N.Y.

Scritto da , il 2010-03-12, genere etero

È già, chi lo avrebbe mai detto.

Solo due mesi fa ero uno dei tanti giovani che si occupavano di tutto e di niente nella piccola agenzia di pubblicità della mia città , ora sono nella "grande mela".

"Rossi, lei se ascolterà i miei consigli e non farà troppe domande, farà molta strada", mi disse un giorno il mio direttore.

Molta strada l'avevo capito, ma non certo cambiare continente.

Ora eccomi qui, pulcino in una delle più grandi e belle città del mondo, in un luminoso ufficio all'ultimo piano di uno dei più alti grattaceli di N.Y.

Accidenti se penso alle dimensioni di prima, alle dimensioni della mia città , tutto questo mi spaventa. Sotto di me ho 120 piani tra uffici, grandi abitazioni, studi, ristoranti. Per arrivare al mio ufficio, una volta entrati nel palazzo, devo prendere uno dei quattro ascensori grandi come una cabinovia di Cortina.

Ogni mattina decine e decine di persone si affollano e stringono su queste gabbie dorate per salire ognuno al proprio piano. Secondo me nei momenti di punta saliranno anche una cinquantina di persone, così strette l'una all'altra da sembrare un corpo unico. Io sono proprio uno di loro. Sono quello che deve salire all'ultimo piano ed il più delle volte anche l'unico.



Oggi è una bella giornata di sole. Le vetrate che rivestono il mio grattacielo, brillano tutte, quasi accecando l'osservatore. Il mio ufficio è proprio lassù, invisibile alla vista .

Stamattina come tante altre volte sceso dalla metropolitana mi avvio al mio lavoro.

Qui sono solo. Ho preso alloggio in una piccola pensione distante tre fermate di metrò. Non è lussuosa, ma in compenso è pulita e non costa molto.

Anche oggi eccomi davanti alle porte di uno dei quattro ascensori pronto a gettarmi nella calca.

Ognuno pensa ai fatti suoi. C'è chi legge il giornale del mattino, chi commenta con il vicino le notizie della borsa, chi si sistema il trucco dell'ultimo momento, chi fa il "galletto" con la vicina.

Io non conosco nessuno. Resto con lo sguardo basso per non incrociare gli occhi curiosi di nessuno. Le facce più o meno sono sempre le stesse. Sembra che ognuno abbia deciso che ascensore prendere, quindi ogni mattina l'iter è sempre lo stesso.

Oggi invece sento dietro di me un nuovo profumo. E' molto intenso ma delicato allo stesso tempo. Non lo avevo mai sentito prima d'ora. Deve essere senza dubbio qualcuno di nuovo, perché oramai profumi, voci e volti li ho memorizzati tutti.

Alzo un po' lo sguardo e cerco di capirne la provenienza del profumo. La calca è discreta e proprio in quel momento arriva l'ascensore spalancando le porte. Tutti assieme entriamo ognuno occupando un piccolo spazio del pavimento. Io come al solito mi infilo in fondo, essendo l'ultimo ad uscire.

Quel profumo non lascia le mie narici.

Nonostante il mio metro e ottanta non riesco a capirne la provenienza. Davanti a me vedo solo teste e cappelli che si muovono ad ogni scossone.

L'ascensore lentamente comincia a salire.

Per arrivare al mio piano ho calcolato che tra una sosta e l'altra ci vogliono più di 15 minuti.

Una prima sosta al piano commerciale fa uscire un po' di gente, ma anche salire dell'altra. I posti vengono rivoluzionati come in una giostra.

Accidenti senza accorgermene ora sento il profumo in modo molto più intenso di prima. Con questo girotondo di persone ora ce l'ho proprio sotto il mio naso.



E' una ragazza. La vedo, o meglio, la sento solo di spalle.

