La moglie del cuckold (parte prima)

Scritto da , il 2013-03-27, genere tradimenti

Sono Elvio, 35 anni e convivo con Sara, una bella ragazza di 30 anni. Dopo i primi tempi di convivenza, i nostri rapporti intimi si erano un po’ rarefatti pur essendo entrambi giovanissimi. Sul principio non sapevo darmi una spiegazione logica …..ma poi, pian piano, analizzando i miei desideri ho capito che mi eccitava moltissimo guardarla …… saperla ammirata e desiderata da altri uomini …. piuttosto che avere un rapporto fisico con lei.
Infatti, desideravo fotografarla in posizioni sexy … mi piaceva quando girava in casa con un intimo particolare ….. l’estate al mare provavo notevole piacere quando vedevo i ragazzi che la osservavano nel suo mini bikini.
Tutto ciò, per la verità, invece di darmi fastidio … mi eccitava, però ero consapevole che comunque una donna di circa 30 anni aveva anche bisogno della sua vita sessuale !!!!! ….. cosa che non si verificava più con una certa frequenza.
Comunque la nostra vita andava avanti ugualmente senza tanti problemi ……. Naturalmente , per correttezza ne avevo parlato prima per sommicapo, … poi con una certa insistenza con lei. Sara, a dire la verità, dopo i primi momenti di perplessità, non si era mostrata molto sorpresa ….. forse l’idea non dispiaceva neanche a lei!!!.
Di recente avevamo affidato la manutenzione del giardino della nostra casa ad una persona che ci avevano raccomandata, …. era un giovane rumeno che era in Italia già da tanto tempo e parlava sufficientemente bene l’Italiano. Quel ragazzo, con la sua gentilezza ed i suoi modi, stuzzicava un po’ il mio istinto di voyerismo … e avrei gradito volentieri vederlo corteggiare la mia Sara.
Lui è un giovane di circa 22,23 anni con una robusta corporatura da atleta che lavora presso un vivaio della zona. Ne avevo parlato apertamente con Sara che in realtà però non mi aveva fatto capire le sue intenzioni in modo preciso, ma questo per me però già significava una specie di consenso, ed al solo pensiero già mi sentivo eccitato.
Una mattina, mentre lei faceva ancora la colazione, io, già in piedi da tempo, le dico che dovevo uscire di buon ora per un impegno di lavoro e le ricordo che di li a momenti sarebbe arrivato il giardiniere per i consueti lavori settimanali.
Volevo fermamente lasciarli soli e guardare di nascosto gli avvenimenti.
Sara non faceva più sesso con me da almeno 2 mesi ed ero desideroso di vederla sola in casa con quel bel ragazzo …… Esco di casa, la saluto con un bacio, e me ne vado.
In realtà però rientro subito dopo di nascosto dalla porta di servizio e vado direttamente in giardino nascondendomi dietro un cespuglio.
Dopo un po’ sento suonare alla porta, … era senz’altro il giardiniere che arrivava, … Sara risponde al citofono e gli apre il cancello della villa, … lo vedo subito entrare ed iniziare a prepararsi per i lavori da fare, ….. passa qualche minuto ed esce anche lei in giardino .
Indossa ancora la sua corta camicia da notte che riesce a coprire solo la parte più alta delle sue cosce fantastiche. Nel tragitto che compie per i vialetti del giardino, procede con un andamento lento ed armonioso che mette un po’ in risalto le forme del suo corpo.
Attraverso la sottile camicia da notte che indossava, si potevano senz’altro intravedere le sue cosce illuminate in controluce dai raggi solari che, passando attraverso l’indumento, lasciavano ben intravedere la forma del microscopico slip nero che copriva a mala pena le sue intimità.....
Penso proprio che avesse deciso di sedurre il ragazzo ….. il mio eros me lo diceva. Noto che il giovane, pur lavorando con le piante, la segue nei movimenti con la coda dell’occhio e stenta a toglierle gli occhi di dosso.
Inutile dire quanto la cosa mi stesse eccitando!!! Speravo proprio che si evolvesse nel senso che volevo!!!!. Ora la vedo fermarsi un attimo nel vialetto e dirigersi proprio verso di lui, si china su di un cespuglio di lantane per guardarle da vicino passandosi contemporaneamente una mano nei capelli, … in quel momento la camicetta, già corta, le sale sui fianchi mettendo in chiara evidenza i suoi glutei divisi dal filetto del perizoma affogato nel suo meraviglioso e profondo solco anale.
