Sono mamma e sono troia 2

Scritto da , il 2013-07-14, genere incesti

Seconda parte (racconto di Carlotta Braga)

Il rapporto fra me e mio figlio aveva assunto un'aspetto particolare talmente intenso e febbrile che il solo pensiero del rientro settimanale di suo padre da Milano pesava su noi come un pesante macigno.
Quando lui ci comunicò il possibile trasferimento con relativo aumento di grado nella filiale Francese di Marsiglia la nostra reazione fu di un disappunto solo in apparenza.
Consapevoli che questa circostanza si sarebbe risolta a nostro favore liberandoci in un sol colpo da una situazione complicata e pericolosa provammo una sensazione di felicità che raggiunse il TOP quando malinconicamente mio marito aggiunse che -Purtroppo- nel contratto della durata di 18 mesi non era configurato il ricongiungimento familiare, pertanto i rientri in Italia si sarebbero limitati in un paio di soggiorni nell'arco dell'anno per un tempo limitato in concomitanza con le ferie.

Da perfetti attori esternammo dispiacere e tristezza, dimostrando rispetto e comprensione per la scelta da lui fatta e rammarico per non essere al suo fianco in questa sua avventura.

Le giornate che seguirono furono caotiche....i preparativi i documenti di viaggio e i vari imprevisti crearono uno stress ragguardevole, ma per fortuna riuscimmo a gestire il tutto con abilità e sollecitudine e il sabato designato per la partenza ci recammo tutti e tre all'aeroporto. Dopo una breve attesa ed un ennesimo saluto prima dell'imbarco di mio marito una sensazione di libertà e di onnipotenza s'impossesso di noi.
Marco preso dall'euforia e dall'eccitazione disse:
“Mamma stasera ti porto a cena ” Lo guardai con sorpresa:
“Tesoro e i soldi dove li hai?”
“Me li dai tu mamma.....però pago io“

Scoppiai in una risata, lo guardai e non potei fare a meno di pensare quanto fosse bello e sensuale,
Dopo un pomeriggio dedicato alla cura del mio corpo giunse il momento della vestizione ero particolarmente imbarazzata, le ultime serate del mese di settembre erano state leggermente fresche pertanto decisi di lasciare i panni estivi e d'indossare abiti più pesanti.

Mentre terminavo di vestirmi senti una mano accarezzarmi il collo, le sue labbra vi si posarono sopra e lo baciarono in modo sapiente e voluttuoso lasciando sulla mia pelle l'inconfondibile segno rossastro di un succhiotto.
Lo rimproverai e lui ridendo con un aria scanzonata disse:
“Dai mamma non ti arrabbiare, sai che mi piace farti queste cose, ti voglio bene e non me frega nulla di quello che pensano le altre persone.

Marco si dimostrò un ottimo cavaliere, al ristorante si comportò da persona sicura e navigata, attento e premuroso mi sentì onorata e felice di essere a cena con mio figlio, in quel momento mi resi conto di quanto fosse importante per me ed ammisi la mia accondiscendenza nei suoi riguardi, la cosa lo rese tremendamente felice, facendolo crescere enormemente di autostima.

Il ritorno a casa si dimostrò problematico alcuni bicchieri di troppo mi obbligarono a cedere il posto di guida a mio figlio.
Una volta saliti a bordo Marco mi allaccio la cintura di sicurezza e mi baciò languidamente, mi accarezzo la nuca con estrema delicatezza mi sfiorò il seno, il ventre ebbe un sussulto quando la sua mano s'infilò sotto la gonna, istintivamente apri le gambe e il suo volto s' illuminò di gioa quando si accorse che al posto dei soliti collant quella sera le mie cosce erano ricoperte da calze autoreggenti.
“ Woww..... mamma che bello!!!...mi piace quello che sento”
Ero felice di averlo accontentato quelle calze le avevo comperate esclusivamente per lui

Il desiderio di possedermi era talmente grande che in un attimo mi fu sopra, a malincuore gli suggerì di abbandonare il piazzale del ristorante troppo esposto e di dirigerci verso casa.

Marco era come un vulcano in piena eruzione, le sue idee a volte mi lasciavano allibita e quando quella sera mi propose di fare un qualcosa di diverso, di nuovo, accettai immediatamente consapevole che sarebbe stata un'esperienza nuova ed eccitante, mi sentii elettrizzata ed emozionata.
Avrei accettando tutto quello che mio figlio mi avrebbe proposto.

