T-Bar shoes

Scritto da , il 2021-03-23, genere gay

Mary Jane é il mio nome. Sono stato battezzato cosi da una donna che non è mia madre, ma in questo proprio madre ha avuto la parte principale. Forse voleva una femmina, invece sono nato io. Forse non voleva addirittura fare figli, ma del resto negli anni 60 non si andava tanto per il sottile. Per una donna, nata poi in una piccola provincia, ammettere socialmente di non voler essere madre, magari perché lesbica o semplicemente perché non amata, dev'essere stato un disagio assai più grande di oggi. Cosi ha probabilmente fatto quello che poteva, come del resto ho fatto io. Ci si è travestiti. Da donna? Da uomo? Comunque per dissimulare tutto sommato un equivoco. Cosi in quel tardo pomeriggio, nello studio del dottore che avrebbe dovuto esaminare la mia prostata, fui esaminato a un livello più profondo di quanto mi sarei aspettato. Fu una scarpa da donna – una Mary Jane per la precisione - ad aprirmi il panorama sconosciuto del piacere femminile, non per suscitarlo con la mia mortificata presenza fallica, ma per assumermelo come donna che gode, quindi per conoscere “la donna”.
Tre é la forma del mio tormento, e dell'amore che ho saputo suscitare. Sarei tornato più volte nello studio del dottor Guido Visank, e più e più volte avrei aspettato con impazienza che a introdurmi si presentasse la sua segretaria, Bianca Spellman. Ora eccomi qui, davanti alla porta in mogano dello studio, in questa antica ed elegante palazzina del centro storico. Suonai il campanello e subito avvertii un brivido attraversarmi il perineo.
Si presentò il dottor Visank, in accappatoio; evidentemente ero atteso. Le sue gambe erano nude, e i suoi piedi scalzi sul tappeto, quei piedi che avevo baciato pochi giorni prima e che mi eccitavano da morire. Erano nodosi e magri, ma regolari, forti, con le dita perfettamente proporzionate.
«Ciao, entra pure» sorrise.
Stavo per dire “Disturbo?”, ma mi fermai in tempo. Quella cortesia per gli ospiti, così regressiva per me che andavo per i cinquantadue, mi diceva che stavo entrando in una specie di macchina del tempo, tanto da tornare all'infanzia, e provare ancora le sensazioni di quando da bambino entravo in camera dei miei, di notte, dopo aver tentato inutilmente di prendere sonno. Disturbo? Certo, potevo disturbare il sonno, ma sopratutto l'intimità dei miei genitori che qualche volta mi toccava spiare; il più delle volte in maniera non deliberata, giacché erano i suoni a venire da me.
Entrai nella saletta d'attesa e rimasi in piedi, lì, come uno scolaro modello, in attesa del giudizio di un maestro. Portavo pantaloni molto larghi, sandali di pelle, una camicia aperta su una maglietta sblusata.
«Come stai?» disse aprendosi l'accappatoio.
Il suo cazzo era già dritto, e sembrava cercarmi. Poggiando il corpo sui talloni, con i piedi venne sopra i miei; prese ad accarezzarli con i suoi, cosa che mi fece impazzire. Mi abbracciò, poi mi offrì il palmo della mano aperto per poggiare la mia testa e reclinarla, così da ricevere un bacio appassionato, lungo, da una posizione di dolce sottomissione. Guido era più alto di me, più prestante; aveva un bel torace peloso, e un buonissimo profumo di dopobarba.
La sua voce era tonale, ferma, ma con inflessioni che parevano cedere a un sentimento di dolcezza inaspettata. Questa era la voce che, dopo il lungo bacio, mi disse: «vieni». Andammo nella parte dell'appartamento non adibito a studio. Lo strinsi ai fianchi e procedemmo sotto un arco, oltre il quale si apriva un lungo corridoio in ombra.
Aspettavo dicesse qualcosa, ad esempio su Bianca: perchè non c'era? Forse si sarebbe trattato di una sorpresa? La sorpresa fu che quello pensavo fosse un pied-à-terre; era in realtà un appartamento assai vasto, con i soffitti altissimi e decorati. Guido si accorse del mio stupore; guardavo verso l'alto quando mi sollevò la blusa, infilò la mano dentro i pantaloni e cercò il mio segreto. Le gambe mi cedettero dall'eccitazione, così che Guido mi sostenne con un braccio, mentre l'altro mi sollevava le gambe. Mi trovai portato in alto, con le braccia al suo collo. Mi sfilai con l'alluce un sandalo; feci lo stesso con l'altro, e i miei piedi rimasero penzolanti oltre il suo avambraccio. Rise mentre lasciò cadere sui miei occhi i riccioli bianchi; il suo naso sfiorò il mio, la sua bocca sfiorò la mia, la sua anima mi parve toccare un punto morbido ma doloroso di me, perché morbido, perché nudo, perché maschile e femminile insieme, proprio come una bar shoe.
