Erotici Racconti

Il risveglio di insani desideri 3

Scritto da , il 2012-05-09, genere incesti

La mattina mi svegliai nel lettone di pia madre, e giù questo era sufficiente a darmi un sottile quanto perverso piacere. Come il giorno prima dovetti uscire di corsa per recarmi al lavoro, ma il bacio che diedi a mamma per salutarla fu meno castigato rispetto alla mattina precedente: le infilai la lingua in bocca e poi le dissi che non vedevo l’ora di tornare. Ma anche mia madre stava diventando sempre più sfrontata: rispose al bacio facendo mulinare la lingua e mi mise una mano sulla patta, tastò il cazzo e disse che anche lei non vedeva l’ora di calmare quella bestia che avevo nei pantaloni. Quando rincasai la trovai sul divano con una rivista tra le mani, ma soprattutto con la gonna che le scopriva le cosce fino all’inguine e un top a bretelline che lasciava scoperta tutta la parte superiore del più che prosperoso seno. Mi sedetti accanto a lei e senza preamboli le infilai di nuovo la lingua in bocca, mentre con una mano mi impossessavo di una mammella e l’altra gliela mettevo tra le gambe. Lei mi abbracciò e rispose al bacio con passione, poi si alzò e dirigendosi in cucina disse
-stai calmo adesso che devo controllare la cena che ho messo in forno.
La seguii e quando si piegò per controllare la pietanza in forno, le alzai la gonna, scostai il perizoma e le infilai un dito nella fica. Mamma si rialzò ma rimase un pochino piegata per gustarsi il ditalino che le stavo facendo, ma io mi spinsi oltre: tirai fuori il cazzo duro e dritto e glielo misi dentro. La scopai all’impiedi in cucina mentre lei teneva le mani poggiate al mobile. Fu una cavalcata breve ma intensa, la classica sveltina furente. Le tenevo le mani sui fianchi e stantuffavo con veemenza e lei mostrava di gradire quella scopata energica. Sentii montare un travolgente orgasmo e violenti schizzi di sborra eruttarono dal mio cazzo riempiendole l’utero e facendola gemere di piacere come una vacca. Dopo essermi scaricato in lei andai a fare la solita doccia, cenammo e andammo direttamente nella sua stanza. In quel lettone che era ormai la nostra alcova ci abbandonammo al piacere dei giochi erotici: la leccai su tutto il corpo prima di arrivare alla fica, mi riempivo le mani con la sua abbondante carne, glielo misi in bocca per farmelo succhiare, e finalmente glielo misi dentro. Stavo sul suo corpo, tra le sue gambe aperte, e glielo mandavo avanti e indietro tenendomi sulle ginocchia e baciandola in bocca. Mamma raggiunse un primo orgasmo che la fece sussultare sotto di me e poi si sfilò. La guardai interdetto perché non avevo certo intenzione di smettere di scoparla, ma lei mi stupì: si girò e mettendosi alla pecorina disse
-se dobbiamo andare contro natura andiamoci fino il fondo. Però fai piano, sono venti anni che non lo prendo lì.
Insomma mamma si stava offrendo volontariamente alla penetrazione anale. Mi stava dando il culo che dalle sue parole non aveva più dato dalla morte del marito. Il solo guardare quel rigoglioso culone grosso e carnoso mi mandava in estasi, e l’idea che stavo per incularmi mia madre era inebriante. Appoggiai la cappella al buchetto e spinsi forzando l’apertura. Rimasi qualche ostante con la sola cappella dentro e ricominciai a spingere facendo entrare un po’ di cazzo, spinsi ancora e ne entrò più della metà. A quel punto mia madre emise un gridolino di dolore. In effetti quel buco si era di molto ristretto in quei lunghi anni che non era stato usato. Mi fermai ancora qualche istante e poi con un colpo secco affondai tutto il cazzo fino alla base. Mamma urlò forte di dolore, ma subito mi incitò a non fermarmi. Certo non avevo bisogno di quell’incitamento non avendo la minima idea di abbandonare quel paradiso che stavo penetrando, e cominciai a farglielo scorrere dentro. Per alleviarle il dolore e darle più godimento, mentre la sodomizzavo le facevo un ditale nella fica. Cominciai ad incularla sempre più forte e le palle sbattevano rumorosamente sulle sue grosse chiappe. Il dolore era passato lasciando il posto al piacere, così mia madre spingeva in dietro per sentirselo tutto dentro e godeva come la più troia delle troie. Con la mano libera cercavo la sua carne, passavo dalle tette ai fianchi, dalle cosce alla pancia, senza saziarmi di tutta quell’abbondanza. Quando avvertii ormai prossimo l’orgasmo, la misi distesa sul letto a pancia in giù e standole sulla schiena continuai a sodomizzarla con crescente veemenza, fino a scaricarle nelle viscere interminabili schizzi di sborra. Rimasi su di lei, sulla sua schiena, esausto e appagato. Mamma mi aveva dato il culo regalandomi vette di piacere mai toccate prima. E sapevo che tanto piacere mi avrebbe ancora regalato….

Questo racconto di è stato letto 8 9 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.