La monta della vacca – Cap. 4 Mercoledì e giovedì

Scritto da , il 2022-08-09, genere trans

Mancano due giorni pieni all’evento dove sarò la protagonista indiscussa.

Mi sveglio alla mattina e, come gli altri giorni so che dovrò ingoiare la sborra dei 3 bastardi, li prevengo e mi metto in mezzo alla stanza in ginocchio.
Appena li sento arrivare apro la bocca e aspetto, mi guardano stupiti.
”ragazzi la troia è sempre più troia, ora ci attende per il latte mattutino”
Ridono, mi girano attorno, mi sculacciano piano, mi torturano i capezzoli stringendoli forte, poi cominciano a mettermelo in bocca a turno, quando sono stanchi mi ordinano di tenere la bocca aperta e lingua fuori che me la riempivano di sborra calda.
Mi ordinano di non far cadere neppure una goccia, e di ingoiarla quando tutti e 3 hanno finito.
Arriva la prima sborrata che trattengo in bocca, un altro mi gira la testa ed ecco la seconda, ho la bocca piena di sborra, il terzo tarda a venire ma finalmente me la riempie pure lui.
Devo far vedere la bocca piena e mi dicono di ingoiarla, la mando giù tutta, e poi vado a leccare i 3 cazzi per ripulirli.
Non se lo aspettavano e sento le loro esclamazioni.
“guarda, guarda questa cagnetta ora ce li ripulisce pure”
Andiamo a fare colazione, e, mentre facciamo colazione, mi dicono che oggi avrei avuto giornata libera, non mi avrebbero usato, perché alla sera mi avrebbero portato sulla statale e avrei fatto la puttana in strada dalle 22 alle 3 di notte, aggiungono anche che finito di battere rientrando avrei fatto la troia anche per il portiere.
Arriva la sera e alle 22 puntuali mi portano a battere in strada.
Oramai mi sono abituata e passeggio come una puttana incallita, affronto i clienti con sfrontatezza, spesso faccio vedere e toccare la merce, mi sto divertendo molto ad eccitare questi maiali che invece hanno solo voglia di usarmi per far godere i loro cazzi.
Però i maiali non sanno che sono le puttane che li tengono per le palle, difatti sono io che decido se ne ho voglia o se alzo le tariffe per allontanarli, sono io che godo nel farli ansimare, sono io che quasi sempre allungo o accorcio i tempi della loro sborrata.
Comunque nel corso della serata fino alle 2 ho già fatto 11 clienti con servizio completo.
Sto passeggiando che si avvicina la motrice di un camion, si ferma, il camionista scende, è del sud, credo pugliese, mi chiede cosa faccio.
Prontamente gli rispondo: La puttana, non si vede?
Lui: Anche spiritosa, e si fa una risata.
Lui: vedo che sei trav, volevo sapere quanto prendi per bocca e culo, e nel frattempo me lo palpa e mi fa i complimenti per quanto è sodo.
Io: dico 50 bocca, culo con preservativo e sborrata finale in faccia.
Lui: Non sono solo, c’è anche il mio secondo che si aspetta che torni con una troia nel piazzale dove siamo fermi.
Io: confermo il prezzo per 2.
Lui: ok vanno i 100 in 2 ma devi farci fare anche la doppia in culo.
Non mi sembra vero e accetto, solo che non sarei andata nel posto stabilito ma nella piazzola di sosta, dove nessuno degli amici mi controllava, me ne frego e salgo nel camion.
Mentre andiamo nella piazzola mi accarezza la gamba e mi dice che poi se ne ho voglia, finito con loro possono farmi fare un giro nella piazzola aiutandomi a trovare altri clienti tra i loro colleghi.
Tra me e me penso che la serata si fa molto interessante.
Arriviamo nella piazzola, resto in cabina e lui va a chiamare il suo collega.