Siamo appiccicati gli uni agli altri come sardine nella loro confezione. La temperatura dentro l'ascensore è piuttosto alta, e non so se il calore o questo profumo imperlano la mia fronte di goccioline di sudore.

Lei sta proprio appiccicata a me. Siamo come un corpo unico.

Ha i capelli scuri, lisci che le arrivano un po' sotto le spalle. Indossa una maglietta nera molto aderente con una vistosa scollatura regalata dall'apertura di una cerniera. La mia posizione mi regala proprio immagini istantanee e stupende. Riesco ad intrufolare senza farmi accorgere il mio sguardo dentro la scolatura. Ha un bellissimo seno elegantemente accolto in un reggiseno nero piuttosto lavorato ma dalla generosa scollatura. I movimenti dell'ascensore e delle persone, la fanno strofinare sul mio corpo. Non riesco a vedere in basso, ma deve indossare qualcosa di veramente sottile perché sento all'altezza del mio pene le forme del suo culo.

Probabilmente indossa una gonna elasticizzata, oppure molto fine ed aderente, e sono certo che porti uno slip striminzito perché le sue forme fanno corpo unico con il suo vestito.

Accidenti, non capisco cosa stia succedendo. O meglio lo capisco benissimo. Mi sta diventando duro... D'altra parte sollecitato come lo è in questo momento, è da santi non rimanerne coinvolti.



L'ascensore continua a salire e lentamente ad ogni fermata scendono un po' di persone. Ora dopo dieci piani di salita, siamo meno pressati, ma sempre l'uno vicinissimo all'altro.

Ecco ora riesco a guardarla in viso. E' un angelo. Due occhi verdi da paura. Ciglia elegantemente e sapientemente tirate con il Rimmel. Leggero segno di contorno occhi con la matita. Disegno delle labbra piccoline ma a forma di cuore con un bellissimo rossetto color rosso scuro brillante. Ha due piccoli pendenti agli orecchi ed un filo finissimo d'oro al collo che impreziosiscono il tutto.

Ora si è accorta che la sto guardando e mi risponde con un bellissimo sorriso. Nessuno si accorge di questo, talmente fulminea è stata la mossa di entrambi.

Rispondo al suo sorriso, ma poi un piccolo scossone e pressato dall'altra gente, mi fa tornare dietro di lei.

L'ascensore continua lentamente la sua corsa tra il leggero brusio generale.

Ma…cosa sta succedendo?.... Sto sognando?... E' realtà?...

Sento una sua mano che si è appoggiata alla mia coscia e accarezza dolcemente la mia gamba. Contemporaneamente stringendosi ancora di più a me, arretrando il suo corpo, sento che massaggia il mio bacino con il suo fondoschiena.

Il movimento è lento ma evidente, non può trattarsi di un'allucinazione.

Al mio sesso non mancava che questo.

Ora che faccio?

Lo sento ulteriormente gonfiarsi e la cosa comincia a diventare dolorosa perché è chiuso in questa gabbia di stoffa quali i miei slip.

Accidenti ora i suoi movimenti stanno diventando sempre più audaci e profondi. Sento le sue natiche dividersi e giocare sulla mia protuberanza.

Azzardo anch'io. Tento una mossa. Abbasso un braccio, ed invisibilmente lo appoggio su una sua coscia cominciando anch'io ad accarezzarla.

Lei gira per un attimo il suo sguardo e con un sorriso d'approvazione incrocia i miei occhi.

La mia mano ora passa dalla coscia al suo sedere, frapponendosi tra il mio sesso ed il suo fondoschiena.

Avevo ragione.

Indossa una gonna di un tessuto molto fine ed elasticizzato. Le stà molto aderente seguendo millimetro su millimetro la sua pelle.

La mia mano accarezza il suo culo. Sento che apprezza questo perché spingendo indietro il suo bacino mi invita ad infilare la mano, per quanto possibile, in mezzo alle sue natiche.