“Mamma voglio che tu faccia una marchetta”

Rimasi senza parole, letteralmente di stucco, durante i nostri giochi erotici, alcuni accenni a fantasie del genere vi erano stati, ma cristo!!...un conto era parlarne un altro era metterle in pratica.
Mi senti disorientata, confusa e perplessa, con voce flebile gli chiesi.

“Marco tu vuoi che io...la tua mamma...faccia la puttana?”
“Carlotta (Era la prima volta che mi chiamava per nome) il solo pensiero di vederti con uno sconosciuto che ti spoglierà, si ecciterà e ti scoperà mi stimola da morire”

Mi prese la mano e la porto sul suo pene e ne constatai il suo stato d'eccitazione non ne fui sorpresa mio figlio si stava dimostrando un grandissimo porco.

Dentro me ero indecisa, combattuta ed impaurita ma nel contempo anche elettrizzata....e se da una parte la paura di venire fermata dalla polizia, di essere riconosciuta, o peggio ancora d'incontrare persone violente mi angustiava.... la novità del sesso rimunerato, la curiosità di incontri con uomini mai visti prima, faceva da contrapposizione ad una situazione altamente stimolante.

In questo frangente mi resi conto che gli anni passati con mio marito erano stati di una noia mortale, mai uno strappo alla regola, tutto schematizzato, tutto organizzato cinque secondi di godimento poi buio totale.
Con mio figlio ero passata dall'essere una mamma premurosa alla classica troia da marciapiede, con lui avevo fatto sesso orale, anale, ero stata presa con violenza e con delicatezza avevo accumulato più esperienza nei giorni trascorsi con lui che in venti anni di matrimonio con mio marito. Mio figlio aveva capito i miei punti deboli, mi aveva inculcato l'importanza di essere donna ancor prima di essere mamma.

Dopo una breve pausa con la testa rivolta a questa nuova avventura, mentalmente mi preparavo a diventare una troia da marciapiede per compiacere il volere di mio figlio Marco forse ero pazza... ma tutto questo non mi dispiaceva stavo entrando in questa nuova dimensione consapevolmente.

“Mamma ti amo, mi piace quello che stai facendo per compiacermi, non avere paura amore sarò sempre poco distante a te” Da una tasca del giubbotto estrasse alcuni preservativi me li consegnò ed aggiunse.
“Sono i migliori mamma” Dentro di me pensai e bravo il maiale.....era già sicuro di come sarebbe andata a finire.

“Ok, Marco lo faccio però solo una volta”

Facendogli pesare lo sforzo che stavo sostenendo lo guardai negli occhi e lo baciai sulle labbra, Marco con aria protettrice disse:
“Mamma mi raccomando senza preservativo mai, perché sicuramente ti verrà chiesto capito!”

Scesi dall'auto, una piccola coda di potenziali clienti mi attendeva per abbordarmi, mi chinai verso il finestrino della vettura prima vettura in sosta.
“Ciao....sono cinquanta euro”

Era un ragazzo giovane carino dell'età di Marco, con aria sicura.
“OK. che bella donna, va bene sali”

Facemmo un centinaio di metri e c'infilammo in una stradina sterrata il ragazzo fermo il mezzo in una piccola radura e guardandomi con interesse disse:

“Scusa è la prima volta che vengo qua, però mi sorge il dubbio che tu non sia una prostituta, sei bella, vestita elegantemente, non credo proprio che tu faccia questo mondo”

Non dissi nulla gli sorrisi, lasciai che il ragazzo toccasse i vari punti del mio corpo era una persona pulita e questo assecondò non poco il mio lavoro, quando cercò le mie labbra per baciarmi, spostai leggermente il mio viso di lato, lui capii e mi chiese scusa.
Ma poi per una strana reazione soprattutto per ripicca verso di mio figlio fui io a cercare le sue labbra lasciandolo sorpreso e felice.
Fu un bacio lungo ed appassionato fortemente voluto da entrambi le sue labbra giovani sapevano di buono di giovane, spontaneamente gli chiesi quanti anni avesse mi rispose che era diventato da poco maggiorenne, la cosa mi eccitò particolarmente e le mie mutandine s'inzupparono di umori vaginali.

