la figa perchè si è sposata

Scritto da , il 2014-11-18, genere prime esperienze

Passato qualche mese torno a casa un pomeriggio di Luglio in piena sessione di esami e Giannina, la nuova domestica, mi informa che ha telefonato la signora Padovan, cognome di Francesco, e se la posso richiamare verso le 19 oggi o domani.
Che vuole Angela ? la chiamo e parla di pratiche Inps in sospeso, dovrei aiutarla un pomeriggio, scelga quale io la prossima settimana perché bisogna farlo in quel periodo, io non capisco?? Inps ??,
“Una volta mi hai detto che volevi risolvere quel problema e sono sicura che hai i mezzi per sistemare il contributo che manca….”
Comincio a capire e rispondo che effettivamente il problema va risolto al meglio e che era ora. Ridacchia e ci diamo appuntamento alla stazione delle corriere nel pomeriggio in cui la nuova domestica torna a casa mentre i miei sono sparpagliati in vacanza. Brava Angela ha un sacco di informazioni…….
Alle 14 di un infuocato 10 luglio, indimenticabile perché il giorno prima avevo superato l’esame spauracchio di tutti noi poveri futuri dottori, acchiappo Angela al bus. Non la vedevo da un paio di mesi, la bacio e osservo i capelli ricci un po’ più corti, una gonna fucsia sopra il ginocchio e una camicetta un po’ scollata azzurrina. Saliamo in auto e, prima che io le metta una mano sulle gambe scoperte e altrove, lei mi piazza la sua mano sul cazzo duro e comincia a palparlo.
“Non male sto casso, toso”.
“Guarda che ho passato ieri l’esame più difficile, e sono quasi dottore, un po’ di rispetto”.
“Rispetto un casso, però mi potresti visitare….”.
“Vediamo un po’ cosa hai” e le metto direttamente la mano sotto la gonna sotto la mutandina e tocco quello che mai la mia mano aveva sentito….” Angela, sento qualcosa qui….”.
“ Bravo adesso sono sposà e te poi toccar e anca ficcarghe dentro el casso”.
“Certo che il povero Francesco non sarà contento…”.
“Povero parchè? xe mio mario, el gà delle belle vigne, me ciava el sabato e ghe tegno in ordine la casa…”.
“Solo il sabato?”
“Usa cossì” con un sospiro “e comunque el so casso non xe grande come piase a mi, mejo cossì”.
Arriviamo a casa e come entriamo la bacio dappertutto e cominciamo a spogliarci uno con l’altro.
“ Questo xe un casso” e si inginocchia nell’atrio a prendermelo in bocca.
“La tua è la figa che ho aspettato più di tre anni” e gli struscio il cazzo tra i peli e sul clitoride che spunta veloce come un fungo dopo la prima pioggia.
“Te sta ben, se te la davo chi me sposava più ? adesso podemo ciavar”.
“Aspetta Angela ho un regalo per te che hai aspettato tre anni pure tu..”
Vuole vederlo e averlo subito, ma io le dico di andare in camera mia e che per averlo deve avere gli occhi chiusi.
“Madona te si ancora più mato”.
Sdraiati sul letto le dico:
“Angela so mato, ma non ti ho mai fatto del male; adesso ti bendo con questo fazzoletto, sentirai che ti tolgo le mutandine e che ti metto un altro paio di slip, poi ti tolgo la benda”.
“Ma dopo ciavemo o me incasso….”
Estraggo dal cassetto un paio di slip neri di marca che mi sono costati un patrimonio in un sex shop, sono microscopici e si possono definire slip come categoria generale, ma in realtà dietro hanno un filo interdentale e davanti hanno una striscia di pizzo di 3 cm che non copre nulla e soprattutto è deliziosamente divisa verticalmente da una fessura che permette di entrare in fica con assoluta facilità.
Le tolgo le mutandine mentre lei armeggia già con il mio cazzo e le infilo il sex-slip. La taglia per fortuna l’ho indovinata e non la stringe troppo.
“Adesso Angela ti tolgo la benda e puoi guardare, se non sei troppo occupata con il mio uccello”.
Si guarda curiosa, si alza, va allo specchio che è nel bagno vicino, allarga le gambe e l’effetto è clamoroso. Peli a destra e a sinistra e al centro, ma lì si vedono le labbra della fica che si aprono.