Ora anche la sua mano riprende la carezza. Spinge il braccio dietro di se e comincia ad accarezzarmi proprio il cazzo che spinge dalla cerniera dei pantaloni. Lo segue nella sua forma. Lo accarezza e lo stringe dolcemente tra le dita. Deve essere una maga, e non capisco come ci sia riuscita con una mano, ma mi abbassa la cerniera dei pantaloni e ci infila dentro la sua manina.

Io trattenendo il fiato le faccio un po' di spazio riuscendo in parte così a liberarlo dagli slip.

Ce l'ha in mano.

E' tremendamente pericoloso, ma altamente eccitante. La sua mano molto calda e dolce comincia con movimenti molto lenti ad accarezzare tutta l'asta oramai durissima.

La cappella scoppia. La pelle non riesce neanche più a trattenerla.

Magicamente con il dito riesce a inumidire la pelle circostante la cappella con il mio liquido aiutandolo così a scappellarsi senza dolore. Ora la tiene in mano e la massaggia dolcemente. Io non resisto più.

Fingendo un colpo di tosse infilo la mia mano dentro la sua gonna da dietro. E' elasticizzata e questo agevola molto la mia fulminea mossa. Avevo ragione. Indossa uno slip veramente millimetrico. Sento solamente un leggerissimo filo che le cinge il culo e le si infila dentro le natiche. Giocando anche io con le dita riesco a spostarlo e infilare la mia mano dentro le natiche. Fortuna è che le mie mani siano piccole e mai così tanto ho ringraziato i miei genitori di averle così fatte.

Lentamente e dolcemente scendo tra le sue natiche. Arrivo al foro del culo. Lo sento molto caldo e leggermente umido. Anche lei ora è leggermente impreziosita da piccole gocce di sudore. Ne rubo una e con il suo aiuto gioco un po' con il buco. La sento fremere, ma ora non è lì che voglio arrivare.

Vado avanti e lei capisce al volo allargandomi leggermente le gambe. La posizione è un po' complicata, ma volere è potere.

Ecco arrivo al suo sesso.

Che bella sorpresa.

La sento praticamente tutta depilata ed abbondantemente bagnata. Le grandi labbra sono gonfie e molto umide del suo miele.

Con abili mosse aiuta molto il mio massaggio. Apre e chiude le gambe in modo che a piccoli passi possa avanzare sempre di più. Ora ho praticamente in mano la sua figa.

E' caldissima, quasi scotta.

Arretrando ancora un po' il suo bacino facilita l'inserimento del mio indice dentro. Abbasso leggermente le mia gambe in modo da poterla eccitare meglio a più a fondo.

Siamo tutti e due lanciati ed eccitati nel bel mezzo di un ascensore pieno di persone.

Oramai siamo a più di metà strada.



Nell' ascensore rimangono poche persone e questo ci consiglia di ricomporci un attimo. In qualche modo lei rimette il mio cazzo durissimo dentro i pantaloni e lascia a me il compito di chiudere la cerniera, mentre tolgo la mano dalla sua figa.

Ho le dita pregne del suo profumo.

Ho le dita con qualche gocciolina dei suoi umori.

Non resisto.

Le infilo in bocca e le lecco senza farmi vedere da nessuno. Il gusto è dolcissimo e decisamente molto invitante.

Ora lo spazio dentro l'ascensore è più vivibile. Lei si affianca e le nostre due mani si toccano ed accarezzano reciprocamente. Prende il dito che prima avevo leccato e comincia ad accarezzarlo con movimenti in su e giù che simulano il massaggio di prima al cazzo.

La cosa mi fa salire ancora di pressione e lo si nota facilmente dal gonfiore dei miei pantaloni. Ora che la vedo del tutto, accidenti se è carina. Indossa un bellissimo paio di scarpe nere con un tacco a spillo di non meno di dieci centimetri.

La gamba è esile ma ben delineata e senza calze.

