Io e Jason

Scritto da , il 2021-02-23, genere incesti

Sono passati anni ormai, ma la scoperta dell'erotismo rimane uno dei meravigliosi ricordi della mia adolescenza. Ho quasi cinquant'anni ma quando l'immaginario mi riporta a quelle esperienze mi sciolgo come una ragazzina.
Io e mio fratello Jason siamo cresciuti insieme, insieme abbiamo scoperto il mondo ed ancora oggi sappiamo di poter contare incondizionatamente l'uno sull'altro
I nostri genitori, pur profondamente cattolici, hanno saputo lasciarci liberi di scoprire il mondo senza pregiudizi, alla luce dei profondi valori di base che ci hanno instillato.
Il pudore bigotto lo abbiamo scoperto tardi, iniziando a frequentare la scuola, le attività sportive, gli scout e altre occasioni di socializzazione. Fino ad allora la nudità non creava ne imbarazzo ne particolare interesse. Devo ammettere cha ancora oggi io e Jas facciamo fatica a capire certe dinamiche e spesso ci facciamo risate a non finire su questi argomenti. Talvolta ci capitava di scorgere nudi anche i nostri genitori ma la cosa passava inosservata tanto ci pareva naturale.
Guardavamo i nostri corpi crescere e svilupparsi con un interesse sempre crescente ed una piacevole attenzione reciproca. Piano piano volevamo sapere sempre di più e decifrare i languori che nascevano dentro di noi, senza nessuna fretta. All'epoca il sesso era una scoperta che avveniva gradualmente, più tardi di quanto avvenga ora e forse con più rispetto reciproco. Non si finiva a letto a quindici anni con il primo sconosciuto solo per sentirsi grandi e la verginità era considerata ancora un valore.
Un giorno, mentre aiutavamo mamma a rassettare casa, scorsi mio fratello raccogliere da terra un paio delle mie mutandine e furtivamente annusare estasiato la piccola ombra lasciata dalla mia passerina, toccandosi la patta dei pantaloncini che indossava. Notai che sotto i boxer il suo passerotto, così da sempre alludevamo al suo sesso, si era notevolmente ingrossato.
Avevo già notato altre volte questo repentino rigonfiamento, ma non gli avevo mai dato peso e soprattutto non lo avevo mai ricollegato a qualcosa che mi riguardasse.
La novità mi incuriosì, infilai la mano a raccogliere il profumo della mia passerina per immaginare cosa aveva sentito il mio fratellino.
Mi accorsi che per la sorpresa era molto bagnata e sensibile al minimo sfioramento. Fino a quel momento avevo pensato che servisse solo per fare pipì e tutte le spiegazioni su come nascono i bambini, sui maschietti che infilerebbero il loro coso li dentro eccetera eccetera le avevo trovate semplicemente noiose e ridicole. Oltre a queste spiegazioni la mamma mi aveva insegnato a tenerla sempre pulita, soprattutto dopo le prime mestruazioni. Avvertivo da tempo che stava succedendo qualcosa di speciale e che c'erano ancora tante tante cose da scoprire.
Annusai le mie dita e un fremito mi attraversò il ventre. Capii istintivamente cosa aveva provato mio fratello a una strana curiosità frullò nella mia testolina.
Il mattino dopo giravo svogliatamente per casa e passando dalla camera del mio fratellino, controllai con finta distrazione che tutti fossero occupati. Raccolsi furtivamente da terra i suoi boxer nascondendoli nel mio pigiamino e sgattaiolai veloce in camera mia.
Tirai fuori le mutande di Jas. Mi incuriosì il leggero alone sul davanti e vi affondai il nasino per scoprire quello che mio fratello aveva voluto scoprire di me. L'odore mi colpì inaspettatamente, sprofondandomi in un'ebbrezza sensuale che quasi mi paralizzò, con le gambe che si stringevano convulsamente sulla passerina e il respiro che si inebriava di profumi mai sentiti prima.
Il cuore correva all'impazzata e ne rimasi piacevolmente turbata. In casa c’era troppo movimento e decisi di rimandare tutto a più tardi, quando sarei andata a dormire.
La sera i miei genitori avevano un invito a casa di amici e come molte altre volte mia madre lasciò qualcosa di pronto per cena, raccomandandosi con noi di non fare tardi.
Con mio fratello in casa mi sentivo al sicuro. Fin da piccolo era stato molto protettivo nei miei confronti ed eravamo spiritosamente gelosi dei nostri primi innocenti fidanzatini, dei quali ci raccontavamo tutto.
Mangiammo in un'atmosfera rilassata. Poi, come mille altre volte, decidemmo di guardare un film. Quella sera toccava a lui decidere cosa guardare ed io mi rassegnai a sopportare uno dei soliti film di azione che trovavo insensati.
Ci sistemammo nel salotto della tv come facevamo da sempre, lui dritto davanti alla tv con le gambe allungate sulla penisola ed io di traverso sul divano con la testa appoggiata sulla sua pancia.
I turbamenti della giornata li avevo dimenticati e percepivo una certa agitazione in mio fratello che non riusciva a rilassarsi..
Il film mi stava veramente annoiando e piano piano mi assopii, con la mano di mio fratello che come molte altre volte massaggiava delicatamente la mia spalla ed il fianco. Stavo lentamente scivolando in un sonno profondo quando percepii che si stava muovendo, forse cercando una posizione più comoda.
Socchiusi gli occhi assonnati e mi accorsi che si era infilato una mano nei pantaloncini. Si stava massaggiando il passerotto, mentre con l'altra mano sfiorava delicatamente il mio fianco fino ad accarezzare il culetto.
