Silvia e Pietro fidanzatini 6

Scritto da , il 2021-02-22, genere tradimenti

Uscimmo dal locale, non serviva dirci dove eravamo diretti. Io e Pietro salimmo sulla macchina, Vittorio salì sul suo motorino, fu strano uscire dal locale mentre tutte e due mi tenevano le mani dietro la schiena, chiunque ci avesse visto avrebbe pensato che ero stata rimorchiata da questi due ragazzi, l’idea di passare per una puttanella mi eccitava.
In macchina si notava quanto Pietro fosse eccitato, seduto il suo pacco era ancora più evidente.
Quando arriviamo Vittorio aspettava nel parcheggio, ci fermammo a parlare nel giardinetto, ci sedemmo sulle sdraio della piscina, si sentiva l’alcol, non smettevamo di ridere e scherzare.
Oramai sembravamo vecchi amici, e ogni tabù, forse avvantaggiati dalla poca luce del giardino erano caduti, io ero seduta su una sdraio, Vittorio seduto vicino a me mentre Pietro si era seduto di fronte, Vittorio ridendo e parlando ogni tanto accarezzava la mia schiena, poi mi disse “sei proprio uscita senza mutandine quindi?” Io risi,
io: “in verità no, le ho levate nel bagno”
Mentre diceva queste parole le sue mani che erano poggiate sulla mia schiena iniziarono a scivolare lentamente su tutto il solco della mia schiena, arrivando fino alle mie natiche, quel gesto è così inaspettato mi procurò un brivido su tutto il corpo.
Vittorio guardò Pietro “non ti dispiace vero?” Pietro disse per lui l’importante è che stava bene me.
È intraprendente e di certo io non l’avrei fermato.
Io: “che facciamo restiamo qui, ci facciamo un bagno?”
Vittorio: “stasera non si può, però domani avrete tutta la struttura per voi. Domani vanno via anche gli altri, andranno via di mattina presto”
Io: “e quindi cosa si fa?” Lo dissi guardando Pietro negli occhi, volevo essere sicura che lui volesse andare avanti.
Invece fu Pietro a proporre di andare in camera, disse “così possiamo continuare tranquillamente a parlare”, lo disse mentre si alzava in piedi, come se aspettasse che qualcuno prendesse l’iniziativa, ci alzammo anche io e Vittorio.
Entrammo dentro, Vittorio da bravo padrone di casa ci fece andare avanti, iniziammo a salire le scale, Pietro era vicino, mi teneva un braccio cingendo e la mia vita, mentre salivamo Vittorio era dietro di noi, salivamo lentamente, l’effetto dell’alcol si faceva sentire, a metà scale Pietro si voltò verso di me e mi diede un bacio, lo ricambiai, era forse un modo per confermare che tutte e due eravamo d’accordo. Ad un tratto sentì il suo braccio risalire trascinando con sé il mio vestito, lasciando così il mio sedere alla vista di Vittorio.
Arrivammo alla stanza, avevo percorso metà scale e tutto il corridoio con il culo di fuori, mentre camminavo immaginavo gli occhi di Vittorio sul mio culo e la cosa mi eccitava ancora di più, in verità non sapevo cosa mi sarebbe aspettato, forse non sapevo nemmeno cosa volevo fare.

Lo so, mi domanderete “come”? Ma tutto quel tempo che avevo trascorso a casa a stuzzicare Pietro non avevo mai preso in considerazione realmente cosa poi avrei fatto in questa situazione.
Quando Pietro infilò la chiave magnetica dentro la porta Vittorio mi si avvicinò da dietro e posò in maniera un po’ rude la sua mano sul mio culo, fece scivolare la sua mano su entrambe le natiche per poi infilare un dito nel solco e spingere quel poco che bastò per arrivare quasi al mio buco del sedere.
Questo gesto mi portò ancora di più nella realtà ed era esattamente ciò che volevo, anche Pietro era stato chiaro, anzi in realtà lui era stato molto più chiaro con me, era ciò che voleva, ed in questo momento era ciò che volevo anche io.
Entrati dentro la stanza fu come se tutta la magia si interrompesse, tutta la spavalderia dei ragazzi andò in frantumi, in realtà non sapevano cosa dovevano fare, aprii il balconcino, Vittorio e Pietro si sedettero sulle sedie fuori, io appoggiai la schiena alla ringhiera.
