Una fidanzata integerrima

Scritto da , il 2021-10-18, genere tradimenti

In attesa di postare il seguito del mio ultimo racconto inedito, a proposito ringrazio veramente chi lo ha letto ed il giudizio che gli ha tributato, posto un racconto che ho pubblicato altrove tempo addietro.

E' un'altra storia vera e mi fa piacere che quanto racconto di me, sia apprezzato.
Di ritorno dalle vacanze natalizie mi reco ad una delle due banche con cui ho rapporti personali e di lavoro.
Da circa 20 anni, con un socio, ho una piccola azienda nel settore informatico. Siamo in 14 e ne sono orgoglioso. Quella mattina noto che allo sportello c è una nuova responsabile.
Una ragazza che si presenterà poi come Roberta al terzo giorno di lavoro. Contratto part-time di due anni con la speranza di una conversione a tempo indeterminato. 25 anni, molto carina, viso aperto e simpatico, capelli castani, occhi marroni dallo sguardo vivo e ad impreziosire il tutto, due labbra rosso vermiglio naturale e molto carnose.
Ben proporzionata di fisico, 1.65 forse meno, terza abbondante di seno e gambe snelle. Nasce immediata una simpatia reciproca dovuta forse a due caratteri ugualmente aperti ed espansivi. Una mattina sto per entrare nella filiale nello stesso istante in cui esce lei per recarsi al bar adiacente. Colgo l'occasione per offrirle un caffè e chiacchieriamo piacevolmente

Vengo a sapere che è fidanzata da 5 anni e che tra due convolerà a giuste nozze; mi dice che cercheranno un figlio e alla mia domanda se le piacciono le famiglie numerose risponde
"Nasco da una grande famiglia, sono la terza di quattro figli, ma per la mia penso che un figlio sarà sufficiente. Sa, non voglio una famiglia numerosa che poi avremmo difficoltà a far crescere. Vede, il mio fidanzato è un caro ragazzo, ma non ha la minima ambizione professionale. Quindi il nostro futuro sarà sempre quello di due buoni stipendi e nulla più".

Ne parla con un filo di rammarico ed intuisco che questo aspetto la intristisca.
Dopo altri caffè che cementano una simpatia per entrambi evidente, una mattina allo sportello la trovo mogia e rabbuiata.
Terminate le mie operazioni le chiedo se qualcosa non va. Mi ringrazia per l'interessamento e mi racconta che lei e il suo fidanzato hanno passato tutto il weekend a litigare. Succede raramente, ma ne rimane sempre colpita.

Mentre parla leggo sul vetro una comunicazione che informa il pubblico della festa patronale di quel giorno e dell'orario ridotto della banca.
"Vedo che alle 11:30 oggi smontate, non la prenda come un avance , ma mi piacerebbe invitarla a pranzo. Tutto sommato sono al di fuori dei suoi affetti e potrebbe sfogarsi e ricevere consigli imparziali."

Per la prima volta quel giorno, un sorriso, anche un filo malizioso, compare sul suo bel volto. "La ringrazio, è davvero gentile, mi piacerebbe molto, sono tentata, ma credo lei sia un uomo un poco pericoloso"
"Pericoloso io? Le assicuro che mi comporterò da galantuomo"
"Oh non ne dubito, non temo lei, temo me stessa, comunque accetto volentieri il rischio".

La porto in un ristorante molto intimo dove optiamo entrambi per una quiche spinaci, uova, pancetta ridotta al gorgonzola e una tagliata di manzo con olio toscano leggermente piccante. Il tutto innaffiato da un Lugana davvero gradevole. Ci vorrebbe un rosso, ma lei beve solo bianco. Un passito di Pantelleria e il caffè incorniciano due ore davvero piacevoli.