Le sue mani con lentezza mi sfilarono gli slip e il suo pene entrò in me violando con dolcezza la mia passera d'istinto liberai i miei seni dalla costrizione del reggiseno, il ragazzo prima timoroso poi con maggior coraggio appoggiò le sue labbra sopra i capezzoli li succhiò e li leccò, come un bambino fa con il seno della madre.
La sua delicatezza e il suo garbo mi fecero tenerezza istintivamente gli accarezzai la nuca passandogli la mano fra i morbidi capelli biondi involontariamente ebbi un primo e contenuto orgasmo. Il suo corpo perfetto e glabro disteso sopra il mio mi faceva sentire felice ed anche più disponibile alle sue richieste sessuali.
A differenza di quando scopavo con Marco il vincolo di consanguineità fra me e lui esisteva sempre, ed inconsciamente era comunque sempre presente, durante i nostri rapporti sessuali nonostante cercassi di spegnere questa sensazione di leggero disagio la percezione di un qualcosa di anomalo era sempre presente, ora queste remore, queste paure, da sempre rintanate nei meandri della mia mente sembravano improvvisamente scomparse mi sentivo libera più disinibita fino al punto di chiedergli di togliersi il profilattico ed accettare che venisse con il suo seme dentro me.

Il rapporto intenso e vigoroso fece si che il mio utero stimolato da colpi possenti e cadenzati aumentò le secrezioni vaginali in modo esorbitante consentendo al suo attrezzo uno scorrimento rapido e perfetto, mi sentivo felice ed appagata.
I nostri inguini urtandosi violentemente emettevano colpi sordi e cupi sentivo il godimento aumentare dentro me, la soglia di allerta stava per essere superata, un marasma di sensazioni esplosero dentro le mie viscere, venni con un urlo liberatorio in perfetta sincronia con l'eiaculazione del mio compagno, abbracciati, sudati e spossati ci baciammo nuovamente il suo corpo disteso sopra il mio emanava un odore maschio, una voglia irrefrenabile di accarezzarlo, leccarlo e baciarlo venne trattenuta a stento dal mio autocontrollo...in quel momento avrei desiderato isolarmi assieme al mio occasionale compagno escludendo il mondo circostante figlio compreso.

Ci rivestimmo e ci pulimmo la mia pancia e la vagina erano ricoperte di sperma, poi il ragazzo guardandomi negli occhi mi chiese:
“E possibile rivederti ancora....avrei voluto dirgli di si ma non volevo creare delle situazioni complicate, pertanto gli risposi negativamente.

“Non credo sia possibile, comunque se dovesse capitare sicuramente non sarebbe in questo luogo....è stata un'esperienza bella ma credo irripetibile, però....voglio farti un regalo e lasciarti un ricordo di me”
Gli porsi le mie mutandine di pizzo nere lui le prese ed annusò il profumo che emanavano e guardandomi negli occhi disse.

“Lo sapevo che tu non eri una prostituta, sei troppo bella, gentile e signorile, per esserlo, non so perché tu abbia fatto tutto questo, però ho capito subito che tu non facevi parte di questo ambiente”.

Gli sorrisi e ci baciammo, dopo aver fatto partire l'auto, pian piano mi accompagnò al punto d'incontro con mio figlio ma prima di scendere mi porse un bigliettino con un numero di telefono ed aggiunse:
“Nel caso tu ci ripensassi e cambiassi idea....... io mi chiamo Luca e tu?”

Risposi: “Carlotta”

Le macchine che aspettavano nella piazzola erano aumentate di numero, incurante degli inviti che mi giungevano da più parti, salì sulla mia vecchia panda, e ci dirigemmo spediti verso casa.

Il viaggio di ritorno fu stranamente silenzioso e surreale nessuno di noi due proferì parola quando il cancello automatico della nostra villetta si aprii ed entrammo nel vialetto, la mano di Marco mi bloccò e mi chiese:

“Mamma cosa c'è non hai detto nulla.... la cosa che ti ho fatto fare ti ha turbato?”

Mille idee si sovrapponevano una sull'altra.... quel ragazzo mi aveva colpita l'immagine del suo volto era impresso nella la mia memoria, il suo nome LUCA, LUCA, LUCA rimbombava continuamente dentro le mia testa, poi rivolta a mio figlio meccanicamente gli dissi:

“Non ti preoccupare Marco è tutto OK”

Domani sarebbe stata un altra giornata, altre sensazioni avrebbero portato nuova linfa al nostro rapporto, altre avventure e forse altri uomini avrebbero fatto parte dei nostri giochi sessuali, le perversioni di mio figlio mi avrebbero condotto alla perdizione più abbietta e sporca, però di una cosa ero certa il sentrirmi Troia, Puttana, usata violata e sfruttata mi piaceva e questo Marco l'aveva sicuramente capito.

Fine (racconto scritto da Carlotta braga)


Questo racconto di è stato letto 3 4 9 4 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.