Storia di incesti,amori e corna-Rino chiava la medre e l'amante entranbe ingravidate da lui

Scritto da , il 2012-12-22, genere tradimenti

Breve riepilogo dei capitoli precedenti:

Simona,bellissima e libertina "puttanella"come lei stessa si definisce,incontra Carlo "Carletto"come lo chiama lei dopo aver scoperto la sua mini dotazione sessuale".
E'subito amore!
Lui s'immamora della sua bellezza e della sua disinvoltura,cosa quest'ultima che a lui manca essendo complessato per la scarsa virilità e dunque,timido e introverso..
Lei è attratta della sua cultura,dal suo bell'aspetto e dal suo ceto sociale;Carlo,infatti,è un giovane architetto di successo.
Lei lo sposa per amore ma a condizione di mantenere la sua libertà sessuale che lui le concede senza condizioni.
Infatti,lei,già la prima notte di nozze e sino all'alba,la trascorre in albergo chiavando con un giovane sconosciuto mentre lo sposo, dorme nella stanza accanto e rendendo così,subito pubblica la sua infedeltà coniugale.
Al rientro dal viaggio di nozze,pur continuando ad avere rapporti saltuari o occasionali con chiunque le piacesse,aveva conosciuto Rino del quale era divenuta l'amante uffiale e che,frequentando abitualmente il suo talamo nuziale,aveva ufficializzato il ruolo di cornuto contento,del marito.
Il menage,scorreva con gioioso accordo e nell'assoluto rispetto dei reciproci ruoli al punto che,quando l'amante della moglie gli ha regalato una cintura di castità,lui l'ha ringraziato e,confermando il suo ruolo di cuckold,ha cominciato ad indossarla dando inizio così,inconsapevolmente,al proprio processo di femminizzazione.
Rino già prima di mettersi con Simona,era l'amante della propria madre che,da grande troia,l'ha voluta inserire nella tresca che aveva con suo figlio.
Tra le due donne vi era complicità ma,anche,una certa reciproca gelosa rivalità e,quando Simona aveva scoperto che il suo amante aveva messo incinta la madre,aveva voluto,coll'assenso scontato del marito,che ingravidasse anche lei.
Vi era stato un periodo in cui le due donne per vari motivi tra cui la gelosia,non si erano frequentate.
Il "digiuno" è stato interrotto quando Rino,di ritorno da un viaggio,è andato da sua madre con l'amante.
Il racconto riprende da quando Rino,nudo,in piedi accanto al letto,assiste alle effusioni saffiche tra sua madre e la sua amante.

...................................................
8°episodio

-Simona...leccami tutta,preparami per il cazzone di mio figlio che sono 15 giorni che non fà visita alla mia fica e non vorrei che facesse le ragnatele!-

Aveva detto la mamma di Rino quando si era fatta trovare,al loro arrivo in casa,già nuda e con le cosce,lubricamente spalancate ed in attesa di attenzioni.

Subito si erano congiunte in un travolgente rapporto saffico leccandosi e mordendosi in ogni anfratto dei loro frementi corpi eccitati e,oscenamente aperti.

Avevano già goduto più volte l'una nella bocca dell'altra mentre Rino le osservava immobile avvolto come in un manto,dagli odori di sudore e sesso che amanava dai loro corpi accaldati e,dai versi di godimento che,senza ritegno,sortivano come guaiti bestiali dalle loro bocche intasate di caldi,liquidi umori.

Quando finalmente i corpi,ancora uniti in un'inestricabile 69,giacevano immobili e scossi solo dai loro respiri pesanti,Rino,che aveva già il nerbo livido e vibrante,è salito sul letto e scivolando come una farcitura tra i due corpi bagnati,ha cominciato a leccare la fica di sua madre mentre Simona, con la bocca,si prendeva cura del suo possente lecca lecca.

La madre,che ben conosceva le capacità della lingua di suo figlio,con una mano cercava di aprirsi l'accesso alla vulva mentre con l'altra,teneva la testa di Rino schiacciata sulle grandi labbra.

La lingua del figlio,ben addestrata da anni di rapporti incestuosi,si incuneava come una serpe tra le pareti vaginali pennellandone le parti più sensibili delle mucose.