Siamo tutti e 3 nella cabina aprono i finestrini per far passare un po’ di aria, si spogliano nudi, hanno due bei cazzi, mi danno i cento euro, e io me li imbocco prima uno e poi l’altro per farli intostare bene, sanno di pulito. Buonissimi!!!
Vado avanti un po’ a leccarli e succhiarli, me li metto in bocca anche assieme ma ci sta solo la cappella, sono belli duri, allora gli dico che mi spoglio così possono scoparmi a turno.
Insieme esclamano: Brava troia, non vedi l’ora di provare i nostri cazzi nel culo!!
Mi spoglio e mi metto a pecorina, metto il lubrificante ed entra il primo ovviamente senza nessuna fatica, mi da un po’ di colpi e poi lascia il posto all’amico che entra ed esce, mi fa mugolare, continuano i passaggi tra i 2 e comincio a incitarli, ma devo averlo fatto a voce alta, perché sento delle voci da fuori che dicono rivolte ai due.
“Vi state sfondando una puttana?”
Risponde quello che non mi stava usando dicendo che tra poco mi avrebbero scopata in doppia, poi dopo che avranno sborrato mi avrebbero fatta scendere e che tutti quelli che ne avevano voglia potevano usarmi.
Aggiunge: è una trav, è brava e non chiede molto.
Da fuori: vado a vedere chi vuole una puttana trav, così quando ha finito con voi ce la godiamo noi.
A proposito quanto prende la puttana?
Rispondo io mentre continua a scoparmi: 20 solo pompino, 50 bocca, culo con preservativo e sborrata finale in faccia.
Lui: posso salire a vedere la merce?
Io: per me va bene ma chiedi a loro.
Sali, sali gli rispondono.
Apre lo sportello sale, si gode lo spettacolo della scopata e il secondo per completare me lo mette in bocca. Tocca la merce palpandomi un po’ poi soddisfatto, scende dicendo che va a vedere chi vuole scoparsi una bella trav matura ma brava.
Adesso è l’ ora della doppia, uno si posiziona, io mi infilo il primo e mi accuccio per permettere al secondo di entrare pure lui.
Si posiziona anche il secondo e comincia a spingere, sono già abituata alle doppie ma all’inizio è sempre dura, fa leggermente male ma gradualmente entra mentre l’altro resta fermo, ad un certo punto da una spinta più forte e lo sento tutto dentro.
Ne ho 2 nel culo.
Cominciano a muoversi i perfetta sincronia, mi sa che non è la prima volta, mi stanno aprendo e godo tanto li incito a continuare sono in balia di questi 2 cazzi che non smettono di sfondarmi, ora uno esce e rientra e l’altro sta fermo, poi si scambiano quindi riprendo assieme in sincronia fino a che non decidono che è ora di inondare la mia faccia di sborra, escono uno alla volta, sento un gran vuoto dentro e l’aria che mi entra nel buco che credo sarà una caverna aperta.
Mi danno dei fazzolettini per ripulire un po’ il culetto, poi uno dei due apre la porta, vede che ci sono una decina di camionisti in attesa, allora mi dice di scendere nuda come sono che prima mi inondano loro davanti agli altri e poi sicuramente qualche altro vorrà usarmi.
Scendo mettendo in bella mostra il culetto aperto, i commenti sono i più disparati ma tutti concordano sulla troia.
Sono nuda nel piazzale accerchiata da parecchi camionisti arrapati, do spettacolo facendomi sborrare in faccia dai 2 che mi hanno comprato prima, ne fanno molta, mi sento piena di sborra che cola, mi danno dei fazzolettini per pulire la faccia, poi mi allungano anche la borsetta e i vestiti.
Gli altri sento che mi dicono che i vestiti non servono dato che in 7 vorrebbero comprare i miei servizi completi e 3 solo un pompino.
Do il mio assenso e gli dico che il pagamento è anticipato, mi danno 350 euro e mi dicono che i 3 pompini devo farli compresi nel prezzo.