Si volge verso il giardiniere, che sicuramente non ha perso nulla della fantastica scena, e sorridendogli gli chiede un po’ imbarazzata ma forse contenta che abbia ammirato il suo lato B: “come và Dragan?”… questo è il suo nome, … e nel suo stentato Italiano il ragazzo le risponde qualche cosa ma capisco decisamente che fa fatica a toglierle gli occhi di dosso.
Continua perennemente a guardarla nei movimenti con quegli occhi sbarrati ed avidi , e forse soffre per quello che vorrebbe fare, ma non può. Come se ciò non bastasse, mentre lei era ancora china sul cespuglio, un leggero soffio di vento complica ancora le sofferenze del giovane facendole sollevare la camicetta quel tanto che basta da scoprire ancora per qualche attimo il suo culetto meraviglioso nella sua integrale visione.
Il ragazzo ha immediatamente un sussulto ed adesso comincia a fissarla più attentamente, … un senso forte di eccitazione mi assale, capisco inequivocabilmente che il ragazzo si stava eccitando alla vista di quella bontà di curve armoniose, lei , nel frattempo, come per scusarsi dell’episodio, riassestandosi l’indumento gli rivolge un sorriso di circostanza forse per non dar tanto peso alla cosa.
La situazione che stava venendosi a creare tra lei ed il ragazzo in realtà mi cominciava ad eccitare e comunque mi incuriosiva molto, … vedo con la coda dell’occhio Dragan alzarsi lentamente e dirigersi verso di lei … avevo il cazzo che già mi scoppiava nei pantaloni …. appena giuntole di dietro la cinge con le sue braccia poderose e comincia ad accarezzarle le spalle,… le braccia,… il collo, …
Sara resta come inebetita,… Il ragazzo di dietro ora la spinge energicamente contro il tronco di un albero e, cingendole il corpo con le sue braccia, non le permette di girarsi o di divincolarsi.
Tra me penso “ Ci siamo, … questa volta Sara cederà al richiamo sessuale …… è da tanto che non scopa non potrà resistere ancora!” Ma no! … lei si agitava moltissimo e l’ha minacciato subito di denunciarlo se non l’avesse lasciata immediatamente.
Lui le diceva: “Signora Sara no paura di Dragan”,… “Io no volere male a signora”….., “Io solo chiede di stare poco tempo con te” …. e così dicendo comincia a baciarla delicatamente sul collo e sulle spalle, mentre con la mano sinistra (la destra teneva ferme le sue braccia) inizia ad accarezzarle la gamba salendo fino alla coscia.
Una scarica di adrenalina mi assale quando vedo quella mano che le prende la coscia per accarezzarla, …. mi sale l’eccitazione a dismisura!! e comincio a masturbarmi. Dragan imperterrito continuava, … ora aveva iniziato a baciarle i lobi delle orecchie ed ad accarezzarle i fianchi fino al seno, … le stringe il capezzolo tra le sue dita. I movimenti di difesa di lei continuavano, … però ora erano più attenuati, forse perché cominciava a eccitarsi anche lei, ….. non so!, … oppure aveva capito che combattere contro la sua corporatura era inutile!. Lui infatti le stava alzando lentamente la camicetta accarezzandole le cosce oramai completamente scoperte.
La cosa è andata avanti così per qualche minuto fino a quando vedo che Sara smette di divincolarsi dalla morsa che la immobilizzava e comincia a muovere le anche ritmicamente ed armoniosamente spingendo il suo culetto verso il suo bacino. “ mmmmmmmm ……….. la splendida troietta era entrata in calore … bellissimo”
Il ragazzo, standole sempre di dietro, ora molla la morsa perché capisce che non è più necessario tenerla ferma,….. comincia a baciarla ed a leccarle le spalle scendendo sino ai fianchi e soffermandosi sulle sue natiche …. le alza decisamente la camicia da notte sino ai fianchi e lentamente scosta il filetto del suo perizoma dal solco delle natiche fino a scoprire completamente tutto il suo culetto.
