Un Gigolo nelle carceri, x buchi vogliosi

Scritto da , il 2013-09-06, genere bisex

Mi chiamo Komasky figlio di una puttana Russa e un cornuto Rumeno. Mio padre era un dipendente della Repubblica Rumena, e lavorava nella Ambasciata di Mosca dove conobbe la troia di mia madre che si faceva sbattere da tutti nel Consolato, meno lui. Siccome mio padre era succube del Ambasciatore dovette sposare quella troia per mantenersi il posto, anche se in tutte quelle scopate miste di tanta sborra nacqui io, il solito figlio indesiderato che non sa chi e il padre biologico. Ero un figlio di puttana, ma per la legge Russa era quel rammollito che ha sposato mia madre. L'ambasciatore Rumeno per non creare scandali o chiacchiere, fece ritornare in patria mio padre nei vari uffici ministeri con delle buone referenze, e un discreto economico tanto da comprarsi un bel appartamento in città, mentre mia madre mantiene sempre delle relazioni diplomatiche con alti burocrati da far carriera a mio padre.

Con il passare del tempo e la mia crescita, si vedeva ad occhio nudo che non assomigliavo per niente a mio padre, chissà se la troia di mia madre si ricorda almeno la faccia del potenziale scopatore che gli rese madre, ma non credo aveva sempre le gambe alzate o prona mentre la fottevano. Ma da tutto quel casino di cazzi, io crebbi in un certo lusso, ma stufo di quella vita di corna e chiacchiere di gente maligna, sui 25 anni con laurea mi trasferii in Italia a Milano in un piccolo appartamento ammobiliato, e grazie ad un imprenditore Italiano che conobbi in Romania, mentre facevo il buttafuori in una discoteca del mio paese. Un momento non pensate che io sia gay, mi sono sempre piaciute e continuano a piacermi le donne, non rifiuto qualsiasi buco purché sia io a darlo e non a riceverlo. Come ho detto: faccio il buttafuori in quando sono alto 1,90 sul biondo e occhi azzurri, a fisico sono niente male, ho un bel corpo pieno di fasce muscolari da far paura................ e un bel cazzo da trenta con una capoccia da spavento. Una volta in discoteca nei bagni delle femmine una puttanona lo voleva provarlo nel culo, la troia dovette ricorrere alle cure mediche per riparare lo squarcio. In poche parole quel imprenditore gli serviva uno come me nella sua discoteca a Milano, ma purtroppo non arrivai a sei mesi che una sera uno stronzo di cliente e poi anche avvocato, fece un casino della madonna, appena lo presi sotto le braccia per farlo uscire con le buone dal locale, lui un po' bevuto e del tutto imbranato inciampa da solo fratturatosi il femore, e la carogna mi denunciò. La mia sfortuna era di non avere nessuno che testimoniava a mio favore.

Purtroppo dietro alle mie spalle risuona subito la pesante porta d'acciaio che segnava l'inizio della mia reclusione in una prigione Italiana. Non riuscivo ancora a capire che cosa ci facevo lì: era accaduto tutto così in fretta. Il figlio di puttana dell'imprenditore non fece niente, neanche una testimonianza falsa per salvarmi le chiappe, e poi essendo anche Rumeno immaginate. Licenziato. Sfrattato per morosità. Per fortuna che non avevo niente, ne macchina e casa, i soldi li mandavo nel mio conto_corrente internazionale che avevo in Svizzera. In quel modo ho fregato l'avvocato che non mi poteva fare causa per risarcimento danni, non avendo una lira. Ma purtroppo dovetti subire 3 anni di reclusione in quando ero recidivo di un altro, episodio. Appena entrato e sbrigate tutte le formalità: foto, impronte digitali, svuotamento delle tasche, orologio e braccialetto, anello, curriculum famigliare ecc. ecc. mi danno in pasto ad altre guardie carcerarie che mi sottopose alla umiliante