Sono un po’ contrariata ma credo non convenga replicare e accetto, unica cosa che chiedo è di essere riportata poi al mio posto di lavoro, quello che mi ha dato i soldi mi rassicura che mi porta lui e che sarà l’ultimo ad usarmi.
Mi scortano camminando nel piazzale fino ad un punto illuminato ma ben protetto dai TIR.
Comincio dai 3 che volevano solo il pompino facendoli sborrare abbastanza velocemente, ora si comincia dal primo del loro ordine, gli altri hanno tutti il cazzo fuori e se lo menano, mi entra dentro senza nessun problema.
Aperta come sono, non serve quasi neppure il lubrificante, basta quello del preservativo. Mentre mi scopa gli altri si alternano nella mia bocca.
Vanno avanti così fino a che anche l’ultimo non mi scopa, nessuno aveva sborrato quindi mi fanno inginocchiare e uno alla volta svuotano le loro palle sulla mia faccia, ridendo mano a mano che la riempivano.
Quando tutti sono venuti, mi accompagnano sempre nuda in un bagno dove posso lavarmi e rimettermi in sesto.
Mi riaccompagna al mio posto, sono stanca ma soddisfatta, sono le 4 della notte.
Subito si avvicina il mio amico bastardo con gli altri 2 che nel frattempo aveva recuperato, mi urlano che sono una troia senza ritegno, mi chiedono dove sono stata tutto quel tempo, che è tardi e il portiere mi sta aspettando.
Non mi ricordavo più del portiere, gli spiego come sono andate le cose, si calmano e mi dicono che per punizione ora devo far godere per bene il portiere per tutto il tempo che vuole, tanto il giorno dopo in attesa del venerdì della Monta avrei solo fatto qualche pompino a loro 3.
Per rincarare la dose e farmela pagare prima di salire in auto mi fanno spogliare lasciandomi addosso solo la parrucca, gli occhiali, le scarpe tacco 15 e la borsetta, mi fanno salire e mi dicono che dal parcheggio fino a dentro l’hotel sarei dovuta andare così e senza la loro scorta.
Mi eccita e nello stesso tempo non mi sembra una cosa da fare, ma non sentono ragioni.
Arriviamo in parcheggio sono eccitata e ho il cazzo quasi duro, scendo e a quel punto il cazzo è durissimo per l’eccitazione, mi guardo attorno che non ci sia nessuno, quindi comincio a camminare sculettando e mi avvio verso l’ingresso, entro, vado al banco con il portiere che esce dallo stanzino, mi guarda e mi dice che era ora che arrivassi e che stavo molto bene così. Mi fa andare nello stanzino e poi dice ai miei amici bastardi che quando ha finito di usarmi mi rimanda su.
Chiedo ai miei amici i vestiti, ma questi mi dicono di arrangiarmi.
Ho capito che dovrò salire nuda, spero che il portiere faccia presto perché sono stanca e sono nuda.
Il portiere mi raggiunge tira fuori il cazzo e mi dice che vede la mia stanchezza quindi mi userà velocemente ma che devo ingoiare la sborra, sono esausta e senza battere ciglio dico che può fare quello che vuole.
Mi scopa subito, il bastardo non mette neppure il preservativo, poi esce dal culo, me lo mette in bocca e comincia a scoparmi la bocca mettendomelo dentro fino alle palle facendomi tossire, poi si irrigidisce, mi blocca la testa con le mani, sento il cazzo vibrare e subito dopo 5-6 fiotti di sborra mi riempiono la bocca, la ingoio e ripulisco con la lingua il suo cazzo.
Il portiere è soddisfatto e io nuda me ne vado in camera.
Posso finalmente rilassarmi con una bella doccia e una dormita.
Il giorno dopo si riposa e faccio solo i soliti 3 pompini con ingoio alla mattina, e poi piscina fino a sera.

Questo racconto di è stato letto 2 9 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.