Da bambino le portavo. Le chiamavano scarpe con gli occhi, oppure topoline, o “sandali due occhi”; erano abbinati di solito con calzino a mezzo polpaccio, pantaloncini corti e giacchetta. Chi ha avuto otto anni negli anni 70 e 80 le ha amate, dopo qualche anno solo tollerate, perchè anche in preadolescenza le mamme non vedevano l'ora in primavera di vederle calzate dai propri ragazzi e ragazze. La mentalità pratica di mia madre, segnata da una giovinezza in campagna nel dopoguerra, le considerava adatte a un bambino in crescita: pianta larga, para in gomma a proteggere la suola, facile allaccio con una fibbia, e puntale rinforzato. Quest'ultimo veniva tagliato da mia madre in modo da allungare la vita della scarpa quando al piede sarebbe successo lo stesso, cioè crescere. Andavo in giro con le dita irrimediabilmente oltre la punta, essendo la scarpa ormai troppo corta, ma ancora non così malridotta da essere gettata. Me ne vergognavo moltissimo, ma mia madre sembrava proprio non vederlo, piena com'era della sua inscalfibile ottima ragione: non si butta una scarpa ancora buona solo perchè corta.
«A che pensi?».
Non ebbi cuore di dirgli nulla sugli arabeschi del mio pensiero, di scarpe e di bambini, di Mary Jane e di calzature da donna. Di tutta risposta gli baciai la barba bianca, succhiai la pelle del suo collo e mi strinsi più forte a lui.
«Dove andiamo?».
«È una sorpresa».
Col piede spalancò una grande porta semichiusa, e ci inoltrammo dentro una camera rischiarata da una finestrella appesa a un soffitto a cupola, ma guardando bene vidi che il volume convesso era dato da un'illusione ottica. Solo la finestrella in rilievo era reale, insieme alla luce e alla cornice del soffitto, mentre la convessità era data da travature dipinte verso un punto centrale, tali da far pensare di stare dentro una chiesa. L'occhio caldo del cielo era un'apertura simile a quella del Pantheon a Roma, dal quale era possibile scrutare l'azzurro, e le nuvole che scorrevano dipinte. Dei putti facevano capolino dal bordo; testoline ricciolute ci guardavano, e sorridevano come ad aspettarsi lo spettacolo peccaminoso. Erano innocenti testoline di angeli mai cresciuti, il cui solo ristoro dal loro casto empireo, era forse quello di godere onanisticamente della spettacolo umano, tormento e delizia di una carne di cui erano privi; o forse siamo noi a essere più malauguratamente privi di ali?
Rimasi a bocca aperta sotto quello spettacolo di colore e d'aria, fissando il centro dal quale io venivo visto, nudo e tremante. I testimoni di quanto stava per succedere li avrei ravvisati nelle creature del cielo, non per condannare, ma per unire terra e aria, carne e spirito, umano e divino. C'era in questa pulsione che mi scuoteva qualcosa di trascendente la pura carne? A giudicare dello spettacolo sotto il quale ero esposto, forse sì.
Guido, approfittando del mio stupore, mi colse sulle labbra e affondò in queste la lingua, dandomi un morbido shock, al quale risposi aprendo di più la bocca e chiudendo gli occhi. Immaginai di essere io effetto di un trompe-l'œil, mi sentii cioè un disegno piatto e bidimensionale al quale Guido stava dando profondità con la sua passione. Fui leccato sul naso, sul mento, sulle guance; io risposi inseguendo la sua lingua che mi cercava per baciarmi tutto, fino a che mi sentii gettato su un grande letto a baldacchino, circondato da tendaggi chiari e rischiarato dalla debole luce naturale che non riusciva a illuminare il resto della stanza.