I gemii di piacere della donna sibilavano senza sosta emettendo un suono simile ad una sirena lontana.

Quando poi,le labbra di Rino si posavano sulla clitoride scappellata e turgida come un membro,il sibilo si trasformava in un rantolo per poi divenire nel momento dell'orgasmo,un'urlo disumano empio di oscene implorazioni:
-Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!....Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii.......succhiamiiiii....mordimiiiiii....fammi moooorireeeeee........fai godere questa troiaaaaaa di tua madreeee......dammi il cazzoooooo......dammi il cazzooooo...!-

Come sempre avveniva,Rino,col membro reso più duro dalle labbra di Simona,girandosi,si portava sulla madre e con un colpo secco,la penetrava sino a schiantarsi sull'utero.

La madre,soffocando in gola un grido di dolora,stringendolgli le gambe dietro la schiena,lo teneva serrato a sè,conficcato nel suo corpo come la tgliente lama di una spada.

Rino poteva fare solo piccoli movimenti ma sapeva che,il senso di pieno che provava la madre in quel momento,le procurava più godimento di ogni altro movimento e presto sarebbe esplosa in uno dei suoi più devastanti orgasmi.

Quando la madre,spossata nella testa e nelle membra dalla faticosa,convulsiva danza,si abbandonava come priva di vita,Rino si sfilava dal suo corpo e si dedicava a Simona la quale già pronta ed aperta,l'aspettava con desiderio e col cuore palpitante come se fosse la prima volta.

Lei percepiva quell'agitazione come il segnale della sua compiutezza esistenziale;

Dal marito impotente e servile aveva tutto l'amore del mondo e da Rino suo instancabile amante,con la sua stupenda dotazione e l'inesauribile carica erotica,aveva il massimo piacere fisico e la possibilità di essere madre.


Normalmente,quelle sedute di sesso orgiastiche ed incestuose andavano avanti sino all'alba e Rino con la sua incredibile resistenza e capacità di ricarica,riusciva a godere,far godere e saturare di sperma almeno una volta,i tre buchi di cui disponevano le due donne.

In buona sostanza,né la madre né l'amante,erano disposte a terminare i giochi prima di sentirsi piene di calda sborra,la fica il culo e la bocca.

Rino era perfettamente in grado di soddisfare uelle esigenze!

C'era poi,un'altra cosa che univa le due donne altre al maschio che condividevano ed era,la passione per la sborra.

Ne erano entrambe golose e quando Rino godeva dentro una di loro,l'altra con la bocca,la ripuliva perfettamente ingoiando sino all'ultima goccia il caldo e gustoso nettare.

Naturalmente,spesso e volentieri se lo scambiavano unendosi in baci profondi e lascivi.

Al mattino,Rino e Simona erano ancora a letto quando la madre li ha svegliati portando loro la colazione.

Lei era nuda davanti al letto col vassoio in mano e,Simona,con la testa ancora appoggiata al cuscino,poteva vedere che nei quindici giorni in cui non si erano vista,la pancia della donna mostrava chiaramente il suo stato di gravidanza.

La sera prima,a causa della postura distesa e dell'eccitazione,non l'aveva notato.

Sollevandosi col busto,ha appoggiato le mani dietro i glutei della donna e tirandola a se,le ha baciato l'ombellico dicendo:

-Brava mammina.....mi raccomando a questo nostro bambino non fargli provare troppo cazzo prima che nasca.....abbi cura di lui!-

Questa la pronta risposta:

-Ragazza....anche tu hai un nostro bambino in grembo anche se ancora non si vede e non mi sembra che tu ne abbia molta cura....anzi....ti dai da fare molto più di me.....io ho un'arretrato da recuperare con questo porco di mio figlio!

E poi...non temere,di cazzi ne possiamo prendere quanti vogliamo sino all'ultimo giorno,basta stare attenti e sapere come fare.

Hai visto come faccio con Rino,lo tengo dentro tutto sino all'utero e poi,con le mie contrazioni e brevi movimenti del bacino,godo e lo faccio sborrare senza mai farlo scorrere dentro di me.