Richiusi gli occhi e sorrisi compiaciuta. Non erano le solite carezze affettuose ed ero curiosa di vedere cosa sarebbe accaduto. Con la certezza che mio fratello non mi avrebbe mai e poi mai fatto qualcosa di male capii che fingere di dormire faceva parte del gioco e mi rilassai completamente.
Lo sentii irrigidirsi, sollevare i fianchi e alleggerendo la testa assecondai il suo movimento. Poco dopo percepii distintamente il profumo, l'afrore che avevo sentito nelle sue mutandine e lo stesso brivido provato oggi, mi attraversò dalla testa fino al ventre.
Socchiudendo gli occhi vidi che si era abbassato del tutto i pantaloncini e avevo davanti al mio viso il suo coso dritto, turgido e deliziosamente invitante. Rimasi incantata a sbirciare. Non lo avevo mai visto così da vicino e potevo coglierne tutti i particolari mentre lui scorreva lentamente la mano su e giù distendendo la pelle e accompagnandosi con un lieve movimento del bacino.
Richiusi a malincuore gli occhi per paura di rovinare tutto e mentre sentivo la mia testa salire e scendere agli spasmi trattenuti di mio fratello, avvertii qualcosa di grosso liscio e caldo che stava sfiorando le mie labbra lasciando una traccia scivolosa che rendeva il movimento ancora più sensuale.
La curiosità fu irresistibile e tra le palpebre socchiuse vidi che il mio fratellone con la mano guidava il suo paserotto su e giù facendone scivolare la punta lungo le mie labbra mugolando di piacere. Sapevo di essere io la prima a dargli questo sconosciuto piacere e ne fui felice e orgogliosa.
D'un tratto si fermò. Sentivo il suo coso pulsare di gioia contro la mia bocca ed un desiderio irrefrenabile di averlo in bocca e sentirne il sapore non mi fece percepire subito i piccoli colpetti che mi stava dando al centro delle labbra, chiedendo di entrare.
Dovetti frenare l'entusiasmo per non farmi scoprire sveglia. Mi sforzai di rimanere rilassata mentre lui appoggiandomi delicatamente due dita sul mento lo abbassò facendo scivolare il suo prepuzio ad incontrare la mia linguetta curiosa.
Le mie labbra si schiusero accogliendolo, scivolando sulla sua nodosità al culmine di un'eccitazione che faticavo a controllare. La mia lingua scorreva attentamente sul grosso prepuzio liscio, aiutata dal liquido che continuava a sgorgare incontrollato regalandomi sensazioni fantastiche. Volevo sentire quel sapore, lo volevo più intenso e mi scoprii a desiderare di avere la bocca inondata da quello che sapevo essere il suo seme.
Iniziò muovendo piano piano il bacino a spingere e ritrarre il suo bell'uccellone dalla mia bocca e questo mi permise di esplorarlo tutto con la lingua, a tratti forzando leggermente il buchino sulla punta, cosa che mi resi conto lo faceva impazzire.
Fortunatamente nella frenesia non si accorgeva che, pur controllandomi, era evidente che non stavo dormendo. Meglio così. Erano gli inizi anche per lui e probabilmente se avesse percepito che ero sveglia, avrebbe smesso immediatamente vergognandosi. Non volevo assolutamente che ciò accadesse.
Il ritmo aumentò lentamente mentre il mio fratellino stava perdendo il controllo e non si rendeva forse conto che mugolava come un gattino. Avanti e indietro senza mai tirarlo fuori del tutto, mentre io continuavo ad assaporare senza immaginare come sarebbe andata e desiderando che non finisse più. Realizzai con sorpresa che la mia passerina era bagnatissima, e non era pipì, mentre mio fratello con la sua mano libera era ormai entrato sotto il mio pigiamino e toccava voluttuosamente il mio culetto regalandomi sensazioni sconosciute che mi ripromisi di indagare in seguito.
D'un tratto, con alcuni movimenti decisi sentii spingere a fondo il suo passerottone mentre il suo corpo si irrigidiva in uno spasmo convulso, un gemito strozzato. Lo accolsi più che potevo nella bocca mentre improvvisamente un fiotto di delizioso sperma sgorgò dal suo membro, seguito da altri schizzi con un ritmo via via più rilassato. In un attimo mi riempì la bocca come avevo sognato mandandomi in visibilio. Non sapevo esattamente che fare e iniziai piano piano a deglutire, desiderando ingoiare tutto golosamente. Questo fece si che il ritmo, che si stava affievolendo, riprese con nuovo vigore. Ne fui felice, capii che questa era una cosa deliziosa anche per lui.
A poco a poco ci rilassammo e riuscii a riprendere il controllo continuando a fingere di dormire come un angioletto. Non ero così sicura della mia recita, ma non credo che il mio fratellino sarebbe stato in grado di accorgersi di qualcosa, preso com'era dalla situazione.
Mentre si ricomponeva stando attento a muoversi con la massima delicatezza, sbirciai di soppiatto e sorrisi vedendo come era preoccupato di fare sparire ogni traccia dell'accaduto.
Il film teminò e Jas mi svegliò dolcemente come sempre. Mi accarezzò ancora un poco chiedendomi se avevo bisogno di qualcosa. Ci alzammo, ci augurammo la buonanotte e d’istinto gli saltai al collo dandogli un lungo bacio sulla guancia. Sorridendo si allontanò verso la sua camera. Mi addormentai convinta di avere scoperto cos'era il sesso, senza immaginare che questo era solo l'inizio di una storia fantastica.
Mirja

Questo racconto di è stato letto 3 2 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.