La gonna color mattone è discretamente sopra le ginocchia e le contorna perfettamente i fianchi molto e molto belli. La maglietta nera, anch'essa molto aderente è chiusa sul davanti da una cerniera con la doppia apertura. Il seno è rigoglioso e certamente non inferiore ad una terza misura, forse qualcosa di più. Anche lei è ancora molto eccitata ed il segnale sono i suoi capezzoli duri che svettano dal tessuto.

E l'ascensore? Accidenti eravamo talmente presi che quasi non ci siamo accorti del piano in cui l'ascensore si era fermato. Il 70°. Siamo a metà strada ed ancora ci sono solo cinque persone da scaricare.



L'ascensore riparte.

71°. Le porte si aprono ma ne sale ne scende nessuno.

72°. Nuovo piano. Si aprono le porte, non sale nessuno ma in compenso scendono due persone.

Ne rimangono ancora tre e 68 piani a nostra disposizione.

Giuro è un tormento. E' una lenta tortura che logora i nervi e provoca dolore al mio cazzo che struscia durissimo sulla cerniera dei pantaloni.

73° piano le porte si aprono e grazie al cielo scende ancora una persona. Ora siamo rimasti in tre posizionati nei tre angoli della "gabbia".

74° piano. Nulla.

75° piano nulla ancora. Maledizione non ce la faccio più. La prossima volta che si aprono le porte o scende oppure lo scaravento fuori io.

76° piano. Le porte si aprono. Finalmente si muove e scende.

Rimaniamo tutti e due con il cuore a mille nella speranza che nessuno entri. Le porte si chiudono e l'ascensore riparte. Rimaniamo fermi tutti e due nei rispettivi angoli opposti.

Ancora non ci crediamo.

77, 78,79,80° piano.

Oramai non entrerà più nessuno.

Non ce la faccio più.

A piccoli passi ma decisi mi avvicino a lei. Ci incontriamo nel mezzo dell'ascensore che nel frattempo ha ripreso la sua corsa. I nostri sguardi si incontrano e negli occhi leggiamo il desiderio a mille dei nostri corpi. Non ci conosciamo. Non ci siamo mai visti, non sappiamo il nostro nome.

Tutto questo non importa.

Abbiamo pochissimo tempo a disposizione.

Apro le braccia e la stringo forte a me. Cerco subito la sua bocca e la trovo aperta con la lingua leggermente fuori che si accarezza le bellissime labbra.

Voracemente la bacio, infilandole la lingua fino in fondo e giocando con la sua. Sembrano animate di vita propria. Convulsamente si muovono passando da una bocca all'altra. Si cercano, si trovano, si leccano, si mordicchiano reciprocamente.

Le mie mani vanno alla ricerca del suo seno. Lei infila la sua mano dentro i pantaloni alla ricerca del mio culo.

Le apro la cerniera della maglietta e davanti agli occhi mi compare uno spettacolo. Due tette, rotonde, sode come due uova di struzzo, con due capezzoli durissimi e di un colore rosso intenso . Sono imprigionate da un bellissimo reggiseno nero di velo, con vari ricami.

Non lo tolgo, abbasso solamente le spalline e come d'incanto quei due fiori svettano nella caldissima atmosfera dell'ascensore.

La pelle è profumatissima, velata da un goccio di sudore. I capezzoli reagiscono alle mie carezze e diventano ancora più duri. Le mie mani non riescono a staccarsi da tanta bellezza. Ho sempre avuto un debole per le tette delle donne. E' la parte del loro corpo che più mi eccita. Non importa siano grandi o esagerate, l'importante è che siano ben evidenziate. Queste due poi sono veramente stupende. Sono certamente una terza abbondante, fatte a coppa di champagne, ben turgide e non cadenti.