“Cazzo, adesso me lo ficchi dentro subito” mi dice in italiano.
“Per questo te le ho prese; per tre anni a letto con te dovevo rispettare la tua figa e mi sono abituato tanto alla vista dei tuoi slip, che adesso ti voglio chiavare attraverso queste mutande”.
Ci ributtiamo sul letto e vuole portaselo dentro subito, ma la fermo.
“E un preservativo no? Lo ho qui….
Mi guarda schifata “xe roba da putane”.
“Ma prendi la pillola o vuoi che esca prima di sborrare ?”
“Mi no prendo medicine per ciavare e voglio essere ciavata dentro da ti no sbrodolata fuori”.
“Ma rischi di rimanere incinta se sei nel periodo giusto”.
Mi interrompe un po’ sull’incazzato:
“sentime ben toso, go aspettà tre anni e più, me so sposà e adesso posso ciavare in pace perché go il marito. Gheto capio?”
Non fa una piega…….la bacio mentre lei se lo infila tra la fessura del minislip e dentro la fica riccioluta.
“Ah era ora di sentire il tuo casso nela mia figa” comincia a muoversi sotto di me ancheggiando e alzando ritmicamente il bacino con colpi anche forti con le gambe. Io cerco nel suo bosco il clitoride che, preso tra due dita, mi pare più grande di quando lo leccavo nei 69 sessantanove volte fatti….
“Angela volevo da anni entrare dentro di te fino in fondo” e comincio a spingere e sento il fondo della sua fica. Capperi il mio cazzo deve essere scatenato. Lei mugola come un’ossessa e comincia a urlare “in fondo, sfondami voglio sentire il tuo cazzo”.
In tre anni avevo imparato con Lei, cosa essenziale, come non venire troppo presto e di aspettare sempre le sue esigenze e il mio piacere. Le spinte forti sue e mie mi facevano ci facevano godere, oltre che sudare, ma contribuivano a posticipare il mio orgasmo come volevo.
Lei venne mugolando un paio di volte ed io alla seconda mi fermai, la girai e la presi alla pecorina, dicendole”non temere oggi fica solo non culo”.
“Varda che va ben oggi, ma la prossima te me riempi anche el culo che me piase”.
“Angela sei una porca”.
“Mi sarò una porca, ma ti ti si un porseo e mato”.
Da dietro sentivo che potevo andare ancora più dentro e che la sua figa comunque si allargava come una parete resistente ma elastica. Spingevo e muovevo il cazzo e intanto le ficcavo un dito e poi due intrecciati nel culo e mi sembrava che dita e cazzo urtassero da diverso canale la stessa parete. Angela era un brodo di sudore e di liquidi vaginali. Ogni tanto tremava come se avesse brividi di freddo.
La girai di nuovo e mi pareva inerte con gli occhi spiritati, ma non fissi come il solito, quasi da ubriaca o da “fatta”. Le alzai le gambe sopra le mie spalle le afferrai il collo e cominciai a spingere al massimo in questa posizione stringendole ogni tanto la gola, ogni tanto strizzandole forte i capezzoli. La sentii dire piano:
“Ti si una bestia, me sofochi, ma me piase, me piase” e queste ultime parole con voce crescente mi fecero sborrare. Ma in modo diverso dal solito e che mi capitò pochissime altre volte: non un grande getto continuo, ma un getto forte seguito da una pausa e poi un altro e poi un altro, sembravo un geyser o un tubo strozzato da qualche parte…
Angela mi guardava con occhi appannati e continuava ad avere brividi che sentiva anche il mio uccello nel nido che si era creato. Le lasciai le gambe e ci rovesciammo sul fianco senza liberarci dall’intreccio cazzofiga che si era creato a furia di spinte. Ero un bagno di sudore e Angela cominciò a graffiarmi il petto. Si era lasciata crescere le unghie e mi lasciava i segni e mi tirava anche i peli. Io cominciai a morsicarle le tette e strizzarle con le mani i capezzoli. Poi scesi nell’interno della sua caverna, dove i liquidi erano ovunque e cominciai a giocare con il clitoride cercando di farlo crescere come fosse un piccolo cazzo. Infatti cresceva e Angela, chissà perché con un occhio aperto e uno chiuso, mi mungeva con le mani il mio di cazzo e lo incoraggiava ” cresci, gonfiate, devi pomparme ancora”. Il suo clitoride ora superava sia le mutandine sia i peli e mi sembrava metà del mio mignolo, non male…. Interessante.