perquisizione, ed uno in particolare antipatico e prepotente mi tastava le chiappe in un modo volgare e manesco, e mentre passa a tastare il malloppo davanti si arresta guardandomi interrogativo. Quel giorno erano in due, ed io ero l'unico recluso da preparare e impacchettare per poi buttarlo in cella. Mentre l'altro viene richiamato da un altro suo collega che doveva andare con molta urgenza dal Direttore, lui invece mi condusse in una specie di stanza per altre ispezioni corporali e mi ordina di spogliarmi fino alle mutande. Davanti a lui dovetti spogliarmi completamente lasciando solo le mutande nere, e il tutto che rimaneva dei miei vestiti messi in un sacco da spazzatura. Quindi, prima che potessi reagire il tipo con la mano inguantata di lattice e una piccola torcia mi rovista fra i miei capelli, mi guarda nelle orecchie e nelle narici, bocca. Guarda le ascelle e mi afferra con forza davanti le mutande calando al semi_cosce dove svetta in fuori la mia minchiona da trenta. Non credeva quello che vedeva, era molto assolto a guardare il mio cazzone che si mise la piccola torcia in bocca e sfila i guanti di lattice e poi si mette in ginocchio davanti a me puntando la luce sul cazzo con la mano sinistra, mentre lo stava ammirando con interesse la sua mano destra incomincia lentamente ad accarezzarlo e sentire con le dita nude la mazza dura e calda che fremeva appena veniva toccato dalla mano, ma lentamente scende giù ai coglioni pelosi e accarezza anche quelli. Senza che me lo aspettavo agguanta bruscamente sotto le mie palle da farmi urlare dal dolore, a quel punto egli mi aveva preso la mia salsiccia di carne dura da tastare e poi cominciare a menare con forza con il pugno destro, mentre con la mano sinistra libera dalla torcia si sfregava il rigonfiamento che c'era nei suoi pantaloni del tutto arrapato, in quel suo impeto di perversione mi fa traballare le mie povere palle ad ogni movimento della sega. Io al contrario guardavo in giro senza partecipare e stare attendo che non arrivasse in quel momento altre guardie, e sperando che quel tipo di procedura causale terminasse il più possibile. Purtroppo la guardia era molto arrapato da non aver più il freno di libidine, e portare a sfregare con molta insistenza la mia mazza senza più controllo di se stesso. Non mi opposi resistenza in quando lui aveva il manico del coltello, anzi il mio. Lo lasciai fare pensando che dopo si sarebbe sfogano e lasciato in pace, ma sbagliai.

Era del tutto partito, anzi fuori di testa che me lo trovai prono su una sedia con i suoi pantaloni e mutande calati sulle ginocchia, e presentarmi il suo culo grosso e peloso da dirmi: "Dai sbrigati cazzone, riempimi il culo con sta bella minchiona, e non ti preoccuparti non e la prima volta che lo prendo inculo!!" "Ma può venire qualcuno!?", dissi turbato da quella situazione. "No! Non ti preoccupare, abbiamo tutto il tempo che vogliamo!!", rispose tutto sconvolto, ed io non reagivo perché non aspettavo quella reazione. "Cazzo fai stronzo, rompimi il culo che ho voglia di un bel salame duro!!", disse incazzato. Non cercai il pelo sull'uovo, un buco e sempre un buco, fica/culo, maschio/femmina e sempre un buco, anche perché non volevo farmi un nemico in più in quell'ambiente che dovevo campare per 3 lunghi anni. Bhe, lo trattai come una lurida donnaccia tanto da sferrare una pacca forte a mano aperta sul suo lercio culo, non fece nessuna reazione, anzi mugolava come una troia in calore e tale la trattavo con una certa brutalità, gli allargai con cattiveria le sue chiappe afferrandole e stringendole da fargli male, ma la scrofa porgeva indietro il culo e godeva, non mi feci tanto