La modella

Scritto da , il 2021-03-04, genere tradimenti

Mi chiamo Giovanni, ho 28 anni e come i miei amici Christian e Michele, sono qui per raccontarvi le mie avventure ne “I racconti della volpe”.
Come detto, mi chiamo Giovanni e faccio il modello. Potreste pensare che la vita di un modello sia facile: qualche foto ogni tanto, qualche spot per la TV e soldi che arrivano senza troppo impegno, ma vi assicuro che non è così. Ogni giorno passo ore e ore in palestra per modellare il mio fisico e devo sempre stare attento alla mia alimentazione: ogni volta che sgarro mi tocca rimediare con sezioni extra di allenamento. Tutti questi sforzi mi hanno, però, permesso di costruirmi un fisico praticamente perfetto, con pettorali di marmo e l’addome scolpito, cosa che mi ha permesso di avere abbastanza successo lavorativo negli ultimi mesi.
Ovviamente vista la mia professione mi è sempre capitato di essere circondato da belle ragazze che partecipavano con me ai vari shooting, ma, nonostante questo ero rimasto sempre fedele alla mia storica ragazza, senza mai cadere in tentazione. Finché un giorno incontrai Bianca.
Ero stato selezionato per una campagna pubblicitaria da una nota azienda di costumi, che mi aveva chiesto di recarmi in una villa poco fuori Milano per uno shooting. Mi avevano detto che avrei collaborato con una modella, una certa Bianca con cui ancora non avevo lavorato. Il giorno del servizio fotografico mi svegliai di buon’ora e arrivai alla villa con qualche minuto d’anticipo, fui accolto dal ragazzo che mi aveva contattato per quella opportunità che mi disse, indicandomi una porta in fondo ad un corridoio: “Stanno ancora allestendo la scena, se vuoi puoi fare un salto di là in cucina, conoscere Bianca e berti qualcosa nell’attesa”
Seguii il suo consiglio e mi recai in cucina. Qui trovai Bianca seduta su una sedia che sorseggiava una tazza di the. Quando entrai si rivolse verso di me e mi sorrise: “Ciao! Io sono Bianca”. Rimasi praticamente senza parole, con la salivazione completamente azzerata come un adolescente che si prende la sua prima sbandata. Bianca era semplicemente stupenda: aveva capelli leggermente mossi che le cadevano poco sotto le spalle di un meraviglioso colore a metà tra il biondo e il rosso, degli incantevoli occhi verdi e carnose labbra rosee che si aprivano in un bellissimo sorriso.
“Ehi ci sei?” aggiunse lei sempre sorridendomi
“S-sì scusa ero sovrappensiero. Sono Giovanni” replicai io, rendendomi conto che dovevo essere stato qualche secondo ad ammirarla intontito
Il suo sorriso si fece ancora più ampio: “Vuoi qualcosa da bere?”
“N-no, quando faccio le foto è meglio se sono leggermente disidratato così i muscoli risaltano meglio” risposi io imbarazzato.
“Andate a cambiarvi, 5 minuti e siamo pronti” irruppe un tecnico in cucina.
Andai a cambiarmi ancora mezzo sbigottito e mi dissi che mi era capitato un sacco di volte di lavorare con ragazze stupende e ero sempre stato professionale, le cose non sarebbero cambiate quel giorno. Come per tranquillizzarmi presi il cellulare e mandai un messaggio alla mia fidanzata: “Arrivato, tutto ok. Ti amo”. Quanto mi sbagliavo. Mi misi il costume che dovevo pubblicizzare e mi recai alla piscina, Bianca non era ancora arrivata.
“Tutto molto semplice” mi disse uno dei fotografi “Prima vi facciamo qualche foto separati, poi vi mettete su quel lettino e ne facciamo qualcuna insieme, poi Bianca si cambia costume e ne facciamo qualcuna in piscina. Chiaro?”
Iniziammo a fare qualche foto e, dentro di me, risi pensando a quanto successo al mio arrivo, decisi che mi sarei scusato con Bianca per essere rimasto imbambolato come un ragazzino e la vicenda si sarebbe chiusa lì. In quel momento, però, ci raggiunse Bianca nel bikini con cui doveva posare e tutti i miei piani furono sconvolti. Bianca era semplicemente perfetta, una seconda coppa D di seno, ventre piatto e un culetto bello sodo e rotondo e il costume sembrava risaltare ancora meglio le sue forme. Incrociò il mio sguardo, mi sorrise e mi fece un cenno con la mano. Le sorrisi anche io con il cuore che batteva a mille.