Mi cavai bruscamente dalle mani di Angela e cominciai a carezzare la sua appendice sessuale con la mia. Si ingrandirono tutte e due assieme ancora e il mio mi faceva pure male per duro che era.
“Adesso monti tu a cavallo"
“Cossa?”
La alzai sopra di me.
“Che casso, longo come quel del musso”.
“E adesso lo infili nella tua fica in fretta prima che esploda”.
Sentì uno sforzo sul mio pene che evidentemente aveva una angolazione difficile, ma ci sistemammo e lo senti dentro al massimo.
Angela stava zitta da un paio di minuti in cui si sta assestando ed era strano non facesse commenti.
“Gesù Maria, me piase me piase star seduta su de ti con il casso così dentro, me piase” e queste parole erano urlate digrignando i denti e spalancando la bocca.
Io le diedi un paio di colpi con il mio bacino e le dissi di giocare al cavallino sopra di me. Cominciò a saltare e non la smetteva più, ogni tanto la figa usciva e poi mi piombava dentro come a farsi impalare.
Era sudata, anzi grondava sudore dappertutto, sentii che rallentava e veniva una volta e un’altra. Si appoggiò alle mie spalle, mi baciò mi guardò fissa e mi disse:
“vieni amore vieni dammi il tuo sugo ti amo” beh forse ero fuso ma fu la prima e l’ultima volta che la sentì parlare di amore e per di più in buon italiano. Comunque non mi costò nulla accontentarla e tutto quello che era rimasto dentro i testicoli corse da colei che lo voleva.
Rimanemmo un po’ in letto a carezzarci e poi andammo a farci una doccia assieme.
Non l’avevamo mai fatto e ci mettemmo a giocare come bambini.
Le mani entravano in ogni anfratto dalle orecchie alle dita dei piedi, dall’ombelico ai buchi del naso…… Rideva sul mio cazzo ristretto, io facevo finta di arrabbiarmi e la sculacciavo. A un certo ridendo si girò e disse:
“Mi fai male, bruto toso”. Così facendo avevo di fronte la fica sopra cui sgocciolavano i suoi lunghi peli e, senza pensare, le diedi un colpo secco sopra la fessura con il dito medio. Mi guardò e mi stupì per l’ennesima volta:
“Puto farlo ancora?
Le diedi un paio di colpi di cui sentii anche il rumore e Lei: “ famelo ancora e più de freta”.
Eravamo in una vasca da bagno con doccia. Chiusi lo scarico e la feci sedere nell’acqua tiepida con la schiena verso di me e mettendo le mie gambe attorno a lei. In quella posizione mi era più facile colpirla bene con il mio dito. Colpivo in mezzo e, me lo chiese, anche più su…. Cominciai a battere il clitoride e Angela a urlare “più forte più forte” e alla fine mi sentii la mano sbrodolata da un interessante sughetto misto a sapone….
Le chiesi curioso cosa avesse provato: quei colpi sulla fica e sul clitoride erano stati una sensazione che non riusciva a descrivere, ma che le faceva perdere il controllo e che mai aveva sentito.
Le sue reazioni e le sue parole mi stavano nuovamente eccitando e, senza accorgermi avevo impugnato le tette con le mani mentre il cazzo si era drizzato pur schiacciato sotto il culo di Angela.
La sollevai seduta sopra le mie cosce e Lei si accorse che qualcosa di duro era piazzato tra culo e figa.
“Ancora….. ti si un mandingo…” Che film o che giornaletto aveva visto?
Io, serafico, “ la signora preferisce culo o fica? “
“La siora oggi se lo fa meter tante tante volte in……figaaaaaaa”.
Nonostante il pomeriggio impegnativo il mio cazzo riuscì a fare quanto bastava, aiutato dalla posizione che permetteva alle mani di andare dai seni stropicciati al clitoride bello dritto e alla bocca di leccare e baciare il collo e la schiena di Angela.
Mugolò e disse solo “vedi che go fato ben a sposarme”.
Che figa mi ero perso per tre anni e che cazzo si era persa lei per tre anni…..
Poi ci siamo visti (non solo con gli occhi) in qualche occasione cercata, ma intanto mi sono innamorato della sorella di un mio amico, ma questa è un’altra storia…..
Fine

Questo racconto di è stato letto 8 9 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.