pregare che appoggiai la mia cappella mostruosa all'imbocco del suo buco tafanato da altri cazzi. Appena lo avevo appoggiato già il porco ne godeva tanto che la mia capoccia per metà era entrata, non ci vidi più dalla rabbia che glielo ficcai di colpo e con molta violenza da sentire la mia stanca di carne dura avanzare e lacerare quello che c'era da sfondare, e in breve gli fui tutto dentro. La guardia rimase senza fiato cercava di urlare, ma non poteva sennò si sputtanava, anche se con cattiveria gli stritolai i suoi capezzoli tanto che si morse le labbra per non urlare, anzi si attaccò alla sedia e mordere la spalliera per il dolore che gli sedavo. Fu bellissimo! Io mugolavo di piacere e di paura allo stesso tempo che qualcuno ci poteva sorprenderci in quella posizione. Vedevo le sue tempie arrossire e tirate come se gli suoi occhi uscisse dalle orbite per il dolore, e mentre assestavo un fendente con le anche il mio cazzo cominciava a scivolare meglio, ora entrava con più facilità in quel buco lercio, naturalmente io, approfittavo per affondare di più in quel retto del tutto sfasciato. La guardia madido di sudore cominciava a mugolare e fremere dal piacere, piano piano sempre più, il godimento cominciava ad essere più acuto, e mentre glielo tiravo fuori sentivo il contrasto delle sue pareti anali che aspiravano come uno stantuffo. Io mi sentivo una vera bestia da monta che continuava inesorabile a fottere un culo maschio, eppoi godevo di più nel fottere un culo di un secondino carcerario che stava ricurvo e avvinghiato alla sedia con una spalliera tra i denti che riceveva ritmicamente nel culo il mio grosso bastone nodoso. Era semi_nudo, con i capezzoli rossi e turgidi come quelli di una cagna in calore, con rigagnoli di bava e sudore che colavano dai lati della bocca semichiusa, sembrava non averne mai abbastanza del cazzo, anzi allargava di più il culo per sentirlo tutto dentro. Dopo circa un quarto d’ora che andavo avanti e indietro dando delle bordate incredibili da montarlo con una forza spaventosa, cominciai a godere immensamente in quel culo, mai avevo provato fino ad allora con una fica. Non posso crederci, questa troia riesce a farmi godere, entravo e godevo a sfondare un culo di maschio! Sbalordito ed incredulo vedevo il mio cazzone enorme come una trivella e scomparire nelle pareti anali e dilatate in queste chiappe lardose e merdose.

Il calore del suo culo aumentava intensamente come un vulcano in eruzione, il mio cazzo andava per conto suo, con una mano gli sollevo lo stomaco spingendo ancora di più il cazzo al suo culo, il ritmo crebbe, diventai furioso a stantuffare quelle pareti anali ancora con maggiore attrito per quasi una mezz’ora di fottuta furiosa da sentire la mia nerchia esplodere tanti schizzi di sperma ad uno ad uno, caldi, vischiosi da scaricare tantissima sborra, con un intensità tale che mai avrei immaginato di annaffiare su un culo di un uomo, e continuare ancora a dare colpi decisi ad ogni eiaculazione fino a crollare sulla sua schiena. Il suo retto del tutto riempito di sborra non riesce più a contenere che comincia a colare giù sulle sue gambe. Ero sudatissimo, mi facevano male entrambe le cosce, mi sentivo come un cowboy che aveva appena finito a domare una puledra, una sensazioni mai provata fino a quel momento, e mai pensato di fottermi un culo di un maschio e neanche immaginato. Prosciugato completamente le palle, il mio cazzone si ammoscia del tutto e cerco con fatica di tirarlo fuori, ci fu un risucchio e come un flop di tappo di bottiglia che esce fuori. La guardia subito senza pulirsi si tira su le mutande e pantaloni, era di nuovo arzillo e soddisfatto