Vecchi ricordi, Ivana la puttana

Scritto da , il 2014-03-15, genere trio

Sono anni che ci penso, giorno e notte.
A quella vacca, quella puttana.
Ora sono in casa!!! di nascosto, da una finestra.
Non mi sembra vero.
Vado in camera da letto e apro i cassetti.
Trovo biancheria intima di ogni genere e cazzi di gomma.
Vado in bagno e prendo uno slip appeso e subito lo annuso.
Odora di umori di fica.
Mi faccio subito castelli in aria e idee di ogni genere.
Cazzo!!!!
Sento aprirsi la serratura della porta di' ingresso e delle voci femminili.
Ancora cazzoooo!!!
Dove mi nascondo??? Porca Eva!!!
E' una lotta contro il tempo...apro la finestra balcone e mi nascondo.
Osservo attraverso le tapparelle.
Entra in bagno l' Ivana, la padrona di casa, quella che da anni mi vorrei scopare.
E' vestita con gonna corta, maglietta super scollata, e zoccoli tacco 10.
Una zoccola.
50 anni, bassa, mora, in sovrappeso ma tettona con faccia da vacca.
Si abbassa gonna e slip e si siede sulla tazza.....piscia.
Si piega per rimettersi in sesto e mi mette il buco del culo in bella mostra.
Comincio ad eccitarmi, sudo.
"facciamo una partita a carte?" chiede all' altra.
"se non hai di meglio..." la risposta.
Comincino a preparare il tavolo verde.
Esco dal giardino e suono al campanello.
Mi ricevono in casa e si fanno le presentazioni.
Lidia e' il nome dell' amica.
Un' altra faccia da zoccola, alta e castana.
Anche lei tettona, gonna sopra il ginocchio e sandali legati alla schiava.
Solo la vista dei sandali una libidine.
Mi chiedono di fare il terzo giocatore, accetto con piacere.
Si danno arie da gran signore.
Decidiamo la posta da giocare, ho 26 anni e non ho soldi.
Si giocano le prime mani e guarda caso cominciano a parlare di sesso.
L' Ivana chiede se ho la ragazza....dico dii si...
Lidia rincara la dose e chiede se a letto si comporta bene
Io rispondo che manca l'esperienza, quella che hanno loro due.
"ma cosa vuoi farci con una cinquantacinquenne come me?" mi dice Lidia con sguardo ammiccante.
Mi faccio coraggio "Stai tranquilla...tante
Sento un piede dell' Ivana sul mio pacco...sorride.
Mi alzo e "Visto che in poche mani di poker ho perso tanti soldi...se vi pago in natura?"
Si alzano insieme e dicono "per stavolta facciamo uno strappo..."
Cominciano a levarsi gonna e magliette, rimangono in intimo.
L' Ivana mi esibisce un reggiseno aperto che mi spara davanti le sue poppone e i suoi mega capezzoli.
Lidia un completino striminzito che sta esplodendo sopra le sue zinne.
Mi levo tutto, prendo l' Ivana e la corico sul divano.
Le lecco la fica e le succhio il clitoride mentre lei fa' lo stesso all' amica che le ha messo le parti intime sulla faccia.
Ansimano e gemono le cagne.
Le faccio coricare entrambe sul tavolo.
Penetro Lidia con l' uccello completamente duro.
Aaaaahhhhhhhh!!!!!!!!
"Ti piace troiaaaa???"
Mentre la stantuffo ficco due dita nella vulva di Ivana che attende impaziente il proprio turno.
Uuuuuhhhh........
Le poppone di Lidia sballonzolarono da tutte le parti.
Lidia mi riempie l' uccello di umori.
Estraggo l' arnese e mi siedo su una sedia per prendere Ivana a smorzacandela.
E' arrivato il momento tanto desiderato.
Cavalca la troia...mentre ciuccio le tettone.
Aaaaahhhhhh. Uahhhhhhh..mi sento la tua vaccaaaaa!!!!
La scopo con tutta la forza che ho in corpo.
La faccio alzare e la spingo contro un mobile a pecorina.
Le punto la cappella contro l' ano.
"Nel culo noooooooo!!!!!" urla.
Non lascio il tempo di ripensamenti, le infilo la cappella lubrificata dei suoi umori nello sfintere.
AAAAAAAAHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!
Lo infilo tutto e stantuffo a piu' non posso.
La troia prima patisce poi gode.
Non smetterebbe piu' di farsi trivellare il buco del culo.
L amica che non ce la fa' piu' a vedere, ormai si e' infilata tutta la mano nella vagina.
Prendo la Lidia per i capelli, la faccio inginocchiare e le infilo il cazzo in bocca.
Sa di umori vaginali e merda.
Comincia a succhiarmelo ma il sapore di merda la fa' vomitare sul tappeto.
Non le do' tregua.
Mentre e piegata a vomitare le allargo le gambe e lo infilo nel culo anche a lei.
Sembro tarantolato.
Non voglio lasciare nulla incompiuto.
Anche Lidia alla fine viene nel culo.
Sono tutte due esauste.
Ora tocca a me.
AAAAAHHHHHHHHHHH!!!!!!!!
Gli vengo una sborrata interminabile addosso e in bocca mentre sono coricate per terra.
"brave.....cosi' .....siete le mie due gran troie....."




Questo racconto di è stato letto 4 8 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.