Terminati gli scatti individuali, ci fecero andare sul lettino dove avremmo dovuto fare quelli di coppia e la situazione si fece ancora più critica. Iniziarono a farci fare scatti con Bianca seduta sulle mie gambe, poi sdraiati affianco e poi mi chiesero di abbracciarla da dietro. Sentivo il suo profumo inebriante mentre la tenevo stretta tra le mie braccia e la sua pelle liscia e calda sotto le mie mani. Non riuscivo a concentrarmi e continuavo a immaginare di baciarle il collo e poi prenderla lì davanti a tutti. Cercai di riprendere il controllo, non potevo continuare con quei pensieri prima che diventassero evidenti a tutti.
“Ok, ultimi scatti, Giova sdraiati di schiena e Bianca mettiti sopra di lui nella posa più sexy che riesci a farmi!” disse uno dei fotografi.
Mi distesi appoggiandomi contro lo schienale del lettino e bianca si mise a quattro zampe sopra di me. Sentivo la sua coscia accarezzare la mia e la sua altra gamba in mezzo alle mie. Appoggiò la mano destra sul mio braccio sinistro e, dopo avermi fatto appoggiare la mano destra sulla sua schiena, adagiò delicatamente la sinistra sul mio pettorale destro. Il mio cuore pompava in maniera forsennata. Poi mi fece un sorriso, aprì leggermente la bocca e si inclinò in avanti verso di me. Piegò leggermente la testa e si avvicinò sempre più. Le nostre labbra arrivarono quasi a sfiorarsi, sentivo il suo respiro caldo sul mio viso, mentre con la mano sinistra iniziò a farmi dei delicati grattini al petto. Mi stava facendo impazzire, avrei voluto afferrarla, baciarla e farla mia. Stavo veramente perdendo il controllo.
“STOOOOOOOOOOP!” urlò il regista “Direi che per questa scena abbiamo abbastanza scatti”. “Poi non possiamo continuare a fotografare Giova in quelle condizioni” aggiunse ridendo e facendo un cenno con il capo verso di me.
Aveva ragione, l’ultima sessione con Bianca mi aveva stimolato veramente troppo e ora un’erezione, ormai impossibile da nascondere, mi tirava il costume cercando di liberarsi. Bianca si scostò da me, sempre con il suo meraviglioso sorriso. “S-scusami” balbettai io “Non mi era mai successa una cosa così”
“Tranquillo, ora cerca di calmarlo che vado a cambiarmi per la seconda parte” rise lei facendomi l’occhiolino.
Mi feci spiegare dal regista come doveva essere la seconda scena e andai a sedermi sul bordo della piscina dove avremmo dovuto scattare le foto. L’erezione mi si era finalmente placata. Dopo poco arrivò Bianca in un costume intero nero che metteva in risalto le sue forme, si calò in piscina e iniziammo il servizio. Queste foto dovevano essere con uno spirito più giocoso delle precedenti, con Bianca che mi schizzava con l’acqua come per farmi un dispetto e mantenere il self control fu molto più semplice.
“Bene abbiamo finito” disse il regista “Siccome l’azienda ci tiene molto alla fidelizzazione con i modelli, vi lascia la villa a disposizione fino a stasera e lì avete un piccolo buffet se volete mangiarvi e bere qualcosa, noi sbaracchiamo”
“Io devo scappare” dissi, per evitare l’imbarazzo di restare solo con Bianca, ma non ne ero per niente convinto.
“Dai resta almeno per un brindisi” disse Bianca, prese una magnum di champagne e due bicchieri e mise su della musica.
“Ok, ma solo un bicchiere” risposi e rientrammo entrambi in piscina.
Al primo bicchiere ne seguì un altro, poi un altro e così via finché rimanemmo solo io e Bianca che, belli brilli, iniziammo a ballare in piscina. Bianca si avvicinò sempre più, mi buttò le braccia oltre al collo, mi sorrise, aprì leggermente la bocca e ci baciammo. Fu un bacio intenso, passionale con le nostre lingue che guizzavano l’una dentro la bocca dell’altro.
Mi scostai bruscamente: “Scusa, non posso, sono impegnato”
Mi sorrise: “Ok, dai allora andiamo”. Uscì dalla piscina.
Ero sconvolto dai dubbi, veramente dovevo perdere quella opportunità e rimanere fedele alla mia ragazza? Andai verso il bar per riporre i bicchieri rimuginando sulle mie scelte quando Bianca mi chiese: “I costumi ci hanno detto di lasciarli qua vero?”
“Sì” risposi io senza voltarmi senza di lei.
“Ok, va beh allora è stato un piacere, mi preparo e vado” rispose.
Mi voltai e mi trovai di fronte ad una visione che mi tolse il fiato: Bianca era rivolta verso di me e, completamente nuda, mi sorrideva. Il suo costume gettato sul lettino di fianco a lei. Era semplicemente perfetta.