di averlo preso nel culo. "Non avevo mai preso un bel cazzo così grosso nel culo!!", disse soddisfatto e poi riprende il discorso: "Ogni tanto bel maschione verrò ad assaggiare questa bella minchiona!!!" E non finisce a parlare che afferrando il mio cazzo e ci stampa un bel bacio sulla cappella, e poi mi tira su le mutande sistemando il cazzo e le palle, mi stese dei abiti da recluso. "Dai sbrigati che ti porto in cella, insieme ad un altro recluso. Non ti preoccuparti non e cattivo, anzi alle persone del primo pelo lui cerca sempre di farli impaurire per sentirsi uomo e prepararli a diventare le troie del carcere, invece e un ca-casotto nato e un culorotto da tanti cazzi, basta che gli dai uno schiaffo in faccia e ritorna quello che...e un ca-casotto e frocio!!" Mi stava dando una dritta, non solo avevo un amante da soddisfare, ma un protettore. "Purtroppo questa sera salti la cena, ma dopo ti porto qualcosa io, dalla cucina tesoruccio!!", disse mentre indossavo la divisa da carcerato. La guardia mi stende delle lenzuola e coperta, senza parlare mi condusse attraverso molti corridoi e cancelli fino alla porta della mia cella. Rimasi fermo prima che lui tira fuori una specie di bancomat, lo passa ad un apposito fessura che fa scattare la serratura, la porta si apre scorrevole e con uno strattone mi spinse dentro senza molti complimenti. La porta si richiude, lo sento allontanarsi di fretta poi ci fu un silenzio. Sulla mia sinistra c'era un letto a Castello, la parte di sotto il materasso era ripiegato, su quella di sopra era rifatto, e concludo che il posto e quello sotto, anche se non c'era il detenuto forse doveva rientrare. Appena finito a rifare il letto mi stesi con solo le mutande, in quando la divisa mi dava molto fastidio alle palle, ero lì disteso con le gambe incrociate a pensare come sbarcare il lunario che si apre la porta ed entra la guardia di prima, mi guarda e sorride, fece il gesto con le labbra per mandarmi un bacio, si scansa e fa entrare un uomo sui 30 anni, la porta si richiude dietro di lui, e vedendomi non mi diede la soddisfazione di una parola. I suoi capelli lunghi e unticci, ma rossi da arrivare fino alle spalle, era alto 1,75 non molto corpulento e una barba lunga di tre giorni.

Per un breve minuto lo cacai anche io. Ma lui non parla continua a fissarmi, mi... imita togliendo la divisa e si mostra con solo le mutande, era un torello piuttosto bello, appetibile bocconcino su cui sfogare le mie esigenze sessuali. Il suo petto e le sue gambe erano coperti da poca peluria rossa e su un braccio aveva un tatuaggio di un volto di donna. Con un gesto volgare si sistema il pacco per un attimo, si rimise tutto dentro le mutande e le palle risaltavano da far vedere i folti peli del pube e la cappella che spuntava nello elastico delle mutande, e poi guarda verso di me, e si mostra molto bene sotto ai miei occhi la stoffa delle sue mutande bianche, senza degnarmi di uno sguardo cammina verso la toilette. Si tira giù le mutande fino alle ginocchia e piscia nella tazza, mentre tendeva verso di me quelle chiappe grosse del tutto lisce. Attraverso le sue gambe divise potevo vedere immerse nei peli le sue piccole palle che penzolavano. Non diedi importanza, e percepii uno scroscio, che dopo poco cessa. Nello stesso momento si apre la porta, e la guardia come aveva promesso mi porta un sacchetto con due panini imbottiti di prosciutto, mela e una bottiglietta di acqua. "Buon appetito, tesoruccio!!", disse lui e guarda verso l'altro detenuto che stava ancora davanti al cesso con le mutande calate, e poi guarda verso di me e mi sorrise con malizia tastandomi il davanti delle mutande. Mi