Ma adesso alzatevi dormiglioni che dopo la colazione avrei voglia di riprendere il discorso che abbiamo interrotto stanotte!-

-Ma mamma(così Simona chiamava la madre di Rino)io devo tornare a casa,mio marito mi stà aspettando!-

-Simona,fammi il piacere....chiama il cornuto e digli che oggi non vai a casa...che sei impegnata con Rino...tuo marito si sente tranquillo quando sei con lui...-

-Hai ragione mamma,ora lo chiamo e poi,sento un certo formicolio nella passerina.....che vorrà dire?-

La mamma di Rino di rimando:

-Cosa vuoi che voglia dire.....che ha bisogno di cazzo!anche la mia passerona ne ha voglia e anche l'uccellone di Rino....vogliamo mica lasciarlo così?!-

Mentra lo diceva,ha sollevato il lenzuolo mettendo in mostra la belva di Rino che a quei discorsi si era risvegliato e svettava possente come un'ariete.

-Carletto,amore ciao.-

-Ciao tesoro...dove sei....sono quì che ti aspetto da un pò...ma dove sei?-

-Tesoro sono quì da Rino...sai...stanotte abbiamo fatto l'amore anche con la madre....e sai....adesso loro hanno ancora voglia....capisci...dopo due settimane...non posso certo lasciarli così...proprio adesso....cosa dici amore posso restare....ti dispiace se torno a casa domattina?!-

-Và bene tesoro,rimani pure lì,sò che con Rino sei al sicuro però,la prossima volta che c'è anche la madre,è meglio che veniate quì a casa nostra,almeno potete stare insieme tutto il tempo che volete ed anch'io sono più tranquillo.-

-Carletto...amore...sei proprio un tesoro...quando torno per ringraziarti,mi occuperò anche del tuo uccellino...vuoi tesoro che mi occupi anche del tuo passerotto?-

-Certo amore che voglio!-

Ha risposto il marito mentre il piccolo membro si gonfiava dolorosamente dentro la cintura di castità.

Dopo aver avuto l'assenso del marito ed aver consumato un'abbondante colazione,i tre amanti,si sono dedicati al sesso ininterrottamente,saltando persino il pranzo, fino al pomeriggio inoltrato e sino a chè,le due donne,non hanno preso atto che per quanto potente potesse essere,anche le riserve di Rino erano finite.

Il maschio giaceva spompato e abbandonato come un sacco vuoto sul divano mentre le donne,più vispe e felici che mai,erano sedute sulle poltrone a sorseggiare del the ed a conversre come se nulla fosse accaduto.

Simona,approfittando del momento di relax,ha voluto confidare a Rino e sua madre,la metamorfosi che stava vivendo suo marito.

Ha raccontato di quanto fosse divenuto mite e accondiscendente.

Della sua attitudine ad indossare abiti femminile ed occupare ogni minuto del suo tempo libero alla cura della casa,delle faccende domestiche e della cura maniacale del corpo e del benessere di sua moglie;aveva persino fatto licenziare la donna che veniva a fare i servizi prendendone il posto a tempo pieno.

Simona poi,aveva completamente smesso di andare dall'estetista e dal parrucchiere.

Di tutto si occupava lui personalmente e per questo,si era dotato anche di un'attrezzatura professionale ed aveva allestito in casa una camera dedicata esclusivamente alla cura del benessere e della bellezza di sua moglie.

Simona ricorda come tutto questo fosse cominciato con la depilazione intima per prepararla agli incontri coi suoi amanti per poi,via via,passare al trucco,alla vestizione ed a tutto il resto.

La cintura di castità che inizialmente,indossava solo saltuariamente e che ora indossa 24 ore su 24 con la piccola chiave affidata a lei ed alla sua esclusiva discrezionalità.

Naturalmente,Simona si mostrava felice e gratificata dalla totale abnegazione che il marito le mostrava ma,al tempo stesso si chiedeva se fosse normale tutto questo.

Dopo averla ascoltata,la madre di Rino che,certamente era la più troia ma anche la più informata su quel genere di cose ,è così inervanuta:

-Cara Simona,tu devi essere la donna più felice del mondo.