Stacco la mia bocca dalla sua e prendo in bocca un capezzolo. Stuzzicato dalla mia lingua e delicatamente mordicchiato diventa se possibile ancora più duro. Prendo in mano tutte e due le tette e con la lingua passo da un capezzolo all'altro accarezzando contemporaneamente il resto del seno.

E' stupendo e lei comincia a godere sotto queste mie carezze e baci prendendomi in mano la testa e guidando la mia bocca da un seno all'altro.

Non ce la faccio più. Mi inginocchio davanti a lei tenendo sempre tra le mani ed accarezzando energicamente le sue tette.

Lei prende la gonna e la solleva raggomitolandola sopra il bacino. L'operazione è velocissima ed aiutata dal tessuto elasticizzato dell'indumento.

Davanti a me ho un piccolo triangolo di seta trasparente nera. È il suo perizoma. Il resto dell'indumento sono due trecce di tessuto che le cingono i fianchi e si infilano dietro al suo culo. Stacco le mani dalle sue tette, subito rimpiazzate dalle sue. La prendo per i fianchi e le sposto con la lingua il triangolo di stoffa che le copre la fica. Il tessuto è completamente bagnato dall'eccitazione. E' talmente piccolo che fatica a malapena a coprirle le labbra che ora sono gonfie e rosse all'inverosimile. Avevo ragione. E' praticamente rasata a zero all'infuori di un piccolo ciuffo perfettamente tagliato sopra il pube. Ora ho il suo clitoride davanti agli occhi. E' profumato e sporge dalle grandi labbra come a venirmi incontro. Non resisto oltre. Infilo la mia lingua dentro e comincio a leccare a più non posso. Prendo il suo grilletto tra i mie denti e comincio a rosicchiarlo dolcemente . Alterno la mia lingua alle dita che accarezzano dove prima è passata lei.

Ora è completamente sciolta. Non mi scappa.



Siamo arrivati al 100° piano. Ne abbiamo ancora a disposizione 20, quindi ancora pochi minuti. A questo penserò poi, intanto sono in paradiso e non voglio scendere.

La faccio appoggiare con la schiena alla parete dell'ascensore sorreggendosi alla maniglia. In questo modo le sue gambe si aprono ancora di più ed io ho più "materiale" su cui lavorare. Tolgo per un attimo la lingua e aiutandomi con le dita le apro per bene le grandi labbra. Ora è aperta, riuscendo ad entrare più a fondo con la lingua e infilare anche tre dita dentro. Tutto è ben bagnato e lubrificato. Mani e lingua lavorano insieme in un concerto perfettamente accordato.

Ora le dita si aprono come un ombrello ed ognuna accarezza una parte particolare della sua vagina. La nostra temperatura risale ancora tra il godimento reciproco, con il piacere che in questo momento ci sta bruciando.

Ecco ora grazie alla collaborazione di dita, lingua, e dell'altra mano la porto all'orgasmo.

La sento flettere ed irrigidirsi contemporaneamente. Il suo mugolio di piacere sale alle stelle. Sento scendere dalla sua figa un caldo miele che bevo istantaneamente senza perderne una sola goccia.

Alcuni scossoni la percuotono e la passano da sinistra a destra, dall'alto al basso.

Ha goduto a mille, bloccandomi la testa con le mani in mezzo alle sue gambe, sicura che non scappassi.

Ci mancherebbe altro. E chi si muove più da qui.

Ora ha goduto ma vedo ancora e forse più di prima brillare i suoi occhi.

Oramai siamo quasi arrivati, restano solo pochissimi istanti.

D'un tratto come se ci leggessimo negli occhi, tutti e due facciamo un balzo verso la pulsantiera e schiacciamo il pulsante di stop. Serve a bloccare l'ascensore nei momenti di pericolo e per riattivarlo ci vogliono una quindicina di minuti.

La stessa idea, nello stesso istante.

Altri 15 minuti tutti per noi, per la nostra voglia, per i nostri corpi.