sorrideva furbescamente in faccia e sembrava che sapesse già come andrà a finire lì dentro. O credeva di saperlo il porco. Neanche il tempo di ringraziarlo che lo vedo sparire oltre la porta, io presi il sacchetto e divorai tutto quello che c'era per la fame. In quel momento l'uomo ritorna alla carica con un sorriso beffardo. "Ha, non ci conosciamo vero, allora con molto piacere brutto finocchio io sono Sandro, il tuo trapano da sollazzo per stanotte!!", conclude ridendo e cacciando da quelle mutande lerce una verga dura da 18 centimetri quasi in faccia. "Non ci contare, stronzo!!", dissi arrabbiato e alzandomi gli mollo uno schiaffo sulla faccia. Lui cadde sul pavimento ripiegato su di se che piangeva come una mammoletta, e mostrava il suo culo ben fatto come una pera, a vederlo frignare come una donnicciola mi fece arrapare tanto da sfogare su di lui la mia cattiveria, mi levai le mutande e glielo infilai in testa in modo che l'elastico si infilasse nella sua bocca e girando la stoffa da garrotare con l'aiuto di un cucchiaio in modo che la ganascia rimane aperta da non farlo urlare mentre lo fottevo. Era ben incaprettato e senza farlo muovere lo spingo verso il letto da bloccarlo alla spalliera di ferro e sbattergli la testa ad esso, strappai con forza le sue mutande lerce e puzzolente da scoprire totalmente le sue chiappe tonte e bianche, non gli diedi tempo di reagire e sempre tenendolo fermo gli tiro su il culo per ammirare il suo buco allenato da altri cazzi del carcere. "Che bel culo meraviglioso, chissà quanti bei cazzi grossi hai preso con questo culorotto!? Peccato che sei ancora un po' pelosetto nel buchetto, ma domani rimediamo, eeh frocione!!", e appena finisco a parlare glielo schiaffo tutto inculo. Mentre il mio cazzo grosso e duro gli sfondava il budello già slargato ampiamente, io, come una persona educata mi presentai: "Ah, non mi conosci vero, con molto piacere rottinculo io sono komasky il tuo personale inculatore per questa notte e altre notti che verranno frocioneeee!!!" Oramai ci davo dentro di brutto, la mammoletta stava fermo e zitto ad aspettare che finivo la grande scopata. Il mio cazzo avanzava in quel retto già spaccato da altri cazzi, ma dopo il passaggio del mio cazzo avrà dei problemi a cacare e ricevere altre misure. Gli davo delle tremende botte da farlo sussultare e spostare il letto dove sentivo lo sbattito delle mie palle dure sul suo culo del tutto sfondato. Ad certo punto gli tolgo le mutande dalla testa lo giro gli diedi due scanassoni sulla faccia e lo faccio mettere a pancia in su per terra, gli vado sopra gli alzo le gambe e comincio a fottermelo come una donna e più di prima, ma questa volta io lo guardavo negli occhi! lui era terrorizzato e si lasciava fottere senza protestare ne urlare in quando già abituato al mio grosso cazzo. La sensazione di sentire quella parete dell’ano che si allargava e stringeva sulla mia verga dura mi mandava in delirio. Mentre lui boccheggiava e godeva, io proseguivo alla fottuta, senza mostrar pietà, divertito ed infoiato. Dopo un bel po' mi fermo e comincio a sborrare sopra al suo ventre e palle: "Adesso frocio la prima lezione e finita, non ti pulire e vai così a letto!, domani mattina riprendiamo la seconda lezione con un bel pompino con ingoio, ma prima ti fai la barba, anche al culo capito!!!" Mi ubbidiva un po' esterrefatto, dolorante ed abbaiato annuisce sconsolato. Io mi tolgo, lui si alza e salendo sopra la branda espone oscenamente il suo buco del culo del tutto rotto e inondato di sperma da grondare sulle sue chiappe e cosce, io, gli diedi la buonanotte dando una pacca sul culo mentre si stava coricando.

