Eros

Scritto da , il 2010-03-02, genere poesie

Vagando,

luna argentea,

notte dalle ali nere,

giunge Eros come ape celeste,

doloroso piacere.

E già Afrodite, la più bella

tra le dee, sostando

tace in te che giaci

su polveri di veglia

mattutina (libera d'ogni veste

s'imperla la sua pelle),

distoglie lo sguardo e

s'avvicina

con occhi di fiamma,

d'antracite..

Questo racconto di è stato letto 2 4 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.