Giocare con culetto e figa 1 (continua)

Scritto da , il 2021-05-02, genere fisting

Eravamo partite tutte e due con una certezza, dovevo darle piacere e volevo che aumentasse fino al parossismo.

Non ero ancora contenta, si, la mia mano ormai era dentro la sua figa fino al polso e lei cercava di aprirsi ancora di più in modo che riuscissi ad affondare sempre più con ogni movimento che facevo.

La volevo fare impazzire, questa volta, toccava a me.

E se avevo una mano immersa nella sua figa a mo di cazzo, con l’altra, lentamente e prima con le dita, iniziai a giocherellare con il suo buchetto scuro.

Lo sentivo palpitare, lo sentivo contrarsi ad ogni passaggio.

Ora lo stavo sfiorando quasi volendole fare del solletico.

Lei come in un nirvana di sensi sospirò leggermente, la sentii fremere, capiva quello che volevo fare. La volevo aprire anche li e allora….

Nonostante avesse la mia mano immersa dentro di lei fino al polso, con uno sforzo unico, dato per vincere le sensazioni che le stavo trasmettendo, tirò su le gambe per aprirsi maggiormente.

Ora era distesa, le sue ginocchia sfioravano il busto e con le mani se le teneva alte.

Era letteralmente oscena, la sua figa depilata era come la bocca di un serpente che mi stava fagocitando fino al polso. I suoi anelli di ornamento spiccavano in tutta la loro bellezza e mostravano i loro lucidi bagliori.

Ma ora toccava ancora a me.

Se avevo una mano chiusa a pugno completamente dentro di lei, ora toccava all’altra, le contraccambiavo il piacere che mi aveva dato prima e…….

Lentamente con un movimento rotatorio iniziai ad inserire le mie dita nel suo culo.

La volevo riempire all’inverosimile e lei mi stava aiutando, voleva essere squartata da me.

Un dito, poi un altro e un altro ancora, sapevo che l’avrei massacrata come lei aveva fatto con me , ma non mi interessava.

Eravamo li, nella penombra di quella stalla, nel caldo soffocante, sulla paglia mista a segatura dove facevamo i nostri bisogni, la nostra vita, gare, allenamenti, piacere notturno per i padroni e piacere dato tra di noi.

Non c’era altro, eravamo diventate come due schiave del sesso perennemente alla ricerca di piacere e di esibizione, quando correvamo nude o bardate trainando il calessino per le gare.

Tre dita nel suo culo, lei mugolò piano. Lentamente, sentii che spingeva. I suoi muscoli dello sfintere mi stavano stritolando le dita, cercava in qualche maniera di contenermi.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 3 3 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.