Ci riabbracciamo forte, e le nostre bocche si cercano avidamente.

Lei praticamente è nuda. La gonna attorcigliata attorno alla vita quasi non si vede. La maglietta aperta ed il reggiseno abbassato le scoprono anche il resto del corpo. Ora è lei che si inginocchia ai miei piedi e con mossa fulminea mi abbassa pantaloni e slip.

Il mio cazzo oramai è violaceo dalla tensione e gonfiore. Con un calcio mi levo dal tutto quegli oggetti ingombranti e resto solo con la camicia. Le sue mani mi cingono da dietro per le natiche.

Sento la sua lingua sfiorare la punta del mio cazzo e lo vedo vibrare dalla tensione. E' completamente inzuppato del mio umore.

E' bagnato lubrificato perfettamente ma non del tutto scapellato.

Ci pensa lei a questo.

Apre la bocca e lo ingoia del tutto. Sento il calore della sua lingua su tutta la sua lunghezza. Sento il suo palato sulla mia punta. Sento i suoi denti che leggermente lo mordicchiano. Se possibile diventa ancor più duro.

E' molto brava.

Si aiuta anche con le mani. Una lo prende in mano e accompagna i movimenti della sua bocca. L'altra prende in mano le palle e leggermente le accarezza come fossero due biglie. Accidenti se è brava. Ora muove mani e bocca a ritmo impressionante. La vedo andare avanti ed indietro facendo scomparire e ricomparire il mio sesso nella sua bocca ogni due secondi.

Ora basta non ce la faccio più. La voglio scopare. Voglio entrare dentro di lei, fosse l'ultima cosa che farò in questa vita. Voglio scoparla anche a rischio di essere scoperto e malamente licenziato per atti osceni.

La prendo dolcemente per la testa e la faccio alzare. Lei ha capito. Lo tira fuori dalla bocca ma non lo abbandona con la mano.

La prendo per i fianchi e la faccio girare con il viso contro la parete. La mia mano prende la sua coscia destra e alza il suo piede sino ad appoggiarlo al corrimano in legno presente nell'ascensore.

Mi stacco un attimo da lei.

Davanti a me ho il suo bel culo quasi completamente divaricato, con in bella mostra le labbra del suo sesso più rosse e gonfie di prima. La linea della sua schiena è leggermente arcuata anche se seminascosta dalla maglietta goffamente attorcigliata al reggiseno.

Vedo il davanti del suo corpo riflesso sul grande specchio davanti a noi. Ha veramente due belle tette.

Svettano su tutto questo panorama come due rose in un tavolo.

Vengo richiamato all'ordine dalle sue labbra. I suoi occhi mi invitano a scoparla. La sua lingua gioca freneticamente con le sue labbra passando da un lato all'altro della bocca.

Non resisto. Un bacio alla nuca, una lunga passata con la mia lingua lungo la sua spina dorsale, appoggio la punta del mio sesso durissimo sulle sue labbra quel tanto da coglierne un po' del suo miele. La lubrificazione è ideale, spingo dolcemente.

Lentamente, ma deciso, vado avanti, ed ogni centimetro che entro in lei, sento crescere la pressione del mio sangue. E' caldissima, perfettamente bagnata dalla mia saliva di prima e dal suo orgasmo precedente.

Ecco ora sono dentro tutto.

Comincio a muovermi lentamente avanti ed indietro. Sinistra e destra con movimenti circolatori. La prendo per i fianchi e le faccio seguire i miei movimenti sino a quando ha preso il tempo.

Ecco ora i due sessi si sono adattati alle rispettive misure con ulteriore abbondante produzione di umore da parte sua.

Scivola avanti ed indietro che è un piacere. E' stupenda. Mentre la scopo dolcemente ma deciso, mi appoggio alla sua schiena e baciandole ancora la nuca ed i lobi delle sue orecchie, prendo in mano le sue tette.

Come mi piacciono.