Li guardavo parlare tranquillamente, anche se in quella stanza non eravamo venuti per parlare, ad un certo punto Pietro disse ci vorrebbe qualcosa da bere, Vittorio lo guardò e disse hai ragione si alzò e scomparve per pochi minuti ripresentandosi dopo poco con una bottiglia di limoncello, nel durante io e Pietro non ci scambiammo una parola.
Non avevamo bicchieri così bevemmo passandoci la bottiglia da vicino, se prima l’alcol mi aveva dato alla testa ora era completamente partita.
C’era molto imbarazzo tra di noi, non sapevamo come fare ciò che eravamo venuti a fare.
Fui io a prendere l’iniziativa, dissi ai ragazzi che volevo andare a fare una doccia, feci due passi mi trovai così proprio al centro delle loro sedie, alzai le braccia, afferrai i laccetti del vestito, sciolsi i fiocchetti che lo mantenevano su lasciando cadere il vestito ai miei piedi, restando così completamente nuda davanti a loro, li guardai entrambi sorridendogli, poi ancheggiando più di quanto non faccia normalmente mi diressi in bagno.
Aprii la doccia, non sapevo esattamente cosa volevo fare, accesi l’acqua e la feci scorrere sulla mia schiena, cercando di schiarirmi le idee, passando una mano sul mio corpo mi scoprì eccitata, forse non ero io a dover decidere cosa fare, in quel momento capì che il mio corpo aveva deciso.
Uscì dal bagno completamente nuda e bagnata, i miei capelli ancora gocciolavano raccolti sulla mia spalla, camminai a piedi nudi lasciando le impronte di acqua, mi presentai da loro così, Pietro in mano la bottiglia di limoncello, la afferrai e ne fece un lungo sorso. Quando finì vidi i loro occhi puntati sul mio corpo, porsi la bottiglia a Pietro, guardai Vittorio, “ti piaccio?” Vittoria mi guardò sorridendo e mi disse “sei una fica”.
Feci due passi, ero in piedi davanti ha un quasi totale sconosciuto completamente nuda insieme al mio ragazzo, mi pregherai a 90° mettendo così praticamente la mia fica e il mio culo davanti alla faccia del mio ragazzo, appoggiai le mani sulle ginocchia di Vittorio, mi avvicinai al suo volto e lo baciai. Senti le mani di Pietro sul mio culo, non so se capii che avevo appena baciato un altro ragazzo davanti a lui, ma la cosa mi eccitava tantissimo, scesi con le mani sulla sua camicia slacciando volta per volta i bottoni lasciandolo alla fine a torso nudo, mi girai verso Pietro, e gli dissi: “tutto bene?” Per tutta risposta Pietro mi mise un dito dritto dentro la fica, riuscivo a sentire le sue nocche, mi trovò completamente bagnata il suo dito non ebbe nessuna difficoltà ad entrare dentro di me.
Il messaggio era stato ricevuto forte e chiaro, Pietro se fosse stato mai possibile era più eccitato di me, ma volevo portarlo ad esplodere, presi Vittorio per mano e lo feci alzare, lo misi proprio davanti al mio ragazzo di lato così che potesse avere un’ottima visuale, io mi misi davanti a Vittorio, gli slacciati prima la cintura e poi il bottone del pantalone, rimase solo in boxer.
Dal boxer si vedeva che era tremendamente eccitato non solo si vedeva il suo cazzo bello duro, ma anche una macchia di bagnato proprio sulla punta.
Guarda Pietro gli dissi: “hai visto che effetto che gli faccio? Cosa vuoi che gli faccia?” Pietro come al solito forse anche un po’ vigliaccamente a questo punto, mi disse “fai ciò che ti senti”, io lo guardai, “no, voglio che mi dici esattamente cosa vuoi che io faccia” Pietro non aveva il coraggio di dirmi cosa voleva, e così “che dici gli faccio un’altra sega, o vuoi che gli faccia un pompino?” Pietro mi guardava, non aveva il coraggio di dirmi ciò che voleva “non ti sembra un po’ poco fagli solo una sega?” Non aspettai la sua risposta, mi inginocchiai davanti a Pietro, quando abbassai i boxer il cazzo schizzo fuori come una molla, era la prima volta che lo vedevo così da vicino e devo dire che la mia prima impressione non era affatto sbagliata, questo ragazzo aveva veramente un bel cazzo. Ero in ginocchio, nuda, davanti a Pietro, e tra di noi ci stava un ragazzo nudo di traverso tra di noi, guardai Pietro, nei suoi occhi una luce di eccitazione.