Per l'amore che ha per te,tuo marito ha attraversato tra fasi-La prima di cornuto contento.
La seconda,di cuckold sottomesso.
La terza,più intrigante e senza via di
ritorno,è la femminizzazione.

Questa attitudine in america si chiama SISSY MEID.

Tuo marito è diventato o,aspira adiventare una sissy meid ed è per questo che ti ha chiesto di ferci venire a scopare a casa tua.

Lui/lei,vuole mettersi a disposizione e servirci mentre noi facciamo sesso.

Sicuramente poi,quando saranno nati i bambini,vorrà essere lei stessa ad accuparsi della loro crescita....

Aveva ragione la mamma di Rino.

Quella sera,non potendo spompare oltre Rino,Simona,anticipando il programma era tornata a casa prima.

Carlo era vestito di tutto punto da cameriera.

Con un gonnellino corto,senza mutandine e con la luccicante gabbietta in bella vista.

Una camicetta bianca,un grembiulino ricamato a fiorellini rosa ed una crestina cogli stessi ricami,completavano la sua mise.

Superata la sorpresa per l'inatteso arrivo di sua moglie,Carletto/a è corsa(da questo momento ne parleremo al femminile)ad abbracciare la moglie la quale,dopo averla baciata,l'ha presa per mano e l'ha accompagnata a sedersi sul divano.

Con la chiavetta gli ha liberato l'uccellino che,al primo contatto con le sue labbra si è sciolto come faceva ai tempi che,Simona si era illusa di aver superato.

Dopo averlo ripulito dalle misere gocce emesse,lo ha richiuso nella gabbietta e si sono parlati.

Da quel giorno,Rino e Simona non vanno più a fare l'amore in altri posti ma,quando escono insieme,lo fanno solo per andare al cinema,a teatro o per qualche impegno non legato al sesso.

Quando scopano con la mamma,è lei che và a casa di Simona dove,la disponibile e servizievole sissy meid,si occupa di tutte le loro esigenze.

La mamma di Rino che era sempre stata restia a farsi depilare,non perde occasione per mettersi a cosce spalancate davanti a Carletta,che con cura e precisione le depila la fica ed il buco del culo dando così al figlio,l'impressione di chiavare sua madre quando era ancora bambina e col sesso implume.

L'architetto(quando và al lavoro,mantiene la sua sessualità maschile)ha disegnato un nuovo letto tondo a tre piazze molto comodo e confortevole per gli incontri di sesso tra sua moglie,l'amante e la madre.

Di tutti i preparativi,si occupa scrupolosamente lei.

Il letto è sempre rifatto con lenzuola di raso o di lino freschi di bucato.

In camera da letto,non mancano mai i fiori ed essenze afrodisiache.

Naturalmente,il pranzo,la colazione e la cena,vengono sempre serviti in modo elegante con eccellenti piatti ed ottimi vini.

L'aperitivo non manca mai.

Gli amanti,vengono sempre lavati personalmente dalla sissy Carletta ed anche quando prevedono di avere rapporti anali,è sempre lei a praticare il caldo clistere a base di essenze emollienti e profumate che sceglie personalmente e con grande cura.

A volte,Carletta viene chiamata a partecipare agli amplessi,in quei casi,si occupa di eccitare i sessi con la lingua e di ripulirli quando sono impregnati di umori o di sperma.

A volte,Rino la monta trovandola ogni sempre,più morbida,aperta e profonda.

Nel periodo della gravidanza della moglie e della madre di Rino,Carletta accudiva con particolare apprensione i preparativi delle ammucchiate e le successive fasi di lavaggio andando ad ispezionare meticolosamente i rispettivi sessi.

Quando i bambini(un maschietto ed una femminuccia)sono nati,Carletta se ne occupava quasi in asclusiva mostrandosi persino gelosa delle attenzioni delle legittime madri.

Simona,felicissima di quella evoluzione,stà pensando di sottoporre il marito ad una cura ormonale che,se desse i frutti sperati,potrebbe essere completata da una castrazione o evirazione totale.

Questo completerebbe definitivamente la femminizzazione di suo marito mettendo a disposizione di Rino un'altra femmina da montare e darebbe ai bambini,una zia sempre presente e disponibile.


Fine

Questo racconto di è stato letto 6 4 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.