Fatico a tenerle in mano, anzi, non ce la faccio. Sono stupende, sode, delicate e vellutate come mai ho sentito prima d'ora. Gioco ancora con i suoi capezzoli strizzandoli e accarezzandoli contemporaneamente. Ora i rispettivi movimenti aumentano di ritmo e pressione. L'aiuto a sorreggere la gamba perché comincia a perdere l'equilibrio sotto i miei colpi. L'adrenalina scorre velocemente nelle nostre vene. Il sangue fa pulsare i nostri occhi. La libido prende tutto di noi, non lascia un millimetro di pelle scoperta. Siamo tutti reattivi. Siamo sensibili ad ogni movimento dei nostri corpi.

Lei gira lo sguardo verso di me. Capisco che sta cominciando nuovamente a godere, e ulteriormente stuzzica il tutto riprendendo quei giochi con la lingua che mi piacciono molto…

Accidenti non ce ne siamo accorti. L'ascensore ha ripreso la sua corsa.

Non mi importa nulla. Costi quel che costi, voglio farla godere e godere io stesso. Aumento così il ritmo dei miei colpi.

Le faccio abbassare il piede ed appoggiarlo a terra, ma anche contemporaneamente ad abbassarsi ed allargare le gambe, il tutto senza uscire da lei.

Forse questa posizione è più comoda, e visti i secondi a disposizione ne approfitto. Riprendo veloce e forsennato i mie colpi.

Ecco la sento gemere.

Sento i muscoli della sua vagina contrarsi e rilassarsi ripetutamente.

Sta godendo abbandonandosi ad un mugolio di piacere.

Sento il mio cazzo inondato dai suoi umori mentre ancora pompa avanti ed indietro. Ora è il mio turno.

Lei lo capisce e risponde ai miei colpi con l'aiuto delle sue reni. Anche io con una scossone che mi scombussola tutto vengo e la riempio con il mio orgasmo. Continuo lentamente a scoparla fino al completo scaricamento del mio liquido dai testicoli.

Sento il tutto colare un po' dalle mie gambe e dalle sue.

Che piacevole sensazione di calore.

Un ulteriore bacio sulla nuca e via.



Recuperiamo in fretta i nostri vestiti dopo esserci rapidamente puliti con delle salviette umidificate. Manca un piano e siamo ancora nudi. Accidenti che velocità. Recupero i miei pantaloni e li infilo come un pazzo.

Lei si sistema la maglietta, gli slip ed abbassa la gonna. Due colpi di mano ai capelli per tentare di normalizzare i nostri volti paonazzi dal rossore…

Le porte improvvisamente si aprono. 120° piano. Siamo arrivati.

Un bacio sulla guancia, lei mi infila un pezzo di carta in tasca ed ognuno verso il suo ufficio.

Giuro sono sconvolto.

Mi siedo dietro la mia scrivania e se avessi un termometro credo supererei i 40 di febbre. Il mio cuore batte ancora all'impazzata. Ancora non riesco a connettere cosa mi sia successo. Ma è successo proprio a me? …

Metto la mano in tasca e tiro fuori il biglietto.

Non so quando lo abbia scritto, comunque c'è solo un indirizzo e-mail.

Sono curioso. Le scrivo subito ed immediatamente mi risponde.

E' lei; si chiama Eleonora, ed anche lei è italiana, di Milano, ed è li per un corso di aggiornamento. Lavora allo stesso piano mio ma non ci siamo mai incrociati.



Da quel giorno, per altri sei mesi, prima ci siamo divertiti in ascensore giocando con il destino, poi continuando il tutto con ripetute e molteplici e-mail "calienti" accompagnate da numerose fotografie a tema. Un mio desiderio espresso, una mia fantasia e subito dopo o appena possibile arrivava la sua foto.

La cosa credetemi è stata molto eccitante e bellissima.

Questo racconto di è stato letto 5 2 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.