Avevo il cazzo di Vittorio a pochi centimetri dalla faccia e il fatto che il mio ragazzo fosse seduto davanti mi eccitava ancora di più, afferrai il cazzo di Vittorio mentre con l’altra mano mi reggevo vicino alla sua coscia, inizia a leccarglielo di lato, dal pube fino alla cappella rivolta verso Pietro, volevo che guardasse la sua ragazza mentre leccava il cazzo di un altro ragazzo. Vedevo gli occhi di Pietro puntati sulla mia bocca dei suoi occhi si vedeva la voglia che aveva, Stava impazzendo e io questo volevo.
Guardai Pietro, “voglio sentirti dire che vuoi che lo metta in bocca” glielo chiesi con le labbra appoggiate al cazzo di Vittorio.
Pietro era come intontito, eccitato, ma io insistetti
Pietro:” fagli un pompino” lo disse a bassa voce, ed io ero in modalità super stronza,
Io:” cosa? Non ti ho sentito”
Pietro: “fagli un pompino” lo disse con un tono più deciso
Io: “vuoi che io faccia un pompino ad un altro? E per chi mi hai preso?”
Ecco che finalmente Pietro si diede una smossa,
Pietro: “succhiagli il cazzo troietta che non sei altro”
Mi venne da ridere, “come vuoi”
Alzai per un istante lo sguardo verso Vittorio per poi tuffarmi sul suo cazzo.
Lo imboccai tutto, volevo che si ricordasse per tutto il resto della sua vita di questo pompino, volevo che non ricordasse la pazzia del momento, ma il pompino migliore della sua vita.
Più andavo avanti e più foga ci mettevo, succhiavo quel fantastico palo di carne roteavo la lingua attorno alla cappella, dai suoi gemiti si capiva che gli piaceva quello che gli stavo facendo.
Allungai una mano verso Pietro, gli afferrai una mano e lo tirai, Pietro si spostò leggermente dalla sedia, gli presi la mano e me la misi dietro la nuca, volevo che desse il ritmo del pompino, volevo che lui in un certo qual modo partecipasse.
Pietro mi spingeva la nuca sempre più forte, non solo più veloce, voleva proprio che gli prendessi tutto il cazzo in bocca, il che mi causò anche qualche problema di respirazione, tanto che ad un certo punto non ce la feci, avevo tutta saliva che mi scendeva sui seni, mi dovetti staccare da Vittorio.
Io: “vedi com’è bravo il mio ragazzo? Vuole proprio che ti faccia godere.”
Poi guardai Pietro,
Io: “ti eccita vedermi?”
Pietro: “da morire”
Io: “bene e allora tiratelo fuori fatti una sega. Stasera sono occupata con lui”
Pietro si alzò e si spogliò completamente, poi si sedette e lo vidi afferrarsi il cazzo ed iniziare a segarsi.
Io continuai a fare un pompino a Vittorio il quale devo dire dimostrava un’ottima resistenza, rallentai la foga, non volevo che venisse, poi rivolgendomi a Pietro
Io: “dimmi quando stai per venire”
Pietro non disse nulla, o forse non lo ascoltai, ma ero troppo presa a mostrargli cosa sapevo fare.
Tenevo il cazzo di Vittorio in mano e nel modo più osceno gli leccavo tutta l’asta mostrando più che potevo la mia lingua, poi la roteavo sulla cappella per poi rinfilarlo in bocca.
Più che un pompino era uno spettacolo, volevo che Pietro venisse, e non ci volle molto, dopo poco sentii Pietro dire “sto per venire”, con un gesto veloce mi girai giusto in tempo per infilarmi il suo cazzo in bocca per ricevere il suo orgasmo.
Lo assaporai con gusto, due tre schizzi forti in gola, mi riempì la bocca del suo succo, era abbastanza amaro, ma quello che mi stupii fu che era caldissimo, quando mi staccai dopo avergli ripulito per bene il cazzo lasciandolo pulito e lucido, mi venne quasi da ridere, lo guardai sorridendo prima di tornare da Vittorio.
