Il fidanzato di mia figlia

Scritto da , il 2021-05-06, genere bisex

Sto sistemando un appartamento per il futuro di mia figlia e il suo futuro marito Emanuele si è fatto avanti per darmi una mano a pitturare gli ho fatto vedere cosa fare e Mia figlia e la madre in giro per vedere i mobili a pranzo una sciacquata e lo portato al ristorante pranzo completo vino fresco poi dopo il caffè le bottiglie sul tavolo dei digestivi si è fatto assaggio era bello cotto rosso e balbettava lo preso sottobraccio e diceva che era stato tutto buono e bello e si trovava bene in mia compagnia se la stava facendo sotto lo accompagnato al bagno e tremava non trovava la zip ho aperto le asole sui lati della tuta e lo tirata appena in tempo sbandava e lo tenevo fermo da dietro le chiappe sode e mandolino lisce i pantaloni si erano bagnati cosi li ho sfilati e solo con la maglia lo accompagnato in camera steso sul letto mi ha preso la mano e mi ha detto stai qui non mi sento bene non voglio restare solo e mi ha tirato gli sono caduto sopra mi messo le braccia al collo e guardandomi occhi mezzi chiusi e la voce impastata Sei un bellissimo uomo Salvatore tua figlia parla sempre di te Mi dice ti vorrei come mio padre bello forte e maschio Tu come mi vedi ? posso somigliarti lei dice che sono delicato allunga la mano e mi afferra il cazzo metà eccitato lo accarezza fermo hai bevuto cosa vuoi fare ? mi prende il viso tra le sue mani e la sua bocca e sulla mia infila la lingua cerco di scansarlo ma le sue gambe mi stringono i fianchi e strofina il bacino verso il suo corpo e ci baciamo ci rotoliamo sul letto le mie mani sul culo lo spingo verso di me mi toglie la maglia e apre la patta mi alzo e mi tolgo tutto e ho il cazzone dritto duro lo guarda e esclama hoooooo di stupore mmmmmmmmm enorme si lancia a baciarlo e slinguarlo e succhiarlo tremo lo lascio fare mi abbandono e lui si gira sopra e mi mette il culo sulla faccia e lo apro lo lecco lo mordo infilo la lingua tra le chiappe e insalivo poi le dita infilo e le muovo ansima e mugola si sposta e ho le palle il suo cazzo davanti la faccia e lecco afferro il cazzo e lo sego poi la lingua scivola sul asta su e giù e lo faccio scivolare in bocca e in gola e faccio come lui mi fa al mio poi si sposta e sale sopra inginocchia e con la mano fa entrare il cazzo nel culo e scende e sale e io gli stringo i capezzoli si abbassa e ci baciamo con passione e voglia ansima e mi incita di sfondargli il culo da sotto lo spingo urla come lo sente tutto poi mi trascina di lato e gli vado sopra e lo sbatto a gambe aperte e lo sego mentre lo prendo mi stringe i fianchi e mi dice sono tuo quando hai voglia prendimi fai tutto quello che ti piace mi stai facendo godere tanto sono tuo sono pronto a venire quando vuoi e ho accellerato e lui anche come ho sentito le gambe irrigidirsi ho spinto e urlato stringendolo e baciandolo dentro caldo liquido e lui ha schizzato sul petto Siamo rimasti abbracciati e ansimanti sudati mi ha chiesto vuoi farmi delle domande ? Vuoi sapere ' Chi è stato il primo ' a che età' Avevo 15 anni e una estate alla casa dei miei zii dormivo con mio cugino di 19 anni nello stesso letto una notte era nudo e faceva finta di dormire e girandosi nel letto mi è venuto addosso appoggiando il cazzo sulla schiena e strusciandolo cosi lo preso in mano e sentivo che pulsava e lui ha messo la sua mano sulla mia muovendola in su e giù e poi ha toccato il mio ero in fase di sviluppo accarezzandomi sotto allargato le gambe e venuto sopra e infilato la bestia tra le cosce e si muoveva a me piaceva sentivo dei brividi e tremavo tutta poi mi ha leccato il collo le orecchie e infilato la lingua ma non sapevo baciare e sono rimasto a bocca aperta e lui mi ha fatto vedere come fare con la lingua le sue mani sul culo mi ha tolto lo slip e ha continuato tra le gambe fino a schizzare un schizzo caldo mi colava e sfregando anche io ho goduto sulla mia pancia ,tutte le notti mi ha insegnato a succhiarlo e mi ha scopato dandomelo in tutte le posizioni facendomi godere alla grande in bocca tornati in città non ci siamo visti per un mese un pomeriggio è venuto a casa sono solo lavorano tutti fino a sera e abbiamo fatto sesso in camera mia ero sempre più voglioso il giorno dopo si è presentato con un suo amico e mi ha ordinato di farlo divertire e aveva un super cazzo era un po violento mi sculacciava e mi sbatteva forte tirandomi per i capelli e poi uno sotto io al centro e mio cugino dietro e mi hanno sfondato il culo quando avevano voglia non potevo dire di no la cosa mi eccitava si è trasferito al nord e deciso di chiudere avevo paura per i miei ho conosciuto Paola tua famiglia e ci siamo messi insieme ma la voglia di cazzo mi è rimasta Se vuoi posso lasciarmi Lo baciato e gli ho detto contenta lei cerchiamo di stare attenti quando ho voglia tranquillo che te lo faccio sapere devo trovare il posto ogni giorno il pomeriggio andavo a sistemare la casetta e lui mi faceva impazzire

Questo racconto di è stato letto 6 7 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.