“Aspetta” le dissi “Devo lasciare anche io il mio costume”. Mi avvicinai a lei, tolsi il costume liberando la mia erezione e lo gettai sul lettino.
Calò il silenzio per qualche istante. Poi Bianca mi afferrò il membro e mi tirò verso di sé dicendomi “Baciami”
Le misi una mano sul fianco e una sulla guancia, lei me ne mise una sul petto, mentre con l’altra mi massaggiava lentamente il cazzo. Ci guardammo intensamente e ci baciammo in maniera passionale, le nostre lingue avvinghiate l’una all’altra. Continuammo a baciarci per qualche istante poi Bianca si scostò e si inginocchiò davanti a me. Prese a leccarmi delicatamente la cappella, solleticandomi il frenulo e poi se la mise in bocca. Iniziò a succhiarmelo lentamente mentre, mettendole una mano sulla nuca, assecondavo i suoi movimenti. Pian piano prese a muoversi sempre più velocemente, continuando ad accarezzarmelo con la lingua mentre faceva su e giù. Era da tanto, troppo tempo che la mia ragazza non mi faceva un pompino di quel livello.
Speravo non si sarebbe mai fermata, ma, a un certo punto, si staccò e si rialzò, sempre segandomi lentamente. Mi guardò negli occhi, mi sorrise e disse: “Voglio sentirti dentro di me”. Alzò una gamba lungo il mio fianco e si fece penetrare stando in piedi su una gamba sola. Le misi le mani sul culetto per aiutarla a stare in equilibrio e iniziai a muovere i fianchi avanti e indietro. La sua figa era incredibilmente calda attorno a me e mi faceva godere ogni istante dentro di lei.
La sollevai e la adagiai sul lettino, lei piegò le gambe appoggiandomi i piedi sulle spalle e continuai a penetrarla, muovendomi su e giù sopra di lei, mentre ci guardavamo negli occhi. Mi mise le mani sulle guance e mi attirò a sé per baciarla, mentre continuavo a muovere i fianchi, completamente rapito da lei. Le nostre bocche si allontanarono e mi sussurrò: “Voglio cavalcarti”.
Mi sdraiai a pancia in su sul lettino, lei si mise sopra di me e iniziò a muoversi su e giù, mentre la tenevo per il suo bel culetto sodo. Non si muoveva con foga, ma con dei movimenti sensuali e sinuosi che rendevano il tutto molto eccitante. La guardavo andare su e giù sopra di me nella sua perfezione, il suo seno ondeggiava con grazia assecondando i suoi movimenti. Prese sempre più ritmo e iniziò a gemere sempre più forte e con più frequenza. Si distese sempre più e i nostri corpi erano sempre più avvinghiati e rapiti dal piacere.
“Voglio che mi prendi da dietro” mi bisbigliò ad un orecchio. Mi svincolai da quel meraviglioso abbraccio, ci baciammo con passione e passai dietro di lei.
La penetrai da dietro tenendole le mani sul culetto e iniziai a muovere i fianchi, prima con dolcezza e poi sempre più velocemente. Ogni rimorso per il tradimento era offuscato dal piacere che stavo provando. Gemevamo entrambi di passione, sempre più forte e mi muovevo con sempre più foga, sentivo di starmi avvicinando al limite.
“V-voglio che v-veniamo insieme” balbettò lei tra un mugugno e l’altro
“O-ok proviamoci” risposi.
Continuai a muovermi con sempre più vigore, non sarei riuscito ad andare avanti a lungo.
“C-ci sono quasi” ansimai
“A-anche io” replicò
Diedi ancora qualche affondo dentro di lei e poi sentii che ero sempre più vicino al limite. Diedi qualche ultimo colpo e poi, all’unisono urlammo:
“VENGOOOO”
I nostri corpi scossi simultaneamente da un’ondata di piacere, mentre venivo dentro di lei. Cademmo esausti sul lettino e rimanemmo lì a coccolarci e baciarci ancora a lungo.
Quando si stava facendo sera andammo a cambiarci e, prima di risalire sulle nostre macchine, ci baciammo nuovamente con passione.
Una volta seduto in macchina tirai fuori il cellulare e trovai la risposta della mia ragazza al mio messaggio mattutino: “Divertiti! Ci vediamo stasera, ti amo tanto”. In quel momento mi sentii veramente una merda.
Con la mia ragazza la storia non durò a lungo, qualcosa si era rotto quel giorno. Bianca, purtroppo, non la rividi più.


I racconti della volpe – Episodio 4
Giovanni – Episodio 1
Bianca – Episodio 1

Questo racconto di è stato letto 4 8 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.