Avevo ancora la bocca piena dello sperma di Pietro quando mi rituffai sul cazzo di Vittorio, il pensiero di mischiare i loro sapori mi mandò in estasi, afferrai il suo cazzo con la mano e iniziai a segarlo mentre tenevo la cappella in bocca succhiandola e giocandoci con la lingua, inutile dirvi che questo trattamento fece esplodere Vittorio in pochi minuti.
Ero in ginocchio sfinita, le ginocchia mi facevano male, ma non sarei voluta essere in nessun altro posto, mi voltai verso Pietro che era rimasto seduto a godersi lo spettacolo, era ancora eccitato, aprii la bocca mostrandogli il mio bottino di guerra, mi alzai, presi Pietro per mano, senza dire una parola lo portai dentro la stanza lo feci sedere sopra al divanetto, Vittorio ci seguì, salì sopra Pietro e mettendo la mano tra le gambe afferrai il cazzo del mio ragazzo, lo puntai sulla mia fica e lo feci entrare tutto dentro. Era una sensazione strana, ma le sorprese per il mio ragazzo ancora non erano finite, una volta che il cazzo di Pietro fu tutto dentro di me, mi chinai su di lui e gli diede un bacio e, all’inizio Pietro molto sorpreso quasi si spostò, mai gli afferrai il volto dal mento e lo obbligai a baciarmi, Vittorio ci guardava seduto sul bracciolo affianco a noi.
Iniziai a scoparmi quel fantastico cazzo credo non fosse mai stato tanto duro, Pietro mi teneva le mani sul mio sedere, Vittorio non staccava gli occhi da noi, anche lui era ancora eccitato, allungai una mano gli presi il cazzo, mentre facevo su e giù sul cazzo di Pietro iniziai a fare una sega a Vittorio, Pietro se ne accorse,
io: “oggi ho due cazzi tutti per me, finalmente ti ho fatto cornuto, sei contento?”
Pietro finalmente aveva perso ogni remora nonostante la presenza di Vittorio,
Pietro: “sì sono felice è bellissimo”
io: “hai visto quanto è bravo il mio ragazzo, gli piace vedermi fare la troia con gli altri, è proprio un bravo cornuto non credi?”
Vittorio: “sì è proprio fortunato”
io: “ho voglia del tuo cazzo perché non me lo metti in bocca”
Vittorio si alzò e si mise affianco a noi,
Io: “no non così”
Lo afferrai per una mano e feci in modo che si mettesse con il cazzo esattamente davanti alla mia bocca tra me e Pietro,
Io: “così puoi vedere meglio come gli succhio il cazzo”
Il cazzo non sarà stato a più di 10 cm dalla faccia di Pietro, iniziai a leccargli tutta l’asta, e la succhiavo di lato non staccando mai gli occhi da quelli di Pietro, era stupendo.
Quando ebbe un orgasmo non potei far altro che spingermi verso Pietro, trascinando con me anche Vittorio mi trovai così schiacciata sopra Pietro, Vittorio perse un po’ l’equilibrio, per mantenersi appoggiò una mano sulla mia schiena, mi trovai così abbracciata al mio ragazzo con il cazzo di Vittorio sotto il mio mento schiacciato sul petto di Pietro.
Mi ci volle più di qualche secondo per riprendermi, Pietro non disse nulla neanche del contatto con quel cazzo, io ne volevo ancora volevo un altro orgasmo, ricominciai a fare su e giù sul cazzo di Pietro, poco dopo ricominciai anche a fare un pompino a Vittorio, questa volta non era per dare spettacolo a Pietro, in quel momento non volevo altro che un cazzo nella fica e uno in bocca.
Salivo su e giù sul cazzo di Pietro rallentando ogni volta che capivo che stava per venire, ma nonostante tutte le accortezze Pietro svuotò tutto il suo succo nella mia fica, quando ebbe finito di inondare la mia fica del suo orgasmo non mi mossi da sopra di lui, volevo sentire il suo cazzo diventare moscio dentro di me, continuando a succhiare il cazzo di Vittorio.
Non ci volle molto prima che anche Vittorio si svuotasse dentro la mia bocca.