All'inizio lascio che Roberta si sfoghi, una donna ascoltata si apre molto più facilmente in quanto non sempre lo è da chi le sta accanto. Per qualche minuto lo fa, poi di colpo vuole sapere tutto di me. La mia attività, i miei hobbies, i miei gusti.
Si intuisce che le piaccio. In alcuni momenti passa la sua mano sulla mia ed è sempre molto sorridente.
I discorsi diventano sempre più intimi e proprio non si avverte la differenza d'età. Lei è di sicuro più matura dei suoi 25 anni, io credo di essere davvero più giovanile e dinamico in aspetto e carattere dei miei allora 48. Mentre mangia la tagliata, le tocco volutamente il piede. Niente a che vedere con i classici piedini da commedia all'italiana, solo un contatto prolungato.

Noto che smette per un attimo di masticare, poi riprende e non sposta la sua gamba. Sarò io a farlo qualche istante dopo. Dopo aver pagato mi guarda un poco triste e mi chiede.

"Adesso lei dovrà tornare al suo lavoro" Pur riferendosi più volte a me per nome non riesce a darmi del tu anche se gliel'ho chiesto più volte. Questo genera in me un primo sospetto come il fatto che tende a reggere poco il mio sguardo quando la fisso  

"In effetti dovrei, ma penso che anche tu avrai mille impegni".
"Per la verità non oggi, di solito il pomeriggio esco con mamma, l'aiuto in mille piccole commissioni, ma oggi visto che era la festa patronale le ho detto che volevo andare a vedere il mercatino della fiera e quindi sono libera". "Allora cambia tutto, devi sapere che qui vicino ho un piccolo bilocale , lo usiamo spesso per i nostri fornitori, mi farebbe piacere offrirti qualcosa per chiudere questa bellissima giornata"

Mi guarda seria, non riesce a trattenere una leggera increspatura delle labbra, sembra rifletterci sopra poi mi prende la mano "Andiamo, a patto che continui ad essere il galantuomo che è stato finora".

Incrocio le dita baciandole e usciamo. Prendiamo la mia auto e per salire sul mio Suv la gonna tubino elegante che indossa si accorcia di parecchio. Non ci fa minimamente caso ed un paio di volte il mio sguardo non può fare a meno di indugiare su quelle belle gambe esposte. Se se ne accorge, finge di non darlo a vedere. Arriviamo al bilocale, un sottotetto elegante formato da un salottino con mobile bar, hi-fi e tv e una stanza da letto. E' un locale che si scalda subito. 

Si toglie il cappotto e poco dopo la giacchetta guardandosi intorno incuriosita.
Mi fa i complimenti per come è arredato " Caspita ma è bellissimo, un gioiellino"
Le offro un limoncello ghiacciato facendola accomodare sul divano mentre io mi siedo su una delle due poltrone.
Accavalla le gambe, e sia per la gonna a tubino sia per il design del divano, la porzione di gambe esposta è notevole. Questa volta non faccio nulla per nasconderle la mia ammirazione "Roberta sei una ragazza in gamba, molto professionale, sveglia e se mi posso permettere davvero splendida, e aggiungo...che sa di esserlo"

"Davvero pensa di me questo? E cosa pensa ancora di me?"
Nel parlare muove avanti indietro il piede accavallato.
"Credo che tu abbia la bocca più sensuale che io abbia mai visto"
"Mmmh come è galante, detto da un uomo affascinante il suo giudizio mi lusinga"

Appoggio il bicchiere sul tavolino, mi alzo e vado dietro al divano.
"Penso inoltre che tu sia eccitata dalla situazione" nel pronunciare quelle parole le massaggio la schiena, lentamente. Le sfugge un mugolio.
"Mmmm, non faccia cosi, mi aveva promesso di fare il bravo"

Porto le labbra al suo collo e dopo aver scostato il colletto della camicetta la bacio con dolcezza e passione facendole sentire più volte la lingua
"La pre..go, sono fidanzata, mmmm". Lo dice in un modo che tradisce voglia e desiderio
"Ti massaggia così il cornuto Roberta..?"
"Non..lo fa...mai... ma la prego non lo chiami..co...sì.."
"Lo chiamo come voglio.. e scommetto che questo ti eccita.."

