La casa al mare

Scritto da , il 2021-07-22, genere etero

Organizzarono un incontro nella casa al mare di lui;
si vedevano li una volta l'anno, in tempi insospettabili, e passavano un giorno e una notte interi a soddisfare ogni loro fantasia.
Era fine ottobre, la strada era deserta quando lei raggiunse la casa, nuvole nere minacciavano temporale tutta la notte.
Salì la scala esterna fino alla porta d'ingresso e bussò due volte. Lui aprì "Pensavo non venissi più". Entrarono in casa, il camino era acceso, bevvero un caffè in cucina. Lui si avvicinò per massaggiarle le spalle, lei si rilassò completamente quando lui la baciò sul collo, infilando una mano sotto la sua maglietta, toccandole i seni e giocando con i capezzoli che si indurirono al tocco. Nel giro di pochi minuti si trovavano in camera da letto, il tempo di abbassarsi le mutande e lei l'aveva già preso in bocca facendolo sospirare forte, mentre diventava sempre più duro dentro la sua bocca. L'attesa aveva decisamente aumentato il desiderio, e lui venne copioso e senza annuncio, lasciando colare lo sperma fra le sue labbra e in mezzo alle tette. Si sciacquarono in fretta nel bagno blu e salirono le scale di legno che portavano al secondo piano; fuori la pioggia non accennava a fermarsi. Si infilarono nella seconda camera, ormai completamente nudi, "Non sei ancora venuta, devo rimediare" sussurrò lui con la bocca vicino alla sua passera, lei stava in piedi e gli accarezzava la testa mentre la sua lingua si dimenava freneticamente sul clitoride e dentro la vagina, si bagnò tanto da gocciolare in terra, fu allora che a lui tornò duro e la penetrò, sdraiandola sul letto, da sopra. Lei godeva, senza più alcun ritegno, ma lui la intimava di fare silenzio, allora la girò e la prese da dietro dove lei potè affogare i gemiti nel cuscino. Il piacere la travolse e venne anche lei, infine, mentre lui continuava a possederla. Si sciacquarono di nuovo, questa volta nel bagno verde dove lei indicò la vasca "Potremmo..." disse desiderosa di un bagno caldo. "Ho un'idea migliore" disse lui, la prese per mano e la portò su per delle scale a chiocciola che finivano in un terrazzo con vista panoramica, fortunatamente coperto.
"Fa freddo qui" disse lei coprendosi istintivamente, "Non per molto" la spinse contro il muro e le sfiorò con un dito l'ano, facendolo scorrere su e giù sulla pelle liscia. "Questo non l'abbiamo mai fatto" le sussurrò leccandole un orecchio, lei si eccitò al pensiero di lasciarsi andare a quella nuova esperienza, glielo prese in mano finchè non diventò durissimo poi si mise a terra, in ginocchio e lui dietro di lei, in ginocchio ugualmente. Con le mani lei si aprí le natiche e lui le leccò il buco, infilando un dito e facendola improvvisamente scaldare tutta. Quando fu pronta glielo infilò dentro mentre lei si masturbava e lui l'aiutava, poi vennero ancora ma stavolta insieme,lei si sentí inondata dal suo liquido caldo mentre veniva di nuovo tra le sue mani.
Era passata neanche un'ora da quando si erano rivisti.

Questo racconto di è stato letto 2 2 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.