Quando anche lui ebbe svuotato il suo sperma dentro di me, mi accasciai sopra Pietro, ero sfinita.
Mi ripresi solo perché sentii la porta della stanza chiudersi, Vittorio era andato via.
Io: “è stato stupendo. Dimmi la verità non ti è bastato? Saresti andato oltre?”
Pietro: “si, sarei andato oltre, mi hai stremato, sei stata pazzesca”
Io: “mi sarei fatta scopare molto volentieri”
Pietro: “abbiamo ancora domani”
Io: “chissà se Vittorio ci sarà”
Presi il vestitino da terra, mi diressi verso la porta afferrando all'ultimo secondo il telefono, uscita la stanza non dicendo nulla, uscì fuori non sapevo dove andare, cercai nella rubrica il numero di Vittorio, non servì che lui rispondesse sentii la suoneria così mi avvicinai alla stanza e bussai.
Mi aprì dopo poco Vittorio, indossava solo i boxer, gli chiesi se disturbavo, lui non disse nulla e mi fece segno di entrare, entrai nella stanza, era più o meno come la nostra, mi poggiai vicino ad un mobiletto, Vittorio era davanti a me non so cosa si aspettasse. Mi chiese cosa volessi, gli risposi che era stato bellissimo quello che avevamo appena fatto, e che avevo parlato con Pietro, e ci domandavamo se domani mattina sarebbe stato nella struttura, mi disse che ci sarebbe stato e che aveva detto alla signora di non venire così avremmo avuto tutta quanta la struttura per noi.
Mi avvicinai a lui, gli misi una mano sulla spalla, non se l'aspettava, lo baciai, fu un bacio relativamente molto dolce, mi mise una mano sulla schiena che rapidamente scese sul culo, gli dissi che non ero venuta per quello, ma che volevo parlargli chiaro, solo in quel momento mi accorgevo che forse era meglio farlo davanti a Pietro.
Gli chiesi di venire in stanza, quando entrammo in stanza Pietro era ancora nudo, mi aspettava sullo stesso divanetto dove l'avevo lasciato, come se fosse la cosa più normale del mondo mi sfilai il vestitino rimanendo un'altra volta completamente nuda davanti ai miei due uomini.
Vittorio si sedette su una sedia davanti a Pietro io non riuscivo a non camminare mentre parlavo, disse che forse era venuto il momento di dire quali erano le nostre fantasie, Pietro mi guardava con il volto interdetto.
Io: "sai Vittorio per noi la prima volta, Pietro aveva delle fantasie che mi ha confessato, abbiamo parlato tanto, abbiamo iniziato a giocarci su, poi alla fine quelle fantasie sono diventati anche le mie e questa sera è stato stupendo. Vedi Pietro si eccita nel vedermi scopata da altri, e stasera l'hai fatto molto felice. Vedi lui si eccita anche se lo chiamo cornuto”
Pietro: “dai"
Io: "vedi le tue fantasie sono diventate anche le mie e ora le voglio metterle in pratica, mi voltai verso Vittorio, sai che prima quando ti ho fatto un pompino ho dato un bel bacio con la bocca piena del tuo sperma, per poco non veniva dall'eccitazione. Lui si è eccita così, io lo amo e amo anche questo suo lato, quindi credo che possiamo anche lasciare ogni inibizione da parte e giocare a carte scoperte”
Vittorio: “quindi ti eccita l’idea di essere cornuto?”
Pietro: “si”
Io: “lo eccita essere cornuto, lo eccita sapere quanto godo con un altro uomo”
Vittorio: “e a te cosa eccita?”
Io: “all’inizio non lo sapevo bene, ma adesso, mi eccita tantissimo l’idea di scopare d’avanti a lui, mi eccita vederlo mentre mi guarda scopata da un altro”
Vittorio: “ti eccita che ti ordini le cose? È una sorta di padrone?”
Io: “no tutt’altro, mi eccita anche dirgli che è un cornuto, mi eccita dirgli quanto mi fai godere, insomma cose cosi”
Vittorio: “perché gli hai chiesto cosa potevi fare?”
Io: “perché volevo essere certa che lui volesse e perché amo che mi vengano dati ordini in certi momenti”
Vittorio: “ok, ho capito”
Io: “bene, era giusto che tu sapessi”

Questo racconto di è stato letto 2 9 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.