La mattina seguente e appena sveglio lo vedo che aveva finito a radersi completamente il suo volto e il corpo, le sue sembianze femminile stava uscendo in quella struttura da rude macho, io, mi scopro le lenzuola e gli mostro una bella nerchia dura fuori dalle mutande. La troia del tutta eccitata sculetta come una checca verso di me affamata di cazzo, e poi si accascia sulle sue ginocchia da prendere in mano il mio fuso duro, non vi so dire a che punto era arrivato la sua troiaccine da sentire il suo alito caldo sulla punta del cazzo. La mia nerchia già bella e dura, anzi durissima tra le sue mani, non si fece ripetere due volte che le sue labbra erano attaccate subito alla mia cappella mostruosa che tentava a ingoiare il più possibili centimetri di cazzo. Il verginello per modo di dire; inizia a pompare come una consumata troia, tanto da incitarlo con parole oscene e deliranti: "Dai bocchinara, ciuccialo meglio, non vedi che non riesci a ficcartelo tutto in bocca? Dai finocchietto di merda! Tutto sto tempo in carcere non hai ancora imparato a far godere i veri uomini con i pompini. Non mi far perdere tempo ficcatelo tutto in gola troia!!!" Il rottinculo mi guarda voglioso, e si vedeva che la checca aveva troppa voglia del mio cazzo grosso. Non gli diedi tempo che con la mano gli afferrò i capelli e spingo la sua testa in avanti. Lui prese a leccarmi la cappella famelica-mente, la sua lingua girava intorno all’attaccatura del filetto e prepuzio, e con una mano cerca di scappellarmelo fuori, riusciva a malapena a tenerlo in mano fino a cominciare ad andare su e giù, con la bocca e la lingua lateralmente piena e impossibile ingoiare la mia enorme fava. Il frocetto non demorde e prese a leccare voracemente ripercorrendo l’attaccatura della cappella con la verga, con le dita scese ad afferrare le mie palle enorme e pelose, le conteneva a malapena, essendo cariche di sborra. Il frocio fece un bel lavoretto da svuotare le mie palle e beversi tutta la sborra ingordamente e lasciarmi sfiancato sul letto. Intanto Sandro continuava a tenere tranquillamente la mia nerchia piantata in gola fino alle palle, io non avevo più forza, mentre lui si era adeguato a quella situazione cioè da frocio, finché non aprì la bocca e vidi dei rivoletti di sperma uscire dalle sue labbra. In un giro di mezz'ora e soddisfatto del mio compagno di cella lo lasciai andare fuori dal cortile, ed io rimasi sul letto a riprendermi dal pompino. Non passa molto tempo dal quel pompino e durante la pulizia delle celle, un giovane detenuto e magrolino, il solito sguattero e ruffiano di qualche guardia, mi guarda molto strano mentre ero disteso sul lettino pensando di farmi un sonnellino e ricuperare le forze perdute; infatti mi sentivo un po' stanco, intontito da non riprendermi subito. Mentre stavo assopendo tranquillamente sento delle mani che cercavano di calare le mutande. Mi destai e vidi il detenuto delle pulizie frugare nelle mutande per afferrare il mio cazzo moscio, sorpreso da quella frociaccine sussurrai: "Ehi frocio che fai, le guardie ci possono vedere!?" "Dai, fammelo vedere sta bella minchia favolosa che tutti ne parlano!!" "No, non adesso troia!" "Dai, maschione, nessuno ci disturberà neanche le guardie. Ho voglia di farmi fottere da te!!" "Sei una puttana!" "Siiii.. maschione, non lo nego tutti me lo sbattono inculo, anche le guardie!!" "Ti piace farti sbattere, vero troia?" "Da matti, e poi uno che ha un cazzo da trenta, sei l'unico qua dentro. Dai, maschione, fottimi!" "Sei una schifosa checca, affamata di cazzo, eh?" "Sì, del tuo cazzone. Perché ho saputo che fotti da Dio? Sarei la tua troia per solo dieci minuti!!" Appena accenno a parlare e dirgli: che non me la sentivo essendo stanco, lui mi blocca. In quel momento sento tirare giù le mutande, e prese a volo la mia minchia dura chiude gli occhi e pensa solo ad ingoiare prima la grossa testa, e poi da assorbirlo tutto in bocca il resto del cazzo stando attento a non soffocare. Arrapato gli passo una mano sulla nuca e poi spingo la testa ancora più in fondo alla gola ed io godo come non mai. Il porco con una mano mi accarezza le mie palle grosse e pelose, mentre con l'altra si sbottona i pantaloni calando giù si prese il suo cazzo e fà una succosa sega. Io godo come un porco e mi lamento: "Godi, brutto frocio pompinaro! Tieni, ingoialo tutto! si, dai, fammi godere troia!!" Lo sguattero continuo indisturbato a pompare sempre più velocemente! Poi appena capisce che stavo per venire, leva il mio cazzo dalla sua bocca, mi presenta il suo buco del tutto tafanato e si siede sopra di me e sempre ad occhi chiusi, cerca di infilare nel suo ano sul mio cazzone da trenta! Prima la cappella, poi, centimetro dopo centimetro, tutta la lunga asta sprofonda in quel vortice nero! Urla di godimento sempre più insistenti mentre va su e giù per facilitarsi la penetrazione anale sul mio cazzo. Ad ogni colpo che si dava al culo ululava come una cagna in calore è tutto questo mi faceva godere infinitamente! Senza mai smettere di balzare sul cazzo lui aumentava sempre più il ritmo; poi, finalmente, io scarico tutto lo sperma dentro a quel lurido buco del tutto rotto dai cazzi! Finito la trombata lui si affretta a leccare tutto ciò che rimaneva sul mio cazzo! La troia lecca e succhia con estrema avidità, come se fossi l'unico cazzo delle carceri. Non mi da il tempo di riprendermi che già vestito e raccoglie tutte le sue cose, afferrando il mio cazzo ancora duro e dando un ultimo bacetto.