Le giro lentamente il viso e la bacio con passione infilandole la lingua in bocca.
Lei tenta di resistere, ma poi dischiude le labbra e risponde al bacio lasciandosi andare
"Ti bacia cosi il tuo fidanzatino che stai per fare cornuto? "
"mmmm che stronzo sei..... no.... hai delle labbra meravigliose"
"Scommetto che se scendessi con le mani tra le tue cosce.. ti troverei fradicia vero?" "La prego.. ti prego ..fermati..."   
E' confusa , ma sempre più smaniosa
La prendo per i capelli e glieli tiro con forza. "Rispondi!" "Ahi mmm hai...ragione....sono fra..di..cia" 
Con le mani vado ai bottoni della camicetta e li slaccio lentamente uno alla volta per farle prendere coscienza di quello che sto facendo.

Dopo i primi 2 o 3 , scosto i lembi della camicetta e vado alle coppe del reggiseno palpandole con forza giocando con i capezzoli che sento attraverso il tessuto.
"Nooo, lì no, lì non res.. resisto..."

Continuo senza proferire parola, bocca e mani avide e continue. Mordicchio i lobi delle orecchie e con le mani le tiro fuori le tette adagiandole sul reggiseno.
"Se vuoi che smetta devi solo chiedermelo troietta.... vuoi che smetta?"
"mmmmh, si ti pre...go mmmh , no no.... scusami tesoro... ti prego non fermarti"

Capisco che quell' intercalare (scusami tesoro) è rivolto al fidanzatino che sta per cornificare e questo mi eccita a dismisura. Muove la testa eccitata e la reclina all'indietro con un lungo mugolio.

Nel fare questo viene a contatto con il mio bacino e trova il mio cazzo duro che sente all'interno dei pantaloni in tasmania.
"mmmm che porco, sei duro, sei... du ..ro perch...è stai per scoparmi..."
Con le mani scendo a slacciare i due ultimi bottoni, arrivo alla cintura della gonna e mentre le strofino volutamente il cazzo sulla sua nuca, la slaccio.

Infilo una mano e vado diritto al perizoma mentre con l'altra continuo a martoriare i suoi capezzoli "mmmm che bello, mi fai morire, ti eccita farti una fidanzatina eh?"
"Non vedo l'ora di aprirti in due puttanella ma prima..." .
Le giro il volto e la bacio di nuovo. Un bacio lungo, intenso, carnale. Due lingue che si intrecciano mentre la mia mano, scostato il perizoma, infila due dita in una fighetta già madida di umori.

"mmmmmh" il suo lungo mugolio mentre mi bacia sa di voglia, totale.
La penetro più volte, prima con due poi con tre dita... prima lentamente poi in modo sincopato per stordirla. "Confessa futura mogliettina, quante volte ti sei fatta la figa per me...?" "Cavolo come fai a saperlo..... mmmmm ti prego togli....le  mi fai morire..."
"Confessa che lo hai fatto anche in banca dopo avermi visto..."
"Che stronzo...mmmmm si porco è vero...due volte... in piedi in bagno come una cagna..."
"Senti che linguaggio la fidanzatina fedele.... volevi il mio cazzo scuro vero puttanella in calore?"

"Mmmmmm pensavo alle tue mani scure ed eleganti e la tua bocca sulle mie tette..... mmm alla sera facevo sesso con il mio..fidan..zato mmm pensando.. fossi.. tu"
"Ho capito subito che sei una troia da montare...dovevo solo aspettare... , stasera voglio ti faccia leccare la figa dal cornuto.." "mmmmmmmmm mmmmmmmmm che porco sei....mi fai morire.... mi stai sottomettendo mmm"