Io nel frattempo ero alle prese con una masturbazione bellissima alla vista di quelle scene meravigliose!!… Sara era passata da movimenti divincolanti, a contorsioni lente e ritmiche del suo corpo ... l’eccitazione mi sale a dismisura, … anche lei sta godendo!! .. ne sono sicuro!!, .. infatti la vedo che inarca le spalle e spinge decisamente il suo bacino verso il giovane che nel frattempo le aveva divaricato le gambe e infilato un dito nella fighetta oramai completamente arresa alle voglie del giovane.
Sara decisamente non reagisce più e comincia ora ad assecondare i movimenti della sua lingua con continue contorsioni del suo bacino e qualche colpo di reni che spinge sempre più le sue intimità verso la sua lingua che ora le sta sollecitando deliziosamente il clitoride.
Il ragazzo gli e lo sta succhiando in un modo fantastico, … Lei non resiste più, si gira verso di lui e questa volta spinge verso il suo corpo il suo bacino muovendolo ritmicamente in avanti.
Lui le prende i capezzoli accarezzandoli, poi sposta le sue mani verso i fianchi massaggiandoli teneramente, …. quindi si abbassa lentamente verso le sue ginocchia e con la bocca inizia a baciare e leccare il basso ventre.
La testa mi scoppia, … il sangue mi ribolle, … sto eccitandomi come un maialino … la vista di lei che comincia a godere con quel ragazzo mi sta annebbiando il cervello, .. ma ancora di più … lei inarca la schiena e spinge ancor di più il bacino contro di lui.
I movimenti e le contorsioni incontrollate delle sue anche davano l’impressione che da un momento a l’altro il minuscolo slip si sarebbe lacerato per liberare finalmente la sua figa avida oramai solo di sesso. “mmmhhh … dai tesoro! … forza scopami!, … penetrami ma subitoo-ooohhh” sento che le dice gemendo come una cagna in calore ….
Sotto le sue carezze, comincia ad emettere lunghi gemiti tenendo la testa rivolta verso l’alto con gli occhi chiusi in una espressione di estasi, poi ad un tratto, vedendo il giovane ancora inginocchiato verso di lei, afferra con le mani il suo capo e se lo tira verso il ventre con la chiara intenzione di farsi succhiare la figa. “Leccamela ….siiiihhh …. succhiami la figa …daiiii non scopo da una vitaaaaa!!! …
Nei nostri rapporti non mi aveva mai fatto capire che le piacesse essere leccata nella figa … forse non si era mai eccitata abbastanza con me!!.
Sara comunque era oramai in preda a sentimenti di forti passioni e desideri di sesso, … con una mossa successiva ora prende con decisione i lembi del perizoma per abbassarselo, … lui la prende in braccio e girandosi su se stesso, la posa con la schiena su di un tavolino da giardino li vicino e le sfila finalmente le mutandine,…..si abbassa quindi su di lei e per qualche secondo si ferma a contemplare le sue intimità pubiche,…..i raggi del sole generano meravigliosi riflessi di luce sulla sua figa aperta e gonfia.
Lei è stesa sul tavolino e continua a contorcersi come una serpe, … è eccitatissima e vogliosa di farsi scopare … le sue cosce spalancate in direzione del cespuglio dove sono nascosto …. sto sbavando come un porcellino con un godimento notevolissimo … .
Dragan sapientemente comincia a sollecitarle velocemente il clitoride e a leccarle lentamente le cosce, … tra gemiti e lamenti di piacere, inarca la schiena e muove convulsamente il bacino verso di lui, …..la bocca della mia troietta in calore è aperta in una espressione di estasi totale, …
“il giovane rumeno sa il fatto suo” … penso tra me, … mi sta facendo impazzire dall’orgasmo impetuoso che sento arrivare, … la sta contemplando mentre lei si dimena come un’anguilla.
Ora decisamente, forse preso da pietà verso di lei, le accarezza lentamente le labbra della figa, e vi appoggia delicatamente la punta della sua lingua che comincia a muovere sapientemente al suo interno. Sara lo guarda mentre le lecca la figa e gli sorride teneramente quasi in segno di ringraziamento, poi chiude gli occhi e con rapidi movimenti di reni continua a spingergliela nella bocca sempre di più. Sento nitidamente i suoi gemiti di porcellina in calore ….. ed io raggiungo un orgasmo con una sborrata piena di eccitazione….

Per i vostri commenti e considerazioni nei particolari contattatemi in Skype “elvio.levi”

Questo racconto di è stato letto 6 4 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.