Un colpo di vento

Scritto da , il 2021-07-17, genere sentimentali

Un colpo di vento...

Avolte, la realtà supera la fantasia!
Qualche giorno fa...

Mi trovo nella mia terrazza a fumare un sigaro, è pomeriggio e fa piuttosto caldo, per fortuna c'è un discreto vento che mitiga l'afa.
Improvvisamente arriva una folata di vento più intensa e con mio grande stupore, arriva sulla mia terrazza qualcosa, sono delle mutandinee inequivocabilmente da donna!
Raccolgo l'indumento un po' sorpreso, guardo verso l'alto e alla mia sinistra, sulla terrazza d'angolo del piano superiore del condominio, c'è una ragazza che mi fa un mezzo sorriso con un po' d'imbarazzo.
Mi rivolgo a lei, mostrando le mutandine.

"Ciao, queste sono arrivate qui, sono tue?".
"Ehm ciao, sì le stavo stendendo, quando è arrivato il vento !".
"Ah ok, ehm te le porto io o le vieni a prendere tu?".
"Ma non disturbarti, passo io.".
"ok.".

Quella ragazza l'avevo già vista qualche volta e dovrebbe essere una nipote di una mia condomina.".
Dopo un minuto, la ragazza si presenta alla mia porta, molto bella, sui trentanni, lunghi capelli castani e dei meravigliosi occhi verdi su un visino angelico!".

"Eccomi, scusami tanto.".
"Ma figurati, accomodati, stavo preparando un caffè, ne prendi una tazza anche tu?".
"Sì grazie volentieri.".
"Qualche volta ci siamo incrociati, quindi tu sei una nipote della Giulia?".
"Sì certo, Erica, piacere.".
"Mauro, piacere.".".
"Sì da qualche tempo mia zia ha problemi di salute e ora nei fine settimana, vengo adarle una mano per le faccende di casa, spesa, ecc.".
"Sì ho saputo di tua zia.".

Erica indossa un prendisole abbastanza corto e quando si è seduta sul divano, si è accorciato di altri dieci centimetri, lasciando molto scoperte delle gambe meravigliose, dalle quali non riesco a staccare gli occhi, ma credo che lei se ne sia accorta!".

"Ma dove abiti Erica? Non ti si vede in giro da queste parti!".
"Io abito a Ferrara, ma tu fumi il sigaro?".
"Sì, non sono un gran fumatore, mi concedo un sigaro al pomeriggio, ti dà fastidio?".
"No no, anzi mi piace il profumo.".

Continuo a fissare i suoi dolci lineamenti e le sue rosee labbra carnose, lei ricambia con dei sorrisi.

"Mauro, ma quanti vinili hai?".
"Eh parecchi, ho una gran passione per la musica, in particolare rock e blues!".
"Ma davvero? Anch'io ascolto spesso musica, ma mi limito alle cuffiette quando passeggio o faccio jogging.".
"Beh allora quando puoi, passi qui per un caffè e ascoltare della buona musica!".
"Sì certo con piacere, ma che brano è questo che stiamo ascoltando, non lo conosco, è stupendo!".
"Certo, il titolo è Shin Kicker di Rory Gallagher ( https://www.youtube.com/watch?v=aFF4VP-EclU ).".

I nostri sguardi si sono incrociati più di una volta, rimanendo poi in silenzio per qualche attimo.

"Ehm Mauro, purtroppo ora devo tornare da mia zia, ho anche delle pentole sui fornelli, magari ci vediamo con più calma.".
"Sì ok, aspetta, le tue mutandine, le stavi lasciando qui, mi sa che si sono affezionate a me!".
"Ehm sì tienile, così avrò la scusa per ritornare o preferisci che te le lanci dalla terrazza?".
"Ok le tengo.".
"Ciao Mauro e grazie del caffè.".
"Ciao Erica.".

Quella dolce ragazza, che avrà ventanni meno di me, mi ha preso in un modo pazzesco.
Credo di piacerle, mi ha lasciato le mutandine, niente male come messaggio e la mia fantasia già galoppa verso il prossimo incontro!

Questo racconto di è stato letto 1 0 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.