Lasciò cadere l'accappatoio e il suo cazzo apparve come un grosso pennello d'artista che presto avrebbe disegnato i contorni del nostro piacere sul mio corpo. Mi prese i piedi e ne leccò la pianta, dando il tempo a me di rabbrividire e spogliarmi del tutto. Nudo, con i piedi en point stretti dalle sue mani forti, mi accarezzai le cosce magre, glabre, cercando di prendere piacere dal mio corpo per come - misteriosamente a me - sapeva accendere la fiamma della passione di un uomo, restituendomi la carne viva di un affetto d'amore e di fuoco; ecco la tridimensionalità che dicevo, capace solo di essere illusa da grandi artisti, come Mantegna o Tiepolo.
M'ero spesso chiesto se vi fosse in cielo o sulla terra qualcosa che, una volta trovato, potesse essere miccia di un principio di giusta e continua felicità, se non fosse che l'amore, unico principio di felicità che conoscevo, ha l'abitudine di fuggire via come un ladro, lasciando i corpi a provvedere da soli al calore invocato. Ma se l'amore altro non è che un'illusione, non rimane che farsi artisti l'uno per l'altro, in modo da darci la sensazione reciproca di una profondità che non appartiene all'umano, capace quest'ultimo di vedere solo una realtà piatta, mentre l'ebbrezza è farci prendere da una necessaria fantasia che - seppure per poco - ci fa credere di abitare uno spazio a cielo aperto, rimanendo al chiuso di un angusto e chiuso volume. False facciate, falsi angoli, false sembianze d'uomo o di donna: sembrano ingenui stratagemmi per non farsi mai trovare lì dove siamo veramente, ma solo dove vorremmo. In questo caso – pensai - l'apparenza addiverrebbe a vera sostanza.
Guido mi trovò, io trovai lui, e ben sapendo tutto questo senza mai avercelo confessato, ci abbracciammo nudi sotto il cielo. Lo braccai con le gambe e le braccia per stringerlo forte come se fosse in volo, e io una sua semplice appendice, un uomo privo d'ali, privo di tutto: di un nome, di una storia, perfino di un destino. Con il dorso dei piedi accarezzai i suoi polpacci mentre teneva le mie mani bloccate verso la testiera; morse le mie labbra teneramente.
«Ti prego, scopami» gli dissi in un soffio.
«Dillo più forte»
«Scopami»
«Ancora... Più forte! Che lo senta il cielo».
«Scopami» gridai, tanto da fare paura a me stesso a causa dell'eco che risuonò come se veramente fossimo stati dentro una chiesa.
Di tutta risposta mi afferrò le braccia e ci capovolgemmo, lui sotto e io sopra. A cavallo sulla sua pancia, cercai alle mie spalle il suo cazzo, enorme e babelico, pronto a parlare tutte le lingue dell'umana schiatta. Lo afferrai avendo la sensazione di un animale che non voleva farsi domare: voleva dominare, voleva penetrare il mio corpo, voleva fottere. Lo lasciai premere tra le natiche, e misurai così la sua prepotente vigoria, poi mi girai così da averlo davanti al mio viso. Vi sputai sopra, lo bagnai bene leccandolo per tutta l'asta, strinsi lo scroto e lo ingoiai. Cominciai a giocare con le sue palle come fossero state bilie d'acciaio, dure e mobili come ciliege, e altrettanto saporite. Risalii con la lingua il rafe perineale, dall'ano fino al frenulo che toccai con la punta della lingua, ancora e ancora, tanto da udire i lamenti di godimento di Guido; sembravano scaturire da una corda di chitarra tesa allo spasimo, lì dove il suono sta per spezzarsi.
«Dio» sentii invocare.
Giunto al limite ultimo affondai rapido la bocca, e sentii il glande premere in fondo a me stesso, toccare la mia vocalità in un urlo soffocato di godimento. Riemersi, lo scoperchiai, baciai il balano gonfio e rosso, poi mi rituffai come fossi stato un sub in apnea. Riemersi ancora e misurai ansimando la sua lunghezza, strabuzzando gli occhi.
«Dio com'è bello il tuo cazzo» esclamai senza fiato.
«Sei tu ad essere bella» rispose prendendosi la pausa necessaria a parlare, dopo avermi leccato bene il buco.
Ci infilò le dita e godetti a essere aperto, a essere cercato nei miei vuoti interni, tutti da sollecitare, da eccitare, da valorizzare come se il niente fosse tutto, e il tutto niente.
«Girati» disse.