"Da ora se vuoi che io vada avanti, se vuoi il mio cazzo, mi chiamerai quello che sono per te...il tuo SIgnore" "mmm dammelo tesoro, ti prego, fammelo toccare, lo voglio"
"risposta errata Roberta..... confessa chi sei e chi vuoi io sia"

"sei un porco, ma sai come accendere...una donna....voglio il tuo cazzo mio Signore...concedi alla tua sottoposta di toccarlo". Mi stacco da lei, la giro, e con lei appoggiata allo schienale del divano le ordino

"Fuori la lingua.... lecca per bene il mio cazzo da sopra i pantaloni. Devi sentire il suo odore nelle narici" "mmmmmmm si mio Signore....... mi mandi fuori di testa cosi"
"Ora con le labbra abbassa lentamente la lampo.... così ...brava.... e ora succhia troietta"

Sembra che non veda un cazzo da mesi, lo divora, lavora i testicoli, lo lecca, si stacca per poco per poi riassorbirlo subito. Intanto con le mani mi libera dei pantaloni che cadono ai miei piedi e mi pianta le unghie nelle cosce muscolose. La vedo riflessa nello specchio dietro. L'immagine è troppo eccitante, ha un culo fantastico, mi fa venire in pochi minuti. Le inondo la bocca e lei non fa nulla per staccarsi. Tocca a me adesso, giro intorno al divano, le apro con forza le gambe, le scosto il perizoma e incomincio a leccare la figa.

Mi tolgo la camicia, voglio che sia pelle contro pelle. "mmmmh tesoro, che bello, continua ti prego" Stavolta non si rivolge a colui che diverrà suo marito..Le tiro le gambe all'insù, è sempre più esposta, riesco ad andare sempre più in profondità.
"mmmm aveva ragione la mia amica, mmmm "

Vorrei sapere in cosa, ma sentirla eccitata, eccita anche me e continuo. Intanto sento che il mio cazzo sta tornando di marmo, adoro sentire eccitata la mia donna, dedicarle mille attenzioni, Il mio piacere deriva sempre dal suo. Non appena lo sento pronto, mi stacco, lo prendo in mano, lo punto verso la sua figa ed in un colpo solo sono dentro.

Mi metto le sue gambe sulle spalle e comincio a spingere. Con le mani libere vado ai fianchi per aumentare la forza dei colpi. "Guarda come ti sto scopando, puttanella"
Lei reclina all'indietro la testa, ma le prendo i capelli e li tiro verso di me..

"Ho detto guarda!!; guarda il mio cazzo come scorre nella tua figa". Aumento il ritmo, alterno colpi secchi a penetrazioni lunghe. Muovo il bacino per farle sentire la penetrazione in più punti. Sento le sue unghie ovunque, è partita, vinta, domata....
"Mio signore sei proprio un porco, ahhh, mmmh, mmmmh, dio mio non resisto, vengooo"

Nel venire quasi insieme a lei mi stacco e ci avvinghiamo in un bacio dolce e passionale che testimonia il piacere vissuto. Guarda il letto.... capisco che ha ancora voglia....
"Vuoi ancora il mio cazzo ? allora a quel letto ci arrivi a gattoni... su scodinzola verso la camera" Mentre la guardo prendo la cintura dei miei pantaloni e la spingo con colpetti sul culo. Geme in continuazione.

"Cosa intendevi prima riguardo la tua amica Roberta?"
"Mmmmh mi stai facendo diventare la tua sottomessa... la mia migliore amica, mia coetanea, ha una relazione con un uomo di 15 anni più vecchia di lui e mi ha confessato che è tutta un'altra cosa quando lo fa con lui. Beh aveva davvero ragione".

La nostra storia è durata 8 mesi, poi Roberta ha dovuto giustamente pensare al suo matrimonio. Inoltre e questo mi sorprese aveva difficoltà a farsi toccare dal fidanzato, le sembrava di tradirmi. E'stata poi trasferita. Spero sia davvero felice e che ricordi quei mesi come una risorsa nella sua vita. mastermind1755@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 4 8 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.