Era il giorno stabilito per la doccia, mentre la solita guardia apre i cancelli facendo uscire noi detenuti nel corridoio completamente nudi e distribuendo gli asciugamani, chi non avevano niente da mostrare come Sandro si avvolgono intorno ai fianchi coprendo le parti intime e altri spavaldi come me a tracollo facendo vedere delle belle nerchie e chiappe sode, "anche se ebbi una dritta sull'asciugamano dalla mia guardia frocia: chi era avvolto nell'asciugamano era passivo e la troia di tutti, invece l'asciugamano sulla spalla il maschio dominante" E nella fila c'erano un bel po' coperti con l'asciugamano, anche se insieme a loro pochi come me... camminiamo verso la corsia per entrare nei locali doccia in silenzio. Nella stanza dove una trentina di bocchette doccia già quasi occupate da altri detenuti che chiacchieravano, ridevano e sbraitavano fra loro, ma uno in particolare un bel moro niente male e capelli lunghi, e in bella vista il suo bel culo grosso e muscoloso senza peli, era impegnato ad accarezzarsi il petto e i suoi capezzoli, lui continua a guardarmi con insistenza il mio cazzo, era ipnotizzato, mentre l'acqua fluiva dal bocchettone sul tutto il suo corpo e con le mani scese fino alle sue chiappe e allargarsele facendo il modo che io, osservassi il suo buco voglioso. Quello spettacolo mi fece del tutto arrapare, appesi l'asciugamano e andai vicino stando di fronte a lui senza parlare, mentre il frocetto allunga la mano per afferrarmi il cazzo completamente duro, io come niente fosse gli ficco due diti inculo senza trovare nessuna resistenza, non badai la presenza degli altri che indaffarati tolgono gli asciugamani a quelli che non hanno niente da mostrare e glielo ficcano nel culo e bocca, anzi non venimmo per niente disturbati neanche dai guardiani in quanto non c'erano. "Hai un bel cazzo grosso, tesoro!!", disse con voce da troia. Non risposi, lo sbatto al muro e lui per non cadere appoggia le mani sulle piastrelle, gli diedi due sberle sulle chiappe da allargare le sue gambe e in piedi mi piazzai dietro da affondare con un colpo preciso in quel buco già tafanato da altri cazzi. Con colpi bramosi affondavo e riaffondavo il mio palo duro in quel sfintere slargato. Non mi potevo lamentarmi godevo di quel culorotto sempre più a fondo da fotterlo dentro e fuori in quel buco fin troppo largo, facevo schioccare ancora la mano piatta ogni tre colpi su quelle chiappe grassotelle. Sebbene egli boccheggiava come una troia affamata di cazzo, io feci certi affondi da porcozio da spalancare la bocca e bevere lo scroscio dell'acqua. Nel locale doccia serpeggiava un orgia colossale, come se già chi era prevenuto ad essere mondato e chi fotteva. Io fottevo, mentre Sandro lo prendeva nel culo e bocca da due negroni e altri stavano aspettando il suo turno. Ma con tempo cominciavo a capire i messaggi e leggi dei reclusi: Poi seppi da altri detenuti: l'offerta del bel moro che ho fottuto sotto la doccia era una cortesia nei miei confronti.






By Mimi

Questo racconto di è stato letto 8 8 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.