Si mise sopra di me in posizione capovolta e cominciò a scoparmi la gola in una furia selvaggia. Salivai copiosamente, soffocai, presi fiato a strappi. Sentii la mia fica dilatata dalle mani di lui, affogata dalla sua saliva, finché - al massimo della sua potenza – mi fu sopra, sollevò le mie gambe a incudine, e batté il suo martello nel mio buco con un colpo secco che mi tolse l'aria.
«Guido, sì...» esclamai.
Chiuse la mia bocca con la sua, e col peso del corpo affondò senza pietà il cazzo come un vendicatore. Sentivo lo slap del suo pube contro mio culo, e godevo a essere penetrato, a essere domato, a essere supporto per la sua potenza di fuoco. Il suo cazzo mi arrivò così profondamente in pancia che al culmine della spinta sentivo un dolore interno che tendeva a sciogliersi, come se una porta di carne fosse stata divelta, e un pestello stesse riducendo a poltiglia i miei organi interni. Urlai dentro la sua bocca, di godimento e di dolore, ma Guido serrò ancora più forte la sua sulla mia, in un intreccio di labbra e lingue, di saliva vaporizzata e di suoni schiacciati. Le mie gambe dietro di lui si agitavano caoticamente sotto la sua furia, come vele che un vento di tempesta sfibrasse fino a strapparle dall'albero.
Quanto tempo il mio addome ricevette il suo cazzo? Mi sembrò infinito. Chiusi gli occhi come in trance; avvertii solo solo la potenza del mare e i suoi scossoni. Ero diventato un fuscello preda del vento, una carta agitata dalla tempesta in una città deserta. Bramavo solo che Guido mi stringesse fortissimo a lui in modo da non perdere contatto col suo impeto, in modo da essere io l'impeto, in una sola cosa con lui. Al culmine, dopo chissà quanto tempo, sentii Guido gemere, staccarsi dalle mie labbra per urlarmi in faccia qualcosa che non compresi. Mi sentii invaso dentro da un getto di sperma generoso, ma Guido non si fermò se non per ripetere quanto non avevo capito: «Amore... Amore mio». Riaprii gli occhi e strinsi Guido a me, serrando le gambe intorno al suo culo perché non uscisse. Lo volevo dentro, il suo cazzo meraviglioso, per sempre.
Rimanemmo così per un po', stretti, immobili se non per succhiarci la lingua, e assaporare il momento che fugge. Fu allora che mi avvidi degli angeli discesi dall'oculo celeste, fatti dappresso al grande letto a baldacchino, appena dietro le mussole dei tendaggi. La mia mente eccitata vedeva ninfe e satiri, divinità e viandanti; erano uomini e donne che il dott. Visank aveva raccolto a convegno per celebrare il trionfo dell'Illusione.
Bianca Spellman scostò il tendaggio per riparare sul letto dentro al cono di fioca luce. Mi mise due dita in bocca, le succhiai. Guido uscì da me, Bianca leccò la colatura di sperma sia dal suo cazzo che dal mio culo aperto. Calzò ai miei piedi delle Mary Jane rosso fiamma, in tenera pelle di capretto, morbide e sagomate come un guanto. Avevano il tacco quadrato ma piccolo, lungo abbastanza da affusolare il polpaccio e il collo del piede, stretto da una T sottile sotto la caviglia. Bianca allacciò la fibbietta; subito dopo quelle presenze strapparono le mussole, si protesero nel letto e coprirono di baci il mio corpo. Guido in piedi mi tese la mano, i corpi fecero aria intorno a noi, e scesi facendo i primi passi sul pavimento come fossi stata un neonato. Lo ero. Ero appena nato a un nuovo godimento che si era impossessato di me, con un popolo a fare da testimone. Erano uomini e donne nudi, col volto in ombra, ma coi piedi tutti calzati in Mary Jane o T-bar shoes: modello basso per gli uomini, col tacco alto per le donne. Guido e Bianca mi fecero camminare con quelle scarpe da regina, dandomi alla vista di tutti. La sperma di Guido continuava a colare dal mio buco lungo le cosce.
Godetti nell'essere visto da tutti, e agli occhi di tutti essere la troia di tutti. Guido e Bianca avrebbero d'ora innanzi potuto disporre di me a loro capriccio. Questo era il mio piacere, la mia missione, il mio scopo. Non volevo altro che compiacere, dandomi come se non esistesse un domani. Ma il domani esiste?

Questo racconto di è stato letto 1 9 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.