Il tfr di papà.

di
genere
prime esperienze

Si lavora una vita intera per poi dilapidare il TFR nell'acquisto di una casa diroccata distante circa venti chilometri dal paese dove abitiamo. Mio padre, spalleggiato da mia moglie, ha deciso di buttarsi in questo "affare" mentre io e mamma abbiamo dimostrato subito la nostra contrarietà. Le donne della nostra famiglia non hanno mai lavorato, si sono adagiate sul mensile dei mariti che a dire il vero non era poi così male. Quella casupola, che per papà è stata un'occasione, si è rivelata una strategia per scoparsi Fabrizia, mia moglie. Io andavo al lavoro mentre mamma papà e Fabrizia andavano a lavorare nel rudere, c'era tanto da fare. Una sera finito il lavoro decido di passare
da quelle parti. La sorpresa è stata sconvolgente, stavano pulendo il giardino ed erano
tutti nudi. -Sei sorpreso?- -No mi sembra tutto normale- -Con questo caldo non si resiste- -Ed allora vi siete denudati, magari avete anche scopato- -L'avremmo fatto se
ci fossi stato tu, ti rendi conto che abbiamo due super fighe- -Se vi vede qualcuno?-
-In questo posto non passa nessuno, uno dei motivi per cui ho avuto questa idea è stato
proprio perché qui si può stare nudi sempre- -Mi è parso di vedere un leggero movimento
del cazzo di papà, in poco tempo quel leggero movimento è diventato erezione, Fabrizia
si è avvicinata a me mentre mamma si è messa davanti a papà. Fabrizia elegante come sempre -Dai facciamoci una scopata sull'erba- Mi sono spogliato anch'io, ci siamo
distesi su un prato di erba sulla, papà con mamma ed io con Fabrizia. E' stata una
gradevole scopata, ci siamo rivestiti e siamo tornati ognuno alla propria casa, abbiamo
fatto la doccia io e Fabrizia, siamo tornati da loro a cenare. Eravamo tutti soddisfatti per quella meravigliosa scopata, anche mamma cominciava a sciogliersi. La mia ostilità cominciava a vacillare, si può cambiare idea per sesso al costo dell'intera
liquidazione? Sembrava proprio di si. Le scopate erano all'ordine del giorno, si godeva
tantissimo girare nudi e scopare come animali. Durante una di queste scopate mamma ha
fatto una battuta micidiale -Potremmo fare lo scambio, diventa monotono sempre lo stesso cazzo- -Attacco di pazzia vero mamma- -Quale pazzia, ne abbiamo parlato ieri sera io e tuo padre, è stato lui ad insistere ed a me non dispiace- A Fabrizia brillavano gli occhi da tanto anelava il cazzo di papà, addirittura forse l'aveva già provato, magari
ufficiosamente mentre ora si poteva fare nella massima libertà e poi se papà si scopava
mia moglie io scopavo la sua, anche se era mia mamma a cui avevo fatto mille pensieri e milioni di seghe specie quando scopavano lei e papà. Si stavano superando tutti i limiti, decisione comune è stata quella di fare lo scambio nel letto invece che sull'erba, si sta molto più comodi. Poi succede che Papà e Fabrizia hanno dato fuoco
alle polveri mentre io sono rimasto appeso. Non so se la mancata erezione era causata dal fatto che dovevo scopare mamma, oppure vedere soggiacere Fabrizia sotto papà, sta
di fatto che lui ha dovuto soddisfare entrambe le cavalle. Quando siamo tornati a casa
è tornato tutto normale con Fabrizia, anzi sapendo che in quella figa c'era stato il
cazzo di papà ero eccitatissimo. E' stata mamma a prepararmi, una domenica siamo rimasti a casa io e lei mentre papà e Fabrizia sono andati nel rudere. Ho avuto modo di apprezzare il corpo di mamma abbronzato integralmente, abbiamo ripercorso le varie fasi della mia crescita -Quando eri piccolo baciavo il pisellino ora lo voglio tutto in bocca- -Mamma sapessi quante seghe mi sono fatto mentre scopavi con papà- -Veramente
lui voleva che ti chiamassi, non me la sono sentita, magari sbagliando- Abbiamo scopato tutta la mattinata, poi siamo andati nel rudere, abbiamo portato il pranzo da fare sul
prato di erba sulla. Abbiamo trovato papà e Fabrizia a scopare.
scritto il
2024-04-15
3 . 6 K
visite
0
voti
valutazione
0
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.